Questo documento tratta domande o problemi con il cestino o l'eliminazione di immagini in Scene 7 Publishing System.

Domanda: Perché i miei set di immagini contengono immagini che sono state eliminate?

Le risorse non vengono rimosse dai set di contenimento fino a quando non vengono eliminate durante un lavoro di pulizia. In questo modo, le relazioni non si perdono in caso di cancellazione accidentale. Le immagini che sono state distrutte vengono rimosse dal manifesto. Non compaiono sul lato server di immagini con tutte le avvertenze sulla memorizzazione in cache full versus incremental publish e content delivery network (CDN).

Domanda: Stiamo cercando di cancellare una serie di vecchie immagini di prodotti nel sistema Scene7. Come possiamo fornire un elenco di risorse e farle cancellare in massa?

Cancellazione di massa

Dall'SPS 4.4.1, esiste ora la possibilità di eliminare le risorse in blocco. Vedere la seguente pagina della Guida per le istruzioni. Notare la sezione "Delete multiple assets with a text file." Il limite per il numero di risorse che è possibile eliminare contemporaneamente è attualmente di 10.000.

http://help.adobe.com/en_US/scene7/using/WS259993e42159a215-1c6a66df1265272619e-7ff3.html#WSef8d5860223939e24e8e560a128ad9e5593-8000

Domanda: Quando viene rimosso il contenuto dai server live dopo l'eliminazione da SPS?

Poiché Instant Publish è stato abilitato, non appena una risorsa viene eliminata, viene inviata una richiesta per rimuoverla dai server di immagini live.

Dopo che il contenuto è stato cancellato dai server di produzione live, potrebbe anche essere necessario invalidare gli URL per il provider Content Delivery Network (CDN) che utilizza il contenuto cancellato.

Per gli account standard, scegliere SPS> File > Invalida CDN.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online