Trova informazioni relative alle tecnologie di Adobe Type e di Adobe Fonts
Importante promemoria:
Adobe terminerà il supporto della creazione di contenuti con font Type 1 nel mese di gennaio 2023. Per ulteriori dettagli, consulta l'Articolo dell'aiuto per la fine del supporto di PostScript Type 1.

In questa pagina troverai informazioni generali su Adobe Type, la foundry interna di Adobe, nonché informazioni generali sui font e le relative tecnologie.

Informazioni di base

Il personale altamente qualificato di Adobe analizza ed esegue il test ogni carattere mentre viene creato. Assicura che i caratteri tipografici originali siano sapientemente realizzati e che i caratteri tipografici convertiti da librerie di fama mondiale rimangano fedeli alla progettazione della foundry. Adobe Type è lo standard utilizzato dai grafici professionisti e dagli uffici di servizi di stampa per misurare e privilegiare la qualità dei caratteri.

Adobe Type offre i seguenti vantaggi:

  • Qualità elevata:L'attenzione scrupolosa ai dettagli dei contorni dei font consente di rappresentare i punti più fini di ciascun carattere nel modo più nitido e accurato possibile. Ciò migliora la risoluzione del monitor, della stampante, dell'image setter o del registratore di pellicola.
  • Ottima selezione:Adobe Type Library offre più di 2.750 caratteri tipografici, una delle più ampie selezioni di caratteri tipografici di qualità elevata. Progettisti di caratteri contemporanei pluripremiati hanno creato le progettazioni di Adobe Originals, mentre molti altri sono concessi in licenza dalle più antiche e rispettate foundry di caratteri al mondo.
  • Perfezionamenti tipografici:Molti caratteri tipografici Adobe offrono set Expert complementari, figure vecchio stile, maiuscoletto, legature e altre variazioni necessarie per la composizione tipografica professionale. Inoltre, Adobe ha inventato il set Expert, un set di caratteri standard e la codifica per molti caratteri supplementari. Con OpenType, Adobe inserisce più caratteri nel font di base. Il perfezionamento consente alle applicazioni compatibili con OpenType come Adobe InDesign e Adobe Photoshop 6.0 di accedere automaticamente ai caratteri utilizzando una formattazione semplice.
  • Leadership tecnologica: Adobe Inc è leader nel campo della produzione e della progettazione tipografica digitali per una buona ragione. I tecnici e i progettisti in Adobe Inc si impegnano costantemente per migliorare la tecnologia che ha dato vita a caratteri digitali di alta qualità con il formato Type 1. Con Microsoft, Adobe ha ora sviluppato OpenType per porre fine alla guerra tra i font TrueType e PostScript Type 1, introducendo nuove funzionalità tipografiche avanzate.

Adobe® PostScript® 3™ è lo standard mondiale di stampa e creazione delle immagini. Il linguaggio di programmazione PostScript è stato originariamente sviluppato da Adobe Inc per comunicare complesse istruzioni di stampa grafica alle stampanti digitali. Ora è integrato in molte stampanti laser per il rendering di alta qualità di grafica sia raster che vettoriale.

Una caratteristica importante del linguaggio PostScript è che è indipendente dal dispositivo. Pertanto, produce immagini di bell'aspetto indipendentemente dalla risoluzione o dal metodo di resa cromatica del dispositivo di output. Inoltre, sfrutta appieno le funzionalità integrate nel dispositivo. Il formato Adobe Portable Document Format (PDF) è un sottoinsieme più strutturato e compatto del linguaggio PostScript. Quasi tutto ciò che può essere realizzato in PostScript può essere realizzato in PDF.

I font Type 1 sono un formato specializzata del programma PostScript e sono il formato di file originale utilizzato per la visualizzazione dei caratteri su tutte le stampanti PostScript. Il linguaggio PostScript è stato successivamente ampliato per supportare i successivi standard di font TrueType e OpenType®. Qualsiasi nuovo dispositivo in linguaggio Adobe PostScript prodotto oggi supporta tutti e tre gli standard dei font.

Adobe PostScript Type 1 è uno standard mondiale per i font di tipo digitale (standard per i font outline International Standards Organization, ISO 9541). Adobe Inc è stato un pioniere nell'utilizzo di Type 1 nelle stampanti PostScript. Adobe ha definito gli standard per la progettazione e la produzione del software Type 1. Centinaia di aziende in tutto il mondo hanno seguito l'esempio, progettando e rilasciando più di 30.000 font nel formato Type 1.

Il formato del font Type 1 è riconosciuto su ogni piattaforma di computer, dai microcomputer ai mainframe. Stampa su ogni stampante, direttamente tramite l'interpretazione del linguaggio PostScript integrato o tramite utilità aggiuntive, come Adobe Type Manager® (ATM®). La tecnologia ATM è integrata nel sistema operativo Microsoft® Windows® 2000 e MAC OS X. Per più di un decennio, Type 1 è stato il formato preferito per le arti grafiche e le industrie editoriali.

TrueType è uno standard per i font di tipo digitale sviluppato da Apple Computer e successivamente concesso in licenza a Microsoft Corporation. Ogni azienda ha creato estensioni indipendenti per TrueType, che viene utilizzato sia nei sistemi operativi Windows che in quelli Macintosh. Come Type 1, il formato TrueType è disponibile per lo sviluppo di nuovi font.

OpenType è un nuovo standard per i font di tipo digitale, sviluppato congiuntamente da Adobe e Microsoft. OpenType sostituisce le estensioni TrueType Open di Microsoft per il formato TrueType. I font OpenType possono contenere contorni PostScript o TrueType in un wrapper comune. Un font OpenType è un singolo file, che può essere utilizzato su piattaforme Macintosh e Windows senza conversione. I font OpenType hanno molti vantaggi rispetto ai formati di font precedenti perché contengono più glifi, supportano più lingue (OpenType utilizza lo standard Unicode per la codifica dei caratteri). I font OpenType supportano anche ricche funzionalità tipografiche come maiuscoletto, caratteri vecchio stile e legature, il tutto in un unico font.

A partire da Adobe InDesign® e Adobe Photoshop® 6.0, le applicazioni hanno iniziato a supportare le funzionalità di layout OpenType. Il layout OpenType consente di accedere a funzioni come le figure vecchio stile o il vero maiuscoletto semplicemente applicando la formattazione al testo. Nella maggior parte delle applicazioni che non supportano tali funzionalità, i font OpenType funzionano esattamente come gli altri font. Tuttavia, le funzionalità di layout OpenType non sono accessibili.

OpenType con profili PostScript è supportato dalle versioni più recenti di Adobe Type Manager ed è supportato in modo nativo in Windows 2000. Apple ha anche annunciato l'intenzione di supportare OpenType e fornisce font di sistema giapponesi per MAC OS X in formato OpenType con contorni PostScript.

I font Adobe occidentali e giapponesi contengono vari set di caratteri che supportano lingue diverse in tutto il mondo. Di seguito sono riportati i set di caratteri più comuni presenti in Adobe Fonts. Se è elencato più di un set di un carattere, il font supporta tutte le lingue possibili incluse in ciascun set di caratteri. 

 
Adobe Western 2 I font con un set di caratteri Adobe Western 2 supportano la maggior parte delle lingue occidentali, tra cui: afrikaans, basco, bretone, catalano, danese, olandese, inglese, finlandese, francese, gaelico, tedesco, islandese, indonesiano, irlandese, italiano, norvegese, portoghese, sami, Spagnolo, swahili e svedese. Adobe Western 2 aggiunge anche altri 17 caratteri simbolo: euro, litro, stima, omega, pi greco, differenza parziale, delta, prodotto, somma, radicale, infinito, integrale, circa, diverso, minore o uguale, maggiore o uguale e losanga. Adobe Western 2 è il nuovo standard di set di caratteri minimo implementato nei font OpenType di Adobe.
Adobe ISO I font con un set di caratteri ISO-Adobe supportano la maggior parte delle lingue occidentali, tra cui: afrikaans, basco, bretone, catalano, danese, olandese, inglese, finlandese, francese, gaelico, tedesco, islandese, indonesiano, irlandese, italiano, norvegese, portoghese, sami, Spagnolo, swahili e svedese. Questo è il set di caratteri standard nella maggior parte dei font PostScript Type 1 di Adobe.
Adobe CE I font con un set di caratteri Adobe CE includono anche i caratteri necessari per supportare le seguenti lingue dell'Europa centrale: croato, ceco, estone, ungherese, lettone, lituano, polacco, rumeno, serbo (latino), slovacco, sloveno e turco.
Greco L'alfabeto greco è uno dei più antichi sistemi di scrittura conosciuti, essendo stato adattato dall'alfabeto fenicio circa 3000 anni fa. I font con un set di caratteri greci includono i caratteri e la punteggiatura necessari per supportare la lingua greca moderna.
Greco politonico I font che supportano il greco politonico includono ulteriori caratteri greci arcaici utili quando si impostano testi storici o biblici in lingua greca.
Cirillico L'alfabeto cirillico fu riformato da Pietro il Grande in Russia all'inizio del diciottesimo secolo. I font che includono un set di caratteri cirillici supportano le seguenti lingue: balcara, bielorusso (cirillico), bulgaro, erzya, karachay, kumyk, macedone, moksha, nanai, nivkh, nogai, russo, rusyn, selkup, serbo (cirillico) e ucraino.
Cirillico esteso I font con il set di caratteri cirillico esteso includono caratteri necessari per supportare tutte le lingue elencate per il cirillico e le seguenti lingue: Abaza, Adyghe, Agul, Avar, Buryat, Chechen, Crimean Tatar (Cyrillic), Dargin, Dungan, Ingush, Kabardian, Kalmyk, Karakalpak, Kazako, Khinalugh, Kyrgyz (Cirillico), Lak, Lezgian, Mongolian (Cirillico), Rutul, Tabasaran, Tajik, That, Tatar, Turkmen, Tuvan e Uzbek (Cirillico).
Latino esteso I font con un set di caratteri Latin Extended includono caratteri latini aggiuntivi oltre ai set di caratteri Adobe Western 2 e Adobe CE combinati per supportare lingue come gallese, danese arcaico ed esperanto.
Symbol/Pi Alcuni font contengono caratteri non alfabetici aggiuntivi non presenti nei set di caratteri standard, come punti elenco, ornamenti, simboli, svolazzi, icone ed elementi del bordo.
Personalizzato Questi font possono contenere un sottoinsieme dell'intero intervallo di caratteri standard Adobe Western 2 e possono supportare un numero limitato di lingue. Ad esempio, alcuni font set Expert supplementari possono contenere solo glifi specifici come maiuscoletto, ornati o forme di lettere alternative, mentre alcuni font di visualizzazione possono omettere alcuni caratteri accentati.
Cinese semplificato Il cinese semplificato è la forma di ideogramma utilizzata nella Cina continentale. Questi font supportano lo standard nazionale GB 18030 e Tōngyòng Guīfàn Hànzìbiǎo (通用 规范 汉字 表).
Cinese tradizionale Il cinese tradizionale è la forma di ideogramma utilizzata a Taiwan, Macao e Hong Kong SAR. Questi font supportano gli standard Big Five e Hong Kong SCS.
Adobe Japan 1-4 La raccolta di caratteri Adobe-Japan 1-4 contiene 15.444 glifi ed è un super set della raccolta di caratteri Adobe-Japan 1-3. Adobe-Japan 1-4 contiene migliaia di varianti kanji e kana per fornire un ricco supporto tipografico. Una descrizione dettagliata della raccolta di caratteri Adobe Japan 1-4 è inclusa nella Nota tecnica Adobe n. 5078.
Adobe Japan 1-3 La raccolta di caratteri Adobe-Japan 1-3 contiene 9.354 glifi, incluse alcune varianti di glifi. Fornisce il supporto completo JIS X 0208, insieme alle varianti JIS78 (JIS C 6226-1978) e IBM Selected Kanji. Una descrizione dettagliata della raccolta di caratteri Adobe Japan 1-3 è inclusa nella Nota tecnica Adobe n. 5078.
Kana I font Kana contengono un sottoinsieme della raccolta di caratteri Adobe-Japan 1-3 e includono un set di 471 glifi hiragana e katakana.
Pr6N Japanese Questi font sono basati sulla raccolta di caratteri Adobe-Japan 1-6 (23.058 glifi), che include molte varianti di glifi. I font basati su questa raccolta di caratteri forniscono il supporto completo per tutti i più recenti standard JIS e i glifi predefiniti sono quelli che corrispondono a JIS X 0213:2004 (noto anche come JIS2004).
Vietnamita I font con set di caratteri vietnamiti includono altri caratteri necessari per scrivere la forma comune della lingua vietnamita.
Adobe-Korea 1-2 I font basati sulla raccolta di caratteri Adobe-Korea 1-2 supportano il coreano e contengono 18.352 glifi. Sono inclusi tutti gli 11.172 hangul, 4.620 hanja (caratteri cinesi) e un set completo di simboli e punteggiatura. Lo standard KS X 1001:1992 è completamente supportato.
PlusN I font PlusN si basano sulla raccolta di caratteri Adobe-Japan 1-3 (9.354 glifi), ma includono anche 144 glifi extra dalle regioni Adobe-Japan 1-6. La copertura del set di caratteri JIS x 0208 in questi font è compatibile con JIS2004.
Gujarati I font con set di caratteri Gujarati includono i caratteri necessari per scrivere la forma comune della calligrafia Gujarati.
Tamil I font con set di caratteri Tamil includono i caratteri necessari per scrivere la forma comune della calligrafia Tamil.

allineamento
Il posizionamento del testo all'interno dei margini della pagina. L'allineamento può essere a sinistra, a destra, giustificato o centrato. A volte si fa riferimento all'allineamento a sinistra e all'allineamento a destra come giustificato a sinistra e giustificato a destra.
ascendente
La parte di lettere minuscole (come k, b e d) che sale sopra l'altezza x delle altre lettere minuscole in un tipo di carattere.
linea di base
La linea immaginaria su cui poggia la maggior parte dei caratteri in un carattere tipografico.
corpo del testo
I paragrafi di un documento che costituiscono il contenuto. Il corpo del testo deve essere impostato in modo appropriato e di facile lettura, in genere con una dimensione di 10 o 12 punti.
grassetto
Un carattere tipografico che è stato rafforzato con tratti più scuri e più spessi in modo che risaltino sulla pagina. I titoli che devono risaltare dovrebbero essere in grassetto. Il corsivo è preferibile per far risaltare il testo nel corpo del testo.
punto elenco
Un punto o un altro carattere speciale posizionato a sinistra degli elementi in un elenco per mostrare che sono punti individuali, ma correlati.
altezza maiuscole
L'altezza dalla linea di base all'inizio delle lettere maiuscole in un font. Questa può essere o non essere uguale all'altezza degli ascendenti. L'altezza maiuscole viene utilizzata in alcuni sistemi per misurare la dimensione del carattere.
centrato
Testo posizionato a una distanza uguale dai margini sinistro e destro. I titoli sono spesso centrati. In genere non è consigliabile combinare testo centrato con testo allineato a sinistra o a destra.
carattere, codice carattere

La parola carattere viene utilizzata in modo diverso in diversi contesti. Nel contesto dei moderni sistemi operativi per computer, è spesso definito come un codice con un significato ad esso collegato. Ad esempio, il codice del carattere decimale 97 rappresenta la lettera a. Nella maggior parte dei sistemi operativi odierni, i codici di caratteri sono rappresentati da un'unità di dati a 8 bit nota come byte.

    Consultare anche codifica dei caratteri, glifo, layout della tastiera.

mappatura dei caratteri
Consultare codifica dei caratteri.
codifica dei caratteri

La codifica dei caratteri è una tabella in un font o in un sistema operativo per computer che mappa i codici dei caratteri in glifi in un font. La maggior parte dei sistemi operativi oggi rappresenta codici di caratteri con un'unità di dati a 8 bit nota come byte. Pertanto, le tabelle di codifica dei caratteri oggi sono limitate a un massimo di 256 codici di caratteri. Non tutti i produttori di sistemi operativi utilizzano la stessa codifica dei caratteri. Ad esempio, la piattaforma Macintosh utilizza il set di caratteri Macintosh standard definito da Apple Computer, Inc., mentre il sistema operativo Windows utilizza completamente un'altra codifica, come definita da Microsoft. Fortunatamente, i font OpenType (e i font standard Type 1) contengono tutti i glifi necessari per entrambe le codifiche, quindi funzionano correttamente non solo con questi due sistemi, ma anche con altri.

Non tutti i produttori di sistemi operativi utilizzano la stessa codifica dei caratteri. Ad esempio, la piattaforma Macintosh utilizza il set di caratteri Macintosh standard definito da Apple Computer, Inc., mentre il sistema operativo Windows utilizza completamente un'altra codifica, come definita da Microsoft. Fortunatamente, i font Type 1 contengono tutti i glifi necessari per entrambe le codifiche, quindi funzionano correttamente non solo con questi due sistemi, ma anche con altri.

Consultare anche carattere, glifo, layout della tastiera.

colore
Consultare colore tipografico.
condensato
Una versione più stretta di un font, utilizzata per ottenere un numero massimo di glifi in un determinato spazio.
contrasto
Una sensazione soggettiva che gli elementi grafici (come i font) siano diversi ma funzionino bene insieme. Ciò dà una sensazione di varietà senza perdere l'armonia. All'interno di un particolare font, il contrasto si riferisce anche alla varietà di spessori di tratto che compongono i caratteri. Helvetica ha un contrasto basso e Bodoni ha un contrasto elevato.
copyfitting
Il processo di regolazione delle dimensioni e della spaziatura del testo per adattarlo a un'area definita della pagina.
discendente
La parte di lettere minuscole (come y, p e q) che scende sotto la linea di base delle altre lettere minuscole in un tipo di font. In alcuni caratteri tipografici, anche le lettere maiuscole J e Q scendono sotto la linea di base.
dingbats
Caratteri tipografici costituiti da caratteri simbolo come decorazioni, frecce ed elenchi puntati.
font di visualizzazione
Un font progettato per avere un bell'aspetto con dimensioni in punti ampie, utilizzato spesso nei titoli. In genere questo tipo di font non è leggibile a dimensioni inferiori per grandi quantità di testo. Se si tratta di un font serif con dimensioni ottiche, probabilmente avrà steli principali più leggeri e serif e barre trasversali molto più leggeri rispetto a una versione in formato testo dello stesso carattere.
dpi
Abbreviazione di punti per pollice. Si riferisce alla risoluzione alla quale un dispositivo, come un monitor o una stampante, può visualizzare testo e grafica. I monitor sono generalmente 100 dpi o meno e le stampanti laser sono 300 dpi o più. Un'immagine stampata su una stampante laser sembra più nitida della stessa immagine su un monitor.
capolettera
Uno stile di progettazione in cui la prima lettera maiuscola di un paragrafo è impostata in una dimensione in punti più grande e allineata con la parte superiore della prima riga. Questo metodo viene utilizzato per indicare l'inizio di una nuova sezione di testo, come un capitolo.
puntini di sospensione
Un carattere di punteggiatura composto da tre punti in una riga. Indica che una parola o una frase è stata omessa.
em, em space, em quad
Un'unità di misura comune nella composizione tipografica. Em è tradizionalmente definito come la larghezza della M maiuscola nella dimensione in punti e del carattere. È più propriamente definita semplicemente come la dimensione in punti corrente. Ad esempio, nel carattere a 12 punti, em è una distanza di 12 punti.
lineetta
Un trattino della lunghezza di un em viene utilizzato per indicare un'interruzione in una frase.
en, en space, en quad
Un'unità di misura comune nella composizione tipografica. En è tradizionalmente definito come la larghezza della N maiuscola nella dimensione in punti e del carattere correnti. È più propriamente definito come metà della larghezza di un em.
trattino
Un trattino di lunghezza di un en viene utilizzato per indicare un intervallo di valori.
codifica
Consultare codifica dei caratteri.
carattere
Uno degli stili di una famiglia di caratteri. Ad esempio, lo stile corsivo della famiglia Garamond è un carattere.
famiglia
Conosciuta anche come famiglia di font. Una raccolta di caratteri che sono stati progettati e destinati ad essere utilizzati insieme. Ad esempio, la famiglia Garamond è composta da stili romani e corsivi, nonché spessori regolari, semi-grassetto e grassetto. Ciascuna delle combinazioni di stile e spessore è chiamata carattere.
allineamento a sinistra
Il testo allineato sul margine sinistro viene definito come allineato a sinistra. Se lo stesso testo non è allineato sul margine destro, viene definito come allineato a sinistra, irregolare a destra. Il termine irregolare a destra è talvolta usato da solo per indicare la stessa cosa.
allineato a destra
Il testo allineato sul margine destro viene definito come allineato a destra. Se lo stesso testo non è allineato sul margine sinistro, viene definito come allineato a destra, irregolare a sinistra. Il termine irregolare a sinistra è talvolta usato da solo per indicare la stessa cosa.
font
Uno spessore, larghezza e stile di un carattere. Prima del carattere scalabile, c'era poca distinzione tra i termini font, carattere e famiglia. Font e carattere tendono ancora ad essere usati in modo intercambiabile, sebbene il termine carattere sia solitamente più corretto.
famiglia di font
Conosciuta anche come famiglia. La raccolta di caratteri che sono stati progettati insieme e destinati ad essere utilizzati insieme. Ad esempio, la famiglia di font Garamond è composta da stili romani e corsivi, nonché spessori regolari, semi-grassetto e grassetto. Ciascuna delle combinazioni di stile e spessore è chiamata carattere.
glifo
La parola glifo viene utilizzata in modo diverso in diversi contesti. Nel contesto dei moderni sistemi operativi per computer, è spesso definito come una forma in un font che viene utilizzato per rappresentare un codice carattere su schermo o su carta. L'esempio più comune di un glifo è una lettera, ma anche i simboli e le forme in un font come ITC Zapf Dingbats sono glifi.

Consultare carattere, codifica dei caratteri, layout della tastiera.
rientro sporgente
Uno stile di documento in cui la prima riga di un paragrafo è allineata con il margine sinistro e le righe rimanenti sono tutte rientrate della stessa quantità. Questo a volte viene definito indentazione. Questo è uno stile efficace per visualizzare elenchi di informazioni.
titolo
Le brevi righe di testo enfatizzato che introducono informazioni dettagliate nel corpo del testo che segue. Anche la categoria di caratteri progettati per funzionare al meglio nel testo del titolo.
suggerimenti
Le istruzioni matematiche aggiunte ai font digitali per renderli nitidi a tutte le dimensioni e su dispositivi di visualizzazione di diverse risoluzioni.
corsivo
Una versione obliqua o simile alla calligrafia di un carattere. I caratteri upright sono spesso indicati come romani.
giustificato
Un blocco di testo che è stato spaziato in modo che il testo si allinei su entrambi i margini sinistro e destro. Il testo giustificato ha un aspetto più formale, ma può essere più difficile da leggere.
crenatura

La regolazione dello spazio orizzontale tra i singoli caratteri in una riga di testo. Le regolazioni della crenatura sono particolarmente importanti nelle visualizzazioni di grandi dimensioni e nelle righe di testo dei titoli. Senza le regolazioni di crenatura, molte combinazioni di lettere possono sembrare strane. L'obiettivo della crenatura è creare spazi visivamente uguali tra tutte le lettere in modo che l'occhio possa muoversi agevolmente lungo il testo.

La crenatura può essere applicata automaticamente dal programma di desktop publishing in base a tabelle di valori. Alcuni programmi consentono anche la crenatura manuale per effettuare regolazioni raffinate.

layout di tastiera, mappatura della tastiera
A volte noto come mappatura dei caratteri, un layout di tastiera o mappatura è una tabella utilizzata dal sistema operativo di un computer per stabilire quale codice carattere viene generato quando viene premuto un tasto o una combinazione di tasti.

Consultare carattere, codifica dei caratteri, glifo.
spazio iniziale
La quantità di spazio aggiunto tra le righe di testo per rendere leggibile il documento. Il termine originariamente si riferiva ai sottili distanziatori di piombo che le stampanti usavano per aumentare fisicamente lo spazio tra le righe di tipo metallico. La maggior parte delle applicazioni applica automaticamente lo spazio iniziale standard in base alla dimensione in punti del font. Uno spazio iniziale più vicino adatta più testo sulla pagina, ma diminuisce la leggibilità. Uno spazio iniziale più ampio distribuisce il testo per riempire una pagina e rende il documento più facile da leggere. Lo spazio iniziale può anche essere negativo, nel qual caso le righe di testo sono così vicine che si sovrappongono o si toccano.
spaziatura lettere
Regolazione della distanza media tra le lettere in un blocco di testo per adattare più o meno testo nello spazio fornito o per migliorare la leggibilità. La crenatura consente regolazioni tra le singole lettere; la spaziatura delle lettere viene applicata a un blocco di testo nel suo insieme. La spaziatura delle lettere viene talvolta definita tracciamento o crenatura della traccia.
legatura
Due o più lettere legate insieme in una singola lettera. In alcuni caratteri tipografici, combinazioni di caratteri come fi e fl si sovrappongono, dando luogo a una forma antiestetica. Le legature fi e fl sono state progettate per migliorare l'aspetto di questi caratteri. Combinazioni di lettere come ff, ffl e ffi sono disponibili in tutti i font Adobe OpenType Pro e in alcuni font Adobe OpenType Standard selezionati.
margine
Gli spazi bianchi attorno ai blocchi di testo. I margini in genere devono essere creati sui bordi di una pagina, poiché la maggior parte delle stampanti non può stampare fino all'estremità del bordo. Lo spazio bianco fornisce al documento un aspetto migliore e lo rende più facile da leggere.
oblique
Una versione obliqua di un carattere. Obliquo è simile al corsivo, ma senza la qualità di scrittura di un vero corsivo. I caratteri upright sono di solito indicati come romani.
OpenType
Il formato OpenType™ è un super set dei precedenti formati di font TrueType e Adobe® PostScript® Type 1. Come definito congiuntamente da Microsoft e Adobe Inc, tecnicamente è un'estensione del formato TrueType Open di Microsoft, che può contenere i contorni dei font PostScript o i contorni dei font TrueType in un singolo file di font che può essere utilizzato su entrambe le piattaforme Macintosh e Windows. Può anche includere un set di caratteri espanso basato sullo standard di codifica Unicode oltre a informazioni tipografiche avanzate per il posizionamento e la sostituzione dei glifi che consentono l'inclusione di numerosi glifi alternativi in un file di font.
filetti di paragrafo
Linee grafiche associate a un paragrafo che separano blocchi di testo. I filetti vengono comunemente utilizzati per separare le colonne e isolare la grafica su una pagina. Alcuni programmi di desktop publishing consentono di creare stili paragrafo che includono i filetti di paragrafo sopra e/o sotto il paragrafo.
pica
Un'unità di misura che è circa 1/6 di pollice. Una pica è uguale a 12 punti. La tradizionale pica britannica e americana è di 0,166 pollici. Nelle stampanti PostScript, una pica è esattamente 1/6 di pollice.
punto
Un'unità di misura nella composizione tipografica. Ci sono circa 72 punti per pollice. Una pica è 12 punti.
dimensione in punti
Il metodo comune di misurazione del carattere. La distanza dalla parte superiore dell'ascendente più alto alla parte inferiore del discendente più basso in punti. In Europa, il carattere è spesso misurato dall'altezza maiuscola in millimetri.
maiuscola sollevata
Uno stile di progettazione in cui la prima lettera maiuscola di un paragrafo è impostata in dimensione grande dei punti e allineata con la linea di base della prima riga di testo. Paragonabile a un capolettera.
inversione
La tecnica di stampa di testo bianco o di colore chiaro su sfondo nero o scuro per maggiore enfasi. Questa tecnica riduce notevolmente la leggibilità, soprattutto con caratteri piccoli.
romano
Comunemente si riferisce alla versione verticale di un carattere all'interno di una famiglia di font, rispetto alla versione in corsivo.
regola
Una linea grafica continua o tratteggiata nei documenti utilizzata per separare gli elementi di una pagina. Le regole e altri dispositivi grafici dovrebbero essere usati con parsimonia e solo per chiarire la funzione di altri elementi nella pagina.
sans serif
Un carattere tipografico che non ha serif. Generalmente una progettazione a basso contrasto. I caratteri sans serif conferiscono ai documenti un aspetto pulito e semplice.
serif
Piccoli tratti decorativi che vengono aggiunti alla fine dei tratti principali di una lettera. I serif migliorano la leggibilità guidando l'occhio lungo la linea del testo.
set solid
Spazio iniziale che è uguale alla dimensione in punti del font in uso. Generalmente utilizzato solo con le dimensioni di visualizzazioni più grandi.
stile
Una delle variazioni nell'aspetto, come il corsivo e il grassetto, che compongono i caratteri in una famiglia di caratteri.
symbol
Una categoria di caratteri in cui i caratteri sono simboli speciali anziché caratteri alfanumerici.
cifre tabellari
Cifre che hanno tutte la stessa larghezza. Ciò semplifica l'impostazione tabulare.
tracciamento
Lo spazio medio tra i caratteri in un blocco di testo. A volte indicato anche come spaziatura lettere.
TrueType
Una tecnologia di caratteri scalabili che, insieme a OpenType, è incorporata nei sistemi operativi Windows e Mac.
Type 1
Lo standard di tipo internazionale originale per il carattere scalabile, inventato da Adobe Inc. Type 1 è uno dei formati di caratteri digitali più comunemente disponibili ed è spesso utilizzato da progettisti grafici digitali professionisti. Lo si sta sostituendo con OpenType.
carattere
Le lettere, i numeri e i simboli che compongono una progettazione di carattere. Un carattere fa spesso parte di una famiglia di caratteri di progettazioni coordinate. I singoli caratteri prendono il nome dalla famiglia e sono anche specificati con una designazione, come corsivo, grassetto o condensato.
famiglia di caratteri
Conosciuta anche come famiglia. La raccolta di caratteri che sono stati progettati insieme e destinati ad essere utilizzati insieme. Ad esempio, la famiglia di font Garamond è composta da stili romani e corsivi, nonché spessori regolari, semi-grassetto e grassetto. Ciascuna delle combinazioni di stile e spessore è chiamata carattere.
colore tipografico
Un blocco di testo apparentemente scuro. Il colore è una funzione dello spessore relativo dei tratti che compongono i caratteri in un font, nonché della larghezza, della dimensione in punti e dell'interlinea utilizzati per impostare il blocco di testo.
non giustificato
A seconda dell'allineamento, questo termine si riferisce al testo impostato a sinistra, a destra o al centro.
spessore
La relativa oscurità dei caratteri nei vari caratteri all'interno di una famiglia di caratteri. Lo spessore è indicato da termini relativi come sottile, leggero, grassetto, extra grassetto e nero.
spazio bianco
Le aree vuote di una pagina in cui il testo e le illustrazioni non vengono stampati. Lo spazio bianco dovrebbe essere considerato un elemento grafico importante nella progettazione della pagina.
larghezza
Una delle possibili variazioni di un carattere all'interno di una famiglia di caratteri, come condensato o esteso.
spaziatura tra parole
Regolazione della distanza media tra le parole per migliorare la leggibilità o per adattare un blocco di testo in una determinata quantità di spazio.
WYSIWYG
Acronimo per What You See Is What You Get. Macintosh, Windows e alcuni ambienti Unix forniscono una visualizzazione dello schermo WYSIWYG. Quello che vedi sullo schermo è quello che otterrai sull'output stampato, con la precisione con cui lo schermo può renderlo.
altezza x
Tradizionalmente, l'altezza x è l'altezza della lettera minuscola x. È anche l'altezza del corpo delle lettere minuscole in un font, esclusi i ascendenti e discendenti. Alcune lettere minuscole che non hanno ascendenti o discendenti si estendono ancora un po' sopra o sotto l'altezza x come parte della progettazione. L'altezza x può variare notevolmente da carattere a carattere a parità di dimensione in punti.

Font OpenType

Il formato OpenType è un super set dei formati di font TrueType e Adobe® PostScript® Type 1 esistenti. Consente una migliore portabilità dei documenti multipiattaforma, un ricco supporto linguistico, potenti funzionalità tipografiche e requisiti semplificati di gestione dei font.

OpenType è tecnicamente un'estensione del formato TrueType Open di Microsoft, che può contenere sia i contorni dei font PostScript (.otf) che i contorni dei font TrueType (.ttf). I font OpenType.otf vengono riconosciuti e visualizzati sullo schermo da un rasterizzatore PostScript, come Adobe Type Manager® (ATM®), che viene installato come componente aggiuntivo del software di sistema o integrato direttamente nel sistema operativo. Macintosh MAC OS X, Microsoft Windows® 2000, Windows XP e tutti i successivi sistemi operativi Windows che hanno il supporto integrato per i font OpenType e Type 1. I font OpenType coesistono pacificamente con i formati di font correnti e vengono utilizzati nello stesso documento insieme ai font Type 1 e TrueType.

OpenType è noto per:

  • Un unico file di font multipiattaforma che può essere utilizzato su entrambe le piattaforme Macintosh e Windows.
  • Un set di caratteri quasi illimitato basato sullo standard internazionale di codifica Unicode per un ricco supporto linguistico.
  • Funzionalità tipografiche avanzate relative al posizionamento e alla sostituzione dei glifi che consentono l'inclusione di numerosi glifi alternativi, come figure vecchio stile, maiuscole e ornati, in un unico file di font.
  • Una struttura compatta dei dati dei contorni dei font per file di font di dimensioni inferiori.
  • Supportato nativamente nei sistemi operativi Windows 2000, Windows XP e Windows e nel sistema operativo Macintosh OS X.
  • Le funzionalità tipografiche avanzate sono supportate in tutte le versioni di Adobe InDesign CS, Adobe Illustrator CS, Adobe Photoshop CS e molte applicazioni non Adobe.

Tutti i font OpenType con contorni PostScript (.otf) utilizzano Compact Font Format (CFF o Type 2) per una notevole riduzione delle dimensioni. Sebbene CFF non sia strettamente una compressione, poiché i contorni non devono essere decompressi per il rendering, il risultato è ancora più compatto di Type 1. I font OpenType di Adobe utilizzano anche la sotto routinizzazione per una maggiore riduzione delle dimensioni. I font OpenType con contorni TrueType (.ttf) hanno la possibilità di utilizzare la tecnologia di compressione concessa in licenza da Microsoft.

Il formato OpenType è il risultato della fusione di due formati esistenti: i font Type 1 e TrueType, quindi è importante mantenere i vantaggi di entrambi.

A partire da Windows 2000 e Windows XP, i sistemi operativi Microsoft includono un rasterizzatore di font Adobe PostScript integrato. Questi sistemi operativi forniscono il supporto nativo per OpenType (con contorni PostScript o TrueType), Type 1 e TrueType.

Puoi continuare a lavorare come hai sempre fatto. OpenType funziona perfettamente insieme ai font TrueType e Type 1. I font OpenType forniscono semplicemente più potenza, poiché offrono supporto linguistico esteso e funzionalità tipografiche avanzate su piattaforme e applicazioni che supportano funzionalità OpenType estese.

Il supporto OpenType è di tre tipi: supporto OpenType di base (i font funzionano come qualsiasi altro font); Supporto Unicode (accesso a set di caratteri linguistici estesi); e supporto del layout OpenType (supporto per funzionalità tipografiche avanzate). Alcuni sistemi operativi (o estensioni dei sistemi operativi) possono supportare uno o più di questi, ma il supporto per Unicode e le funzionalità di layout richiede che un'applicazione sia programmata per fornire questa funzionalità. Adobe InDesign (tutte le versioni), Adobe Illustrator e Adobe Photoshop 6.0 e versioni successive supportano le funzionalità tipografiche avanzate di OpenType.

No. OpenType è basato sullo standard di codifica Unicode, che può supportare virtualmente qualsiasi o tutte le lingue del mondo. Adobe ha rilasciato diversi font OpenType giapponesi, oltre a font OpenType che supportano arabo, cinese, cirillico, devanagari, greco, gurmukhi, ebraico, coreano e tailandese.

Diverse risorse per sviluppatori sono disponibili su Adobe Solutions Network, inclusa la sezione OpenType nel Type Technology Forum e la specifica OpenType. Gli sviluppatori di font interessati agli strumenti possono anche contattaci.

La decisione di lavorare insieme è nata dal desiderio di fornire la migliore soluzione per i clienti e di fornire un ambiente per future innovazioni comuni. Entrambe le società concordano sul fatto che l'unione dei formati Type 1 e TrueType è la soluzione migliore per i clienti. I due standard di font possono ora essere supportati senza problemi su entrambe le piattaforme Windows e Macintosh.

Entrambe le società hanno concesso in licenza i rispettivi rasterizzatori di font, strumenti di produzione di font e software di conversione. Un risultato diretto è il supporto nativo per i font Type 1 e OpenType in Windows 2000.

Sì. Praticamente tutti gli sviluppatori di font rilasciano oggi i font in OpenType come impostazione predefinita.

L'applicazione è progettata per creare glifi simulati per i font non OpenType. O l'applicazione non supporta il layout OpenType e le funzionalità di sostituzione oppure non supporta la particolare funzionalità che stai tentando di utilizzare. Contatta il fornitore dell'applicazione per informare l'azienda che desideri che questa funzione sia supportata in una versione futura.

Il supporto linguistico esteso può essere presente nei font, ma dipende dal supporto Unicode all'interno del sistema operativo e/o dell'applicazione.

Sì. Finché il tuo computer è configurato per utilizzare i font OpenType e il server è accessibile dal tuo computer, puoi usarli anche su una rete. Inoltre, gli stessi font OpenType possono essere utilizzati su entrambi i sistemi Macintosh e Windows collegati alla rete. Tuttavia, è necessario controllare i termini del contratto di licenza dei font per assicurarsi di disporre della licenza per utilizzare i font su una rete. Assicurati di non superare il numero di utenti consentito dalla licenza.

Rilasciato per la prima volta nel 1992, il formato di font master multipli è stato un incredibile progresso nella tecnologia dei caratteri. Nel 2000, Adobe ha svelato il prossimo grande balzo in avanti: Opentype. Sviluppato insieme a Microsoft, OpenType utilizza lo stesso file di font multipiattaforma su entrambe le piattaforme Macintosh e Windows, fornendo una portabilità dei documenti più affidabile. Questo singolo file di font può anche contenere un set di glifi espanso che consente il supporto linguistico esteso e l'accesso integrato a funzionalità tipografiche avanzate.

Di seguito è riportato un elenco dei font master multipli precedentemente disponibili da Adobe e dai corrispondenti pacchetti OpenType.

Famiglia Legacy MM Famiglie OpenType corrispondenti
ITC Avant Garde MM ITC Avant Garde Std 1
  ITC Avant Garde Std 2
  ITC Avant Garde Std Condensed 1
  ITC Avant Garde Std Condensed 2
Bickham Script MM Bickham Script Pro
Briem Akademi MM Briem Akademi Std
  Briem Akademi Std Compressed
  Briem Akademi Std Condensed
Briem Script MM Briem Script Std
Caflisch Script MM Caflisch Script Pro
Chaparral MM Chaparral Pro
Chaparral Expert MM Chaparral Pro Opticals
Conga Brava MM Conga Brava Std
Cronos MM Cronos Pro
Cronos Expert MM Cronos Pro Opticals
Ex Ponto MM Ex Ponto Pro
ITC Garamond MM ITC Garamond Std
  ITC Garamond Std Condensed
  ITC Garamond Std Narrow
Graphite MM Graphite Std
Adobe Jenson MM Adobe Jenson Pro
Adobe Jenson Expert MM Adobe Jenson Pro Opticals
Jimbo MM Jimbo Std
Kepler MM Kepler Std
Kepler Expert MM Kepler Std SemiCondensed
  Kepler Std Extended
  Kepler Std Opticals
  Kepler Std SemiCondensed Opticals
  Kepler Std Condensed Opticals
  Kepler Std Extended Opticals
Kinesis MM Kinesis Std
Kinesis Expert MM  
Mezz MM Mezz Std
Minion MM Minion Pro
Minion Expert MM Minion Pro Condensed
  Minion Std Black
  Minion Pro Opticals
  Minion Pro Condensed Opticals
Motter Corpus MM Motter Corpus Std
Myriad MM Myriad Pro
  Myriad Pro SemiCondensed
  Myriad Pro Condensed
  Myriad Pro SemiExtended
Nueva MM Nueva Std
  Nueva Std Condensed
  Nueva Std Extended
Ocean Sans MM Ocean Sans Std
  Ocean Sans Std Extended
  Ocean Sans Std SemiExtended
Penumbra MM Penumbra Flare Std
  Penumbra HalfSerif Std
  Penumbra Sans Std
  Penumbra Serif Std
Reliq MM Reliq Std Calm
  Reliq Std Active
  Reliq Std Extra Active
Sanvito MM Sanvito Pro
  Sanvito Pro Opticals
Tekton MM Tekton Pro
  Tekton Pro Condensed & Extended
Verve MM Verve Std
Viva MM Viva Std
WatersTitling MM WatersTitling Pro

Problemi relativi ai font OpenType

Un formato di file di font multipiattaforma sviluppato congiuntamente da Adobe e Microsoft, OpenType è un'estensione del formato sfnt TrueType che ora può supportare i dati di font CFF OpenType e nuove funzionalità tipografiche. I font OpenType che contengono contorni OpenType CFF hanno un suffisso del nome file .otf, mentre quelli con contorni TrueType possono avere un suffisso del nome file .otf, .ttf o .ttc. I font OpenType con i contorni OpenType CFF utilizzano il "Compact Font Format" o CFF per memorizzare quei contorni. In Windows 2000, XP, e Vista, è possibile fare doppio clic su un font OpenType per ottenere un foglio di esempio che indica il tipo di contorni del file del font.

In generale, entrambe le "versioni" di OpenType sono ugualmente supportate nelle applicazioni Adobe e nel linguaggio PostScript. Poiché entrambe le versioni condividono le stesse strutture per il supporto multilingue e le funzionalità di layout avanzate di OpenType, solito è semplice per applicazioni e sistemi operativi supportare entrambe le versioni allo stesso modo. Questo documento tratta principalmente i problemi tecnici relativi all'installazione e all'uso dei font CFF OpenType.

Sebbene i font OpenType di Adobe siano compatibili praticamente con tutte le applicazioni, i sistemi operativi e i dispositivi di output recenti, i font simbolo o "pi" di Adobe in formato OpenType utilizzano punti di codice in Unicode che non fanno parte dei set di caratteri standard Windows e Mac di base. (Unicode è uno standard di codifica dei caratteri indipendente dalla piattaforma che mappa ogni carattere in un font su un valore univoco utilizzato per accedere a quel carattere.) Di conseguenza, i caratteri pi e simbolo nei font OpenType non sono accessibili nella maggior parte delle applicazioni dalle normali tastiere. Per ulteriori informazioni su questi problemi consultare il PDF sulle informazioni sui font pi.

Frazioni incoerenti nelle applicazioni compatibili con OpenType:

  1. Base
  2. Numeratori/denominatori (spesso con ampie frazioni predefinite)
  3. Frazioni arbitrarie

I font nella prima categoria hanno generalmente solo le frazioni 1/2, 1/4 e 3/4. Per questi font, l'utilizzo della funzione di layout delle frazioni OpenType può aiutare ad accedere a queste frazioni ma non ad altre.

I font nella seconda categoria tendono ad avere frazioni di terzi e ottavi oltre alle tre di base. Per questi font, è possibile utilizzare le funzioni del numeratore e del denominatore OpenType per accedere ai numeratori e ai denominatori e ciascuna funzione trasformerà un carattere barra in una barra di frazione.

Più avanti nello sviluppo di OpenType, qualcuno ha capito come creare frazioni "arbitrarie", creando la terza categoria. Usando lo stesso insieme di glifi dei font nella categoria 2, semplicemente attivando le "frazioni" OT si può ottenere qualsiasi frazione, anche, ad esempio, 1.023,2/14.077.

Quando Adobe ha avuto occasione di rivedere i font esistenti di "categoria 2", li abbiamo aggiornati alla "categoria 3" per supportare le frazioni arbitrarie. Riteniamo di aver aggiornato tutti questi font dalla metà del 2008. Si noti che i font OpenType più recenti come Garamond Premier Pro, Arno Pro e Hypatia Sans Pro includono glifi di punteggiatura aggiuntivi (punto, virgola, spazio, parentesi sinistra e destra) nella loro funzione di frazione per adattarsi a lingue che utilizzano delimitatori numerici diversi.

Si noti che l'attivazione della formattazione delle frazioni nei font di categoria 3 può anche influenzare i numeri e la punteggiatura che non fanno parte delle frazioni, quindi è necessario fare attenzione ad applicare la formattazione delle frazioni solo alle frazioni stesse. Anche quando si utilizzano font in cui questo non è un problema, è possibile modificare successivamente i font o utilizzare una versione più recente di un font; pertanto Adobe consiglia vivamente agli utenti di attenersi a questa pratica anche quando utilizzano font per i quali l'applicazione globale della formattazione delle frazioni non causa problemi immediati.

Alcuni font OpenType Pro di Adobe come Minion Pro, Garamond Premier Pro, Arno Pro e Hypatia Sans Pro contengono un set completo di glifi greci politonici (antichi). Il comportamento previsto nelle applicazioni compatibili con OpenType e non compatibili con OpenType è il seguente:

  • Le forme di marcatura del maiuscolo sono l'impostazione predefinita.
  • In un'impostazione di tutte le maiuscole, in un'impostazione di tutte le minuscole e nelle impostazioni di maiuscole/minuscole, tutti i glifi perdono i loro segni, tranne Iota (e Iota SC) con una dieresi e Upsilon (e Upsilon SC) con una dieresi. Ciò significa che Iotadieresistonos, Iotadieresisacute, Iotadieresistilde e Iotadieresisgrave perdono ogni segno tranne la dieresi; lo stesso vale per Upsilon.
  • Le maiuscole e minuscole non marcate possono essere sovrascritte in alcuni font (Garamond Premier Pro e Arno Pro) da un set stilistico che renderà visibili tutti i segni. Sia Garamond Premier Pro che Arno Pro si basano su vecchie progettazioni e per questi abbiamo riferimenti storici di periodi in cui le impostazioni di maiuscolo e minuscolo greco erano contrassegnate.

La versione iniziale di Garamond Premier Pro ha moduli maiuscoli non contrassegnati come comportamento predefinito nelle applicazioni non compatibili con OpenType. Inoltre, le versioni di Minion Pro fino alla 2.015 non contengono il comportamento di marcatura/non marcatura più complesso presente in Garamond Premier Pro e Arno Pro (tutte le forme sono solo marcatura). Questo comportamento potrebbe essere aggiunto in una versione futura.

Se stai utilizzando l'ultima versione di ATM Light o un sistema operativo, come Windows Vista, Windows XP, Windows 2000, o Mac OS X (con applicazioni native) che ha il supporto OpenType nativo, i font OpenType CFF dovrebbero funzionare praticamente con tutte le tue applicazioni esistenti. Tuttavia, alcune applicazioni che eseguono alcune o tutte le operazioni di gestione dei font normalmente eseguite dal sistema operativo potrebbero dover essere aggiornate per riconoscere e riprodurre i font OpenType CFF.

AutoCAD (Windows)
Supporta solo i font TrueType e non mostra i font OpenType CFF o Type 1 nei suoi elenchi di menu dei font.
CorelDraw 9, 10, 11 e X3 (Windows)
Per alcune famiglie di font CFF OpenType, CorelDraw 9, 10, 11 e X3 per Windows non mostra determinati spessori nel menu dei font. In genere, un font di base e il suo grassetto collegato allo stile vengono gestiti correttamente, mentre gli spessori aggiuntivi che dovrebbero apparire separatamente nel menu dei font CorelDraw non vengono affatto visualizzati. Ad esempio, se il regolare e il grassetto sono collegati allo stile, i font semi-grassetto potrebbero non apparire nel menu dei font CorelDraw.
Corel Ventura 8 (Windows)
Per alcune famiglie di font CFF OpenType, Corel Ventura 8 per Windows non riesce a stampare determinati spessori. Questi sembrano essere gli stessi casi elencati in precedenza per CorelDraw.
Corel WordPerfect 9 (Windows)
Per alcune famiglie di font CFF OpenType, Corel WordPerfect 9 per Windows visualizza i font con spaziatura estremamente irregolare. A seconda della stampante e del driver, ciò potrebbe influire o meno sull'output stampato. Questi potrebbero essere gli stessi casi elencati in precedenza per CorelDraw.
FrameMaker® 6.0 (Windows)
Se il nome del menu di un font OpenType contiene caratteri accentati, (ad esempio Orgánica GMM Semiserif) FrameMaker 6.0 per Windows non riconosce correttamente questi caratteri e potrebbe visualizzare il nome del font in modo errato nel menu. Notare che il font funziona comunque correttamente. FrameMaker per Windows mostrerà anche un messaggio di errore quando si apre un documento FrameMaker di Macintosh utilizzando tale font, ma il font verrà visualizzato e stampato correttamente.
Freehand 10 (Mac OS X)

Freehand 10 non riesce a stampare su OS X quando un font OpenType CFF contiene un numero elevato di glifi (circa 1100+). Soluzione alternativa: usa Freehand 8 o 9 oppure esegui Freehand 10 con OS 9.

Per molti tipi di font collegati allo stile, se vi si accede direttamente dal menu dei font in Freehand 10, potrebbero apparire corretti sullo schermo, ma non verranno stampati correttamente. Ciò si applica solo ai font accessibili anche tramite un collegamento in grassetto o corsivo. Soluzione alternativa: scegli qualsiasi carattere in stile base dal menu dei font, ma scegli qualsiasi carattere in corsivo o in grassetto utilizzando il popup di stile nel menu di testo per ottenere il font corretto in stampa.

Freehand 8 (Windows)
Freehand 8 stampa i font OpenType CFF come Courier su stampanti PostScript, ma stampa correttamente su stampanti non PostScript. Ciò si verifica solo con la versione Windows.
Microsoft Excel 2000 ed Excel XP (Windows 2000 e Windows XP)
Quando si utilizza l'accessorio Mappa caratteri Windows per copiare/incollare molti caratteri matematici o greci comuni, Excel 2000 li sostituirà con le versioni generiche di questi caratteri. Excel 97, Word 97, Word 2000, Office 2003 e Office 2007 non presentano questo problema.
Microsoft Visio (Windows)
Supporta solo i font TrueType e non mostra i font OpenType CFF o Type 1 nei suoi elenchi di menu dei font.
Mappa caratteri di Microsoft Windows (Windows 2000/XP/Vista)

La mappa caratteri di Windows mostra spazi vuoti o punti elenco per tutti i caratteri non definiti in un font OpenType CFF, invece di ometterli semplicemente e visualizza inoltre i glifi per un certo numero di lingue orientali e indiane che non sono presenti nei font. Ciò può rendere più difficile identificare i caratteri supportati da un font, poiché potrebbe essere necessario scorrere a lungo la mappa dei caratteri.

Inoltre, sebbene quasi tutti i caratteri possano essere selezionati dalla mappa dei caratteri e incollati correttamente nelle applicazioni Unicode (come Microsoft Office), le legature f di FB00-FB04 possono essere visualizzate solo con font TrueType. Anche se è selezionato un font CFF OpenType, la legatura potrebbe essere visualizzata nel font TrueType o OpenType .ttf più vicino disponibile. Questo sembra non essere più il caso in Windows XP SP2, Windows Vista e Office 2003/2007 (cioè vengono incollati i glifi corretti).

Microsoft Word® 2000 e XP (Windows NT/2000/XP)
Microsoft Word® 2000 e XP (Windows NT/2000/XP)
Microsoft Word X (MAC OS X)
Microsoft Word X potrebbe non salvare i font OpenType OTF nelle definizioni di stile. Se si definisce uno stile utilizzando un font OpenType, il font definito nello stile potrebbe tornare a Times quando si salva lo stile. Questo problema è stato risolto nella versione 10.1.2 e negli aggiornamenti successivi a Word X.
Microsoft Word X (MAC OS X)

Alcuni font OpenType Pro potrebbero non essere inseriti correttamente in un documento Word. Ciò si verifica in modo più evidente con i font Pro che hanno glifi CE e ordinati nella parte inferiore del menu dei caratteri di Word. Quando si posiziona il cursore del testo nel mezzo di una parola o alla fine di una riga che è già formattata come un font OpenType Pro, la formattazione della parola cambia nel font predefinito di MS Word. Quando si posiziona il cursore alla fine di una riga di testo e si inizia a digitare, tutto il testo successivo verrà formattato con il font di MS Word predefinito.

Soluzione alternativa: questo problema spesso può essere risolto selezionando le Preferenze di Word, in Opzioni di modifica e deselezionando la voce "Corrispondenza tipo di carattere/tastiera".

PageMaker 7.x (Windows)
PageMaker 7.x stampa alcuni font CFF OpenType recenti (Arno Pro e Hypatia Sans Pro) come Courier nelle stampati PostScript, ma stampa correttamente su stampanti non PostScript.
QuarkXPress 6.x (MAC OS X)
Gli utenti di QuarkXPress® 6.x potrebbero ricevere un messaggio di errore con alcuni font OpenType durante la stampa, indicante che il font "potrebbe essere danneggiato e potrebbe essere sostituito con Courier"; è sufficiente fare clic su OK e continuare. In genere, il font viene comunque visualizzato correttamente. Una possibile soluzione per evitare l'avviso è fornita da Quark all'indirizzo http://www.quark.com/service/desktop/downloads/details.jsp?idx=545
Quark Xpress 6.5 (MAC OS X 10.4.x)
Gli utenti di Quark Xpress 6.5 in MAC OS X 10.4.x potrebbero notare che a determinati livelli di zoom, la spaziatura sullo schermo dei font OpenType appare irregolare. I livelli di zoom con incrementi di 10 (100%, 110%, 120%, e così via) vengono visualizzati correttamente, ma altri valori che non sono incrementi di 10 (162%, 123%, e così via) potrebbero visualizzare una spaziatura disomogenea o irregolare. Ciò non influisce sull'output stampato.
Suitcase 10 (Mac OS)
Extensis Suitcase 10 può attivare i font OpenType solo quando viene eseguito in MAC OS X e solo per applicazioni carbon o native (non applicazioni Classic). Se si utilizza Mac OS 8 o 9 (non Classic), utilizzare ATM Deluxe invece di Suitcase.

Potrebbe essere installata una famiglia di font. Alcuni font della famiglia installati vengono visualizzati nel menu dei font. In particolare, mancano alcuni spessori e tutti i font Italic. Il problema si verifica generalmente in alcune applicazioni (ad esempio Microsoft Word, Adobe PageMaker, QuarkXPress) e non in altre (Photoshop, Illustrator, InDesign).

Soluzione:

I font mancanti sono accessibili utilizzando i pulsanti di stile grassetto e corsivo in ciascuna applicazione. Sono disponibili due metodi per stabilire quali font sono collegati tra loro.

  1. Utilizzare il sito Web Adobe. Visita il sito http://www.adobe.com/type, e seleziona il pacchetto di font che contiene i font in questione. Fai clic sul font specifico nel pacchetto per accedere alla pagina Web che mostra il set di caratteri completo per quel tipo di font. Fai clic sulla scheda "Ulteriori informazioni". Nella parte inferiore della colonna è presente la voce "Nome menu Windows/PC". Questa voce mostra come viene elencato il font nel menu delle applicazioni Windows e quali pulsanti di stile aggiuntivi sono necessari per accedere al font.
  2. Seleziona il percorso in cui sono installati i font mancanti sul tuo computer e fai doppio clic su ognuno di esso. La finestra di esempio che viene visualizzata ha il nome del font in caratteri grandi in alto. Due righe sotto è presente una voce denominata "Nome carattere"; questo è il nome che compare nel menu dei font.

Ulteriori informazioni:

Il collegamento agli stili viene utilizzato con i font di tutti i formati nelle applicazioni Windows standard. La maggior parte delle applicazioni Windows mostra solo il "font base" di qualsiasi gruppo collegato allo stile nei menu dei font. I font aggiuntivi collegati allo stile non verranno visualizzati separatamente nel menu dei font di queste applicazioni.

 

La possibilità di selezionare direttamente i font collegati allo stile (grassetto e corsivo) è disponibile solo in poche applicazioni Windows, in particolare quelle che ignorano la gestione dei font del sistema operativo (come Photoshop, Illustrator e InDesign). Nelle tipiche applicazioni Windows, l'unico modo per accedere ai font collegati allo stile è utilizzare il collegamento dello stile. In caso contrario, i font non vengono visualizzati automaticamente nel menu. Se vuoi utilizzare i font a cui è possibile accedere dai pulsanti grassetto e corsivo in queste applicazioni, l'unico modo è utilizzare questi "stili".

 

Gli utenti abituati al sistema operativo Mac OS (o alle applicazioni che consentono l'accesso diretto ai font collegati allo stile) spesso in modo errato: (1) si aspettano che sia sempre possibile "scegliere direttamente" anche un font in grassetto o corsivo collegato allo stile da un menu di font in qualsiasi applicazione; e (2) ritengono sia sbagliato o limitativo utilizzare i font tramite i collegamenti di stile.

 

La limitazione dell'uso dei collegamenti di stile è che nella maggior parte delle applicazioni, se non esiste alcun font collegato allo stile effettivo, il sistema operativo Windows fornirà un'approssimazione simulata, senza avvisare che il "carattere di base" viene semplicemente inclinato o contornato in corsivo o grassetto approssimativo. Senza un'attenta ispezione (ingrandendo o stampando), può essere difficile vedere la differenza sullo schermo. Finché è presente un collegamento di stile e il font collegato è disponibile, il font reale collegato allo stile verrà utilizzato nel documento e per la stampa.

Nota:

Questo problema si verifica anche con i font OpenType, PostScript Type 1 e TrueType su Windows.

Quando i documenti vengono creati in alcune applicazioni Mac OS e aperti nella versione Windows dell'applicazione, i font visualizzati sono errati. Anche se gli stessi font sono installati su Windows, la versione Windows dell'applicazione non riconosce che lo stesso font è già installato. Il problema si verifica nelle principali applicazioni Windows, come Microsoft Word, Adobe PageMaker e QuarkXPress (ma non in Illustrator, Photoshop o InDesign).

Soluzione:

Questo è un altro aspetto del problema del collegamento dello stile descritto sopra. Per evitare il problema, quando possibile, l'utente del sistema operativo Mac OS deve selezionare il font di base e utilizzare i collegamenti di stile per accedere ai font collegati allo stile, piuttosto che selezionare i font collegati allo stile (grassetto o corsivo) direttamente dal menu dei font.

Sfondo:
la maggior parte delle informazioni nella sezione relativa al collegamento dello stile è valida anche per gli utenti Mac OS; l'unica differenza è che gli utenti Mac hanno la possibilità di selezionare direttamente i font. Tuttavia, per alcune applicazioni, se un utente crea documenti Mac che verranno utilizzati anche su Windows, deve utilizzare i collegamenti di stile quando disponibili, altrimenti la versione Windows dell'applicazione non sarà in grado di identificare correttamente il font utilizzato.

Nota:

Questo problema si verifica anche con i font OpenType, PostScript Type 1 e TrueType su Windows.

In determinate condizioni, i font OpenType potrebbero perdere la loro icona distintiva. Nella maggior parte dei casi, ciò non causa problemi di funzionamento dei font. Tuttavia, un problema noto è che i font vengono inseriti nella cartella dei font di un'applicazione Adobe o nella cartella dei font Supporto applicazioni: Adobe potrebbe non essere riconosciuto dalle applicazioni Adobe che normalmente supportano l'uso di tali cartelle.

Mac OS X:
ricostruire i file delle preferenze LS (Launch Services). Tieni presente che ciò potrebbe causare la perdita delle modifiche personalizzate apportate in precedenza (ad esempio, nella finestra Mostra informazioni).

  1. Trascina i file LSApplications, LSClaimedTypes e LSSchemes sul desktop dalla cartella /Libreria/Preferenze della directory principale.
  2. Riavvia il computer. Il sistema operativo Mac OS dovrebbe ricreare i tre file.

Informazioni aggiuntive:

Adobe crea pacchetti dei font OpenType in modo che visualizzino l'icona corretta una volta decompressi. In OS 8 e 9, i codici Type e Creator del file vengono utilizzati insieme al file Mac OS Desktop DB per assegnare le icone corrette ai file. Se i codici Type e Creator sono errati o mancano oppure il Desktop DB è danneggiato, le icone potrebbero non essere visualizzate correttamente. Inoltre, lo spostamento di font OpenType da altri sistemi operativi, come Windows o Unix, può danneggiare o eliminare il fork delle risorse del sistema operativo Mac OS, che contiene i codici Type e Creator e le icone personalizzate. L'icona OpenType standard è visibile da Type "sfnt" e Creator "ATMC".

Mac OS X può utilizzare i codici Type e Creator o le estensioni dei file per determinare i tipi di file e le icone da utilizzare. Queste informazioni vengono memorizzate nei file delle preferenze LS (Launch Services).

Crenatura nelle applicazioni ATSUI:
le applicazioni che utilizzano il motore Apple Type Services for Unicode Imaging (ATSUI) (ad esempio Keynote e Pages) non riescono a utilizzare i valori di crenatura in molti font OpenType. Adobe sta lavorando con Apple per cercare di risolvere questo problema.

Crenatura nelle applicazioni Cocoa:
in Mac OS X (fino ad almeno la versione 10.2.4), il supporto nativo in MAC OS X non include il supporto per le informazioni di crenatura nei font OpenType CFF e Type 1. Ciò significa che le applicazioni Cocoa per OS X che si basano sul sistema operativo per fornire informazioni sulla crenatura (piuttosto che leggere direttamente il font OpenType) visualizzano il font privo di coppie di crenatura.

Varianti ottiche nella tavolozza dei font di OS X:
alcune applicazioni Mac OS X utilizzano la nuova "Tavolozza di font" per scegliere i font, in alternativa ai menu di font tradizionali. In queste applicazioni, con famiglie che offrono font variabili di diverse dimensioni ottiche, come Display, Subhead e Caption, il font normale potrebbe non essere visualizzato nella Tavolozza dei font. Ciò si verifica in Mac OS X fino alla versione 10.2.8. È stato corretto in MAC OS X 10.3 e versioni successive.

Collegamento di stili in applicazioni carbon/native:
come riportato di seguito, questo problema è stato originariamente risolto nella versione 10.2.3, ma sembra verificarsi nuovamente nella versione 10.4. Questo problema è stato risolto in Mac OS X 10.4.9

MAC OS X, problemi risolti nelle versioni 10.2.3 e 10.4.9:
collegamento di stili in applicazioni carbon/native:
Il supporto nativo OpenType OTF in MAC OS X inizialmente non includeva il supporto per i collegamenti di stile tra i font OTF. Ciò significa che le applicazioni native o carbon di OS X che si basavano sul sistema operativo per fornire informazioni sui collegamenti di stile considereranno i font privi di collegamenti di stile. Pertanto i pulsanti di stile grassetto e corsivo non funzioneranno o creeranno stili sintetizzati (sbavati o inclinati) invece di accedere al font corretto. Ciò può avere alcune ripercussioni: l'apertura o l'importazione di un documento creato con un sistema operativo precedente con font OpenType OTF utilizzando i collegamenti di stile può causare il mancato rilevamento del font corretto. Soluzione: per le applicazioni che utilizzano il motore di font comune di Adobe, come InDesign, Photoshop e Illustrator, è possibile risolvere questo problema inserendo i font nella cartella dei font dell'applicazione o nella cartella support:Adobe:Fonts dell'applicazione. Questo problema è stato risolto dalla versione 10.2.3 alla 10.3.9 di Mac OS X, ma si è verificato nuovamente nella versione 10.4.0 ed è stato risolto con la release 10.4.9. Mac OS X 10.2.2 supporta i collegamenti di stile, che però possono fornire risultati errati/imprevisti.

Problemi risolti in Mac OS X 10.2:

Crenatura nelle applicazioni carbon/native:
in Mac OS X 10.0 e 10.1, il supporto OpenType OTF nativo in Mac OS X non includeva il supporto per le informazioni di crenatura nel font. Ciò significa che le applicazioni native o carbon che si basano sul sistema operativo per fornire informazioni sulla crenatura (piuttosto che leggere direttamente il font OpenType) potrebbero visualizzare il font privo di coppie di crenatura. Questo problema non riguarda alcuna applicazione Adobe che utilizza il motore di font comune di Adobe, come InDesign, Photoshop e Illustrator. Non sono interessate da questo problema anche le applicazioni non ancora carbon, come PageMaker e FrameMaker. Questo problema è stato risolto in Mac OS X 10.2.

Caratteri non ASCII nelle applicazioni QuickDraw carbon:
in Mac OS X 10.0 e 10.1, il supporto nativo OpenType OTF in Mac OS X causava una visualizzazione errata di alcuni caratteri non ASCII nelle applicazioni QuickDraw carbon. I caratteri non ASCII sono quelli con codifica MacRoman 128-255, accessibili tramite la combinazione dei tasti opzione o opzione-Maiusc. Nelle applicazioni carbon che utilizzano ancora QuickDraw per la visualizzazione (piuttosto che ATSUI o il motore di font comune di Adobe), alcuni di questi caratteri vengono visualizzati come caratteri diversi o come non definiti. Nonostante il problema di visualizzazione, i caratteri vengono stampati correttamente sui dispositivi PostScript e non PostScript. Questo problema è stato risolto in Mac OS X 10.2

I fonti TrueType Flavored OpenType (.ttf) generalmente non sono supportati dalle versioni precedenti di Mac OS X. Alcune applicazioni Adobe selezionate come Adobe Photoshop, Adobe Illustrator e Adobe InDesign possono utilizzare questi font se vengono inseriti in una cartella "Font" all'interno della cartella principale dell'applicazione. Tutte le applicazioni in esecuzione su OS X (fuori dall'ambiente Classic) possono utilizzare i font.

Autorizzazioni font

Tutti i font in Adobe Type Library possono essere incorporati nei file PDF (Portable Document Format) di Adobe e in altri tipi di documenti elettronici. Molti possono anche essere modificati per uso interno. Per visualizzare un elenco delle autorizzazioni specifiche per tutti i font in Adobe Type Library, fare riferimento alla pagina dei diritti di licenza aggiuntivi.

Gli utenti con licenza di Adobe Digital Publishing Suite godono di diritti di incorporamento estesi per una parte selezionata di Adobe Type Library. Hai ottenuto la licenza direttamente da Adobe per uno degli oltre 800 font di Adobe Fonts elencati nella pagina dei diritti di licenza aggiuntivi identificati come "disponibili per utenti DPS con licenza"? In caso affermativo, è possibile incorporare copie del software dei font nel contenuto DPS senza ulteriori estensioni di licenza o costi di utilizzo. Questi diritti di incorporamento estesi sono limitati alla distribuzione di tali font incorporati esclusivamente come parte del contenuto distribuito nel formato file proprietario di Adobe per DPS ("file .folio") che è reso disponibile agli utenti finali per scopi di visualizzazione solo come parte del Visualizzatore del cliente.

Incorporamento dei font

I font OpenType® contengono informazioni nel file del font effettivo che rafforzano quanto specificato nell'EULA di Adobe. L'accordo definisce come questi font possono essere incorporati nei documenti elettronici. Secondo la specifica OpenType, è possibile includere quattro possibili impostazioni di autorizzazione in un font OpenType (dal più restrittivo al meno restrittivo).

Nessun incorporamento

Questa autorizzazione segnala che il font o qualsiasi parte del font non può essere incorporato in alcun documento elettronico. Sebbene in Adobe Type Library non siano presenti font con questa autorizzazione, alcune foundry di font di terze parti potrebbero impostare i propri font su "nessun incorporamento" o vietare l'incorporamento tramite il contratto di licenza con l'utente finale.

Anteprima e stampa

Un font con un'autorizzazione all'incorporamento di Anteprima e stampa consente al font, completamente o come sottoinsieme, di essere incorporato in un documento elettronico esclusivamente per visualizzare quel documento sullo schermo e/o stamparlo. Sebbene un font con un'autorizzazione all'incorporamento di Anteprima e stampa (tramite i dati nel file del font o il contratto di licenza del font) possa essere incorporato in un documento elettronico, il font incorporato potrebbe non essere utilizzato per modificare ulteriormente il documento in cui è contenuto o per modificare o creare altri documenti. La maggior parte dei font in Adobe Type Library sono impostati per l'incorporamento Anteprima e stampa.

Modificabile

I font con un'autorizzazione di incorporamento modificabile possono essere incorporati nei documenti elettronici e il font incorporato può quindi essere utilizzato dal destinatario del documento elettronico per visualizzare, stampare e modificare ulteriormente o modificare il testo e la struttura del documento in cui è incorporato. Queste modifiche possono quindi essere salvate nel documento originale. Diversi font in Adobe Type Library, inclusi tutti i caratteri tipografici Adobe Originals, altri caratteri tipografici di proprietà di Adobe e alcuni caratteri tipografici di foundry di font di terze parti, consentono l'incorporamento modificabile.

Per molti anni, il Contratto di licenza con l'utente finale (EULA) dei font di Adobe ha consentito ai clienti di modificare qualsiasi font concesso in licenza da Adobe Type Library (ATL). Tuttavia, molti font in ATL ci vengono concessi in sublicenza da altre società e di recente abbiamo dovuto smettere di offrire i diritti di modifica per alcuni font. Se hai acquistato i font da Adobe prima dell'8 agosto 2011, hai ancora i diritti di modifica concessi dall'EULA fornito on il font. Tuttavia, esiste un nuovo EULA per i font acquistati dopo tale data. Fare riferimento alla tabella seguente per determinare i diritti di modifica consentiti per qualsiasi font ATL.

Comprensione delle autorizzazioni font

Per visualizzare una spiegazione delle autorizzazioni per l'incorporamento dei font, visualizzare l'autorizzazione all'incorporamento dei font di Adobe.

Tabella delle autorizzazioni font

Chiave:

  1. Con licenza per l'incorporamento di stampa e anteprima.
  2. Con licenza per incorporamento modificabile.
  3. Con licenza per la modifica.
  4. Con licenza per gli utenti che dispongono della licenza diretta di DPS
  5. Font open source con licenza.

A G O
Acumin Pro 1 2 3 4 Galahad 1 2 3 Ocean Sans 1
Aachen 1 ITC Galliard 1 OCR-A 1 2 3 4
Adobe Arabic 1 2 34 Game Pi 1 OCR-B 1 2 3 4
Adobe Devanagari 1 2 3 4 ITC Adobe Garamond 1 Octavian 1
Adobe Fangsong 1 2 3 4 Garamond 3 1 ITC Officina Sans 1
Adobe FanHeiti 1 2 3 4 Adobe Garamond 1 2 3 4 ITC Officina Serif 1
Adobe Gothic 1 2 3 4 ITC Garamond Handtooled 1 Old Claude 1 3
Adobe Gujarati 1 2 3 4 Garamond Premier 1 2 3 4 Old Style 7 1
Adobe Gurmukhi 1 2 3 4 Simoncini Garamond 1 2 Monotype Old Style 1
Adobe Hebrew 1 2 3 4 Stempel Garamond 1 Olympian 1
Adobe Heiti 1 2 3 4 Garth Graphic 1 Omnia 1
Adobe Kaiti 1 2 3 4 Gazette 1 Ondine 1
Adobe Ming 1 2 3 4 Giddyup 1 2 3 4 Onyx 1
Adobe Myungjo 1 2 3 4 Gill Floriated Capitals 1 Optima 1
Adobe Naskh 1 2 3 4 Gill Sans 1 Orator 1 2 3 4
Adobe Song 1 2 3 4 ITC Giovanni 1 Orgánica GMM 1 3
Adobe Tamil 1 2 3 4 Glypha 1 Origami 1
Adobe Text 1 2 3 4 Gothic 13 1 Ouch! 1 2 3 4
Adobe Thai 1 2 3 4 Goudy 1 Oxford 1
Albertus 1 Monotype Goudy Modern 1 ITC Ozwald 1
Aldus 1 ITC Goudy Sans 1  
Alexa 1 2 3 4 Goudy Text 1 P
ITC American Typewriter 1 Granjon 1 Palace Script 1
Americana 1 Graphite 1 4 Palatino 1
Amigo 1 MVB Greymantle 1 3 Parisian 1
Andreas 1 2 3 Monotype Grotesque 1 Park Avenue 1
ITC Anna 1 Guardi 1 Peignot 1
Antique Olive 1   Pelican 1
Apollo 1   Penumbra Flare 1 2 3
Arcadia 1   Penumbra Half Serif 1 2 3
Arcana 1 3 H Penumbra Sans 1 2 3
Ariadne 1 Hadriano 1 Penumbra Serif 1 2 3
Arno 1 2 3 4 Hardwood 1 3 Pepita 1
Arnold Böcklin 1 Heisei Kaku Gothic 1 2 3 4 Pepperwood 1 2 3 4
Ashley Script 1 Heisei Maru Gothic 1 2 3 4 Perpetua 1
Astrology Pi 1 Heisei Mincho 1 2 3 4 Phoreus Cherokee1 2
Audio Pi 1 Helvetica 1 Photina 1
Auriol 1 Helvetica Inserat 1 Plantin 1
ITC Avant Garde Gothic 1 Helvetica Neue 1 Poetica 1 2 3 4
Avenir 1 Helvetica Rounded 1 Pompeia 1
  Herculanum 1 Pompeijana 1
B ITC Highlander 1 Ponderosa 1 2 3 4
Baker Signet 1 Hiroshige 1 3 Poplar 1 2 3 4
Balzano 1 2 3 4 Hobo 1 2 3 4 Postino 1 2 3 4
Banco 1 Holiday Pi 1 Present 1
Banshee 1 2 3 4 Horley Old Style 1 Prestige Elite 1 4
Baskerville Cyrillic 1 HY GungSo 1
Bauer Bodoni 1 2 HY Kak Headline 1 Q
ITC Bauhaus 1 HY Rounded Gothic 1 Quake 1 2 3 4
ITC Beesknees 1 Hypatia Sans 1 2 3 4 ITC Quorum 1
Bell Centennial 1 2 3 4    
Bell Gothic 1 I R
Bell 1 Immi 505 1 2 3 4 Rad 1 2 3 4
Belwe 1 Impact 1 Raleigh 1
Bembo 1 Impressum 1 2. Raphael 1
ITC Benguiat 1 Industria 1 Reliq 1 2 3
ITC Benguiat Gothic 1 Inflex 1 Reporter 1
ITC Berkeley Oldstyle 1 Insignia 1 Revue 1
Berling 1 Ironwood 1 2 3 4 Rockwell 1
Bermuda 1 3 Isabella 1 Romic 1
Bernhard 1 ITC Isadora 1 Rosewood 1 2 3 4
Bernhard Modern 1 Italia 1 Rotation 1
Bickham Script 1 2 3 4 Monotype Italian Old Style 1 Rotis Sans Serif 1
Biffo 1   Rotis Semi Sans 1
Birch 1 2 3 4 J Rotis Semi Serif 1
Blackoak 1 2 3 4 Janson Text 1 Rotis Serif 1
Blue Island 1 2 3 Adobe Jenson 1 2 3 4 Ruling Script 1
Bodoni 1 Jimbo 1 2 3 Runic 1
ITC Bookman 1 Joanna 1 Russell Oblique 1
Border Pi 1 Juniper 1 2 3 4 Russell Square 1
MVB Bossa Nova 1 3   Rusticana 1
Briem Akademi 1 3 K Ruzicka Freehand 1
Briem Script 1 3 Kabel 1 Ryo Display PlusN 1 2 3 4
Brioso 1 2 3 4 ITC Kabel 1 Ryo Gothic PlusN 1 2 3 4
Bruno 1 3 Kaufmann 1 Ryo Text PlusN 1 2 3 4
Brush Script 1 2 3 4 Kazuraki SP2N 1 2 3 4  
Bulmer 1 Kepler 1 2 3 4 S
Bundesbahn Pi 1 Khaki 1 Sabon 1
  Kigali 1 3 San Marco 1
C Kinesis 1 2 3 Sanvito 1 2 3 4
PMN Caecilia 1 Kino 1 Sassafras 1
Caflisch Script 1 2 3 4 Klang 1 Sava 1 2 3
Calcite 1 2 3 Koch Antiqua 1 Stempel Schneidler 1 2
Caliban 1 2 3 4 Kolo 1 3 Monotype Scotch Roman 1
Calvert 1 Kompakt 1 Monotype Script 1
Candida 12. ITC Korinna 1 ITC Serif Gothic 1
Cantoria 1 Kozuka Gothic 1 2 3 4 Serifa 1 2
Caravan Borders 1 Kozuka Mincho 1 2 3 4 Serlio 1
Carolina 1 Künstler Script 1 Serpentine 1
Carta 1 2 3   Shannon 1
Cascade Script 1 L Shelley 1
Adobe Caslon 1 2 3 4 Latin 1 Sho 1
ITC Caslon 224 1 Leander Script 1 2 3 4 Shuriken Boy 1 2 3 4
Caslon 3 1 ITC Leawood 1 Silentium 1 2 3
Caslon 540 1 ITC Legacy Sans 1 ITC Slimbach 1
Caslon Open Face 1 ITC Legacy Serif 1 Smaragd 1
Castellar 1 Legault 1 3 SMGothic 1
Caxton 1 Letter Gothic 1 2 3 4 SMMyungjo 1
MVB Celestia Antiqua 1 3 Life 1 Snell Roundhand 1
Centaur 1 LinoLetter 1 Sonata 1 2 3
Linotype Centennial 1 Linoscript 1 Source Code 1 2 3 4 5
ITC Century 1 Linotext 1 Source Han Sans 1 2 3 4 5
Century Expanded 1 Lithos 1 2 3 4 Source Sans 1 2 3 4 5
ITC Century Handtooled 1 LogoArl 1 Source Serif 1 2 3 4 5
Century Old Style 1 2 3 4 LogoCut 1 ITC Souvenir 1
ITC Cerigo 1 LogoLine 1 Spartan 1
Chaparral 1 2 3 4 ITC Lubalin Graph 1 Spectrum 1
Charlemagne 1 2 3 4 Lucida 1 Spring 1 3
Charme 1 2 Lucida Math 1 Spumoni 1 3
ITC Cheltenham 1 Lucida Sans Typewriter 1 Stencil 1 2 3 4
ITC Cheltenham Handtooled 1 Lucida Typewriter 1 ITC Stone Informal 1
Cheq 1 2 3   ITC Stone Sans 1
Clairvaux 1 M ITC Stone Serif 1
Clarendon 1 ITC Machine 1 Strayhorn 1
ITC Clearface 1 Madrone 1 2 3 4 Strumpf 1 2 3 4
Clearface Gothic 1 MVB Magnesium 1 3 Studz 1 2 3
Cloister 1 MVB Magnolia 1 3 Symbol 1 2 3 4
Club Type 1 3 Manito 1 3 ITC Symbol 1
Cochin 1 Marigold 1 Syntax 1
Conga Brava 1 2 3 Mathematical Pi 1  
Conga Brava Stencil 1 2 3 Matura 1 T
Cooper Black 1 2 3 4 Maximus 1 Tekton 1 2 3 4
Copal 1 2 3 4 Medici Script 1 Tempo 1
Copperplate Gothic 1 Melior 1 ITC Tiepolo 1
Coriander 1 2 3 4 Memphis 1 ITC Tiffany1
Corona 1 ITC Mendoza Roman 1 Times 1
Coronet 1 Mercurius 1 Times Europa 1
Cottonwood 1 2 3 4 Meridien 1 Times New Roman 1
Courier 1 2 3 4 Mesquite 1 2 3 4 Times Ten 1
Critter 1 2 3 Mezz 1 2 3 Toolbox 1 2 3 4
Cronos 1 2 3 4 MICR 1 4 Trade Gothic 1
ITC Cushing 1 Minion 1 2 3 4 Trajan 1 2 3 4
Cutout 1 2 3 4 Minister 1 Trajan Sans 1 2 3 4
  Mistral 1 Trump Mediäval 1
D Mojo 1 2 3  
Dante 1 ITC Mona Lisa 1 U
Decoration Pi 1 Monoline Script 1 Umbra 1
Delphin 1 Monotype Modern 1 Univers 1
Linotype Didot 1 Montara 1 2 3 Universal 1
DIN Schriften 1 Moonglow 1 2 3 University 1
Diotima 1 ITC Motter Corpus 1 ITC Usherwood 1
Diskus 1 Myriad 1 2 3 4 Utopia 1 2 3 4
Dom Casual 1 Myriad Arabic 1 2 3 4  
Dorchester Script 1 Myriad Hebrew 1 2 3 4 V
Doric 1 Myriad Hebrew Cursive 1 2 3 4 VAG Rounded 1
Duc de Berry 1 Mythos 1 2 3 4  Vectora 1
    ITC Veljovic 1
E N Versailles 1
Eccentric 1 National Codes Pi 1 Verve 1 3
Egyptienne F 1 Neue Hammer Unziale 1 Visigoth 1
Ehrhardt 1 Neuland 1 Viva 1 2 3 4
Electra 1 Neuzeit S 1 Voluta Script 1 2 3 4
Ellington 1 New Aster 1
Else NPL 1 ITC New Baskerville 1 W
MVB Emmascript 1 3 New Berolina 1 Warning Pi 1
Engravers 1 New Caledonia 1 Warnock 1 2 3 4
ITC Eras 1 New Century Schoolbook 1 Waters Titling 1 2 3
ITC Esprit 1 News Gothic 1 2 3 4 ITC Weidemann 1
European Pi 1 Notre Dame 1 Weiss 1
Eurostile 1 ITC Novarese 1 Wendy 1 2 3
Ex Ponto 1 2 3 Nueva 1 2 3 4 Wiesbaden Swing 1
Excelsior 1 Nuptial Script 1 Wilhelm Klingspor Gotisch 1
  Nyx 1 2 3 Wilke 1
F   Willow 1 2 3 4
Fairfield 1   Wittenberger Fraktur 1
Falstaff 1   Adobe Wood Type 1 2 3 4
ITC Fenice 1   ITC Zapf Chancery 1
Fette Fraktur 1   ITC Zapf Dingbats 1
Flood 1 2 3 4   Zebrawood 1 2 3 4
ITC Flora 1   Zipty Do 1
Fairfield 1   Wittenberger Fraktur 1
Falstaff 1   Adobe Wood Type 1 2 3 4
ITC Fenice 1   ITC Zapf Chancery 1
Fette Fraktur 1   ITC Zapf Dingbats 1
Flood 1 2 3 4   Zebrawood 1 2 3 4
ITC Flora 1   Zipty Do 1
Florens 1 3    
Flyer 1    
Folio 12.    
Forte 1    
Fournier 1    
Franklin Gothic 1    
ITC Franklin Gothic 1    
Freestyle Script 1    
Friz Quadrata 1    
Frutiger 1    
Fusaka 1 2 3 4    
Futura 1 2

Font open source

Alcuni font distribuiti da Adobe sono font open source con termini di licenza che forniscono diritti di utilizzo illimitati e maggiore libertà creativa.

Potresti trovare pochi font limitati inclusi con i prodotti software Adobe. I font limitati possono essere utilizzati per l'uso esclusivo del software stesso, ad esempio per la visualizzazione dei menu, le interfacce o l'elaborazione dei documenti. Tali font non sono concessi in licenza per essere utilizzati nei propri documenti.

Molti di questi font sono disponibili anche con l'acquisto di una licenza desktop perpetua o tramite la sincronizzazione dei font Typekit. Se si dispone di un Contratto di licenza con l'utente finale (EULA) separato per un font che consente di utilizzarlo nel software desktop, è possibile continuare a utilizzarlo. Assicurati di leggere attentamente l'EULA per capire quale uso è consentito.

L'EULA limita l'utilizzo di determinati font al funzionamento del solo software Adobe? Di seguito è riportato un elenco di font disciplinati dai termini limitanti dell'EULA.

ADMUI2.fon AdobeCleanUI-Regular.otf AdobeThai-Regular.otf

ADMUI3.fon

AdobeCleanUI-Bold.otf

CourierStd.otf

AdobeArabic-Bold.otf

AdobeCleanUI-Italic.otf

CourierStd-Bold.otf

AdobeArabic-BoldItalic.otf

AdobeCleanUI-BoldItalic.otf

CourierStd-BoldOblique.otf

AdobeArabic-Italic.otf

AdobeHebrew-Bold.otf

CourierStd-Oblique.otf

AdobeArabic-Regular.otf

AdobeHebrew-BoldItalic.otf

Kenten Generic.otf

AdobeClean-Light.otf

AdobeHebrew-Italic.otf

KozGoPr6N-Medium.otf

AdobeClean-Regular.otf

AdobeHebrew-Regular.otf

KozMinPr6N-Regular.otf

AdobeClean-Bold.otf

AdobeHeitiStd-Regular.otf

MinionPro-Bold.otf

AdobeClean-ExtraBold.otf

AdobeInvisibleFont

MinionPro-BoldIt.otf

AdobeClean-Black.otf

AdobeMingStd-Light.otf

MinionPro-It.otf

AdobeClean-SemiCn.otf

AdobeMyungjoStd-Medium.otf

MyriadCAD.otf

AdobeClean-BoldSemiCn.otf

AdobePiStd.otf

MinionPro-Regular.otf

AdobeClean-LightIt.otf

AdobeSansMM (font Type 1)

MyriadPro-Bold.otf

AdobeClean-It.otf

AdobeSerifMM (Type 1 font) MyriadPro-BoldIt.otf

AdobeClean-BoldIt.otf

AdobeSongStd-Light.otf

MyriadPro-It.otf

AdobeClean-ExtraBoldIt.otf

AdobeThai-Bold.otf MyriadPro-Regular.otf

AdobeClean-BlackIt.otf

AdobeThai-BoldItalic.otf

Premiere.fon

AdobeClean-SemiCnIt.otf

AdobeThai-Italic.otf Symbol(font Type 1)

AdobeClean-BoldSemiCnIt.otf