Descrizione

Tutte le domande e le questioni relative ai font

Microsoft mappa la sua gamma di simboli "privati" U+F020..U+F0FF nell'intervallo ASCII U+0020...U+00FF ai font dei simboli.

Poiché questa gamma di simboli nelle specifiche Unicode è specifica di Microsoft, Apple e Linux non fanno questa mappatura. Anche SPS e IS non fanno questa mappatura. Non c'è nessun errore da SPS durante il caricamento e la visualizzazione del font. Tuttavia, se non ci sono caratteri validi nelle posizioni reali U+0020...U+00FF, IPS/IS non visualizza alcun carattere.

Scarica il font da SPS e installalo nella cartella dei font.

Quindi apri la mappa dei caratteri scegliendo Accessori > Strumenti di sistema > Mappa dei caratteri.

Seleziona il carattere dal menu pop-up e assicurati che tutti i caratteri siano visibili e siano corretti.

Per ulteriori informazioni, consulta http://www.vistax64.com/tutorials/93584-character-map.html.

Carica tutti gli stili di font (grassetto, corsivo, grassetto/italico e regolare) in SPS se prevedi di utilizzare l'editor di testo nella pagina di creazione del modello. In questo modo si assicura che tutti gli stili siano disponibili per l'Image Serving quando elabora le richieste. Se applichi uno stile di font che non è installato sul sistema, il testo nell'editor di testo non riflette quello stile di font. Se lo stile corrispondente non è disponibile per l'Image Serving, l'immagine su livelli non riflette quello stile di font.

Se il nome o lo stile del font non è derivato correttamente quando il font viene caricato in SPS, fai doppio clic sul font per correggere eventuali problemi.

Per ulteriori informazioni, consulta http://help.adobe.com/en_US/scene7/using/WS0F37AB0B-B54A-411d-A92B-074265EEA926.html.

Scene7 utilizza il nome RTF per l'attributo. Cioè, "fontFamily" come appare in un s7fxg, che equivale a fontFamily RichText nel Template Publishing Editor.

Le applicazioni di authoring usano "Font Family Name" come lo vedete nella vista dettagliata di SPS. Tuttavia, in molti casi, quando l'utente specifica un'opzione di stile, si suddivide in veri e propri file di font separati.

Questi file hanno un nome file che può anche essere diverso.

Inoltre, non tutti i fontWeights sono necessariamente disponibili con un dato nome RTF. In s7fxg, Scene7 limita il fontWeight ad avere due valori: "normale" e "grassetto". Ma, specificando uno di questi due non necessariamente funziona se il file di font contiene un font "grassetto" o "normale". Allo stesso modo, specificare "corsivo" o "normale" per fontStyle utilizzando un dato nome RTF non funziona necessariamente, e dipende dal fatto che questi siano nel file stesso.

Molte volte, quando ci sono font elencati utilizzando un particolare "Font Family Name" nell'applicazione di authoring, sono presenti molti stili di font. Per esempio, Myriad Pro ne ha molti e si suddividono in file separati, ognuno con un nome di file, un nome RTF, un nome PostScript (che Scene7 ignora nel flusso di lavoro W2P) e un nome della famiglia di font. (Questo nome equivale alla Famiglia di font come visto nell'applicazione di authoring. Permette anche all'applicazione di authoring di sapere come raggruppare i file di font per l'interfaccia). Con i font Myriad Pro, come visto dall'applicazione di authoring, tutti questi diversi stili hanno un "Font Family Name" comune se visti dalla vista dettagliata.

Quindi "Font Style" nell'applicazione di authoring ha un significato diverso da fontStyle, come si è visto nel flusso di lavoro Scene7 W2P. Nell'applicazione di authoring, si tratta più di una descrizione generale di un font che rientra sotto la famiglia di font data.

 Scene7 non è l'unico software in cui vengono utilizzate queste convenzioni. Infatti, Microsoft ha inventato la RTF. Viene utilizzato in modo che applicazioni diverse possano avere un metodo comune di utilizzo dei font, mentre la stessa "Famiglia di font" potrebbe avere una moltitudine di stili diversi.

Alcuni font con glifi ornati includono quella che viene chiamata legatura contestuale. Attualmente SPS non supporta questa funzione.

Nota:

È possibile rendere correttamente i font prima di quella pubblicazione aggiungendo la seguente manipolazione del DOM all'ID appropriato:

ATE:O_contextualLigatures="true"

Esempio
*http://s7d7.scene7.com/is/agm/catalogName/fileName?setAttr.text=(ATE:O_contextualLigatures=true)

*(sostituire la parentesi con parentesi graffe)

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online