Nota:

in Photoshop CS6, la funzionalità 3D era disponibile in Photoshop Extended. Tutte le funzioni di Photoshop Extended sono ora incluse in Photoshop CC. Photoshop CC non dispone di una versione Extended a parte.

A partire dalla versione CS6, Photoshop presenta un flusso di lavoro 3D più intuitivo, con strumenti combinati e controlli contestuali direttamente sull’immagine. Per una breve descrizione di queste nuove funzioni, consultate Novità di Photoshop CC | Imaging 3D e Novità di CS6.

Funzioni 3D | Solo Creative Cloud

Per i nuovi utenti di Creative Cloud, le seguenti caratteristiche sono state aggiornate e aggiunte.

  • I selettori colori a 32 bit possono ora essere utilizzati per specificare i colori per materiali, linee, superfici o luci nel pannello Proprietà.
  • È possibile generare mappe normali dalle mappe di diffusione. Nel pannello 3D, selezionate l’oggetto 3D su cui desiderate agire, quindi fate clic sull’icona Filtra per materiale nella parte superiore del pannello. Nel pannello Proprietà, fate clic sull’icona della cartella accanto a Normale e scegliete Genera normali da diffusione.
  • Se interrompete un rendering ed effettuate una o più selezioni, una volta ripreso il rendering verrà applicato alle selezioni. La ripresa del rendering funziona anche dopo il salvataggio del documento in PSD.
  • La funzione Sezione trasversale ora può essere utilizzata con superfici riflettenti e altri stili di superficie come Costante, Cartone animato e Schizzo.
  • Per impostazione predefinita, una luce basata su immagine viene aggiunta all’ambiente 3D. Adobe offre altre luci basate su immagini, disponibili in Contenuti 3D di Adobe® Photoshop® Extended.
  • Potete modificare la dimensione predefinita delle sezioni di rendering ray tracing, che viene definita in base al numero di processori core del computer in uso. Scegliete Modifica > Preferenze > 3D (Windows) oppure Photoshop > Preferenze > 3D (Mac OS). Quindi scegliete una dimensione dal menu Dimensioni porzioni di rendering nella sezione relativa al ray tracing nella finestra di dialogo Preferenze.
  • Durante il rendering, il tempo rimanente e la percentuale di rendering sono visualizzati nella barra di stato in fondo alla finestra del documento.
  • Photoshop offre ora ombre OpenGL migliori. Per specificare la qualità delle ombre più adatta al computer in uso, scegliete Modifica > Preferenze > 3D (Windows) oppure Photoshop > Preferenze > 3D (Mac OS). Quindi scegliete un’opzione dal menu Qualità ombra nella sezione Rendering interattivo della finestra di dialogo Preferenze.

Fate clic sul collegamento seguente per guardare un video realizzato da Zorana Gee, Photoshop Senior Product Manager, sulle nuove funzioni 3D disponibili nella versione Creative Cloud di Photoshop.

Nota:

le funzioni 3D della versione di Photoshop per Creative Cloud richiedono almeno 512 MB di VRAM.

Selezione di elementi di scena specifici nel pannello 3D

Nel pannello 3D ottimizzato, potete selezionare elementi specifici da modificare:

  1. Nella parte superiore del pannello 3D, selezionate Scena , Trame , Materiali o Luci .
  2. Selezionate un singolo elemento (ad esempio Vista corrente nella sezione Scena) oppure più elementi a cui applicare proprietà uniformi.
  3. Regolate le impostazioni nel pannello Proprietà o trascinate nella finestra del documento. (Se trascinate un oggetto o una luce specifici, tale elemento viene selezionato nel pannello 3D.)

Nota: per aggiungere nuove luci, fate clic sull’icona del documento nella parte inferiore delle sezioni Scena e Luci, oppure fate clic sul menu del pannello per salvare e caricare gruppi di luci come predefinito.

Impostazioni contestuali nel pannello Proprietà

Dopo aver selezionato singoli elementi nel pannello 3D o nella finestra del documento, il pannello Proprietà visualizza le impostazioni corrispondenti. Una volta apportate le regolazioni necessarie, fate clic sull’icona di rendering  in fondo al pannello.

Nota: fate clic sull’icona Coordinate nella parte superiore del pannello per specificare le posizioni numeriche precise di oggetti, fotocamere e luci. Per spostarvi rapidamente tra le proprietà e le coordinate, premete il tasto V.

Le impostazioni Ambiente comprendono le luci globali dell’ambiente e quelle basate su immagini, nonché le ombre e i riflessi del piano terreno.

Le impostazioni Scena includono i predefiniti di rendering, quali Rettangolo di selezione e Wireframe, e le opzioni di rendering personalizzate per le sezioni trasversali, le superfici e i punti.

Le impostazioni Fotocamera includono il campo visivo, la profondità di campo e le opzioni stereo per la visualizzazione anaglifo, lenticolare o affiancata.

Le impostazioni Trama consentono di selezionare e proiettare ombre, regolare le estrusioni 3D e modificare il testo e i tracciati sorgente.


Nota: per nascondere un oggetto conservandone tuttavia le ombre per la composizione con immagini 2D, selezionate Invisibile.

Le impostazioni Materiali includono le opzioni relative alle texture e alle mappe rilievo, ad esempio la nuova opzione Disturbo.

Le impostazioni Luce consentono di scegliere tra i tipi luce (infinita, faretto e puntiforme) e di regolare il colore, l’intensità e le ombre.

Combinazione di regolazioni degli oggetti e della videocamera mediante lo strumento sposta

Lo strumento sposta  consente di regolare il posizionamento degli oggetti e della videocamera:

  • Nella barra delle opzioni, scegliete tra i metodi Rotazione , Rotazione su se stesso , Trascinamento , Scorrimento e Scala .
  • Per passare rapidamente da un metodo all'altro, premete Maiusc+V.
  • Per passare rapidamente dai controlli Ambiente a quelli della fotocamera e viceversa, fate clic all’esterno degli oggetti 3D.

Nota: nella finestra del documento, le modalità di controllo sono indicate da un bordo del documento colore oro per fotocamera, un bordo blu per Ambiente, un controllo verde per Scena e nessun bordo per Trama.

Modifica diretta degli elementi mediante i controlli sull’immagine

Con i controlli disponibili direttamente sulle immagini, potete modificare un’intera scena 3D senza accedere ad alcun pannello di area di lavoro. Per ingrandire la visualizzazione, premete il tasto F per passare dalla modalità a schermo intero a quella standard e viceversa.

Nella finestra del documento è possibile interagire direttamente con gli elementi seguenti:

Impostazioni Scena, Trama e Luce Per accedere rapidamente alle proprietà Scena nella finestra del documento, fate clic con il pulsante destro del mouse sul quadro in un punto dove non si trova alcun oggetto 3D. Fate clic con il pulsante destro sulle trame e sulle luci per accedere alle relative proprietà.

Ombre Fate clic sulle ombre tenendo premuto il tasto Maiusc, quindi trascinate per riposizionare la luce corrispondente.

Controlli del rettangolo di selezione dell'oggetto Fate clic una volta su un oggetto per attivarlo, quindi posizionate il puntatore del mouse su vari piani; quando un piano viene ombreggiato in giallo, trascinatelo in modo da regolarlo lungo quell'asse. oppure trascinate gli angoli per ruotarlo sull’asse X o Y.

Creare e regolare estrusioni 3D

La funzione di estrusione 3D consente di estendere tridimensionalmente testo, selezioni, tracciati chiusi, forme e livelli immagine.

  1. Selezionare un tracciato, un livello forma, un livello di testo, un livello immagine o specifiche aree di pixel.
  2. Scegliete 3D > Nuova estrusione 3D da tracciato selezionato, da livello selezionato o da selezione corrente.
  3. Nota: per applicare rapidamente l’estrusione al testo mentre utilizzate lo strumento testo, fate clic sul pulsante 3D nella barra delle opzioni.

  4. Con la trama selezionata nel pannello 3D, selezionate l’icona Deforma o Estremità nella parte superiore del pannello Proprietà.
  5. Modificate le impostazioni numeriche nel pannello Proprietà o trascinate i controlli di estrusione interattivi nella finestra del documento.

Per modificare il tracciato, il testo o il livello immagine originali, selezionate la trama corrispondente nel pannello 3D e fate clic su Modifica sorgente nel pannello Proprietà.

Definire i piani terreno per oggetti importati

Potete creare rapidamente dei piani prospettici con il filtro Fuoco prospettico e allineare ad essi un oggetto importato.

  1. Selezionate un livello dell’immagine e scegliete Filtro > Fuoco prospettico.
  2. Utilizzando gli strumenti crea piano e modifica piano, create una griglia con cui definire un nuovo piano terreno. Fate clic su OK.
  3. Scegliete 3D > Nuovo livello 3D da file.

L’oggetto importato viene posizionato sul piano terreno definito.

Creare tracciati da livelli 3D


Scegliete 3D > Crea tracciato di lavoro da livello 3D per convertire il rendering corrente in un tracciato di lavoro. Questo comando produce un tracciato sopra il canale alfa del livello.

Se eseguite il rendering in modalità wireframe e regolate il valore di Soglia piega per eliminare alcune linee non necessarie, potete creare un rendering che sembra disegnato a mano quando vi applicate una traccia con un pennello di Photoshop.

Unire più livelli 3D

Per migliorare le prestazioni e interagire con ombre e riflessi per più oggetti, potete unire tutti i livelli 3D necessari.

Prima di unire i livelli 3D, utilizzate la vista Fotocamera ortogonale per posizionare le trame con la massima precisione:

  1. Nella parte inferiore del pannello 3D, fate clic sull’icona Scena  e selezionate Vista corrente.
  2. Nel pannello Proprietà, selezionate Ortogonale.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online