Una suite di report con supporto timestamp disabilitato utilizza la data e l'ora da cui la richiesta di immagini è stata inviata direttamente ai server di raccolta dati Adobe. Se questo tipo di suite di report riceve un'attivazione con timestamp personalizzato, quell'attivazione viene immediatamente e permanentemente scartata.

Una suite di report con supporto timestamp abilitato utilizza la data e l'ora come specificato nella variabile timestamp (s.timestamp in JS Appmeasurement o la stringa query ts). Se questo tipo di suite di report riceve un'attivazione senza un timestamp personalizzato, l'attivazione viene immediatamente e permanentemente scartata.

I dati con data e ora e quelli senza non possono coesistere nella stessa suite di report; le due impostazioni si escludono a vicenda.

Comportamento dei dati con timestamp

I dati con timestamp per una data già trascorsa possono essere visualizzati in Adobe Analytics, a condizione che la suite di report supporti l'indicazione dell'ora. Grazie a questa capacità, tutti i dati storici hanno la possibilità di aumentare man mano che vengono raccolti i dati con data e ora storiche.

Le applicazioni mobili utilizzano spesso suite di report con data e ora per facilitare la raccolta di dati offline. Poiché i dispositivi mobili non sono sempre connessi a Internet, l'applicazione memorizza più accessi e li invia ai server di raccolta dati quando viene ripristinata la connessione.

Se un dispositivo ha il suo fuso orario di sistema impostato su un fuso orario diverso da quello in cui si trovano effettivamente, la data e l'ora possono essere registrate per un'ora futura. Gli utenti possono potenzialmente vedere i dati per ore che non sono ancora accadute a causa di questo scenario. I visitatori possono alterare il proprio fuso orario nelle impostazioni del dispositivo, in modo da poter raccogliere dati sia per le date passate che per quelle future. 

Risorse aggiuntive

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online