In questo documento viene illustrato come risolvere i problemi di registrazione, riproduzione o monitoraggio in Adobe Audition CS5.5, CS6 o CC. 

I problemi di registrazione possono manifestarsi in diversi modi, tra cui, a titolo di esempio, quelli riportati di seguito: 

  • La qualità dell'audio registrato è scadente. 
  • L'audio viene monitorato dal sistema ma il file audio registrato è vuoto. 
  • Ritardi di riproduzione durante il monitoraggio degli ingressi audio o la registrazione. 
  • Parti di registrazione mancanti o interruzioni nella registrazione.

I problemi di registrazione o riproduzione possono essere causati da diversi fattori, tra cui conflitti tra driver di dispositivo, componenti software e hardware e elementi danneggiati in file specifici. Sebbene alcuni problemi possano verificarsi solo quando utilizzate Adobe Audition, ciò non significa che Adobe Audition ne sia necessariamente la causa. È possibile che questa sia l'unica applicazione che richiede una notevole quantità di memoria o di elaborazione del processore da portare alla luce il problema. 

Per trarre il massimo beneficio dal presente documento, eseguite le operazioni in ordine sequenziale. Tenete traccia delle operazioni effettuate e dei relativi risultati, inclusi errori o altri problemi. Ciò consente al supporto tecnico di Adobe di utilizzare queste informazioni per fornire una migliore assistenza in caso di necessità. 

Nota:

Se stai cercando informazioni sulle versioni precedenti di Audition, fai clic qui.

 

Latenza audio 

La latenza audio è il periodo di tempo impiegato da un segnale audio per passare dall'ingresso all'uscita della scheda audio. Il segnale audio viene digitalizzato e indirizzato tramite Adobe Audition, dopo di che viene elaborato da tutti gli effetti applicati. Il segnale viene quindi convertito di nuovo in formato analogico in modo da poter essere udito (monitorato) con le uscite della scheda audio. Tutte queste fasi contribuiscono a generare latenza audio che viene misurata in millisecondi (ms). L'audio esistente (ossia i file audio di una traccia nella multitraccia) non presenta la stessa quantità di latenza poiché le tracce sono già state digitalizzate. In Adobe Audition, questa discrepanza nel ritardo di riproduzione tra le tracce esistenti e gli ingressi di monitoraggio, è il punto in cui la latenza è più evidente. 

In genere, una latenza oltre i 10 millisecondi può produrre un ritardo udibile tra la riproduzione di tracce esistenti e il monitoraggio. Le impostazioni del buffer (vedete il punto 6 di seguito) possono aiutare a ridurre la latenza. Tuttavia, la progettazione del driver del dispositivo hardware e la quantità di elaborazione degli effetti possono rendere il monitoraggio potenzialmente difficile (o inutilizzabile). Se il driver della scheda audio non consente una latenza sufficientemente bassa, è possibile che il monitoraggio non venga eseguito durante la registrazione. Provate una nuova scheda audio con driver a bassa latenza, ad esempio una scheda audio ASIO. 

Linee guida generali applicabili ai tempi di latenza. 

  • Meno di 10 ms: consente il monitoraggio in tempo reale delle tracce in ingresso, inclusi gli effetti. 
  • 10 ms: la latenza viene rilevata ma può risultare ancora naturale e può essere utilizzata per il monitoraggio. 
  • Da 11 a 20 ms: il monitoraggio inizia a diventare inutilizzabile, si verifica una deformazione della sorgente audio e l'uscita monitorata è evidente. 
  • 20-30 ms: il suono ritardato inizia a essere percepito come un ritardo vero e proprio anziché parte del segnale originale. 

Nota: l'orecchio umano è abituato alla latenza poiché si verifica in modo naturale nel mondo circostante. La frequenza di un suono, la distanza dalla sorgente del suono e le proprietà fisiche dell'orecchio umano svolgono tutte un ruolo importante nell'ascolto. La latenza introdotta nel processo di registrazione e di monitoraggio è dovuta alle proprietà fisiche e alle limitazioni della scheda audio, dei driver di dispositivo e della potenza di elaborazione della CPU. 

Risoluzione dei problemi 

1. Verificate che il sistema soddisfi i requisiti minimi di Adobe Audition.

Adobe Audition non funziona correttamente in un sistema che non soddisfa i seguenti requisiti:

Audition CC

Audition CS6

Audition CS5.5

2. Verificate che sia stato selezionato il driver adatto per Adobe Audition.

Adobe Audition CS5.5 e versioni successive utilizzano i driver ASIO e MME/WDM in Windows e Core Audio in Mac OS. ASIO (Audio Stream Input/Output) è un protocollo di trasferimento multicanale che consente al software compatibile di accedere direttamente alle funzionalità multicanale delle schede audio ASIO. L'accesso diretto alla scheda audio consente una latenza (ritardo tra ingresso e uscita) molto più bassa rispetto ad altri tipi di driver (ad esempio, WDM o MME). ASIO non impone alcun limite alla frequenza o al formato di campionamento e non è legato a un numero fisso di canali di ingresso e uscita audio. Con ASIO potete associare le porte I/O disponibili della scheda audio, in base alle necessità, alla riproduzione e alla registrazione e registrare più di due tracce contemporaneamente. I driver ASIO sono utili in aree quali un'efficiente elaborazione audio, elevate velocità di trasmissione dati, sincronizzazione, bassa latenza del segnale ed estensibilità dell'hardware audio.

Core Audio (introdotto in Mac OS 10.3) è simile ad ASIO. In modo analogo ad ASIO, consente al software di accedere direttamente all'hardware audio a un basso livello, riducendo sovraccarichi e latenza. 

Per verificare di avere selezionato il driver corretto per Adobe Audition (Windows):

  1. Scegliete Modifica > Preferenze > Dispositivi audio
  2. Scegliete l'impostazione in Classe dispositivo che corrisponda al dispositivo audio in uso. Assicuratevi che il driver della scheda audio installato sia selezionato nel menu dei driver audio. 
  • Se un driver di dispositivo ASIO è disponibile, assicuratevi di selezionarlo. 
  • Se un driver di dispositivo ASIO NON è disponibile, in Classe dispositivo, selezionate MME

Nota: Adobe consiglia di selezionare il driver ASIO installato con la scheda audio anziché il driver MME. Utilizzate il driver MME solo nei casi in cui il dispositivo audio del sistema non disponga di un driver ASIO. 

Per verificare di avere selezionato il driver corretto per Adobe Audition (Mac OS):

  1. Scegliete Audition > Preferenze > Hardware audio.
  2. Scegliete il dispositivo audio dai menu a comparsa Input predefinito e Output predefinito (Core Audio viene selezionato automaticamente in Classe dispositivo in Mac OS).

Nota: se il dispositivo non è elencato, verificate l'utilità Configurazione MIDI Audio di Mac OS. Assicuratevi che il dispositivo sia installato ed elencato tra dispositivi audio disponibili. Per accedere all’utilità, scegliete Applicazioni > Utilità > Configurazione MIDI Audio.

3. Aggiornate il driver della scheda audio.

Numerosi produttori di schede audio aggiornano frequentemente i driver. Se il driver della scheda audio non è stata aggiornato di recente, contattate il produttore della scheda audio per richiedere driver aggiornati oppure scaricate i driver direttamente dal sito Web del produttore. 

4. Collocate le cartelle temporanee di Adobe Audition in unità con prestazioni elevate e con sufficiente spazio su disco libero.

Quando registrate in Modifica vista, Adobe Audition memorizza i file temporanei nella directory temporanea principale. Accertatevi che la directory temporanea principale sia impostata sull'unità più veloce (7200 rpm e superiore) e che disponga della maggior quantità di spazio disponibile. Create una cartella solo per i file temporanei di Adobe Audition. Creando questa cartella per i file temporanei, potrete individuare questi file con facilità se fosse necessario eliminarli. 

Per creare e impostare il percorso della directory temporanea principale: 

  1. Create una cartella alla radice dell'unità disco rigido nella quale desiderate collocare la directory temporanea principale (ad esempio, AuditionTemp).
  2. In Adobe Audition, scegliete Preferenze > Cache oggetto multimediale e disco.
  3. Nella sezione Cartelle temporanee, immettete il percorso (o individuatelo) della cartella creata al passaggio 1. 

Quando registrate in Vista multitraccia, Adobe Audition memorizza i file direttamente in una sottocartella della cartella della sessione corrente. Ad esempio, se la sessione è chiamata MySession.sesx, la cartella MySession_Recorded contiene tutti i file registrati per tale sessione. Accertatevi che i file della sessione e la cartella associata siano memorizzati nell'unità più veloce (7200 rpm e maggiore) con la maggior quantità di spazio disponibile. 

La collocazione delle directory temporanee o delle cartelle delle sessioni di Adobe Audition in unità disco rigido diverse può migliorare le prestazioni. Se avete più dischi rigidi, collocate la cartella temporanea primaria e le cartelle di sessione nell'unità che non contiene i file di programma di Adobe Audition. 

5. Eseguite Adobe Audition quando non sono in esecuzione altre applicazioni.

Alcune applicazioni possono causare errori o blocchi di sistema se vengono eseguite contemporaneamente ad Adobe Audition. Prima di avviare Adobe Audition, disattivate le altre applicazioni, inclusi gli elementi di avvio (elementi che vengono avviati automaticamente all'avvio o all'accesso). 

Per disattivare gli elementi di avvio in Windows, effettuate quanto segue:

  1. Chiudete tutte le applicazioni. 
  2. Scegliete Start > Esegui e digitate msconfig nella casella Apri. Fate clic su OK. 

  3. Fate clic sulla scheda Avvio e selezionate Disabilita tutto. 
  4. Selezionate tutti gli elementi di avvio necessari per eseguire la verifica del problema (ad esempio, il pannello di controllo del driver per il dispositivo audio installato). Se non siete sicuri che un elemento sia necessario, lasciatelo selezionato (attivato). 
  5. Fate clic su OK e riavviate Windows. 
  6. Fate clic con il pulsante destro del mouse sulle icone visualizzate nell'area di notifica (definita barra delle applicazioni nelle versioni precedenti di Windows) per chiudere o disattivare eventuali elementi di avvio ancora attivi. 

Tentate quindi di riprodurre il problema: 

  • Se il problema non viene più riscontrato, uno degli elementi di avvio disattivati è in conflitto con Adobe Audition. Riattivate gli elementi di avvio uno alla volta, verificandoli uno per uno fino a individuare l'elemento in conflitto con Adobe Audition. Contattate quindi lo sviluppatore dell'elemento per verificare la disponibilità di aggiornamenti. 
  • Se il problema persiste, gli elementi di avvio non costituiscono la causa del problema e possono pertanto essere riattivati.
    1. Scegliete Start > Esegui e digitate msconfig nella casella Apri. Fate clic su OK. 
    2. Fate clic sulla scheda Avvio e selezionate Abilita tutto. 
    3. Fate clic su OK e riavviate Windows. 

Per disattivare gli elementi di avvio in Mac OS, procedete come segue:

  1. Scegliete il menu Apple > Logout di [nome utente].
  2. Nella finestra di dialogo di conferma, fate clic su Logout. Dopo pochi istanti, viene visualizzata la finestra di login.
  3. Nella finestra di login, selezionate il nome dell'account utente nel quale si riscontrano problemi.
  4. Digitate la password dell'account nel campo della Password; non premete Invio e non selezionate Esegui il login.
  5. Tenete premuto il tasto delle maiuscole e fate clic su Esegui il login. Rilasciate il tasto delle maiuscole quando viene visualizzato il Dock. Gli elementi di login sono disattivati fino a quando non eseguite il logout (o riavviate il computer).

Tentate quindi di riprodurre il problema: 

  • Se il problema non viene più riscontrato, uno degli elementi di avvio disattivati è in conflitto con Adobe Audition. Riattivate gli elementi di avvio uno alla volta, verificandoli uno per uno fino a individuare l'elemento in conflitto con Adobe Audition. Contattate quindi lo sviluppatore dell'elemento per verificare la disponibilità di aggiornamenti. 
  • Se il problema persiste, gli elementi di avvio non costituiscono la causa del problema e possono pertanto essere riattivati. 
    • Attivate nuovamente gli elementi di login effettuando il logout (menu Apple > Logout di [nome utente]). In seguito, effettuate nuovamente il login allo stesso account senza tenere premuto il tasto delle maiuscole.

6. Modificate le dimensioni del buffer (Core Audio o ASIO) o le impostazioni di latenza (MME).

L'impostazione di un valore più basso per la dimensione del buffer può aiutare a ridurre la latenza e a eliminare rumori, quali clic, pop, perdite di segnale e altre distorsioni che possono verificarsi durante la registrazione o la riproduzione. Prima di regolare le impostazioni del buffer, annotate le impostazioni correnti in modo da ripristinarle se necessario. Se utilizzate il driver MME, è possibile cambiare le dimensioni del buffer regolando le impostazioni di latenza in Adobe Audition. 

Per modificare le impostazioni di latenza MME in Windows, effettuate le seguenti operazioni: 

  1. Scegliete Modifica > Preferenze > Dispositivi audio. 
  2. Selezionate MME dal menu a comparsa Classe dispositivo.
  3. Scegliete la latenza appropriata dal menu a comparsa Latenza.

Nota: scegliete l'impostazione di latenza più bassa disponibile che offra prestazioni di registrazione/riproduzione accettabili.

Se utilizzate una scheda audio ASIO, consultate la documentazione del produttore per informazioni sull'impostazione della dimensione del buffer. A seconda del driver ASIO in uso, le impostazioni della dimensione del buffer sono talvolta disponibili facendo clic sul pulsante Impostazioni accanto al menu a comparsa Dispositivo nella finestra delle preferenze Hardware audio.

Per cambiare la dimensione del buffer in Mac OS, eseguite le seguenti operazioni:

  1. Scegliete Audition > Preferenze > Hardware audio.
  2. Selezionate la dimensione appropriata del buffer dal menu a comparsa Dimensione buffer I/O.

Considerate le seguenti linee guida relative alle dimensioni del buffer: 

  • Per migliorare le prestazioni di registrazione, riducete le dimensioni del buffer (da 32 a 256 campioni); questa impostazione consente di ridurre la latenza. 
  • Per migliorare le prestazioni di mixaggio e riproduzione (con effetti), aumentate le dimensioni del buffer (da 512 a 2048 campioni); questa impostazione aumenta la latenza.

7. Aggiornate il driver della scheda video

Adobe Audition CS5.5 e versioni successive utilizzano la grafica in modo più intensivo rispetto alle versioni precedenti e possono trarre vantaggio da una maggiore quantità di RAM video e dagli aggiornamenti più recenti del driver. Se il driver della scheda video non è stato aggiornato di recente, contattate il produttore di tale scheda per ottenerne una versione aggiornata oppure scaricatela direttamente dal sito Web del produttore. 

8. Riducete il sovraccarico di monitoraggio/controllo.

Per impostazione predefinita, quando una traccia è armata per la registrazione in multitraccia, Adobe Audition visualizza automaticamente i livelli di ingresso per il segnale in ingresso nella traccia armata. Questa visualizzazione è un controllo visivo e non trasmette il segnale in ingresso alle uscite. Per monitorare (ascoltare) il segnale in ingresso, premete il pulsante I a destra del pulsante Arma per registrazione della traccia. Questo pulsante consente di misurare E controllare il segnale in ingresso per tale traccia.

La disattivazione del controllo degli ingressi può aiutare a ridurre sovraccarichi e, pertanto, a ridurre la latenza nelle sessioni contenenti effetti di latenza. 

Per disattivare il controllo degli ingressi, eseguite le seguenti operazioni: 

  1. Scegliete Modifica > Preferenze > Multitraccia in Windows; scegliete Audition > preferenze > Multitraccia in Mac OS.

  2. Deselezionate "Attiva controllo input per tracce armate per la registrazione". 

9. Disarmate le tracce per la registrazione.

Si consiglia di non tenere tracce armate per la registrazione quando non vengono utilizzate poiché rappresentano un ulteriore sovraccarico per il sistema. Questi sovraccarichi aggiuntivi possono contribuire alla presenza di problemi di riproduzione nelle sessioni con effetti di latenza. Le tracce armate presentano il pulsante Arma per registrazione (R) in rosso. Disarmate queste tracce facendo clic sul pulsante R.

10. Eseguite la registrazione con la frequenza di campionamento dell'hardware selezionato

Per garantire registrazioni con la massima qualità e la latenza più bassa, effettuate la registrazione con la stessa frequenza di campionamento dell'hardware scelto nelle preferenze di Audition.

Potete determinare la frequenza di campionamento del dispositivo andando a Preferenze > Hardware audio. La frequenza di campionamento può essere scelta per il dispositivo quando si utilizza il driver MME in Windows o il driver CoreAudio in Mac.

Se si tratta di un dispositivo ASIO, impostate la frequenza di campionamento dalla console delle preferenze fornita dal produttore del dispositivo.

Quando create nuovi file audio o sessioni multitraccia in Audition, scegliete sempre la frequenza di campionamento del dispositivo per ottenere risultati ottimali.

11. Disattivate Adobe Graphics Manager (AGM) (Audition CS6)

AGM è una funzione utilissima per migliorare la visualizzazione di testo e font nell'applicazione Audition.È inoltre utile per migliorare la risposta di controlli grafici dal vivo, di pannelli dell'interfaccia utente che vengono aggiornati spesso (ad esempio Analisi della frequenza) e lo scorrimento della forma d'onda. AGM utilizza anche una quantità elevata di risorse che a volte provocano perdite di segnale o influiscono negativamente sulle registrazioni. Adobe non prevede che questo problema sia diffuso. Tuttavia, può verificarsi nei sistemi di fascia bassa o nei sistemi più lenti sovraccaricati da altri processi in esecuzione in background.

Se si verificano interruzioni durante le registrazioni, potete disattivare AGM tramite Preferenze > Aspetto.

Deselezionate l'opzione Usa Adobe Graphics Manager per interfaccia utente e riavviate Audition.

Potreste notare dei cambiamenti nell'aspetto dell'interfaccia utente e differenze tra font in Mac e Windows. Tuttavia, questa operazione riduce il sovraccarico necessario per la visualizzazione di elementi grafici e migliora i risultati della registrazione riducendo la possibilità di interruzioni.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online