Creazione di fotografie virtuali fotorealistiche con rendering e composizione 3D

Scopri come creare immagini virtuali fotorealistiche convincenti con la composizione e il rendering di immagini 3D in Adobe Dimension.

Esempi di fotografie virtuali fotorealistiche realizzate con Adobe Dimension
Esempi di fotografie virtuali fotorealistiche realizzate con Adobe Dimension.

Guarda queste immagini: non sembrano reali? Con i progressi tecnologici nel rendering delle immagini 3D fotorealistiche, è sempre più difficile determinare cosa sia reale e cosa sia virtuale. In questo caso, le immagini sono un mix di contenuti reali e renderizzati in 3D: e questo è esattamente il tipo di design 3D in cui le aziende investono.

Scena tratta da “The Abyss” di James Cameron, in cui Mary Mastrantonio si allunga per toccare un tentacolo d’acqua in CGI.
Scena tratta da “The Abyss” di James Cameron, in cui Mary Mastrantonio si allunga per toccare un tentacolo d’acqua in CGI.

Questa tecnica di composizione di modelli 3D in un’immagine o un video, non è nuova e infatti le sue origini risalgono ai primi tempi del VFX (anni ’80). La novità è che ora è diventata uno strumento potente per gli utenti di Adobe Dimension e offre ai fotografi un flusso di lavoro nuovo e interessante.

Tecnologia per la creazione di immagini composite in Adobe Dimension

Modifica del piano di un modello di sfera metallica in un’immagine composita di Adobe Dimension
Modifica del piano di un modello di sfera metallica in un’immagine composita di Adobe Dimension

Grazie ad Adobe Dimension, gli utenti possono combinare in modo fluido elementi 2D e 3D direttamente nell’app con la funzione Come immagine, basata sulla tecnologia Adobe Sensei. Tale composizione di elementi velocizza notevolmente la creazione di immagini realistiche, sostituendo una scena completamente realizzata in 3D con l’immagine di uno sfondo reale. 

La funzione Come immagine di Adobe Dimension analizza l’immagine di sfondo e valuta la lunghezza focale e la posizione della fotocamera utilizzata per acquisirla.
La funzione Come immagine di Adobe Dimension analizza l’immagine di sfondo e valuta la lunghezza focale e la posizione della fotocamera utilizzata per acquisirla.

La funzione Come immagine analizza l’immagine di sfondo e valuta la lunghezza focale e la posizione della fotocamera utilizzata per acquisirla. Viene quindi creata una fotocamera 3D nella scena Dimension con la quale si può eseguire il rendering degli elementi 3D con la stessa prospettiva dell’immagine di sfondo, in modo da comporle insieme.

Ma cosa accade con tutto ciò che non è stato inquadrato dalla fotocamera? L’ambiente in cui un’immagine è stata catturata ha un ruolo importante, perché ne influenza ogni aspetto. Un oggetto all’interno di un’immagine riflette la luce dell’ambiente circostante, anche di tutto ciò che si trova dietro alla fotocamera. Quindi, per combinare bene gli elementi 3D a più livelli con lo sfondo dell’immagine, questi devono riflettere le luci dell’ambiente in cui è stata scattata.

Immagine composita fotorealistica 3D di un ciclomotore in un soggiorno.
Immagine composita fotorealistica 3D di un ciclomotore in un soggiorno.

La funzione Come immagine tenta di simulare la luce ambiente in cui è stata scattata un’immagine di sfondo. Fa in breve tempo un ottimo lavoro con risultati eccellenti, ma acquisendo l’ambiente insieme all’immagine di sfondo si potranno ottenere risultati ancora più realistici. Questo è il metodo usato per addestrare la funzione Adobe Sensei a farlo in autonomia.

Immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio
Immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio

Entra nel mondo delle immagini panoramiche HDR a 360°. Queste immagini vengono usate da tempo nella grafica 3D per ottenere rapidamente gli effetti di illuminazione della luce ambiente. Il processo di acquisizione era piuttosto complesso a causa dell’elevato livello di conoscenza e dell’attrezzatura specifica necessaria per realizzarli. Con l’avvento delle fotocamere a 360°, la creazione di queste immagini è ora più semplice che mai.

Immagine da una fotocamera a 360 gradi Ricoh Theta
Immagine da una fotocamera a 360 gradi Ricoh Theta

Le fotocamere Ricoh Theta, Gopro MAX e Insta 360 possono acquisire immagini panoramiche a 360°. La Ricoh Theta è dotata di bracketing dell’esposizione (o esposizione a forcella) automatico, fondamentale nel processo di acquisizione. Questo riduce il tempo e l’impegno necessari per acquisire immagini HDR e rende il sistema più accessibile ai fotografi.

Processo per la creazione di immagini composite fotorealistiche

Acquisizione

Per acquisire ambienti da utilizzare nella composizione sono necessari due elementi: una o più immagini di sfondo di qualità e un’immagine panoramica HDR dell’ambiente in cui è avvenuta la ripresa.

Per acquisire efficacemente questi contenuti è importante sfruttare le capacità e gli strumenti esistenti di un fotografo. Per creare una bella immagine di sfondo è necessario un occhio per la composizione e per i dettagli. Per creare immagini di sfondo utili per la composizione di elementi 3D è inoltre necessaria una particolare mentalità.

Scelta della location

Cerca luoghi interessanti sia contestualmente che per l’illuminazione. Per il contesto, è utile immaginare il potenziale uso di una scena. Ad esempio, si potrebbe aggiungere un’auto 3D alla foto di una strada vuota, oppure per presentare l’imballaggio di prodotti alimentari può essere utile un tavolo di un coffee shop.

4 scene di location per una foto virtuale, con una composizione 3D
4 scene di location per una foto virtuale, con una composizione 3D

Quando si tratta di acquisire l’immagine di sfondo, è importante considerare che gli elementi 3D saranno composti in essa. Dovrebbe esserci un’area vuota per lasciare spazio agli oggetti. Il contenuto 3D sarà l’obiettivo principale della composizione finale, quindi è importante che lo sfondo non sia troppo dominante.

Le icone indicano la direzione ottimale della luce e il punto di interesse per uno sfondo fotografico virtuale.
Le icone indicano la direzione ottimale della luce e il punto di interesse per uno sfondo fotografico virtuale.

Altrettanto importante è l’illuminazione all’interno dell’immagine, in quanto influirà notevolmente sul contenuto 3D composito. Lo scatto dovrebbe essere illuminato da sopra la spalla o dal lato. In questo modo si ottengono i risultati migliori, in quanto fungerà da luce principale per l’inserimento degli oggetti 3D nella scena. Potresti essere tentato di riprendere verso la luce in assenza di elementi di interesse, ma ricorda che questo produrrà immagini in controluce. L’aggiunta temporanea di un oggetto sostitutivo alla scena può essere utile per comporre e valutare l’illuminazione.

Acquisizione dell’immagine panoramica HDR

Posizionamento della fotocamera

Piazza la fotocamera a 360° più o meno al centro dell’area che vuoi usare come sfondo. Per acquisire come sfondo delle scene più ampie, può essere utile sollevare la fotocamera da terra con un monopiede, altrimenti la si può collocare direttamente a terra.

Posizionamento della fotocamera

Colori

Immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio con una tabella di colori in primo piano
Immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio con una tabella di colori in primo piano

È molto importante mantenere continuità del colore tra la fotocamera utilizzata per riprendere l’ambiente e quella per riprendere lo sfondo, poiché le immagini verranno utilizzate insieme. Qui la temperatura di colore di entrambe le fotocamere è stata impostata a 5000 K e abbiamo fotografato con entrambe una tabella di colori da utilizzare successivamente per allineare i valori cromatici.

Valori per il bracketing dell’esposizione

Per generare un ambiente HDR con una fotocamera a 360 gradi è necessario catturare più valori di esposizione e combinarli in un’immagine HDR. Non esiste una quantità standard di valori di esposizione, ma in genere l’estremità superiore dell’intervallo di esposizione dovrà essere tale da eliminare informazioni dalle zone d’ombra, e quella inferiore tale da eliminare informazioni dalle aree di luce.

Idealmente, la fotocamera a 360° dispone di bracketing automatico che consente di scattare in batch le foto con le varie esposizioni. Le impostazioni ideali prevedono il valore ISO più basso disponibile per evitare disturbo, e un valore di apertura elevato per garantire nitidezza. I valori di esposizione possono quindi essere modificati utilizzando la velocità dell’otturatore e suddivisi per interruzioni, dimezzando o raddoppiando l’esposizione.

Una serie di valori di bracketing dell’esposizione da un’immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio
Una serie di valori di bracketing dell’esposizione da un’immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio

Esempio di valori di esposizione utilizzati per riprendere un’immagine IBL all’aperto:

01 - F 5.6, ISO 80, Velocità otturatore 1/25000, WB 5000 K

02 - F 5.6, ISO 80, Velocità otturatore 1/12500, WB 5000 K

03 - F 5.6, ISO 80, Velocità otturatore 1/6400, WB 5000 K

...

16 - F 5.6, ISO 80, Velocità otturatore 1, WB 5000 K

Se la fotocamera a 360° utilizzata è in grado di produrre immagini RAW, i valori di esposizione possono essere divisi in incrementi di 2-4 stop, poiché conservano più informazioni rispetto alle immagini 8 bit come JPEG.

Menu per la selezione di file per Unisci come HDR Pro, in Adobe Photoshop
Menu per la selezione di file per Unisci come HDR Pro, in Adobe Photoshop

Dopo aver regolato i colori dei file dei valori di esposizione, è possibile esportarli temporaneamente come singoli file da unire successivamente in Photoshop. Il tipo di file dipende dalla sorgente, ma in ogni caso non utilizzare un formato compresso come JPEG. In Photoshop seleziona File > Automatizza > Unisci come HDR Pro e sceglie tutti i file esportati con i diversi valori di esposizione.

Schermata di anteprima Unisci come HDR Pro in Adobe Photoshop
Schermata di anteprima Unisci come HDR Pro in Adobe Photoshop

Impostazioni di configurazione Unisci come HDR Pro in Adobe Photoshop
Impostazioni di configurazione Unisci come HDR Pro in Adobe Photoshop

Accertati che l’opzione Modalità sia impostata su 32 bit. L’opzione Rimuovi effetto fantasma può essere utile per rimuovere piccole differenze tra le varie immagini, ma utilizzala solo se effettivamente necessario. Il cursore sotto l’istogramma influisce solo sull’esposizione dell’anteprima, quindi si può ignorare. Deseleziona “Completa regolazione toni in Adobe Camera Raw” e premi OK.

Immagine panorama HDR a 360 gradi di un ufficio con ombre visibili in basso
Immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio con ombre visibili in basso

Il risultato è un’immagine HDR utilizzabile per illuminare le scene in 3D.

Immagine panorama HDR a 360 gradi di un ufficio con ombre visibili in basso
Immagine panoramica HDR a 360 gradi di un ufficio con ombre visibili in basso

I passaggi finali consistono nel rimuovere eventuali ombre e parti di treppiede visibili nella parte inferiore dell’immagine e regolare l’esposizione predefinita per illuminare correttamente la scena. La rimozione dei dettagli può essere eseguita con lo strumento di clonazione di Photoshop. La regolazione dell’esposizione deve essere eseguita in combinazione con gli sfondi in Dimension, poiché i valori di esposizione dell’immagine IBL HDR sono quelli di illuminazione per gli oggetti 3D.

Acquisizione degli sfondi

Serie di fotografie di sfondo acquisite per un’immagine composita 3D
Serie di fotografie di sfondo acquisite per un’immagine composita 3D

Dopo aver acquisito l’ambiente, puoi acquisire gli sfondi con una fotocamera a scelta, ma preferibilmente con un’elevata qualità e risoluzione. Questo, insieme all’occhio per la composizione dei fotografi, è il vantaggio principale di questo processo. Le immagini di esempio qui sopra sono state acquisite con una Canon 5D MK IV.

Diagramma delle possibili angolazioni della fotocamera per l’immagine di sfondo di una foto virtuale.
Diagramma delle possibili angolazioni della fotocamera per l’immagine di sfondo di una foto virtuale.

C’è molta libertà per inquadrare e comporre con gli sfondi. Puoi usare aperture alte o basse per ottenere più o meno profondità di campo, e puoi scegliere la lunghezza focale e l’inclinazione. Il requisito principale è che la fotocamera sia rivolta verso il punto centrale in cui l’ambiente è stato catturato con la fotocamera a 360°.

Al termine dell’acquisizione, le immagini devono essere elaborate in modo da riprodurre quanto più fedelmente possibile il colore dell’ambiente. Il colore e l’esposizione devono essere neutri e naturali. Eventuali effetti di stile dovranno essere applicati dopo la composizione degli elementi 3D nell’immagine con Adobe Dimension.

Assemblare l’immagine composita in Dimension

Dopo aver raccolto e completato questi elementi, si può assemblare la scena in Adobe Dimension. È sufficiente trascinare lo sfondo nella scena, dove verrà applicato come sfondo; quindi aggiungere il pano HDR nello slot per le immagini di luce ambiente.

Trascina l’immagine di sfondo in un’area vuota dell’area di lavoro oppure seleziona Ambiente nel pannello della scene e aggiungi l’immagine all’input dello sfondo.

L’immagine di sfondo di una foto virtuale può essere selezionata nel menu Proprietà di Adobe Dimension.
L’immagine di sfondo di una foto virtuale può essere selezionata nel menu Proprietà di Adobe Dimension.

Aggiungi l’immagine panoramica HDR selezionando Luce ambiente e aggiungila in Immagine.

La sorgente di luce ambiente può essere aggiunta all’immagine di sfondo di una foto virtuale dal menu Scena in Adobe Dimension
La sorgente di luce ambiente può essere aggiunta all’immagine di sfondo di una foto virtuale dal menu Scena in Adobe Dimension

Quindi puoi applicare allo sfondo l’opzione Come immagine, in modo che corrisponda alla risoluzione, alle proporzioni e alla prospettiva della fotocamera. Anziché generare l’ambiente dall’immagine di sfondo, l’immagine panoramica HDR acquisita viene utilizzata per illuminare la scena, senza dover ricorrere all’opzione Crea luci.

Utilizzo della funzione Come immagine in Adobe Dimension per il rendering dell’immagine di una sfera metallica 3D con luci ambiente da un’immagine panoramica HDR
Utilizzo della funzione Come immagine in Adobe Dimension per il rendering dell’immagine di una sfera metallica 3D con luci ambiente da un’immagine panoramica HDR

Ora gli oggetti che vengono aggiunti alla scena verranno composti realisticamente nello sfondo, poiché sono illuminati dall’ambiente in cui è stata scattata l’immagine.

Per valutare rapidamente l’orientamento e l’esposizione dell’immagine panoramica HDR rispetto allo sfondo, puoi posizionare nella scena una sfera di materiale metallico, dal pannello di risorse gratuite di Dimension. La rotazione della luce ambiente può quindi essere posizionata in modo che le riflessioni appaiano correttamente. Se l’illuminazione dall’immagine panoramica HDR sovraespone o sottoespone la sfera, aumenta o riduci l’esposizione dell’immagine panoramica HDR

Fotografia virtuale fotorealistica di una sfera metallica composta sull’immagine di sfondo di un ufficio.
Fotografia virtuale fotorealistica di una sfera metallica composta sull’immagine di sfondo di un ufficio.

Per valutare rapidamente l’orientamento e l’esposizione dell’immagine panoramica HDR rispetto allo sfondo, puoi posizionare nella scena una sfera di materiale metallico, dal pannello di risorse gratuite di Dimension. La rotazione della luce ambiente può quindi essere posizionata in modo che le riflessioni appaiano correttamente. Se l’illuminazione dall’immagine panoramica HDR sovraespone o sottoespone la sfera, aumenta o riduci l’esposizione dell’immagine panoramica HDR.

Risultato finale: un’immagine composita fotorealistica

Time-lapse della composizione e del rendering 3D di una fotografia di prodotto virtuale in Adobe Dimension.
Time-lapse della composizione e del rendering 3D di una fotografia di prodotto virtuale in Adobe Dimension.

Una volta completata la scena, il flusso di lavoro è semplice. Trascina il tuo modello o un qualsiasi contenuto Adobe Stock 3D nell’immagine per creare l’impressione che fosse presente quando è stata scattata la foto. Questo metodo fornisce nuove possibilità per la creazione di contenuti pubblicitari altamente realistici o la possibilità di lavorare su progetti in molti contesti diversi.

Foto virtuale fotorealistica di articoli da cucina 3D composti nella scena di un banco da cucina.
Foto virtuale fotorealistica di articoli da cucina 3D composti nella scena di un banco da cucina.

Il risultato finale è una combinazione convincente di realtà e 3D che aiuta gli utenti finali a creare immagini fotorealistiche con il minimo sforzo. Prova anche tu con alcune scene gratuite di Dimension create per dimostrare il flusso di lavoro.

Scarica oggi stesso l’ultima versione di Dimension e inizia a creare immagini fotorealistiche.

Logo Adobe

Accedi al tuo account