Problemi comuni quando si fa riferimento a un elemento dati usando un codice personalizzato nel DTM sono:

  • Utilizzo del metodo _satellite.readcookie() per chiamare un elemento dati.
  • Incapacità di leggere la stringa della query con s.referrerer

Quando si chiama un elemento di dati la cui persistenza è impostata su sessione o visitatore, DTM scrive il valore restituito in un cookie.

In questo caso, è possibile fare riferimento al valore richiamando _satellite.readCookie ('sdsat' + dataElementName), che fornisce il valore restituito senza eseguire nuovamente lo script personalizzato negli elementi dati.

In alternativa, è possibile fare riferimento all'elemento dati richiamando _satellite.getVar(dataElementName), che restituisce il valore eseguendo nuovamente il codice script personalizzato.

Considera che gli elementi dati non esistono finché non vengono chiamati. Sono chiamati quando si accede all'interfaccia utente, richiamando _satellite.track, o tramite uno script personalizzato o una regola. 

Se si utilizza solo il valore all'interno di una certa pagina, è possibile accedere all'elemento dati nella regola di caricamento della pagina. Quindi, se si accede nuovamente a quel valore nella stessa pagina, è possibile accedere nuovamente all'elemento dati. In questo caso, questo funzionerebbe solo dopo aver eseguito nuovamente lo script personalizzato.

Per passare l'elemento dati al metodo s.referrer, assicurati che ci sia uno script personalizzato che chiami prima l'elemento dati. Dopo che lo script richiama l'elemento dati, passalo al metodo s.referrer.

Come soluzione rapida, è possibile creare una regola senza condizioni che si attiva su ogni pagina. Il riferimento a un elemento dati nella pagina corrispondente può quindi "crearlo". Dopo che è stato creato, può essere passato al metodo s.referrer usando il seguente codice: s.referrer = _satellite.getVar(<data element name>)

 

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online