Note di rilascio: pacchetto correzioni cumulativo Oak AEM 6.1

Questo articolo include i dettagli dei vari pacchetti correzioni cumulativi per l'archivio Oak e descrive come installare i pacchetti correzioni cumulativi in AEM 6.1.

Informazioni sulla pubblicazione

Prodotto

Adobe Experience Manager

Versione

6.1

Pubblicazione

Pacchetti correzioni cumulativi Oak

Versione consigliata

1.2.x

Panoramica dei pacchetti correzioni cumulativi Oak

Adobe fornisce correzioni per l'archivio Oak attraverso pacchetti correzioni cumulativi Oak (OCFP). Inoltre, Adobe soddisfa tutti i requisiti di supporto per gli OCFP.

Adobe Experience Manager (AEM) supporta gli OCFP nello stesso modo in cui supporta i pacchetti di correzione cumulativi standard.

Un OCFP non ha alcuna dipendenza da altri software. Pertanto, non è necessario preoccuparsi di trovare/risolvere le dipendenze.

Installa l'ultimo pacchetto di correzioni cumulativo per la versione AEM per mantenere aggiornata l'implementazione.

Se avete installato l'ultima versione di OCFP, potete chiedere una generazione diagnostica fino alla prossima versione di OCFP che sarà ufficialmente disponibile.

La generazione diagnostica fornisce solo la stessa garanzia di qualità di un hotfix. Non corrisponde al livello di garanzia di qualità di un pacchetto correzioni cumulativo (CFP), service pack o pubblicazione del prodotto.

Per ulteriori informazioni sulle PCP e altri tipi di versioni, vedi Veicolo di manutenzione della pubblicazione.

Istruzioni per l’installazione

Generazione dell'indice (Oak 1.2.19 o superiore)

Il pacchetto correzioni cumulativo Oak 1.2.19 e versioni successive include le definizioni degli indici. Tuttavia, l'indicizzazione può richiedere molte risorse. Prima di implementare Oak 1.2.19+ CFP, esegui la seguente procedura per generare l'indice. Tuttavia, è possibile saltare questa procedura se hai già generato definizioni di indice applicando una versione precedente di Oak CFP (1.2.19 o superiore).

Nota:

Per generare indici, assicurati che -Dupdate.limit sia impostato su un valore più alto, ad esempio 200000. Inoltre, alloca una quantità sufficiente di memoria heap.

  1. Installa il pacchetto di definizione dell'indice NPR-14064, che contiene le definizioni dell'indice con una async re-index.

  2. Se AEM è implementato su MongoDB, mantieni in esecuzione un'istanza AEM. Interrompi tutte le altre istanze.

  3. Vai a

    /system/console/jmx/org.apache.jackrabbit.oak%3Aid%3D11%2Cname%3D"async"%2Ctype%3D"PropertyIndexAsyncReindex"

  4. Per avviare l'indicizzazione, chiama la funzione startPropertyIndexAsyncReindex().

  5. Monitora i file di log per il seguente messaggio:
    22.02.2017 11:34:32.602 *INFO* [aysnc-index-update-async-reindex] org.apache.jackrabbit.oak.plugins.index.AsyncIndexUpdate [async-reindex] Reindexing completed for indexes: [/oak:index/externalId*(0), /oak:index/externalPrincipalNames*(0), /oak:index/repMembers*(51)] in 1.085 s

  6. Verifica che gli indici siano generati correttamente. Verifica la presenza dei seguenti aggiornamenti:

    • reindexCount=1
    • async="async-reindex" viene eliminato (l'indice ritorna alla modalità sincrono)
  7. Controlla le definizioni delle query per i seguenti indici (assicurati anche che la seguente query non includa risultati simili a //element(*, oak:QueryIndexDefinition)[@async = "async-reindex"]

    • /oak:index/repMembers
    • /oak:index/externalPrincipalNames
    • /oak:index/externalId

L'indicizzazione asincrona crea un checkpoint dell'archivio. Una volta completato il compito di indicizzazione, rilascia questo checkpoint per consentire al sistema di eseguire la raccolta dei rifiuti senza problemi. Esegui le seguenti operazioni:

  1. Apri MBean di CheckpointManager:

    MongoMK:

    /system/console/jmx/org.apache.jackrabbit.oak%3Aname%3DDocument+node+store+checkpoint+management%2Ctype%3DCheckpointManger

    TarMK:

    /system/console/jmx/org.apache.jackrabbit.oak%3Aid%3D3%2Cname%3D"Segment+node+store+checkpoint+management"%2Ctype%3D"CheckpointManger"

  2. Chiama la listCheckpoints() API.

  3. Trova la riga del checkpoint con il valore della proprietà creatore come reindicizzazione asincrona.

  4. Copia il suo valore id negli appunti.
    Su MongoMK, è simile a r1234567aaaa-0-1.
    Su TarMK, è simile a 6eac07d0-fe27-4d16-82f8-6d5da4cefd67.

  5. Chiama l'API releaseCheckpoint().

  6. Incolla l'ID come p1, quindi tocca/fai clic su Invoca. Il checkpoint viene rilasciato.

Installazione del pacchetto correzioni cumulativo Oak

Prima di installare OCFP, assicurati di eseguire un backup dei tuoi dati.

  1. Nell'interfaccia AEM, tocca/fai clic sul logo AEM e vai a Strumenti > Implementazione > Pacchetti per aprire Gestione pacchetti.

  2. Carica e installa il pacchetto OCFP.

  3. Riavviare l'AEM.

Per implementare l'OCFP nel contesto di un aggiornamento all'AEM 6.1, esegui questi passaggi:
  1. Prepara l'istanza sorgente, quindi riavvia il sistema.

  2.  Estrai il pacchetto AEM 6.1 Quickstart usando il seguente comando in una posizione temporanea:

    java -jar quickstart.jar -unpack
  3. Sposta /jcr_root/libs/system/install/* in /crx-quickstart/install.

  4. Sposta /jcr_root/libs/system/install/crx3/* in /crx-quickstart/install/15.

  5. Procedi con l'aggiornamento dell'istanza AEM 6.1.

Nota:

Se utilizzi l'integrazione LDAP, vedi Problemi noti.

Nota:

La disinstallazione di un OCFP non è supportata.

Pacchetti correzioni cumulativi di Oak disponibili

Oak 1.2.31

Data

Nome

Note sulle versioni

3 aprile 2019

Oak 1.2.30

Data

Nome

Note sulle versioni

5 ottobre 2018

Oak 1.2.29

Data

Nome

Note sulle versioni

6 aprile 2018

Oak 1.2.28

Data

Nome

Note sulle versioni

8 febbraio 2018

Oak 1.2.27

Data

Nome

Note sulle versioni

10 settembre 2017

Oak 1.2.26

Data

Nome

Note sulle versioni

21 giugno 2017

Risorse utili

 Adobe

Ottieni supporto in modo più facile e veloce

Nuovo utente?

Adobe MAX 2024

Adobe MAX
La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX

La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX 2024

Adobe MAX
La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX

La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online