Adobe Muse CC versione 2017 (novembre 2016)

La versione 2017 di Adobe Muse CC offre numerosi miglioramenti, tra cui il supporto alle animazioni con CC Libraries, la funzionalità zoom avanzato, il supporto a reCAPTCHA versione 2 di Google e molto altro. Di seguito vengono descritte le nuove funzioni e i collegamenti verso contenuti di approfondimento.

Per un riepilogo delle funzioni introdotte nelle versioni precedenti, consultate Novità di Adobe Muse CC 2015.2.


Zoom avanzato

Nuova funzione di Adobe Muse CC 2017 | Novembre 2016

La nuova funzione zoom avanzato di Adobe Muse consente di visualizzare e modificare aree specifiche in layout di pagina. Se vi trovate in una riunione e desiderate apportare modifiche in runtime al sito Web, potete utilizzare la funzione zoom avanzato. Questa funzione consente di mettere a fuoco determinate aree in vista Progettazione. Potete eseguire rapidamente lo zoom out e lo zoom in sulle diverse aree in layout di pagina per eseguire modifiche rapide.

Per utilizzare la funzione zoom avanzato:

  1. Fate clic sullo strumento mano nella barra degli strumenti di Adobe Muse.

  2. Premete il tasto Alt e tenete premuto il pulsante del mouse.

    La vista Progettazione del sito esegue lo zoom out, offrendo una visualizzazione a schermo intero del layout. Appare un riquadro rosso che indica l’area di visualizzazione. Rilasciate il pulsante del mouse per ingrandire l'area di visualizzazione.

    Zoom avanzato in Adobe Muse
    Il riquadro rosso indica l'area di visualizzazione dello zoom avanzato

  3. Premete il tasto Alt e usate il mouse per trascinare l'area di visualizzazione nella posizione desiderata nella pagina.

    Rilasciate il pulsante del mouse per ingrandire l'area di visualizzazione desiderata.

Aggiungere animazioni con CC Libraries

Nuova funzione di Adobe Muse CC 2017 | Novembre 2016

Ora potete inserire animazioni nei siti Web creati con Adobe Muse, utilizzando Creative Cloud Libraries. In precedenza, era possibile accedere al disco rigido per selezionare l’animazione. Ora, oltre a questa opzione, potete anche trascinare i file di animazione dal pannello CC Libraries nella vista Progettazione di Adobe Muse.

Potete inoltre condividere le animazioni e collaborare con altri utenti Creative Cloud utilizzando CC Libraries. Per sapere come aggiungere e utilizzare le animazioni utilizzando CC Libraries, consultate Aggiungere animazioni da Animate CC.

Aggiungere elementi di libreria con punti di interruzione

Funzione migliorata in Adobe Muse CC 2017 | Novembre 2016

Nelle versioni precedenti di Abobe Muse, era possibile utilizzare elementi della libreria del sito Web trascinandoli nel layout. Ora, quando inserite un elemento di libreria con punti di interruzione nel layout, i punti di interruzione vengono aggiunti automaticamente alla pagina.

Potete utilizzare questa funzione per aggiungere più punti di interruzione con un singolo clic. Questa funzione può essere utilizzata anche per aggiungere un insieme di punti di interruzione in più file di Adobe Muse.

Per aggiungere degli elementi di pagina con punti di interruzione, è sufficiente fare clic sul segno più accanto all'elemento di libreria e trascinare l'elemento nel pannello Progettazione. I punti di interruzione vengono aggiunti automaticamente alla pagina.

 

Mantenere punti di interruzione in elementi di libreria
Fate clic su + e trascinate gli elementi di libreria per mantenere i punti di interruzione

Per ulteriori informazioni sul mantenimento dei punti di interruzione con gli elementi della libreria, consultate Usare elementi di libreria nei progetti.

Per seguire un’esercitazione video su questa funzionalità, consultate Breakpoint support for Library items (Supporto punti di interruzione per elementi di libreria).

Condividete l'URL del sito Web con un singolo clic

Funzione migliorata in Adobe Muse CC 2017 | Novembre 2016

Il nuovo menu Condividi situato in alto nell'area di lavoro consente di condividere facilmente l'URL del sito Web pubblicato e l'URL per modificare il contenuto del sito. Dopo aver pubblicato il sito, fate clic su Condividi.

Condividere l'URL del sito
Condividere l'URL del sito creato con Adobe Muse

Potete copiare e inviare l'URL del sito pubblicato ad altri utenti. Se invece desiderate consentire ai clienti o ai membri del team di modificare il contenuto del sito con In-Browser Editing, fate clic su Copia collegamento sotto l'opzione In-Browser Editing.

Supporto per reCAPTCHA (versione 2) di Google

La versione 2017 di Adobe Muse CC supporta il reCAPTCHA v2 di Google. Nelle versioni precedenti di Adobe Muse, era possibile configurare e utilizzare reCAPTCHA v1 di Google per i moduli di contatto. Tuttavia, di recente, Google ha smesso di pubblicare le chiavi private per la versione 1 e ha rilasciato reCAPTCHA v2.

Per aggiungere l'ultima versione di reCAPTCHA ai vostri moduli, aggiungete il modulo di contatto dalla libreria dei widget e fate clic sulla freccia blu accanto al modulo. Nel menu a comparsa Opzioni, selezionate reCAPTCHA v2 dall'elenco a discesa Captcha. Il campo reCAPTCHA (verifica con immagine) viene aggiunto al modulo.

Aggiungere reCAPTCHAv2 nei moduli di contatto
Aggiungere reCAPTCHAv2 nei moduli di contatto

Nota:

non è necessario ripubblicare siti già pubblicati e che dispongono di una chiave privata reCAPTCHA di Google esistente. La versione reCAPTCHA 2 è necessaria solo se si creano nuovi moduli di contatto.  

Per sapere come configurare reCAPTCHA v2 nei moduli, consultate Aggiunta e configurazione di reCAPTCHA a un modulo.

Per guardare esercitazioni video su reCAPTCHA v2, visitate Spam Filter Support with reCAPTCHA 2 (Supporto filtro spam con reCAPTCHA 2).

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online