Panoramica

L’integrazione di Adobe Sign per Microsoft SharePoint offre una soluzione integrata per creare, inviare, controllare e gestire le firme elettroniche. L'integrazione è disponibile per Microsoft SharePoint 2010 e funziona con le istanze di SharePoint ospitate e locali. La soluzione è stata sviluppata come plug-in per Microsoft SharePoint e fornisce:

  • Possibilità di aggiungere Adobe Sign come parte Web di SharePoint che può essere usata dagli utenti di SharePoint per inviare e monitorare i documenti per la firma
  • Invio di qualsiasi documento da una libreria di documenti SharePoint per la firma
  • Possibilità di inviare documenti a un unico destinatario o a un gruppo di destinatari tramite gli elenchi di SharePoint e dati di mappatura dagli elenchi di SharePoint nei documenti quando i documenti vengono inviati per la firma
  • Aggiunta della firma elettronica come attività all'interno dei flussi di lavoro SharePoint per automatizzare il processo di invio dei documenti per la firma in base agli eventi all'interno di SharePoint
  • Archiviazione di tutti gli accordi firmati in SharePoint.

Requisiti

La soluzione Adobe Sign può essere installata e configurata solo da un amministratore di Microsoft SharePoint; per l'installazione, sono inoltre necessari privilegi di amministratore in un server SharePoint. Consulta la documentazione di SharePoint e l’amministratore SharePoint della tua organizzazione per delle autorizzazioni aggiuntive per i sistemi eventualmente necessarie per installare i plug-in di SharePoint. Per configurare la soluzione, è inoltre necessario un account di amministratore di Adobe Sign e disporre di accesso alla chiave API dell'account Adobe Sign. I requisiti di sistema illustrati di seguito includono i componenti sia server sia client necessari per installare ed eseguire correttamente Adobe Sign per SharePoint.

  • Microsoft SharePoint in hosting
  • Internet Explorer 11+

Nota:

Le azioni Ottieni stato accordo e Annulla accordo funzionano solo per i clienti che utilizzano l’istanza NA1.

Come trovare la propria istanza

Installa il pacchetto WSP di Adobe Sign in Raccolta siti


Carica e attiva il pacchetto .wsp

1. Ottieni il pacchetto .wsp più recente

2. Passa a Raccolta siti > Impostazioni sito > Gallerie designer Web > Soluzioni

Nota: _catalogs/solutions/Forms/AllItems.aspx

Navigate to Solutions

 

3. Carica il file .wsp

Solutions Page

 

4. Attiva la funzionalità del sito manualmente:

  • Passa a Impostazioni sito > Azioni sito > Gestisci funzioni sito
  • Fai clic sul pulsante Attiva accanto all'opzione Azioni del flusso di lavoro eSign di Adobe
  • Fai clic sul pulsante Attiva accanto all'opzione Elenco di configurazione delle azioni del flusso di lavoro eSign di Adobe
2office-365-feature-activate


Inserisci dati nell'elenco delle configurazioni di eSign

L'inserimento dei dati nell'elenco delle configurazioni di eSign richiede di generare e immettere diversi campi univoci. 

Si consiglia di aprire Blocco note o qualche altro editor di testo in modo da poter salvare le chiavi generate, per poi inserirle tutte in una volta.

È necessario:

  • Generare il valore eSignIntegrationKey (nell'app di Adobe Sign)
  • Ottenere il valore spTenantID in SharePoint
  • Generare il valore spClientID e le chiavi spClientSecret in SharePoint
  • Concedere le autorizzazioni per la nuova entità servizio in SharePoint
  • Inserire eSignConnectorURL


Passaggio 1: generare il valore eSignIntegrationKey

Per generare una chiave di integrazione in Adobe Sign:

1. Accedi al tuo account di amministratore dell'account Adobe Sign

2. Passa a Account > API Adobe Sign > Informazioni API

3. Fai clic sul collegamento Chiave di integrazione al centro della pagina

Integration Key Link2-rebrand edit

Viene aperta l'interfaccia Crea chiave di integrazione:

1. Fornisci un nome intuitivo per la chiave (ad esempio SharePoint).

2. È necessario che i seguenti elementi della chiave di integrazione siano abilitati:

  • agreement_read
  • agreement_write
  • agreement_send
  • library_read
Generate Integration Key

 

3. Una volta configurata la chiave, fai clic su Salva.

Viene visualizzata la pagina Token di accesso in cui sono riportate le chiavi definite nel tuo account.

4. Fai clic sulla definizione della chiave creata per SharePoint.

  • Il collegamento Chiave di integrazione viene visualizzato sopra la descrizione.

5. Fai clic sul collegamento Chiave di integrazione.

Integration Key Link

 

Viene visualizzata la chiave di integrazione:

6. Copia questa chiave e salvala per aggiungerla all'elenco delle configurazioni di eSign

7. Fai clic su OK.

  • A questo punto, l'operazione nell'applicazione Adobe Sign è terminata e puoi disconnetterti
The Integration Key


Passaggio 2: Ottenere il valore spTenantID

Per ottenere il valore spTenantID:

1.        Passa a Impostazioni sito > Utenti e autorizzazioni > Autorizzazioni app sito.

2.       In Identificatore app, copia la parte dopo @

  • ad esempio: i:0i.t|ms.sp.ext|d559ac84-d8e6-4515-9229-89w01@870fe83b-ye9d-96d3-n1d0-9et51ar2e792e
spTenantID

3. Salva questo valore per inserirlo nell'elenco delle configurazioni di eSign


Passaggio 3: Generare le chiavi spClientID e spClientSecret

Per generare le chiavi spClientID e spClientSecret:

1. Nell'URL del sito SharePoint, dopo sharepoint.com/sites/{yoursite} incolla la stringa seguente: _layouts/15/appregnew.aspx

AppReg URL

Nota:

Non dimenticare il carattere di sottolineatura davanti a layouts

  • Si apre una nuova pagina che consente di generare entrambe le chiavi

2. Fai clic sui pulsanti Genera sia per ID cliente che per Segreto cliente

3. Copia entrambe le chiavi e salvale per inserirle nell'elenco delle configurazioni di eSign

4. Inserisci i seguenti valori letterali nei campi rimanenti:

  • Titolo: Adobe Sign
  • Dominio app: spintegration.echosign.com/sharepoint
  • URL di reindirizzamento: https://spintegration.echosign.com/sharepoint
Generate SP Keys

5. Fai clic su Crea

  • In questo modo, puoi inserire la nuova entità servizio in Azure AD
  • Puoi riutilizzare la stessa entità nelle raccolte siti


Passaggio 4: Concedere le autorizzazioni alla nuova entità servizio

Concedi alla nuova entità servizio le autorizzazioni al sito nel modo seguente

1. Nell'URL del sito SharePoint, dopo sharepoint.com/sites/{il tuo sito} incolla la stringa seguente: _layouts/15/appinv.aspx

  • È necessario eseguire questa operazione in tutti i siti dove è prevista l'esecuzione dei flussi di lavoro
2016-09-22_15-14-26

Nota:

Non dimenticare il carattere di sottolineatura davanti a layouts

I campi devono includere il contenuto dell'applicazione del passaggio precedente:

  • ID app: questo è l'ID cliente appena generato
  • Titolo: Adobe Sign
  • Dominio app: spintegration.echosign.com/sharepoint
  • URL di reindirizzamento: https://spintegration.echosign.com/sharepoint

2. Copia e incolla il codice seguente nel campo XML richiesta di autorizzazione:

<AppPermissionRequests AllowAppOnlyPolicy="true">
<AppPermissionRequest Scope="http://sharepoint/content/sitecollection" Right="FullControl" />
  </AppPermissionRequests>
Grant Permissions

Nota:

L'app consente all'utente di eseguire con le autorizzazioni dell'app (Controllo completo nell'esempio riportato sopra. Puoi ridurre la concessione delle autorizzazioni per consentire pieno controllo di un sito o un livello inferiore.)

 

3. Fai clic su Crea

4.  Fai clic su Ritieni affidabile quando la pagina viene ricaricata

Trust the App

 

Puoi visualizzare le autorizzazioni risultanti in Impostazioni sito > Autorizzazioni app sito

Site Permissions


Passaggio 5: Inserire il valore eSignConnectorURL

eSignConnectorURL è il valore letterale: https://spintegration.echosign.com/sharepoint


Configura l'elenco di configurazione di eSign

1. Nell'opzione Contenuti sito del sito dove è stata attivata la funzione Elenco di configurazione del flusso di lavoro eSign di Adobe, individua e fai clic sull'elenco Configurazione di eSign

2. Crea un nuovo elemento per aprire un nuovo modulo di configurazione

Blank eSigConfig

3. Compila i seguenti valori:

  • Titolo: “Configurazione
  • spClientID: inserisci il valore ID cliente indicato al Passaggio 3
  • spClientSecret: inserisci il valore Segreto cliente indicato al Passaggio 3
  • spTenantID: inserisci il valore ID tenant indicato al Passaggio 2
  • eSignIntegrationKey: inserisci la chiave di integrazione di Adobe Sign indicata al Passaggio 1
  • eSignConnectorURL: inserisci https://spintegration.echosign.com/sharepoint
  • debugStatements: No

4. Fai clic su Salva

Considerazioni relative alla sicurezza per la lettura dell'elenco di configurazione di eSign dall'azione del flusso di lavoro

È buona norma consentire solo agli amministratori della raccolta siti l'accesso all'elenco di configurazione di eSign.

Se il flusso di lavoro viene avviato dall'utente che ha accesso all'elenco di configurazione di eSign, il flusso di lavoro funziona senza problemi. Tuttavia, se l'utente non ha accesso all'elenco, le azioni del flusso di lavoro devono essere racchiuse nel passaggio dell'app.

1. Sul sito in cui il flusso di lavoro viene pubblicato

  • Passa a Impostazioni sito > Funzioni sito
  • Attiva la funzione I flussi di lavoro possono utilizzare le autorizzazioni app.

2. Ottieni l'ID dell'entità servizio del flusso di lavoro

  • Passa a Impostazioni sito > Autorizzazioni app sito

Esempio: flusso di lavoro i:0i.t|ms.sp.ext|d55e6c84-d8e6-4515-9229-896we4554601@870f107b-dc9d-47d3-9ad0-9d851rr2e762e

3. Concedi le autorizzazioni all'entità servizio del flusso di lavoro in _layouts/15/appinv.aspx seguendo la stessa procedura illustrata per l'applicazione effettiva

sharepoint-designer-app-step-give-permissions

4. Ritieni attendibile l'entità servizio del flusso di lavoro

 

A questo punto, il passaggio dell'app dovrebbe essere disponibile in SharePoint Designer (è necessario riavviare):

Installed


Copia PDF scaricabile

Scarica

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online