14 agosto 2012. Benvenuti in Adobe® Flash Player® 11.3 e AIR® 3.3. Questa versione include correzioni di bug riguardanti la stabilità generale, l'audio, il video e lo sviluppo di applicazioni iOS.

Versioni release runtime correnti

  • Flash Player Desktop 11.3.300.271

Nuove funzioni 

 N/D

Miglioramenti della sicurezza

Questa versione contiene miglioramenti della sicurezza come elencato nel Bollettino sulla sicurezza APSB12-18

Problemi risolti

N/D

Problemi noti

  • Problemi di distorsione dell'audio durante lo streaming di contenuto Flash (3212648)

Creazione di contenuti per Flash Player 11.3

Per utilizzare il nuovo Flash Player, è necessario specificare la versione SWF 16 passando un argomento del compilatore aggiuntivo al compilatore Flex: -swf-version=16. Le istruzioni sono riportate di seguito.
Se utilizzate Adobe Flex SDK:

  • Scaricate il nuovo file playerglobal.swc per Flash Player 11.3
  • Scaricate Flex 4.5.1 SDK (4.5.1.21328) dalla tabella Flex 4.5 SDK.
  • In Flash Builder, create un nuovo progetto ActionScript: File -> Nuovo -> progetto ActionScript.
  • Aprite il pannello Proprietà del progetto (fate clic con il pulsante destro del mouse e scegliete Proprietà). Selezionate il compilatore ActionScript dall'elenco a sinistra.
  • Utilizzate l'opzione 'Configura Flex SDK' nell'angolo superiore destro per fare riferimento al progetto nella build 21328 di Flex. Fate clic su ok.
  • Configurate il progetto per SWF versione 16
  • Aggiungete all'input 'argomenti aggiuntivi del compilatore': -swf-version=16. In questo modo il file SWF risultante farà riferimento al file SWF della versione 16. Se compilate dalla riga di comando e non in Flash Builder, dovete aggiungere lo stesso argomento del compilatore.
  • Verificate che nel browser in uso sia installata la nuova versione di Flash Player 11.3.

Authoring per AIR 3.3

Effettuare l'aggiornamento allo spazio dei nomi AIR 3.3
Per accedere alle nuove API e funzionalità di AIR 3.3, dovete aggiornare il file descrittore dell'applicazione allo spazio dei nomi della versione 3.3. Se l'applicazione non richiede le nuove API e funzioni di AIR 3.3, non è necessario aggiornare lo spazio dei nomi. Tuttavia, si consiglia a tutti gli utenti, anche a quelli che non usufruiscono delle nuove funzionalità della versione 3.3, di iniziare a utilizzare lo spazio dei nomi di AIR 3.3. Per aggiornare lo spazio dei nomi, modificate l'attributo xmlsn nel descrittore dell'applicazione come segue:

<application xmlns="http://ns.adobe.com/air/application/3.3">

Linee guida per l'utilizzo della funzione

Input da tastiera a schermo intero
Per garantire la modalità schermo intero con i tasti, è aggiungere un nuovo parametro / tag (allowFullScreenInteractive) al file HTML che lo contiene. Questo parametro è per impostazione predefinita false, vale a dire non consente lo visualizzazione a schermo intero mediante i tasti. Per consentire la visualizzazione a schermo intero mediante i tasti, impostare allowFullScreenInteractive su "true" nel modo seguente:

<object classid=”"clsid:d27cdb6e-ae6d-11cf-96b8-444553540000" codebase="http://fpdownload.macromedia.com/pub/shockwave/cabs/flash/swflash.cab#version=9,0,18,0"
 width="600"  height="400" id="fullScreen" align="middle">

   <param name=”allowFullScreenInteractive” value=”true” />
   <param name=”movie” value=”fullScreenInteractive.swf” />

   <embed src=”fullScreen.swf” allowFullScreen=”true” width=”600” height=”400” name=”fullScreen” align=”middle” type=”application/x-shockwave-flash” pluginspage=”http://get.adobe.com/flashplayer/” />

</object>

Questa funzione può essere disattivata nell'impostazione mms.cfg impostando FullScreenInteractiveDisable = 1, come indicato di seguito:

FullScreenInteractiveDisable=1 

API ActionScript relativa:

flash.display.Stage.getAllowsFullScreenInteractive();
flash.display.StageDisplayState
flash.events.FullScreenEvent

Streaming delle texture

Lo streaming delle texture è una nuova funzione di Stage3D che offre la possibilità di caricare texture più grezze e di qualità inferiore e di sostituirle con texture progressivamente migliori man mano che i dati diventano disponibili.

function createCubeTexture( size:int, format:String, optimizeForRenderToTexture:Boolean, streamingLevels:int=0):CubeTexture
function createTexture( width:int, height:int, format:String, optimizeForRenderToTexture:Boolean, streamingLevels:int=0 ):Texture;

Il parametro opzionale aggiuntivo, streamingLevels è stato aggiunto alle funzioni createTexture e createCubeTexture. Se questo parametro è diverso da 0, lo streaming verrà attivato per questa texture. Il valore massimo è log2 (dimensione massima (larghezza, altezza)) per le texture 2D e log2 (dimensione) per le map texture cubiche. Un valore maggiore non consente la creazione di texture con un'eccezione di errore ActionScript. Le texture che abilitano lo streaming non possono essere utilizzate per il rendering su texture e il loro flag optimizeForRenderToTexture viene ignorato.

Le texture abilitate per lo streaming hanno un impatto potenziale sull'utilizzo della memoria fino a una dimensione aggiuntiva del 50% e una penalità potenziale della velocità di caricamento. Una volta caricata una texture, questa non può essere trasmessa in streaming nuovamente con contenuto diverso. Se una texture viene contrassegnato come streaming è considerata completa e pronta per il rendering quando tutti i livelli mip precedenti sono caricati, incluso il valore streamingLevels. Il caricamento delle texture rimane invariato.

Esempio:

[Embed( source = "MipLevel9.jpg" )]
var MipLevel9:Class;
var context3D:Context3D;
var texture:Texture;

stage.stage3Ds[0].addEventListener(Event.CONTEXT3D_CREATE, createdHandler);
stage.stage3Ds[0].requestContext3D(Context3DRenderMode.AUTO);

function createdHandler(e:Event) {
            context3D = stage.stage3Ds[0].context3D;
            //set streaming levels to 9, a 1x1 mip level for a complete texture size of 512 (Mip level 0 =512, Mip level 9 = 1)
            texture = context3D.createTexture(512,512,Context3DTextureFormat.BGRA,false, 9);
            var mip9:Bitmap = new MipLevel9();
            texture.uploadFromBitmapData(mip9.bitmapData,9);
}


BitmapData.drawWithQuality
In passato, era necessario modificare la qualità dello stage per cambiare la qualità di BitmapData.draw. BitmapData. drawWithQuality è un'estensione di BitmapData.draw che aggiunge un parametro opzionale che permette di specificare la qualità del rendering vettoriale.

function drawWithQuality(source: IBitmapDrawable, matrix:Matrix=null, colorTransform: ColorTransform =null, blendMode:String=null, clipRect:Rectangle=null, smoothing:Boolean=false, quality:String=null): void

Di seguito sono elencati i valori di qualità supportati:

  • StageQuality.LOW
  • StageQuality.MEDIUM
  • StageQuality.BEST
  • StageQuality.HIGH_8X8_LINEAR
  • StageQuality.HIGH_16X16
  • StageQuality.HIGH_16X16_LINEAR

BitmapData.encode


BitmapData.encode consente di eseguire la compressione nativa di un oggetto BitmapData in formato PNG, JPEG e JPEG XR. Ciò consente agli sviluppatori di raggiungere la velocità nativa per la compressione di immagini in runtime, il che è estremamente utile nei dispositivi mobili.

function encode(rect:Rectangle,EncoderOptions :Object, byteArray: ByteArray = null): ByteArray;
Gli oggetti EncoderOptions supportati sono i seguenti:

// compress bitmap data as a JPEG file
var bitmapData:BitmapData = new BitmapData(640,480,false,0x00FF00);
var byteArray:ByteArray = new ByteArray();
bitmapData.encode(new Rectangle(0,0,640,480), new JPEGCompressOptions(), byteArray);
// Display the bitmap we just encoded
var loader:Loader = new Loader();
loader.loadBytes(byteArray);
addChild(loader); 

Stringa di errore HW in Context3D.driverinfo

Questa funzione fornisce informazioni in Context3D.driverInfo quando il contenuto Stage3D non può essere accelerato via hardware. Context3D.driverInfo include una delle seguenti stringhe perché lo Stage3D ricorre al software.

  • Software Hw_disabled=userDisabled

La casella di controllo dell'impostazione di accelerazione HW nell'interfaccia utente Impostazioni è disattivata e Stage3D viene sottoposto a rendering tramite software.

  • Software Hw_disabled=oldDriver

Il driver grafico HW è incluso nella blacklist a causa di un problema noto e Stage3D viene sottoposto a rendering tramite software. Verrà corretto aggiornando il driver.

  • Software Hw_disabled=unavailable

Impossibile utilizzare il rendering hardware a causa della funzionalità del driver o dell'inserimento nella blacklist in generale oppure qualsiasi errore di inizializzazione della grafica HW e Stage3D viene sottoposto a rendering tramite software.

  • Software Hw_disabled=explicit

Il contenuto richiede esplicitamente un rendering software mediante requestContext3D e Stage3D viene sottoposta a rendering utilizzando il software.


Miglioramenti del rapporto proporzionale

Con AIR 3.3, il problema relativo al runtime che ignora il rapporto proporzionale specificato è stato risolto. L'orientamento dello stage si limita a solo due orientamenti con rotazione del dispositivo, nel caso in cui aspectRatio sia impostato e autoOrients sia true (a seconda del valore del rapporto proporzionale, l'orientamento orizzontale-destra e orizzontale-sinistra oppure l'orientamento verticale e verticale-capovolto devono essere supportati).

È stata aggiunta una nuova costante StageAspectRatio denominata ANY. StageAspectRatio.ANY può essere utilizzata per ottenere l'orientamento automatico dello stage in tutte le direzioni del dispositivo con autoOrients impostato su true. Questo sarà il comportamento predefinito quando il tag aspectRatio è assente nel descrittore dell'applicazione.

Debug USB per AIR iOS
In primo luogo, create il pacchetto dell'applicazione con uno switch extra -listen che garantisce che l'applicazione usi una connessione fdb all'avvio.

adt -package -target (ipa-debug-interpreter | ipa-debug) -listen (port number optional) -provisioning-profile xyz.mobileprovision -storetype pkcs12 -keystore Certificates.p12 -storepass pass123 OutputFile.ipa InputFile-app.xml InputFile.swf

Per impostazione predefinita, l'applicazione usa la porta 7936. È possibile specificare una porta di propria scelta.

adt -package -target (ipa-debug-interpreter | ipa-debug) -listen 16000 xyz.mobileprovision -storetype pkcs12 -keystore Certificates.p12 -storepass pass123 OutputFile.ipa InputFile-app.xml InputFile.swf

2) Una volta creato il pacchetto dell'applicazione come ipa, installatelo e avviatelo sul dispositivo.

3) Eseguite l'idb binary disponibile @ SDK_LOCATION/lib/aot/idb con -devices come parametro. Restituisce l'elenco dei dispositivi associati al desktop con il loro DEVICE_HANDLES.

idb -devices

4) Ora, alcune porte desktop devono essere trasmesse alla porta del dispositivo che intercetta la connessione.

idb -forward LOCAL_PORT REMOTE_PORT DEVICE_HANDLE

LOCAL_PORT fa riferimento alla porta del desktop. Può essere un qualsiasi numero di porta di vostra scelta, preferibilmente maggiore di 8000.

REMORT_PORT è il numero di porta che avete definito nel comando di creazione del pacchetto. Se non avete specificato alcun numero di porta durante la creazione del pacchetto, per impostazione predefinita l'app usa la porta 7936.

DEVICE_HANDLE per il dispositivo in uso è quello che ottenuto al passaggio 3.

5) Avviate fdb con il seguente comando.

fdb -p LOCAL_PORT

6) Verrà attivato il debugger fdb. Digitare "r" nella riga di comando per avviare una sessione di debug.

P.S.: il idb offre un altro parametro denominato "stopforward", che può essere utilizzato per interrompere l'invio della porta. Questo, tuttavia, funziona solo fino a quando la sessione fdb non è stata stabilita.

idb -stopforward LOCAL_PORT

Questa funzione non è attualmente supportata in Flash Builder.

Comportamento in background migliorato per AIR iOS
Il supporto background ora assomiglia alle applicazioni native in iOS. Oltre a un supporto di base dell'audio di sfondo e di elaborazione multitasking già attivata con AIR per iOS, le applicazioni possono ora supportare gli aggiornamenti della posizione e la connettività di rete in background e la ricezione di notifiche quando un'app in background sta per essere messa in stato di sospensione dal sistema operativo.
Pertanto, sono stati aggiunti due nuovi tag e un evento. Per supportare gli aggiornamenti della posizione in background, includete quanto segue nel tag iPhone nel descrittore dell'app AIR:

<iPhone>
<InfoAdditions>
<![CDATA[
<key>UIBackgroundModes</key>
<array>
<string>location</string>
</array>
]]>
</InfoAdditions>
</iPhone> 

Se l'applicazione specifica questo tag e va in background, il lettore continua a funzionare a 4fps. Tuttavia gli aggiornamenti dello schermo (chiamate di rendering, chiamate OpenGL) verranno disattivati.
Il tasto UIBackgroundModes supporta contemporaneamente sia "posizione" sia "audio", se l'applicazione deve contemporaneamente generare l'audio e tenere traccia della posizione (ad esempio per una panoramica dall'app navigation).
iOS fornisce un meccanismo per eseguire brevi attività in background. Tuttavia, iOS non garantisce che l'operazione verrà eseguita, ma solo che continuerà a funzionare leggermente più lungo sul processo per conto dell'utente. Esiste un limite di tempo fino a cui tali attività in background possono mantenere l'app in esecuzione.(circa 10 minuti)

Se l'autore dell'applicazione specifica come valore della proprietà executeInBackground TRUE/FALSE, il valore sarà selezionato e l'applicazione si comporterà di conseguenza. Attualmente, quando l'app va in background disattiva l'evento Deactivate, a prescindere dal fatto che l'app sia stata o meno sospesa. Per fornire informazioni più specifiche dell'applicazione, l'evento Suspend viene inviato all'applicazione quando l'applicazione sta per essere sospesa, consentendo all'applicazione il comportamento appropriato.
In iOS, per risparmiare la carica della batteria, il lettore viene rallentato (a 4fps) ogni volta che l'applicazione viene eseguita in background.

Supporto per il simulatore
Poiché il Simulatore in iOS è x86, sono stati aggiunti due nuovi target in ADT. Tenete presente che il pacchetto per il simulatore è supportato solo in modalità interprete.

I target sono:

1.) ipa-test-interpreter-simulator
2.) ipa-debug-interpreter-simulator

Per iniziare la prova dell'applicazione sul simulatore non è necessario ottenere un certificato per sviluppatori da Apple (che richiede molto tempo) o creare profili di provisioning prima di iniziare a creare un'applicazione AIR. (Un certificato p12, che può essere creato dall'utente stesso, è sufficiente)

Per creare il pacchetto dell'applicazione affinché il simulatore esegua i comandi seguenti.

Target interprete

adt -package -target ipa-test-interpreter-simulator -storetype pkcs12 -keystore Certificates.p12 -storepass password Sample_ipa_name sample_ipa-app.xml sample_ipa.swf

Target debug

adt -package -target ipa-debug-interpreter-simulator -storetype pkcs12 -keystore Certificates.p12 -storepass password Sample_ipa_name sample_ipa-app.xml sample_ipa.swf

*Per installare l'applicazione nel simulatore *

adt -installApp -platform ios -platformsdk (path to sdk like /Developer/Platforms/iPhoneSimulator.platform/Developer/SDKs/iPhoneSimulator5.0.sdk) -device ios-simulator -package Sample_ipa_name.ipa

*Per avviare l'applicazione nel simulatore *

adt -launchApp -platform ios -platformsdk (path to sdk like /Developer/Platforms/iPhoneSimulator.platform/Developer/SDKs/iPhoneSimulator5.0.sdk) -device ios-simulator -appid

Sample_ipa_name

Per provare l'estensione nativa nel simulatore è stato aggiunto un nuovo supporto nome piattaforma (iPhone-x86) in extension.xml
Tenete presente che tutti i comandi per la creazione di pacchetti per le estensioni native resteranno invariati, ma il file library.a richiesto da XCode deve essere compilato solo per il simulatore

extension.xml avrebbe il seguente aspetto

<extension xmlns="http://ns.adobe.com/air/extension/3.1">
<id>com.cnative.extensions</id>
<versionNumber>1</versionNumber>
<platforms>
<platform name="iPhone-x86">
<applicationDeployment>
<nativeLibrary>library.a</nativeLibrary>
<initializer>TestNativeExtensionsInitializer </initializer>
<finalizer>TestNativeExtensionsFinalizer </finalizer>
</applicationDeployment>
</platform>
</platforms>
</extension>

Requisiti di sistema

Per gli attuali requisiti di sistema per Flash Player, visitate http://www.adobe.com/it/products/flashplayer/systemreqs/

Per gli attuali requisiti di sistema per AIR, visitate http://www.adobe.com/it/products/air/systemreqs/

Per i requisiti di sistema per Flash Access (client e server), visitate http://www.adobe.com/it/products/flashaccess/systemreqs/

Flash Player 11.3 prevede i seguenti requisiti di sistema minimi:

 

Windows®

Macintosh  

Processore

Processore compatibile con l'architettura x86 a 2,33 GHz o più potente oppure processore Intel® Atom™ a 1,6 GHz o più potente per dispositivi di classe netbook

Processore Intel® Core™ Duo 1,83 GHz o più veloce

Sistema operativo 

Microsoft® Windows® XP (32 bit), Windows Server® 2003 (32 bit), Windows Server 2008 (32 bit), Windows Vista® (32 bit), Windows 7 (32 bit e 64 bit)

Mac OS® X 10.6 e Mac OS X 10.7

Browser

Internet Explorer 7.0 e versioni successive, Mozilla Firefox 4.0 e versioni successive, Google Chrome, Safari 5.0 e versioni successive, Opera 11

Safari 5.0 e versioni successive, Mozilla Firefox 4.0 e versioni successive, Google Chrome, Opera 11

Memoria

128 MB di RAM (1 GB di RAM consigliato per dispositivi di classe netbook) 128 MB di memoria grafica

256 MB di RAM, 128 MB di memoria grafica

AIR 3.3 prevede i seguenti requisiti di sistema minimi:

 

Windows®

Macintosh  

AndroidTM

iOS

Processore/hardware dispositivo

Processore compatibile con l'architettura x86 a 2,33 GHz o più potente oppure processore Intel Atom™ a 1,6 GHz o più potente per dispositivi di classe netbook

Processore Intel® Core™ Duo 1,83 GHz o più veloce

Processore ARMv7 con FPU vettoriale, minimo 550 MHz, OpenGL ES 2.0, decoder hardware H.264 e AAC

iPod touch (terza generazione) a 32 GB e 64 GB, iPod touch 3GS, iPhone 4, iPhone 4, iPad, iPad 2

Sistema operativo 

Microsoft® Windows® XP, Windows Server® 2003, Windows Server® 2008, Windows Vista® Home Premium, Business, Ultimate o Enterprise (comprese le versioni a 64 bit) con Service Pack 2, Windows 7

Mac OS® X 10.6 e 10.7

AndroidTM 2.2, 2.3, 3.0, 3.1, 3.2 e 4.0

iOS 4.2 e versioni successive

RAM

512 MB di RAM (consigliato 1 GB)

512 MB di RAM (consigliato 1 GB)

256 MB di RAM 

 -

Segnalazione di problemi

Se è stato individuato un bug, inviate eventuali segnalazioni di bug al database dei bug di Flash Player e Adobe AIR.

Flash Player e AIR possono sfruttare le capacità del vostro hardware grafico per decodificare e riprodurre i video H.264. Determinati problemi relativi al video potrebbero essere riproducibili solo con una combinazione particolare di hardware grafico e driver. Quando segnalate un problema relativo al video, è essenziale che specifichiate l'hardware grafico e il driver, nonché il sistema operativo e il browser (quando usate Flash Player), in modo da consentirci di riprodurre e studiare i problemi. Includete sempre queste informazioni, come descritto in Istruzioni per la segnalazione di problemi relativi alla riproduzione video. Nota: a causa dell'elevato numero di e-mail ricevute, non è possibile rispondere a tutte le richieste.

Grazie per aver utilizzato Adobe® Flash Player® e AIR® e per il tempo che dedicherete all'invio dei vostri commenti e suggerimenti.

 

Cronologia versioni runtime

Data di rilascio

Versione/i runtime

Nuove funzioni 

Miglioramenti della sicurezza

Problemi risolti

21 giugno 2012
Plug-in solo per Windows di Flash Player 11.3.300.262
N/D N/D Il programma si arresta in maniera anomala durante la visualizzazione di contenuti Flash in Firefox su Windows (3211153)

8 giugno 2012

Flash Player Desktop 11.3.300.257
AIR Desktop 3.3.0.3650
AIR Android 3.3.0.3650
AIR SDK 3.3.0.3650

Desktop:
Input da tastiera a schermo intero per Flash Player
Supporto per l'audio a bassa latenza per lo streaming audio tramite NetStream
Supporto per l'audio a bassa latenza per l'API Sound
Modalità protetta per Firefox (solo per Windows®)
Streaming delle texture
Aggiornamento in background per Mac
Eventi Framelabel
Bitmapdata.drawwithQuality
BitmapData.encode
Evento ReleaseOutside
Introspezione delle classi runtime
Supporto migliorato per Apple MacOS App Store

AIR Mobile:
Supporto SDK per piattaforma per iOS su Windows®
Supporto penna per dispositivi AndroidTM 4.0
Debug USB per AIR iOS
Comportamento in background migliorato per AIR iOS
Supporto simulatore per iOS
Miglioramenti delle proporzioni

APSB-14

[Stage 3D in ambiente desktop] Il rendering del contenuto Starling viene eseguito nella posizione sbagliata (3153467)
Il rendering iOS si blocca in alcune applicazioni quando si usa la modalità di rendering tramite GPU (3124838)
Le impostazioni della qualità anti-aliasing non vengono rispettate in rendermode=gpu(3124862)
[Stage3D] Su Mac con Intel HD 3000 il rettangolo scissor non è impostato correttamente (2959500)
Utilizzando Mouselock nel browser Chrome su Windows 7, il movimento x/y restituisce valori assoluti invece di valori relativi (3152175)
Si verifica un problema di latenza dell'audio quando vengono aperte più istanze di Flash in un browser (3084306)
Problema di schermo verde durante la riproduzione video (3050372)

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online