Adobe Analytics è in grado di monitorare da dove provengono gli utenti e quali link usano per uscire dal tuo sito. Questi report sono popolati rispettivamente nei report dei domini di riferimento/referrer nei rapporti sui link di uscita.

Gestire i referrer in arrivo (fonti di traffico)

Adobe utilizza la proprietà document.referrer per popolare i report dei referrer e dei domini di riferimento.

Generalmente, i reindirizzamenti lato server non alterano il valore del referrer. I servizi di accorciamento dei link usano quasi sempre reindirizzamenti lato server, quindi i link accorciati contengono il vero referrer, non il link shortener. Per esempio, se tu ti trovassi su adobe.com e facessi clic su un link bit.ly che ti ha portato su example.com, adobe.com sarebbe ancora elencato come referrer. Il dominio bit.ly non verrebbe elencato in nessun rapporto.

I reindirizzamenti lato client, invece, sovrascrivono i valori di riferimento. I reindirizzamenti lato client consistono solitamente di un meta tag da qualche parte nel codice HTML, come nel caso seguente:

<meta http-equiv="refresh" content="0;URL='http://example.com/'" />

Comunemente, questi reindirizzazioni visualizzano una pagina che dice "Sarai reindirizzato in X secondi", ma ciò non è necessario. Se i reindirazzamenti lato client popolano i report con valori indesiderati, è possibile sovrascrivere ciò che viene inviato ad Adobe Analytics impostando la variabile s.referrer sulla pagina di destinazione.

Se ritieni che un valore di riferimento non popoli correttamente un report, vai all'URL in questione e segui il link al tuo sito. Una volta che la pagina viene caricata, apri il debugger e controlla il parametro 'Referring URL'. Questo valore è quello che viene utilizzato nei rapporti sulle fonti di traffico.

Gestire i referrer in uscita (link di uscita)

Se si utilizza il monitoraggio automatico dei link, i link ospitati sul tuo sito che i visitatori cliccano sono tracciati nella posizione esatta indicata all'interno del tag <a>. Per esempio, disponi di un link bit.ly abbreviato sul tuo sito che porta a example.com. Cliccando il link, il report di analisi è popolato con bit.ly come link di uscita, non example.com. Questo perché una richiesta di immagine viene inviata immediatamente dopo aver cliccato sul link. Adobe Analytics prende il contenuto del link al valore nominale senza considerare la destinazione finale.

Il valore del link di uscita può essere specificato se si utilizza il tracking manuale del link. Il terzo parametro di una richiesta di immagine s.tl() indica il valore esatto con cui è popolato il report.

Risorse aggiuntive

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online