Panoramica su Acrobat Distiller

In Acrobat Distiller, è possibile selezionare le impostazioni utilizzate per convertire documenti in PDF, le opzioni di protezione e le informazioni sui font. È inoltre possibile utilizzare la finestra di Acrobat Distiller per monitore i processi predisposti per la conversione in PDF.

Finestra principale di Acrobat Distiller (Windows)
Finestra principale di Acrobat Distiller (Windows)

A. Menu B. File di impostazioni di Adobe PDF C. File nella coda dei processi D. Processo non riuscito E. Menu contestuale F. Finestra Stato 

Nota:

Per convertire automaticamente i file PostScript in Acrobat Pro, impostare una cartella esaminata in Distiller.

Per avviare Acrobat Distiller da Acrobat Pro, scegliere Strumenti > Produzione di stampe > Acrobat Distiller.

Per avviare Acrobat Distiller da Acrobat Standard, scegliere Adobe Acrobat Distiller X dal menu Start.

Gestire la coda di conversione

Distiller consente di inserire nella coda i file PostScript creati nelle applicazioni di creazione e di monitorarli successivamente nel corso di tutto il processo di conversione in PDF.

Mettere in coda un file PostScript

  1. In Distiller, selezionare un file delle impostazioni Adobe PDF dal menu a comparsa Impostazioni predefinite.
  2. (Facoltativo) Scegliere Impostazioni > Protezione e selezionare un livello di cifratura.
  3. Aprire il file PostScript e avviare il processo di conversione utilizzando uno dei metodi seguenti:
    • Scegliere File > Apri, quindi selezionare un file di PostScript e fare clic su Apri.

    • Trascinare uno o più file PostScript dal desktop nella finestra di Acrobat Distiller.

Nota:

Fare clic su Pausa prima di passare al passo 3 per rivedere la coda prima che Distiller inizi a convertire i file.

Modificare la coda durante l’elaborazione

Scegliere una delle seguenti procedure:

  • Per interrompere temporaneamente l’elaborazione del processo corrente, fare clic su Pausa.
  • Per riprendere l’elaborazione del processo corrente, fare clic su Riprendi.
  • Per eliminare i file dalla coda, fare clic su Annulla. L’opzione Annulla consente di eliminare tutti i file dalla coda la cui elaborazione non è stata ancora completata. Oppure (solo Windows), selezionare e fare clic con il pulsante destro del mouse sui singoli file nella coda dei processi e selezionare Annulla processo/i per eliminare solo i file specificati.
  • (Solo in Windows) Per aprire la cartella contenente i file selezionati, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla coda dei processi e scegliere Esplora.
  • (Solo in Windows) Per aprire il PDF selezionato in Acrobat, in un browser o in Reader, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla coda dei processi e scegliere Visualizza. Oppure fare doppio clic sul PDF per aprirlo in Acrobat.

Salvare una cronologia della coda dei processi (Windows)

  1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla coda dei processi e scegliere Salva elenco.

Distiller salva e apre la cronologia come documento PDF.

Cancellare la coda

Rimuovere dall’elenco tutti i file in pausa e convertiti correttamente:

  • (Windows) Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla coda dei processi e scegliere Cancella cronologia.
  • (Mac OS) Fare clic sul pulsante Cancella elenco al di sopra della coda.

Preferenze di Distiller

Le preferenze di Distiller controllano le impostazioni globali dell’applicazione. Per impostare le preferenze, scegliere File > Preferenze (Windows) oppure Distiller > Preferenze (Mac OS).

Avvisa se le cartelle esaminate non sono disponibili (Acrobat Pro)

Visualizza un messaggio se una cartella esaminata non è più disponibile o se è impossibile trovarla.

(Windows) Avvisa quando la cartella TEMP di Windows è quasi piena

Avvisa l’utente quando lo spazio disponibile sul disco rigido è inferiore a 1 MB. Spesso lo spazio sul disco rigido necessario è il doppio delle dimensioni del file PostScript in elaborazione.

Richiedi la destinazione del file PDF

Consente di specificare il nome e la posizione dei file quando si utilizza il comando di trascinamento della selezione o Stampa.

Richiedi di sostituire il file PDF esistente

Avvisa l’utente quando sta per sovrascrivere un file PDF esistente.

Visualizza il file PDF quando si usa Distiller

Apre automaticamente il PDF convertito.

Elimina i file di log per i processi terminati con esito positivo

Consente di creare un file di registro (denominato messages.log) solo se vi sono messaggi dall’interpretazione del file PostScript o se si verifica un errore PostScript. Per i processi non riusciti vengono sempre creati file registro.

Linee guida per la creazione di file PostScript

Per ottimizzare la creazione del PDF con i parametri di Distiller o gli operatori di pdfmark, creare innanzitutto un file PostScript e convertirlo successivamente in PDF. Per ulteriori informazioni su Adobe Acrobat XI SDK, visitare Acrobat Developer Center, al link www.adobe.com/go/learn_acr_devcenter_it (solo in inglese).

In applicazioni di creazione quali Adobe InDesign, utilizzare il comando Stampa con la stampante Adobe PDF per convertire un file in PostScript. Le finestre di dialogo di stampa variano da un’applicazione all’altra. Per istruzioni specifiche sulla creazione di file PostScript dall’applicazione utilizzata, consultare la relativa documentazione.

Durante la creazione di file PostScript, attenersi alle seguenti linee guida:

  • Utilizzare PostScript Language Level 3, quando possibile, per usufruire delle funzioni più avanzate di PostScript.

  • Utilizzare la stampante Adobe PDF come stampante PostScript.

  • (Windows) Inviare i font utilizzati nel documento.

  • Assegnare a un file PostScript lo stesso nome del documento originale, ma con l’estensione .ps. (alcune applicazioni utilizzano l’estensione .prn).

  • Utilizzare colori e dimensioni di pagina personalizzati disponibili con il file Acrobat Distiller PPD. Altri file PPD possono applicare colori, font o dimensioni della pagina errati al PDF.

  • Quando si utilizza il protocollo FTP per trasferire i file tra computer, soprattutto se le piattaforme sono differenti, inviare file PostScript come dati binari a 8 bit per evitare di convertire gli avanzamenti riga in ritorni carrello o viceversa.

Informazioni sulle cartelle esaminate (Acrobat Pro)

È possibile configurare Distiller per la ricerca dei file PostScript in determinate cartelle, denominate cartelle esaminate. Distiller è in grado di controllare fino a 100 cartelle esaminate. Quando Distiller trova un file PostScript nella cartella In di una cartella esaminata, converte il file in PDF e sposta il PDF ottenuto (e generalmente il file PostScript e l’eventuale file registro associato) nella cartella Out. Una cartella esaminata può disporre di impostazioni e impostazioni di protezione Adobe PDF personalizzate che vengono applicate a tutti i file elaborati da quella cartella. Le impostazioni di protezione per una cartella esaminata hanno la priorità sulle impostazioni di protezione per Distiller. Distiller, ad esempio, non converte un file PostScript in una cartella esaminata se il file è contrassegnato dall’autorizzazione di sola lettura.

(Windows) Le impostazioni e le preferenze sono univoche per ogni utente. In un sistema non NTFS, i file delle impostazioni personalizzate memorizzati in questa cartella delle impostazioni sono accessibili in lettura e scrittura da qualsiasi utente nel sistema. In un sistema NTFS, è possibile accedere in lettura e scrittura solo ai file creati dai rispettivi utenti. I file delle impostazioni creati da altri utenti sono di sola lettura (i file delle impostazioni predefinite installati con Adobe Acrobat Distiller sono di sola lettura e nascosti).

(Mac OS) Le impostazioni e le preferenze di ciascun utente per Distiller non sono generalmente accessibili da altri utenti. Per condividere una cartella esaminata con altri utenti, il creatore della cartella deve impostare le autorizzazioni appropriate nelle cartelle In e Out. La condivisione consente agli altri utenti di copiare i file nella cartella In e recuperare file dalla cartella Out. È necessario che il creatore sia collegato al sistema e che Distiller sia in esecuzione. Gli altri utenti devono essere collegati in modalità remota per aprire la cartella esaminata attiva e verificare che i file siano stati elaborati.

Nota:

Non è possibile impostare le cartelle esaminate come servizio di rete per altri utenti. Tutti gli utenti che creano PDF devono disporre di una licenza Acrobat Pro.

Impostare cartelle esaminate (Acrobat Pro)

  1. In Acrobat Distiller, scegliere Impostazioni > Cartelle esaminate.
  2. Fare clic su Aggiungi cartella e selezionare la cartella di destinazione. Distiller inserisce automaticamente una cartella In e una cartella Out nella cartella di destinazione. È possibile inserire le cartelle In e Out a qualsiasi livello di un’unità disco.
  3. Per definire le opzioni di protezione di una cartella, selezionare la cartella e fare clic su Modifica protezione. Fare clic su OK per tornare alla finestra di dialogo Cartelle esaminate.

    Nota:

    tutti i nomi di cartella per cui è stata impostata la protezione verranno preceduti da un’apposita icona di protezione. Per ripristinare le opzioni originali di una cartella selezionate nella finestra Distiller, selezionare la cartella e fare clic su Cancella impostazioni di protezione.

  4. Impostare le impostazioni di conversione Adobe PDF per le cartelle seguenti:
    • Per modificare le impostazioni Adobe PDF da applicare a una cartella, selezionare la cartella, fare clic su Modifica impostazioni e modificare le impostazioni Adobe PDF. Fare clic su OK per salvarle nella cartella esaminata come folder.joboptions.

    • Per utilizzare un insieme differente di impostazioni Adobe PDF, selezionare la cartella e fare clic su Carica impostazioni. Utilizzare le impostazioni definite, denominate e salvate, quindi fare clic su OK.

  5. Impostare le opzioni per gestire l’elaborazione dei file:
    • Immettere un numero di secondi per specificare la frequenza con cui effettuare controlli nelle cartelle. Il valore massimo che è possibile immettere è 9999 (Ad esempio, 120 equivale a 2 minuti e 9999 a 2 ore e 45 minuti circa.)

    • Una volta elaborato, decidere la destinazione del file PostScript. È possibile spostarlo nella cartella Out insieme al file PDF o eliminarlo. Tutti i file registro vengono copiati automaticamente nella cartella Out.

    • Per eliminare i PDF dopo un periodo di tempo specifico, immettere un numero per i giorni fino a un massimo di 999. Questa opzione consente inoltre di eliminare i file PostScript e di registro, se si è scelto di eliminarli.

  6. Per rimuovere una cartella, selezionarla e fare clic su Rimuovi cartella. Assicurarsi che Distiller abbia completato l’elaborazione di tutti i file contenuti nella cartella prima di rimuoverla.

    Nota:

    quando una cartella esaminata viene rimossa, Distiller non elimina le cartelle In e Out con i relativi contenuti, né il file folder.joboptions. È possibile eliminare manualmente questi elementi al momento opportuno.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online