Questo articolo si riferisce al lavoro con JavaMail (classi nel pacchetto javax.mail ) e Java Activation (classi nel pacchetto javax.activation ) quando si esegue in Weblogic

Quando AEM è in esecuzione all'interno di Weblogic, le funzionalità di JavaMail sono fornite dall'application server. A seconda della versione JRE, Java Activation è fornita da JRE o da Weblogic.

Per poter utilizzare JavaMail e JavaActivation in questo caso, i bundle devono essere disinstallati:

  • API JavaMail (javax.mail)
  • Bundle Apache Sling javax.activation (org.apache.sling.javax.activation)

Quindi, i pacchetti associati devono essere forniti dal bundle di sistema. Questo può essere fatto installando un frammento di estensione del bundle di sistema per questi bundle, vedi questo articolo su come creare un'estensione del bundle di sistema su come farlo. È necessario assicurarsi che le versioni esportate dei pacchetti dichiarate nel frammento corrispondano alle versioni fornite dall'application server/JRE.

Un approccio alternativo all'estensione del bundle di sistema, è quello di aggiungere una proprietà del framework che dichiari che questi pacchetti sono forniti dal bundle di sistema (in quanto li eredita dal suo classloader padre). Questo viene fatto modificando il file sling.properties per contenere la seguente riga (questa riga mostra solo Java Activation):

org.osgi.framework.system.packages.extra=javax.activation; version\=1.1

Anche in questo caso, è importante assicurarsi che venga utilizzata la versione corretta per l'esportazione. La versione di Java Activation inclusa nella JRE è la 1.1. Le informazioni sulla versione di JavaMail fornita da JavaEE possono essere trovate nella pagina OSGi Protable Java Contracts: http://www.osgi.org/Specifications/ReferenceContract.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online