Panoramica dell’aggiunta in blocco

La funzionalità di importazione utenti (caricamento in blocco) ti consente, come amministratore Enterprise, di creare un file che comprende identità utente e di inviare tale file alla pagina di gestione dell’amministratore del cliente Enterprise per l’elaborazione. Ogni elemento nel file rappresenta un utente e il risultato dell’elaborazione è che ogni utente dispone di un account creato. Poiché possono essere coinvolti centinaia di account, lo stato e l’avanzamento dell’elaborazione vengono visualizzati e puoi annullare l’elaborazione del file in qualsiasi momento.

Gli account Enterprise vengono creati in seguito a un acquisto cliente di un accordo di licenza con Adobe che garantisce al cliente uno specifico numero di licenze per vari prodotti Adobe. Al termine della transazione di acquisto, un agente Adobe crea un account per l’organizzazione e un utente con le funzionalità di amministrazione per tale account. Tale amministratore può creare e gestire gli account utente per i membri dell’organizzazione.

Nota:

La funzionalità di importazione degli utenti non supporta nickname con caratteri speciali come virgola (,) e punto e virgola (;).

Funzione

Quando un file è selezionato per l’elaborazione, i seguenti controlli preliminari sono effettuati e messaggi di errore emessi nel caso in cui i controlli non riescano.

  • File in formato CSV
  • Intestazione legale, se presente
  • 1-5000 voci

Per ogni voce:

  • L’indirizzo e-mail deve essere in un formato valido
  • Zero o più configurazioni del prodotto specificate
  • Il paese, se presente, è consentito ed è un paese in cui opera Adobe
  • Le opzioni, se presenti, sono consentite

Un limite di 5000 voci per file è il massimo che può essere elaborato per ogni operazione di importazione.

Quando viene elaborato un file, ogni voce è elaborata singolarmente come segue:

Il dominio dell’indirizzo e-mail è

Azione

Eccezioni

Richiesto dall’organizzazione e gestito da Adobe L’account Adobe ID viene creato con l’indirizzo e-mail dato. Il messaggio e-mail di benvenuto è inviato.

Un invito è già in corso o l’account con l’e-mail data esiste.

Paese, se presente, in cui Adobe non opera.

Configurazioni del prodotto non valide o quota superata.

Richiesto dall’organizzazione e gestito da Enterprise Record persona creato con il nome utente specificato. Aggiunto a configurazioni prodotto specificate. Indirizzo e-mail utilizzato solo per determinare il dominio. Nessuna e-mail inviata.

Nome utente esistente.

Paese, se presente, in cui Adobe non opera.

Configurazioni del prodotto non valide o quota superata.

Non richiesto dall’organizzazione

Invio e-mail di invito all’indirizzo e-mail dell’utente. Nessun account creato. Invito associato alle configurazioni prodotto elencate.

Se l'account è presente, aggiungere alle configurazioni prodotto.

Un invito è già in corso o si dispone dell’account con l’e-mail data.

Paese, se presente, in cui Adobe non opera.

Quando l’elaborazione di tutte le voci file è completata, viene generato un messaggio e-mail per l’utente iniziale che informa sul completamento e sul riepilogo dei risultati.

Se l’operazione di importazione è annullata, l’elaborazione si interrompe quando più conveniente. L’elaborazione completata non è ripristinata.

Interfaccia utente

Nel pannello dell’elenco utenti della console di amministrazione, è disponibile un’icona per il caricamento di un file utente. Il file deve essere di tipo “csv” e disporre di un suffisso .csv. Il relativo formato è descritto di seguito.

Quando l’importazione è selezionata, viene visualizzata una finestra di dialogo che mostra istruzioni, un collegamento di download di un file di esempio e un collegamento per sfogliare e selezionare un file per il caricamento e l’elaborazione.

Dopo la scelta di un file per l’elaborazione, viene verificata la validità e segnalato qualsiasi errore rilevabile. Se non ci sono errori, il file viene salvato sul server e l’elaborazione avviata. Solo una singola operazione di importazione può essere in corso per una data organizzazione (indipendentemente dal dominio) così che l’avvio successivo dell’operazione di importazione sia disattivato fino al completamento del primo.

Quando l’elaborazione è accettata, viene visualizzata una linea nella scheda di importazione dei risultati del pannello dell’elenco utenti. La voce mostra quanto segue:

  • Nome file
  • data/ora del caricamento e avvio dell’elaborazione
  • Stato (Elaborazione in corso/Completato/Annullato) (aggiornato periodicamente)
  • Numero di account creati (aggiornato periodicamente)
  • Numero di errori (aggiornato periodicamente)
  • Velocità di elaborazione (voci/secondo) (aggiornata periodicamente)
  • Tempo residuo stimato (aggiornato periodicamente)
  • Un controllo per annullare l’operazione (solo con elaborazione in corso)
  • Collegamento per segnalazione (con elaborazione completata)
  • Un controllo per eliminare la voce (con elaborazione completata)

Selezionando il nome del file viene visualizzato un report pop-up con ulteriori dettagli sull’elaborazione quando lo stato è completato o annullato. Mostrati i conteggi di riepilogo dei successi e dei vari tipi di fallimento. Sono visualizzati solo i valori diversi da zero.

Al momento dell’elaborazione, qualsiasi utente creato compare nell’elenco di utenti attivi se visualizzato (o il conteggio viene aggiornato se visualizzato).

Al momento dell’elaborazione, gli inviti utente generati compaiono nell’elenco di inviti in sospeso se visualizzato (o il conteggio viene aggiornato se visualizzato)

Il rapporto è disponibile al termine dell’elaborazione e mostra i risultati per ogni voce elaborata. Nel rapporto, sono disponibili tre colonne:

  • Numero riga
  • Indirizzo e-mail
  • stato e messaggio di errore (se presenti)

Il rapporto è ordinato in base al numero di riga e i numeri di riga corrispondono al numero di riga originale nel file CSV.

Importante: nella pagina di importazione dei risultati vengono visualizzati i rapporti di 90 giorni o più recenti. I rapporti superiori a 90 giorni vengono rimossi automaticamente, senza l’interferenza di un amministratore di sistema.

Formato di file

Il file che elenca gli utenti deve essere conforme a RFC 4180 (specifica file CSV).  Se presente, la riga dell’intestazione deve essere la seguente:

Tipo, E-mail, ConfigurazioniProdotto, nome utente, CodicePaese, Nome, Cognome, Opzioni

Nota: questi campi possono essere modificati periodicamente. Verifica che l’intestazione corrisponda al campione più recente dalla console di amministrazione.

Questi campi sono definiti nel modo seguente:

Campo

Sintassi

Interpretazione

Tipo Uno dei valori Adobe ID, Enterprise ID o Federated ID. Questi valori controllano il tipo di ID assegnato all’utente. Senza distinzione tra maiuscole e minuscole. Il tipo di ID deve essere valido per il dominio.
E-mail

RFC 2822 sec 3.4.1

max 60 caratteri

Nome e dominio. Per domini gestiti da Enterprise, viene utilizzato solo il nome dominio. Il nome utente determina il nome account. Per altri tipi di account, si tratta dell’indirizzo e-mail per l’utente e il nome account.
ConfigurazioniProdotto Un elenco separato da virgole di nickname di configurazione prodotto Il nickname di configurazione del prodotto a cui desideri assegnare l’utente. Puoi assegnare l’utente a più configurazioni prodotto in una volta; separa i nomi di configurazione con virgole. Ad esempio, “Gestione pubblico:manager pubblico - accesso predefinito, solo piano cliente - Piano cliente - Design”
Nome utente Qualsiasi stringa. Limitato ad ASCII. Utilizzato solo nei domini gestiti da Enterprise. Nome account da utilizzare per questo utente. Le limitazioni a indirizzo e-mail e stesso indirizzo e-mail possono essere imposte dal proprietario del dominio. Lunghezza massima 255
CodicePaese ISO 3166-1 alpha-2 Country Codes Si tratta di un codice paese di due lettere (ad esempio, Stati Uniti = “US”) Se presente, selezionato per garantire che l’utente provenga da un paese in cui Adobe può operare legalmente. Deve essere presente per account gestito da Enterprise.
Nome Corda Lunghezza massima 255
Cognome Corda Lunghezza massima 255
Opzioni

Elenco di nomi separati da virgole. Questo campo è per uso futuro

Valori futuri previsti:

NoEmail: blocca l’invio di e-mail di benvenuto per account.

ResetPassword: account flag per reimpostazione password

Scarica

Risoluzione dei problemi di caricamento in blocco

Questa sezione aiuta a risolvere i problemi delle condizioni di errore o altri problemi che potrebbero presentarsi durante l’utilizzo della funzionalità di importazione in blocco con la console di amministrazione Adobe.

Errore “Nomi di configurazione non validi”

Se ottieni l’errore “Nomi di configurazione non validi” (“INVALID_CONFIGURATIONS”) verifica la configurazione prodotto nella console di amministrazione:

  • Se la configurazione prodotto è “Configurazione predefinita” come esempio viene fornita una configurazione virtuale. È necessario modificare questa configurazione per convertirla in una configurazione prodotto funzionante, reale.
  • Se crei una nuova configurazione prodotto, “Configurazione predefinita” scomparirà.
  • Dopo aver modificato la configurazione prodotto o creata una nuova, prova nuovamente l’importazione in blocco.

Convalida formato CSV

Convalida il file CSV confrontandolo con il modello di esempio nel dashboard. I campi importanti sono nome, cognome, ID utente, indirizzo e-mail e codice paese.

Se l’utente esiste, l’importazione non riesce. Invece, visualizzi un messaggio che indica che l’utente esiste nel rapporto di caricamento in blocco.

Il rapporto di caricamento elenca altri errori separatamente dagli avvisi utente esistenti.

Errore di importazione

Campi obbligatori per i diversi tipi di ID utente:

Tipo E-mail ConfigurazioniProdotto Nome utente Codice paese Nome Cognome Opzioni
Adobe ID Richiesto Opzionale Opzionale Opzionale Opzionale Opzionale Opzionale
Enterprise ID Richiesto Richiesto Opzionale Opzionale Opzionale Opzionale Opzionale
Federated ID Richiesto Richiesto Richiesto Richiesto Opzionale Opzionale Opzionale

Problemi noti

Il messaggio di errore di importazione nel rapporto di importazione in blocco è troncato attualmente sul lato destro. Verrà corretto in una build futura della console di amministrazione.

Codici di risposta, messaggi e condizioni di errore di importazione

 

Situazione

Messaggio

Note

Riga di intestazione file CSV non valida

 

Riga intestazione non valida nel file CSV. La riga di intestazione deve essere 

Tipo, E-mail, ConfigurazioniProdotto, nome utente, CodicePaese, Nome, Cognome, Opzioni

 

L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita.

Riga di intestazione file CSV mancante

 

Riga intestazione non valida nel file CSV. La riga di intestazione deve essere 

Tipo, E-mail, ConfigurazioniProdotto,nome utente, CodicePaese, Nome, Cognome, Opzioni

 

L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita.

Numero di colonne non corretto nella riga di intestazione Formato file non valido nella riga 2: per assistenza, fai riferimento al campione. numero errato di colonne nella riga di file csv L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita.
Numero errato di colonne nella riga di dati

Formato file non valido nella riga 2: per assistenza, fai riferimento al campione. numero errato di colonne nella riga di file csv

L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita.
Nessuna riga di dati in CSV o 1 riga di dati e riga intestazione mancante File non valido. Aggiungi almeno un utente al file e riprova. Per informazioni, fai riferimento all’esempio.  L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita.
Il valore di tipo non è valido

Formato di file non valido alla riga 2: il tipo di identità deve essere Adobe ID, Enterprise ID o Federated ID. (Riga numero 2.)

L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita
L’indirizzo e-mail non è valido

Formato file non valido nella riga 2: indirizzo e-mail valido previsto. (Riga numero 2.)

L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita
L’indirizzo e-mail appartiene a un altro dominio vedi di seguito  
Codice paese non valido: non due lettere Formato file non valido nella riga 2: il codice paese deve essere conforme a ISO 3166-1 alpha-2 (codice paese di due caratteri). (Riga numero 2.) L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita. Deve essere legale e un paese in cui Adobe opera.
Codice paese escluso (ad esempio, KP) Codice paese non valido. Viene visualizzato come un messaggio nel rapporto e nel riepilogo.
Il codice paese è di due lettere ma non è un codice valido (ad esempio, AB) Codice paese non valido. Viene visualizzato come un messaggio nel rapporto e nel riepilogo.
Campi nome o cognome o nome utente o opzioni troppo lunghi (> 255) Formato file non valido alla riga 3: una stringa supera 255 caratteri. (Riga numero 3.) L’importazione viene rifiutata al momento del caricamento e l’importazione batch non viene eseguita.
Nome utente non un indirizzo e-mail Nome utente non valido.

Ciò dipende se la sorgente autorizzazione lo richiede.

Viene inoltre visualizzato nel riepilogo.

Il nome utente e l’indirizzo e-mail devono corrispondere Nome utente non valido. Il nome utente e l’indirizzo e-mail devono essere gli stessi per l’organizzazione

Ciò dipende se la sorgente autorizzazione lo richiede.

Nome utente non valido. viene visualizzato nel riepilogo

Indirizzo e-mail non nel dominio corretto Dominio e-mail non proprietario. Questo utente è gestito da un’altra organizzazione o ha un tipo diverso. Il dominio dell’e-mail non è proprietario. viene visualizzata nel riepilogo.
Il campo opzioni ha un valore non valido   Nessun controllo o messaggi al momento
Errore interno Errore interno: <string>  
L’utente è già stato invitato Già invitato come utente Adobe ID. Un invito è già stato inviato. La prima parte viene visualizzata nel riepilogo.
Utente già nell’organizzazione Già associato all’organizzazione. L’utente xxx> è già associato all’organizzazione. La prima parte viene visualizzata nel riepilogo.
Codifica non supportata   Il tipo della codifica non è supportato.

Alcuni casi specifici:

Tipo e dominio org

Precondizioni

Azione

Risultato previsto

Messaggio

d3 è Type3 richiesto Utente u@d3 esiste Type3 Aggiungi u@d3 come Type1 Errore Già associato all’organizzazione. Questo utente esiste
  qualsiasi Aggiungi u@d3 come Type2 Errore Dominio e-mail non proprietario. Questo utente è gestito da un’altra organizzazione o ha un tipo diverso.
  Utente u@d3 esiste Type3 Aggiungi u@d3 come Type3 Errore Già associato all’organizzazione. L’utente u@d3 è già associato all’organizzazione.
  Utente u@d3 esiste Type1 in org Aggiungi u@d3 come Type1 Errore Già associato all’organizzazione. L’utente u@d3 è già associato all’organizzazione...
  Utente u@d3 esiste Type1 in org Aggiungi u@d3 come Type3 Errore Già associato all’organizzazione. L’utente u@d3 è già associato all’organizzazione.
 

Utente u@d3 ha invitato Type1

u@d3 non esiste

Aggiungi u@d3 come Type1 Errore Già invitato come utente Adobe ID. Un invito è già stato inviato. 
 

Utente u@d3 ha invitato Type1

u@d3 non esiste

Aggiungi u@d3 come Type3 Errore Già invitato come utente Adobe ID. Un invito è già stato inviato. 
 

Utente u@d3 ha invitato Type1

u@d3 ha creato Type1 dopo l’invito

Aggiungi u@d3 come Type1 Errore Già invitato come utente Adobe ID. Un invito è già stato inviato. 
 

Utente u@d3 ha invitato Type1

u@d3 ha creato Type1 dopo l’invito

Aggiungi u@d3 come Type3 Errore

Già invitato come utente Adobe ID. Un invito è già stato inviato. 

 

 

Utente u@d3 ha invitato Type1

u@d3 ha creato Type1 prima dell’invito

Aggiungi u@d3 come Type1 Errore Già invitato come utente Adobe ID. Un invito è già stato inviato. 
 

Utente u@d3 ha invitato Type1

u@d3 ha creato Type1 prima dell’invito

Aggiungi u@d3 come Type3 Errore Già invitato come utente Adobe ID. Un invito è già stato inviato. 
  Utente u@d3 esiste Type1 non in org Aggiungi u@d3 come Type3 Operazione riuscita  
  d2 non richiesto da questa org

Aggiungi u@d2 come Type3

Errore Dominio e-mail non proprietario. Questo utente è gestito da un’altra organizzazione o ha un tipo diverso.
         
d2 è tipo 2 richiesto L’utente x@y ha invitato Type2 a d2 Aggiungi x@y come Type1 Errore Già invitato come utente Adobe ID Un invito è già stato inviato.
  qualsiasi Aggiungi u@d3 come Type2 Errore Dominio e-mail non proprietario. Questo utente è gestito da un’altra organizzazione o ha un tipo diverso.
  qualsiasi Aggiungi x@y come Type3 Errore Dominio e-mail non proprietario. Questo utente è gestito da un’altra organizzazione o ha un tipo diverso.
         

Dettagli delle prestazioni

Per evitare l’overload, una regola duty cycle di 66,6% fa parte dell’elaborazione.  Se il tempo di elaborazione di una voce è diverso dalla media mobile di oltre il 10%, l’opzione di limitazione è regolata in modo che l’elaborazione della richiesta consumi solo i 2/3 del tempo reale.

Inoltre, un controllo di limitazione gestito dal team delle operazioni limita la frequenza di elaborazione.  Se il controllo di limitazione è impostato in maniera esplicita, il controllo del duty cycle è disattivato. È presente una chiamata API per passare alla limitazione basata su duty cycle.

Il numero di richieste elaborate al secondo è visualizzato per inserire un commento di feedback sulle prestazioni.

La frequenza di destinazione per la creazione di 1000 account con ognuno aggiunto a 2 configurazioni prodotto è 1 account/secondo, senza contare il duty cycle del 66,6%, quindi la frequenza di elaborazione apparente sarebbe di 0,66 account/secondo o di circa 40 account/minuto.  La creazione di 1000 account a questa frequenza richiederebbe 25 minuti.  La creazione di 5000 account a questa frequenza richiederebbe due ore e cinque minuti.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online