Il trapping degli inchiostri

Quando vengono usati più inchiostri sulla stessa pagina in un documento per stampa in offset, ogni inchiostro deve essere stampato a registro, cioè perfettamente allineato, con gli altri inchiostri per eliminare gli spazi nelle aree in cui inchiostri diversi si toccano. È tuttavia impossibile garantire l’esatta messa a registro per tutti gli oggetti di ogni foglio che passano nella macchina da stampa, e gli errori della messa a registro non sono un fatto raro. L’errata messa a registro può produrre spazi vuoti indesiderati tra inchiostri adiacenti.

Potete compensare le imprecisioni di messa a registro espandendo leggermente un oggetto fino a sovrapporlo a un oggetto adiacente di colore diverso. Questo processo è chiamato abbondanza, o trapping. Per impostazione predefinita, la sovrapposizione di un inchiostro su un altro comporta la foratura o rimozione degli inchiostri sottostanti per evitare miscelazioni indesiderate. Tuttavia, il trapping richiede la sovrastampa degli inchiostri per ottenere una sovrapposizione almeno parziale.

Messa a registro errata senza trapping (sinistra) e con trapping (destra)
Messa a registro errata senza trapping (sinistra) e con trapping (destra)

Nelle abbondanze si diffonde l’oggetto più chiaro sull’oggetto più scuro. Questo perché il colore più scuro definisce il bordo visibile dell’oggetto o del testo; applicando l’abbondanza al colore più chiaro si rispettano quindi l’effetto visivo e i bordi originali.

Metodi di abbondanza

Potete applicare l’abbondanza a un documento scegliendo fra le diverse soluzioni disponibili:

  • Usare colori in quadricromia senza abbondanza.

  • Applicare la sovrastampa del nero.

  • Applicare la sovrastampa manuale di tracce o riempimenti.

  • Usare l’abbondanza incorporata di Adobe InDesign CS4 o Adobe In-RIP Trapping.

  • Applicare l’abbondanza alla grafica importata, usando a questo scopo le funzioni di abbondanza dei programmi in cui è stata creata. Consultate la documentazione di tali applicazioni.

    Per l’abbondanza, scegliete una soluzione compatibile con il flusso di stampa dei colori in uso, ad esempio Adobe PostScript o PDF.

Potete evitare di applicare l’abbondanza, eliminando il rischio errori di registro nell’uso del colore. Per impedire errori di registro, verificate che le quadricromie contigue abbiano inchiostri comuni. Se ad esempio applicate a un oggetto una traccia viola scuro e un riempimento rosso vivo, tenete presente che entrambi contengono una percentuale elevata di magenta. Il magenta in comune tra traccia e riempimento verrà stampato come area singola; in caso di errori di registro degli altri inchiostri in quadricromia, la lastra di stampa magenta colmerà eventuali fessure vuote, rendendole non visibili a occhio nudo.

L’abbondanza automatica

Con InDesign potete applicare l’abbondanza dei colori nei documenti usando un sistema incorporato nel programma oppure avvalervi del sistema Adobe In-RIP Trapping disponibile nelle periferiche di stampa Adobe PostScript che supportano Adobe In-RIP Trapping.

Entrambi i sistemi di abbondanza calcolano i rilevamenti dei bordi, sia del testo che della grafica, e possono applicare le tecniche di abbondanza a parti diverse di un singolo oggetto, anche se il testo o un oggetto InDesign si sovrappongono a diversi colori di sfondo. Poiché le regolazioni di abbondanza sono automatiche, potete impostare predefiniti di abbondanza specifici per determinati intervalli di pagine. Potete visualizzare solamente gli effetti dell’abbondanza applicata alle selezioni colore generate da una sistema di abbondanza; non potete visualizzare sullo schermo i risultati in InDesign.

Il sistema rileva i bordi di colori contrastanti e quindi applica l’abbondanza basandosi sulle densità neutre (chiaro o scuro) dei colori adiacenti: nella maggior parte dei casi, i colori più chiari vengono sovrapposti ai colori contigui più scuri. Le impostazioni di abbondanza specificate nel pannello Predefiniti di abbondanza modificano il comportamento del sistema di abbondanza.

Requisiti per l’abbondanza automatica

Per applicare l’abbondanza ai documenti con il sistema incorporato di InDesign, occorre solamente un PPD che supporti le selezioni.

Per applicare l’abbondanza ai documenti con il sistema Adobe In-RIP Trapping, dovete disporre dei seguenti elementi software e hardware:

  • Una periferica di output Adobe PostScript Level 2 o versione successiva, dotata di RIP compatibile con Adobe In-RIP Trapping. Per sapere se una periferica di output PostScript supporta Adobe In-RIP Trapping, contattate il produttore o il service di prestampa.

  • Un file PPD (PostScript Printer Description) per stampanti che supportano Adobe In-RIP Trapping. Dovete selezionare il file PPD al momento dell’installazione della stampante.

Differenze tra l’abbondanza incorporata e Adobe In-RIP Trapping

Flusso di stampa per colori compositi

L’abbondanza incorporata vi consente di applicare le selezioni colore a un documento sia usando InDesign, sia usando le selezioni colore in-RIP. Per usare Adobe In-RIP Trapping, dovete necessariamente usare le selezioni colore in-RIP.

Spessore dell’area di trapping

Se usate l’abbondanza incorporata, le ampiezze sono limitate a 4 punti, indipendentemente dal valore specificato. Per ottenere ampiezze di abbondanza maggiori, usate Adobe In-RIP Trapping.

Grafica EPS vettoriale

L’abbondanza incorporata non viene applicata alla grafica EPS vettoriale importata; Adobe In-RIP Trapping applica invece l’abbondanza a tutta la grafica importata.

Applicare il trapping alle immagini bitmap importate

Il trapping incorporato viene applicato a immagini bitmap (come le fotografie), al testo e alla grafica. Le immagini bitmap devono però essere salvate in un formato di file basato interamente sui pixel e che supporti le specifiche di colore per la stampa tipografica. Fra questi, PSD (Photoshop) e TIFF sono i formati più adatti per i lavori di stampa: prima di usare altri formati consultate il vostro fornitore di servizi di prestampa.

Se usate un server OPI (Open Prepress Interface), verificate che le immagini FPO (For-Position-Only, o proxy) vengano create come TIFF o PSD. Se le immagini sono TIFF o PSD è possibile tentare di usare l’abbondanza incorporata, purché non sia selezionata alcuna opzione Ometti per OPI al momento della stampa. Se viene usata una stampante PostScript, le opzioni Ometti per OPI si trovano nella sezione Avanzate della finestra di dialogo Stampa.

Nota:

i risultati e la precisione del trapping all’interno di un flusso di lavoro OPI dipendono da molti fattori, quali il metodo di riduzione della risoluzione utilizzato dal server OPI per generare le immagini proxy. Per ottenere risultati ottimali, contattare il fornitore di sistemi OPI per informazioni sull’integrazione del trapping di Adobe con il server OPI fornito.

Applicazione dell’abbondanza alla grafica vettoriale importata

Sia Adobe In-RIP Trapping che l’abbondanza incorporata vengono applicati a testo e grafica creati con InDesign e ai file PDF vettoriali importati, ma l’abbondanza incorporata non viene applicata alla grafica EPS vettoriale importata.

L’abbondanza non viene applicata correttamente a testo, tracciati e cornici creati in InDesign se questi sono sovrapposti a una cornice contenente grafica inserita a cui non è possibile applicare l’abbondanza incorporata, ad esempio la grafica EPS vettoriale. Tuttavia potete applicare correttamente l’abbondanza a tali oggetti usando Adobe In-RIP Trapping. Potrete applicare l’abbondanza incorporata nei documenti contenenti grafica EPS vettoriale se modificherete la cornice della grafica. Se la grafica EPS inserita non è rettangolare, modificate la forma della cornice avvicinandola all’elemento inserito e allontanandola da altri oggetti. Potete ad esempio scegliere Oggetto > Tracciato di ritaglio per far corrispondere la cornice al contorno della grafica.

Testo e grafica sovrapposti in InDesign
L’abbondanza non viene applicata correttamente a testo e grafica sovrapposti a grafica EPS inserita (a sinistra). Modificate la cornice in modo che non tocchi altri oggetti (a destra).

Applicazione dell’abbondanza al testo

Sia Adobe In-RIP che l’abbondanza incorporata vengono applicati ai caratteri di testo sovrapposti ad altro testo o grafica (per l’abbondanza incorporata, sia il testo che la grafica devono essere creati con InDesign e non devono trovarsi all’interno di grafica importata). Quando un carattere di testo si sovrappone a colori di sfondo diversi, l’abbondanza viene applicata correttamente a tutti questi colori.

Adobe in-RIP Trapping viene applicato a tutti i tipi di font, mentre l’abbondanza incorporata è più efficace con i font Type 1, OpenType e Multiple Master. L’uso di font TrueType può provocare abbondanze incoerenti. Se il vostro documento deve contenere font TrueType e intendete usare l’abbondanza incorporata, selezionate il testo e scegliete Testo> Crea profili per convertire tutto il testo TrueType in profili. Il testo verrà convertito in oggetti InDesign, a cui può essere applicata correttamente l’abbondanza. Tenete presente che non è possibile modificare il testo dopo averlo convertito in profili.

Ottimizzare le prestazioni di trapping

Sia con Adobe In-RIP che con l’abbondanza incorporata, è possibile risparmiare tempo evitando di elaborare le pagine che non richiedono l’applicazione di abbondanza o trapping, ad esempio quelle con solo testo nero. Potete usare i predefiniti di abbondanza per abilitare l’abbondanza solo per le pagine che lo richiedono.

La velocità di esecuzione dell’abbondanza incorporata dipende dalla velocità del computer. Per applicare l’abbondanza ad ogni pagina di un documento lungo, usate il computer più veloce a disposizione. La funzione di abbondanza incorporata richiede inoltre un uso intenso del disco rigido: un disco rigido e un bus di dati veloci ne miglioreranno le prestazioni.

Per ottimizzare la disponibilità dei computer per altre operazioni, usate Adobe In-RIP Trapping che esegue l’elaborazione nel RIP anziché nel computer.

Spazio su disco necessario per il trapping incorporato

Per applicare il trapping ai bordi di ogni colore che la richiede, vengono creati numerosi tracciati che vengono usati solo dalla periferica di output e non memorizzati nel documento. Mentre Adobe In-RIP Trapping elabora e memorizza questi tracciati aggiuntivi nel RIP, la funzione di abbondanza incorporata usa il disco rigido del computer come area di memorizzazione temporanea. Prima di applicare l’abbondanza incorporata, liberate la maggior quantità possibile di spazio su disco.

Poiché la quantità di spazio necessaria dipende da diversi fattori, non è possibile prevedere lo spazio necessario per il trapping. Lo spazio richiesto aumenta in relazione a:

  • Numero di pagine a cui applicare il trapping.

  • Numero di oggetti colorati sovrapposti.

  • Numero di immagini a cui applicare il trapping.

  • Quantità di testo a cui applicare il trapping.

  • Risoluzione dell’output finale.

    Se un’operazione di stampa che usa l’abbondanza incorporata viene interrotta o esaurisce lo spazio su disco, alcuni dati di trapping potrebbero rimanere sul disco rigido. Se necessario, è possibile uscire dall’applicazione, trovare ed eliminare i dati temporanei nella cartella C:\Temp (Windows). In Mac OS, riavviare il computer.

Applicare l’abbondanza a un documento o un libro

Evitate di modificare le impostazioni di abbondanza predefinite, a meno che non abbiate ricevuto istruzioni dal vostro service di prestampa e siete in grado di applicare opzioni di abbondanza idonee al vostro documento e alle condizioni di stampa.

Se applicate l’abbondanza a più documenti di un libro, dovete assegnare tutti i predefiniti personalizzati agli intervalli di pagine all’interno del singoli documenti del libro. Le impostazioni di abbondanza non possono essere applicate a tutto il libro in un’unica volta. Potete tuttavia eliminare eventuali predefiniti in conflitto tra loro in un documento.

  1. Se necessario, create un predefinito di abbondanza personalizzato in base al documento e alle condizioni di stampa.
  2. Assegnate il predefinito di abbondanza a un intervallo di pagine.
  3. Scegliete File > Stampa per aprire la finestra di dialogo Stampa.
  4. Selezionate Output dall’elenco a sinistra.
  5. In Colore, scegliete Selezioni o Selezioni In-RIP, a seconda che le selezioni vengano create sul computer host o nel RIP.
  6. In Abbondanza, scegliete una delle seguenti opzioni:
    • Incorporato nell’applicazione, per usare il sistema di abbondanza incluso in InDesign.

    • Adobe In-RIP. Questa opzione funziona solo se la periferica di stampa usata supporta Adobe In-RIP Trapping.

  7. Se il service di prestampa vi consiglia di modificare le impostazioni degli inchiostri, fate clic su Gestione inchiostri. Selezionate un inchiostro, impostate le opzioni consigliate dal service di prestampa e fate clic su OK.
  8. Specificate le altre opzioni di stampa, quindi fate clic su Stampa per stampare il documento.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online