Note sulla versione: AEM 6.2 Oak Cumulative Fix Pack

Informazioni sulla pubblicazione

Prodotto

Adobe Experience Manager

Versione

6.2

Tipo di

Oak Cumulative Fix Pack

Oak Cumulative Fix Pack

Le correzioni per l'archivio Oak sono fornite tramite Oak Cumulative Fix Pack (OCFP) che sono completamente supportati, analogamente ai Cumulative Fix Pack standard. Un Oak Cumulative Fix Pack è autosufficiente (senza dipendenze). Non c'è bisogno di preoccuparsi di trovare/risolvere le dipendenze.

Installa l'ultimo pacchetto di correzioni cumulativo per la versione AEM per mantenere aggiornata la distribuzione.

Se necessario, è possibile mettere a disposizione, a fini di convalida, una base diagnostica che si aggiunge all'ultimo OCFP più recente prima della disponibilità ufficiale del prossimo OCFP. La condizione preliminare è che tu abbia l'ultimo OCFP in esecuzione. Una build diagnostica fornisce solo lo stesso livello di garanzia di qualità di una hotfix, quindi non fornisce lo stesso livello di garanzia di qualità di un cumulative fix pack, service pack o rilascio di prodotto. Tutte le correzioni ufficiali di Oak sono rilasciate come OCFP che viene fornito con il supporto completo.

Per ulteriori informazioni sulla CFP e altri tipi di emissioni, vedi Maintenance Release Vehicle.

Istruzioni di installazione

Procedura di pre-distribuzione di Oak 1.4.8 e versioni successive

Oak Cumulative Fix Pack 1.4.8 (e successivi) contiene le definizioni degli indici. Prima di distribuire Oak 1.4.8+ CFP, segui  questa procedura di pre-distribuzione per preparare lʹindice corrispondente durante una finestra di manutenzione, poiché lʹindicizzazione può richiedere molte risorse. Questa è una procedura una tantum (se hai già seguito la procedura per applicare una versione precedente di Oak CFP superiore o uguale alla 1.4.8, non devi ripeterla).

Importante: per l’indicizzazione, l’impostazione limite di Oak deve essere impostata su un valore più alto, ad esempio 200.000. Per farlo è necessario anche abbastanza heap. 

  1. Installa il pacchetto di definizione dellʹindice NPR-14064 che contiene le definizioni dellʹindice con async re-index (non deve costruire subito un nuovo indice).
  2. Per Mongo: arresta tutte le istanze di AEM ad eccezione dell’istanza 1.
  3. Visita questo URL:
  4. /system/console/jmx/org.apache.jackrabbit.oak%3Aname%3Dasync%2Ctype%3DPropertyIndexAsyncReindex
  5. Richiama startPropertyIndexAsyncReindex() per avviare l’indicizzazione.
  6. Cerca il seguente messaggio nei file di registro:
    22.02.2017 11:34:32.602 *INFO* [aysnc-index-update-async-reindex] org.apache.jackrabbit.oak.plugins.index.AsyncIndexUpdate [async-reindex] Reindexing completed for indexes: [/oak:index/externalId*(0), /oak:index/externalPrincipalNames*(0), /oak:index/repMembers*(51)] in 1.085 s
  7. Verifica che gli indici siano stati costruiti correttamente controllando che le seguenti proprietà siano state aggiornate
    • reindexCount=1
    • async=“async-reindex” dovrebbe essere stato eliminato (l’indice dovrebbe tornare all’inidicizzazione sincrona)
  8. Controlla questi tre indici (puoi anche controllare che la seguente query non produca risultati: //element(*, oak:QueryIndexDefinition)[@async = “async-reindex”]
    • /oak:index/repMembers
    • /oak:index/externalPrincipalNames
    • /oak:index/externalId
  9. Nota: la costruzione dellʹindice può essere arrestata.  Vai a questo URL:
    /system/console/jmx/org.apache.jackrabbit.oak%3Aname%3Dasync%2Ctype%3DIndexStats

Durante il processo di reindicizzazione di async, viene creato un archivio del checkpoint. Una volta che lʹattività di indicizzazione è stata completata, deve essere rilasciata come descritto di seguito per garantire unʹagevole Revision Garbage Collection futura:

  1. Per prima cosa, apri MBean di CheckpointManager:
    MongoMK -
    /system/console/jmx/org.apache.jackrabbit.oak%3Aname%3DDocument+node+store+
    checkpoint+management%2Ctype%3DCheckpointManger
  2. TarMK -
    /system/console/jmx/org.apache.jackrabbit.oak%3Aname%3DSegment+node+store+
    checkpoint+management%2Ctype%3DCheckpointManger
  3. Richiamare l'operazione listCheckpoints(),
  4. Trovare la riga del checkpoint con la proprietà “name=async-reindex”.
  5. Copia il suo valore id negli appunti
    Su MongoMK sarà simile a: r1234567aaaa-0-1
    Su TarMK sarà simile a: 6eac07d0-fe27-4d16-82f8-6d5da4cefd67
  6. Quindi aprire l'operazione releaseCheckpoint(),
  7. Incolla lʹID copiato come p1 e fai clic su “Richiama”,
  8. Questo passaggio consente di rilasciare il checkpoint.

Installazione di Oak Cumulative Fix Pack

0. Assicurati di avere un backup dei dati 1. Vai in “Strumenti” e fai doppio clic su “Pacchetti” per aprire il Package Manager CQ 2. Carica e installa il pacchetto hotfix 3. Riavvia AEM   Se devi implementare questa patch nel contesto di un upgrade a AEM 6.2, procedi come segue:
0. Assicurati di avere una copia di backup dei dati 1. Prepara lʹistanza sorgente come documentato e arrestala 2. Decomprimi AEM 6.2 Quickstart (java-jar quickstart.jar -unpack) 3. Estrai il pacchetto Hotfix in una posizione temporanea 4. Sposta /jcr_root/libs/system/install/* in /crx-quickstart/install 5. Sposta /jcr_root/libs/system/install/crx3/* in /crx-quickstart/install/15 6. Procedi con lʹaggiornamento come documentato  
Nota:

Se utilizzi lʹintegrazione LDAP, consulta la sezione Problemi noti di seguito.

Nota:

La disinstallazione di un OCFP non è supportata.

Oak Cumulative Fix Pack disponibili

Oak 1.4.24

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

4 febbraio 2019

Oak 1.4.23

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

2 novembre 2018

Oak 1.4.22

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

27 luglio 2018

Oak 1.4.21

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

11 maggio 2018

Oak 1.4.20

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

19 marzo 2018

Oak 1.4.19

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

14 febbraio 2018

Oak 1.4.18

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

23 settembre 2017

Oak 1.4.17

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

9 agosto 2017

Oak 1.4.16

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

20 giugno 2017

Oak 1.4.15

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

28 aprile 2017

Oak 1.4.14

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

20 aprile 2017

Oak 1.4.13

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

7 marzo 2017

Oak 1.4.12

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

27 febbraio 2017

Oak 1.4.11

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

4 gennaio 2017

Oak 1.4.10

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

29 novembre 2016

Oak 1.4.9

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

9 novembre 2016

Oak 1.4.8

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

21 ottobre 2016

Oak 1.4.7

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

11 ottobre 2016

Nota importante

Oak 1.4.7 introduce un cambiamento nel comportamento di sincronizzazione delle appartenenze a gruppi esterni (per esempio, da LDAP):

La mappatura di un gruppo esterno ad un gruppo locale esistente non è più possibile. Il gruppo locale deve essere creato dal processo di sincronizzazione degli IDP e non può più essere condiviso con altri IDP esterni.

Ciò è necessario per garantire i confini tra le appartenenze di gruppo stabilite localmente e quelle esterne, nonché per assicurare i confini tra più IDP.

Il legame con un IDP avviene tramite la proprietà “rep: externalId”, ora completamente protetta, su gruppi e utenti. Per dettagli e soluzioni di migrazione, vedi: https://issues.apache.org/jira/browse/OAK-4397

Oak 1.4.6

Data

Nome

Correzioni

Note sulla versione

5 ottobre 2016

Problemi noti

  • Per le versioni precedenti a Oak 1.4.5, a causa di un problema noto (OAK-4538, risolto in Oak 1.4.5), può accadere che AEM non possa essere arrestato gradualmente e in questo caso è necessario forzare la chiusura del processo jvm.
  • Se utilizzi lʹintegrazione Oak LDAP, dopo aver applicato lʹultimo hotfix Oak non potrai più eseguire la sincronizzazione degli utenti LDAP.  Per risolvere il problema, accedi a /system/console/configMgr e aggiorna la proprietà “Attributi personalizzati” della configurazione “Provider di identità LDAP”.  Aggiorna la proprietà con tutti gli attributi LDAP utilizzati nella configurazione della sincronizzazione.  Per esempio, queste proprietà potrebbero essere: cn, sn, givenName, mail

Risorse utili

 Adobe

Ottieni supporto in modo più facile e veloce

Nuovo utente?

Adobe MAX 2024

Adobe MAX
La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX

La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX 2024

Adobe MAX
La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX

La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online