Configurate il test A/B di Adobe Target nelle app AEM Mobile.

Adobe Target è la soluzione Adobe Marketing Cloud che consente di personalizzare l'esperienza app mobile fornendo esperienze diverse a differenti tipi di destinatari per configurare un test A/B. È quindi possibile ottimizzare i ricavi confrontando i risultati di due o più esperienze per stabilire quale offre le prestazioni migliori con destinatari diversi. Ad esempio, potreste indirizzare il contenuto di promozione A al 50% dei destinatari, e il contenuto di promozione B ai destinatari rimanenti per determinare il contenuto promozionale più coinvolgente.

In un'app AEM Mobile, potete configurare un test A/B negli articoli HTML o nei banner dinamici. Ad esempio, potete creare un banner dinamico con un carosello di immagini che mostra il contenuto A a determinati destinatari e il contenuto B ad altri destinatari.

Requisiti

  • Account utente Amministratore principale di AEM Mobile
  • Licenza per Digital Marketing Cloud che fornisce l'accesso ad Adobe Target

Definire l'attività di Target

Definite l'attività di Adobe Target che verrà utilizzata per determinare il contenuto che viene visualizzato in un banner dinamico AEM Mobile o in un articolo HTML.

  1. Accedete a Mobile Marketing Dashboard: https://mobilemarketing.adobe.com).

  2. Andate a Target > Activities.

     

    Potete gestire Adobe Target Activities sia da Mobile Marketing Dashboard che da Adobe Target Dashboard. Consultate Accesso a Target da Adobe Marketing Cloud (in inglese) nell'Aiuto di Adobe Target.

    Per Adobe Target, assicuratevi di disporre del ruolo di Editor o Approver in modo da poter creare o modificare attività di Target.

  3. Create una nuova attività Target o sceglietene una esistente.

    Consultate Attività (in inglese) nell'Aiuto di Adobe Target.

  4. Specificate le impostazioni dell'attività.

    • Specificate il Nome dell'attività.
    • Impostate Active su On.
    • Impostate la data di inizio e fine.
    • Impostate i destinatari, se necessario. Consultate Destinatari (in inglese) nell'Aiuto di Adobe Target.
    • Impostate Posizione contenuto, il nome della mbox di Target. Il nome predefinito per mbox è target-global-mbox. Se disponete di un nome mbox personalizzato, specificatelo. Consultate Informazioni su mbox globale (in inglese) nell'Aiuto di Adobe Target.
    • Specificate le esperienze di test. Consultate Esperienze (in inglese) nell'Aiuto di Adobe Target. Quando aggiungete un'esperienza, specificate un'offerta che include il codice HTML. Consultate Offerte (in inglese) nell'Aiuto di Adobe Target.
    • Impostate Posizione di completamento, che è il nome dell'mbox di Target.
  5. Fate clic su Salva.

Configurazione dell'attività di Target per lavorare nel contenuto di AEM Mobile

Dopo aver creato la vostra attività di Adobe Target, dovete eseguire diverse attività per consentire al contenuto HTML nell'app AEM Mobile di utilizzare l'attività di Target.

  1. In Mobile Marketing Dashboard, selezionate Gestisci app. Se non avete creato un'app, fate clic su Aggiungi e aggiungete l'app. Oppure fate clic sull'app per modificarla.

  2. Nella sezione Opzioni SDK Target delle impostazioni dell'app, selezionate Use HTTPS e specificate Codice client e Timeout richiesta.

    Accertatevi che l'opzione Use HTTPS sia selezionata nella pagina Manage App Settings di Adobe Mobile Services. If HTTPS non è abilitato, le chiamate a iOS potrebbero essere bloccate se non inserite il server di Target nella lista bianca.

    Il campo Codice client è univoco per l'account o l'azienda. Potete trovarlo guardando le impostazioni dell'mbox Target. Aprite l'attività Target e scegliete Visualizza rapporti per andare ad Adobe Target Dashboard. Selezionate l'attività e scegliete Configura > Implementazione > Edit mbox.js Settings. Il Codice client del vostro account è elencato nelle impostazioni di mbox.js.

    L'opzione Timeout richiesta specifica il tempo, in secondi, che deve trascorrere tra più avvii dell'app prima che l'avvio venga considerato una nuova sessione.

  3. Rigenerate l'app utilizzando i servizi on-demand.

    Ogni volta che configurate le impostazioni dell'app in Dashboard Marketing Cloud, è necessario rigenerare l'app nei servizi on-demand al fine di rendere disponibili le modifiche alla configurazione app. Potete apportare modifiche alle impostazioni di Target (ad esempio creando attività) senza dover rigenerare l'app.

  4. Modificate il banner dinamico o l'articolo HTML per abilitare l'attività Target.

    • Nelle proprietà dell'articolo o del banner dinamico, accertatevi che Abilitare le funzioni di estensibilità sia selezionata.
    • Includete <script type="text/javascript" src="cordova.js"></script> nel codice HTML per abilitare i plug-in Cordova e Mobile Services SDK.
    • Abilitate i file di supporto di Target che includete nell'articolo HTML o nel banner dinamico. Il file cordova.js è incluso automaticamente nell'app. Non è possibile chiamare ADB.targetLoadRequest() finché la libreria Cordova sottostante è inizializzata. A tal fine, includete un file di supporto denominato index.js. Tale file di supporto aggiunge un listener e attende che la libreria Cordova venga caricata. Una volta caricata la libreria Cordova, viene chiamato initAdobeMC(), dove viene chiamato il metodo ADB.targetLoadRequest() o un altro metodo ADB contenuto in ADB_Helper.js. Il codice viene mostrato nel file target.js.
    <script type="text/javascript" src="cordova.js"></script>        
    <script type="text/javascript" src="js/target.js"></script> 
    <script type="text/javascript" src="js/index.js"></script>

    Scarica

    Per informazioni dettagliate sui metodi Target utilizzati, consultate Metodi plug-in PhoneGap nell'Aiuto di Adobe Marketing Cloud.

  5. Testate il banner dinamico o l'articolo HTML in un'app personalizzata.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online