Automazione

Publishing automatizzato con XML, IDML e scripting

Le flessibili opzioni per XML, il formato IDML (InDesign® Markup Language) e l’avanzato supporto per lo scripting di Adobe® InDesign consentono di creare efficaci flussi di lavoro automatizzati per pubblicare contenuti su sistemi e media diversi. Leggete le informazioni dettagliate su XML, IDML e il supporto per lo scripting di InDesign, che vi aiuteranno a creare una solida base di soluzioni personalizzate in grado di soddisfare specifici requisiti di publishing.

Se state pensando di automatizzare i processi di InDesign, considerate la possibilità di utilizzare Adobe InDesign Server, la versione server flessibile, affidabile e scalabile di InDesign. InDesign Server sfrutta la stessa base di codice di InDesign ed è pertanto dotato di tutte le funzionalità della versione desktop, oltre a numerose funzionalità specifiche di tipo server.

Risorse IDML

IDML è un formato di file aperto, basato su XML, che consente agli integratori di sistemi e agli sviluppatori di terze parti di creare, modificare e scomporre i documenti InDesign fuori dal contesto di InDesign. IDML interagisce con strumenti di editing XML standard, facilitandone l’utilizzo nei flussi di lavoro automatizzati. Il supporto della tecnologia multithreading di InDesign, inoltre, consente di utilizzare il formato di file IDML in modo ancora più veloce.

Grazie a IDML gli sviluppatori ora possono:

  • Generare o modificare documenti in modo dinamico
  • Scomporre e riutilizzare porzioni di documenti
  • Trasformare gli elementi dei documenti utilizzando XSLT
  • Cercare e modificare i dati all’interno dei documenti InDesign utilizzando XPath o XQuery
  • Utilizzare Adobe Flash® Builder® e il runtime Adobe AIR® per creare applicazioni e interfacce personalizzate per la gestione dei flussi di lavoro IDML

Rinnovamento dei flussi di lavoro progettati per i documenti

IDML deriva dal formato INX (InDesign Interchange), che fu introdotto in InDesign CS2 per consentire agli utenti di salvare i documenti da utilizzare in una versione precedente. Il formato INX era difficile da leggere e da elaborare, poiché era stato progettato per essere utilizzato esclusivamente da InDesign. I tentativi di elaborare INX si scontravano con problemi di leggibilità, solidità, scalabilità e compatibilità con gli strumenti XML.

IDML affronta questi ostacoli consentendo agli sviluppatori di modificare, comporre e ricomporre rappresentazioni XML dei documenti InDesign per creare ed elaborare i file InDesign all’esterno del contesto di InDesign. I file vengono quindi reintegrati nel prodotto InDesign per essere convertiti nel formato di output finale.

Vantaggi

IDML offre un modo più facile e flessibile per creare e implementare svariate soluzioni di publishing. I vantaggi sono i seguenti:

  • Completezza: IDML consente di rappresentare oggetti, attributi e preferenze in modo ciclico e completo.
  • Leggibilità: il formato IDML può essere letto e scritto da qualsiasi programma o strumento in grado di leggere e scrivere lo standard XML.
  • Solidità: grazie a IDML gli sviluppatori godono di una migliore visibilità degli errori, che gestiscono inoltre con maggior flessibilità.
  • Compatibilità con versioni precedenti: gli utenti potranno esportare un file IDML generato per una versione e aprirlo nelle versioni successive.

Esempi di utilizzo

I potenziali utilizzi di IDML sono numerosi, trattandosi di un formato XML. Elenchiamo, tuttavia, alcuni degli utilizzi più comuni:

  • Conversione e riconversione: IDML offre una soluzione per passare dal formato di file binario InDesign a IDML e viceversa. È possibile, ad esempio, esportare un documento InDesign in IDML per utilizzarlo come modello all’esterno di InDesign: il modello IDML potrà successivamente essere modificato mediante gli strumenti XML e reimportato nel formato di file InDesign.
  • Composizione dinamica di documenti: in questo scenario i documenti IDML possono essere composti in base alle informazioni contenute in un database o in un feed di dati utilizzando strumenti XML e aperti in InDesign o Adobe InCopy® per un’ulteriore elaborazione.
  • Risorse XML

    Scoprite come importare e utilizzare file XML in InDesign.

    Risorse per la creazione di script

    Grazie al supporto di script di InDesign è possibile automatizzare attività di produzione ripetitive come l'inserimento e la sostituzione di immagini, la correzione di errori di testo e la preparazione di file per la stampa. Questo supporto svolge inoltre un ruolo fondamentale nei flussi di lavoro basati su XML e IDML. Ulteriori informazioni su come aggiungere e utilizzare scripting in InDesign.

    Risorse XMP

    XMP per l'aggiunta di funzionalità intelligenti a contenuti multimediali

    Lo standard XMP (Extensible Metadata Platform) di Adobe è una tecnologia di etichettatura che consente di inserire i dati relativi a un file, noti come metadati, nel file. Per ulteriori informazioni sulle modalità di utilizzo di XMP da parte dei partner e degli standard, visitate il sito Web di XMP.

    Tecnologia XMP per sviluppatori

    Il kit di strumenti XMP consente di integrare le funzionalità dei metadati nei prodotti o nelle soluzioni. È compatibile con macOS, Windows® e UNIX® e offre esempi, documentazione, codice sorgente e file di progetto. Il kit di strumenti XMP è disponibile con licenza BSD.


    risorse correlate

    Contattaci

    Siamo sempre lieti di ricevere i vostri feedback. Condividete le vostre opinioni con la Community di Adobe InDesign.

    Logo Adobe

    Accedi al tuo account