Questa versione è disponibile solo per gli iscritti Creative Cloud e gli abbonati a prodotti singoli. Per diventare membri di Adobe Creative Cloud, vedete Adobe Creative Cloud.

Versione: 12.1

Data di rilascio: 24 settembre 2012

Questo documento elenca i problemi noti, le limitazioni conosciute e le relative soluzioni alternative per la versione Creative Cloud di Dreamweaver.

Leggete questo documento prima di effettuare l'aggiornamento.

Prima di aggiornare

Per evitare di perdere impostazioni e preferenze personali in Dreamweaver CS6, seguite le istruzioni riportate di seguito.

Esportare le scelte rapide da tastiera

Prima di effettuare l'aggiornamento a Creative Cloud, effettuate le seguenti operazioni:

  1. Selezionate Modifica > Scelte rapide da tastiera.
  2. Fate clic sul pulsante Esporta serie come HTML.

Dopo l'aggiornamento, fate riferimento al file esportato per impostare nuovamente le scelte rapide.

Prendete nota delle voci nella sezione Preferiti del pannello Inserisci

Le voci della sezione Preferiti del pannello Inserisci vengono rimosse dopo l'aggiornamento. Prendete nota di queste voci in modo da poterle aggiungere manualmente dopo l'aggiornamento.

Aggiornamento a Dreamweaver Creative Cloud

L'aggiornamento 12.1 include nuove correzioni rispetto alla versione patch precedente (Dreamweaver 12.0.1).

  1. Aprite Dreamweaver.
  2. Selezionate Aiuto > Aggiornamenti.
  3. In Adobe Application Manager, selezionate l'aggiornamento di Dreamweaver.
  4. Fate clic su Aggiorna.

Dopo l'aggiornamento

Abilitare le estensioni precedentemente installate

Se aggiornate da Dreamweaver CS6 a Creative Cloud, le estensioni installate in precedenza non figurano nei menu di Dreamweaver.

Per visualizzare le estensioni precedentemente installate, aprite Adobe Extension Manager, selezionate tutte le estensioni e riattivatele.

Inserire oggetti nella sezione Preferiti del pannello Inserisci

Gli oggetti che avete inserito nella sezione Preferiti del pannello Inserisci di Dreamweaver CS6 vengono rimossi dopo l'aggiornamento. Dovete reinserli manualmente nel pannello.

(Solo per Mac OS 10.6.x, con FileVault attivato) La cartella principale locale del sito deve puntare a una cartella esterna alla cartella Utenti

La funzione Live Search non funziona se FileVault è attivato per la cartella principale locale del sito.

La cartella principale locale si trova all'interno della cartella dell'utente (/Utenti/<utente>/). Scegliete come destinazione della cartella principale locale del sito una posizione al di fuori della cartella Utenti.

Etichette HTML nella finestra di ispezione Proprietà

Le parole chiave HTML non sono più localizzate nella finestra di ispezione Proprietà. Vengono visualizzate solo in inglese.

Limitazioni note

Composizioni Edge Animate

L'anteprima delle composizioni Edge Animate nella vista Dal vivo rallenta notevolmente Dreamweaver. Adobe consiglia di utilizzare l'anteprima nel browser per le composizioni Edge Animate.

Solo i file OAM possono essere inseriti in Dreamweaver. Non è tuttavia possibile inserire file OAM con caratteri a doppio byte, high-ASCII o speciali nel nome file.

Impossibile riprodurre video o audio HTML5 nella vista Dal vivo

Visualizzate l'anteprima dell'audio/video HTML5 in un browser.

I video HTML non vengono riprodotti nel modo previsto sul sito Web

Se un video viene riprodotto correttamente sul computer locale ma non su un server Web dal vivo, il problema è probabilmente dovuto al fatto che il server Web remoto non è configurato correttamente per il formato video utilizzato.

Per supportare il video HTML5 nei vostri siti Web, configurate correttamente i tipi MIME sul vostro server Web.

Per la scelta del tipo MIME corretto, verificate il formato dei video (MP4, OGV, WEBM). Adobe consiglia di offrire tutti i formati o almeno MP4 e WEBM per assicurare la massima compatibilità dei browser. I tipi MIME devono essere impostati separatamente per ciascun formato.

Per la codifica video, potete provare HTML5 Video Player. Il player consente di convertire i video in formati video HTML5 diversi in modalità batch.

Se intendete ospitare i vostri siti Web su tipi di server Web diversi, ad esempio server Windows con IIS o server Linux con Apache, configurate i tipi MIME HTML5 per il tipo di server specifico.

Impostare il tipo MIME video HTML5 su Apache

AddType video/ogg.ogv

AddType video/mp4.mp4

AddType video/webm.webm

Aggiungete il seguente codice al file httpd.conf o a un file .htaccess nella directory contenente il file video.

La prima riga è per i video in un contenitore Ogg. La seconda è per i video in un contenitore MPEG-4. La terza è per WebM.

Impostare il tipo MIME video HTML5 su IIS

Per impostare i tipi MIME video HTML5 sui server IIS, aprite IIS Manager sul server Windows. Aprite le impostazioni Tipi MIME.

Esistono alcune differenze tra le versioni di IIS. Consultate la documentazione del server o la società di hosting per sapere come impostare il tipo MIME video HTML5 per i tipi di file specifici sui server Windows.

Se utilizzate IIS Express e non disponete di un'istanza completa di IIS in esecuzione, usate il file di Web.config. Questo metodo funziona su tutti i server Web IIS7 e viene ignorato su tutti i server Web non-IIS7. Pertanto, può essere usato senza problemi indipendentemente dal tipo di applicazione o di contenuto.

Aggiungete il codice seguente al file di configurazione:

<configuration>

<system.webserver>

<staticContent>

<mimeMap FileExtension=":mp4" mimeType="video/mp4" />

<mimeMap FileExtension=".ogv" mimeType="video/ogg" />

<mimeMap FileExtension=".webmv" mimeType="video/webmv" />

</staticContent>

</system.webServer>

</configuration>

Se utilizzate un server Web diverso da Apache o IIS, consultate la documentazione del server per sapere come impostare il tipo MIME video HTML5 per i tipi di file specifici.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online