Potete usare gli strumenti di pittura e di regolazione di Photoshop per modificare le texture contenute in un file 3D o per creare nuove texture. Le texture vengono importate come file 2D con il modello 3D e vengono visualizzate come voci nel pannello Livelli, nidificate nel pannello 3D e raggruppate per tipo di mappa: Diffusione, Rilievo, Lucentezza e così via.

Nota:

Per visualizzare una miniatura di un file di texture particolare, passate il puntatore del mouse sul nome della texture nel pannello Livelli. Vengono visualizzati anche la dimensione dell’immagine e il metodo colore.

Pannello Livelli con alcune texture 3D, raggruppate secondo il tipo di mappa texture

A. Livello 3D B. Tipi di mappa texture C. Nome del file della mappa texture 

Nota:

quando è selezionato un materiale, le mappe texture usate da un determinato materiale vengono visualizzate anche nella sezione inferiore del pannello 3D. Consultate Impostazioni Materiali 3D.

Per modificare le texture 3D in Photoshop, eseguite una delle seguenti operazioni:

  • Modificate una texture in formato 2D. La texture si apre come Oggetto avanzato in una propria finestra di documento.

  • Modificate la texture direttamente sul modello. Se necessario, potete tagliare temporaneamente le superfici del modello per accedere alle aree su cui colorare. Consultate Disegno 3D.

Modificare una texture in formato 2D

  1. Effettuate una delle seguenti operazioni:

    • Fate doppio clic sulla texture nel pannello Livelli.

    • Nel pannello Materiali, selezionate il materiale che contiene la texture. Nella sezione inferiore del pannello, fate clic sull’icona del menu texture per la texture da modificare e scegliete Apri texture.

  2. Usate uno degli strumenti di Photoshop per colorare o modificare la texture.

  3. Per visualizzare la texture aggiornata applicata al modello, attivate la finestra contenente il modello 3D.

  4. Chiudete il documento texture e salvate le modifiche.

Visualizzare o nascondere una texture

Potete visualizzare o nascondere una texture per identificare a quale area del modello è applicata.

  1. Fate clic sull’icona a forma di occhio accanto al livello Texture. Per nascondere o visualizzare tutte le texture, fate clic sull’icona occhio accanto al livello Texture superiore.

Creare sovrapposizioni UV

In un file di texture di diffusione usato da diversi materiali su un modello 3D possono essere raggruppate diverse aree di contenuto applicate a differenti superfici del modello. Il processo chiamato mappatura UV abbina le coordinate nella mappa texture 2D a coordinate specifiche del modello 3D. La mappatura UV consente di “pitturare” correttamente la texture 2D sul modello 3D.

Per contenuti 3D creati al di fuori di Photoshop, la mappatura UV viene eseguita nel relativo programma di creazione. Tuttavia, Photoshop può creare sovrapposizioni UV come guide per la visualizzazione della corrispondenza tra la texture 2D e le superfici del modello 3D. Tali sovrapposizioni agiscono da guide durante la modifica di una texture.

  1. Fate doppio su una texture nel pannello Livelli per aprirla e modificarla.

    Nota:

    l’opzione Crea sovrapposizioni UV è attiva solo quando una mappa texture è aperta e la finestra è attiva.

  2. Scegliete 3D > Crea sovrapposizioni UV, quindi selezionate l’opzione di sovrapposizione.

    Wireframe

    Mostra i dati del bordo della mappatura UV.

    Ombreggiato

    Mostra le aree del modello usando una modalità di rendering omogenea.

    Mappa normale

    Mostra le normali geometriche tradotte in valori RGB, in cui R=X, G=Y e B=Z.

Le sovrapposizioni UV vengono aggiunte come livelli extra nel pannello Livelli per il file di texture. Potete mostrare, nascondere, spostare, o eliminare una sovrapposizione UV. Le sovrapposizioni vengono visualizzate sulla superficie del modello quando chiudete e salvate un file di texture o passate dal file di texture al livello 3D associato (il file di texture viene salvato automaticamente).

Nota:

eliminate o nascondete le sovrapposizioni UV prima di eseguire un rendering finale.

Riparametrizzare una mappa texture

Può capitare di aprire un modello 3D le cui texture non sono correttamente mappate rispetto alla trama del modello sottostante. L’errata mappatura delle texture può produrre evidenti distorsioni della superficie del modello, ad esempio giunture indesiderate o aree in cui il pattern della texture appare allungato o compresso. Una mappatura errata della texture può anche causare risultati inaspettati quando colorate direttamente sul modello.

Nota:

Per verificare la parametrizzazione della texture, aprite una texture per la modifica, quindi applicate una sovrapposizione UV per visualizzare l’allineamento con le superfici del modello. Consultate Creare sovrapposizioni UV.

Il comando di riparametrizzazione rimappa una texture rispetto al modello per correggere eventuali distorsioni e creare una migliore copertura della superficie.

  1. Aprite un file 3D con una texture di diffusione con mappatura errata e selezionate il livello 3D contenente il modello.

  2. Scegliete 3D > Riparametrizza. Un messaggio avvisa che viene riapplicata la texture al modello. Fate clic su OK.

  3. Scegliete un’opzione di riparametrizzazione:

    • Distorsione bassa mantiene intatto il pattern della texture, ma può creare più giunture sulla superficie del modello.

    • Meno giunture riduce il numero di giunture visibili sul modello. Ciò può produrre un maggiore allungamento o compressione della texture, a seconda del modello.

    Texture riparametrizzata con Distorsione bassa (a sinistra) e Meno giunture (a destra)

  4. (Facoltativo) Se l’opzione di riparametrizzazione scelta non crea una copertura di superficie ottimale, scegliete Modifica > Annulla e provate con un’altra opzione.

Potete anche usare il comando Riparametrizza per migliorare la mappatura predefinita della texture che si verifica quando create modelli 3D da livelli 2D. Consultate Creare oggetti 3D da immagini 2D.

Creare una piastrella per una texture ripetuta

Una texture ripetuta è composta da piastrelle identiche disposte in un pattern a griglia. Una texture ripetuta può fornire una copertura più realistica della superficie del modello, richiedere meno memoria e migliorare le prestazioni di rendering. Potete convertire un qualsiasi file 2D in un “dipinto su piastrelle”. Una volta verificata in anteprima l’interazione di più piastrelle nel dipinto, potete salvare una piastrella da usare come texture ripetuta.

Nota:

Per impostare una trama per una texture ripetuta, usate l’applicazione 3D con cui è stato creato il modello.

  1. Aprire un file 2D.

  2. Selezionate uno o più livelli nel file, quindi scegliete 3D > Nuovo dipinto su piastrelle.

    Il file 2D viene convertito in un piano 3D contenente nove piastrelle identiche del contenuto originale. Le dimensioni dell’immagine rimangono invariate.

  3. Modificate la texture su piastrelle con gli strumenti di pittura, i filtri o altre tecniche. Le modifiche apportate a una piastrella si riflettono automaticamente anche sulle altre.

  4. Salvate una singola piastrella come immagine 2D: nella sezione Materiali  del pannello 3D, scegliete Apri texture dal menu Diffusione . Quindi scegliete File > Salva con nome e specificate il nome, il percorso e il formato.

    Nota:

    A meno che non intendiate usare indipendentemente l’elemento originale a nove piastrelle, chiudetelo senza salvarlo.

  5. Per caricare la piastrella come texture ripetuta, aprite il file del modello 3D. Nella sezione Materiali del pannello 3D, scegliete Carica texture dal menu Diffusione e selezionate il file precedentemente salvato.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online