Nota: visita la pagina del centro di supporto di Adobe Reader per assistenza sui problemi più comuni.

Argomenti trattati

Risoluzione dei problemi di base

Risoluzione dei problemi di livello intermedio

Risoluzione dei problemi di livello avanzato

Questo documento consente di risolvere errori di sistema che possono verificarsi durante l'utilizzo di Adobe Reader con Windows 2000 o XP.  Gli errori di sistema possono manifestarsi in vari modi:

-- Finestra di dialogo vuota o sfarfallio

-- Cursore o schermata bloccata

-- Schermata blu

-- Riavvio inatteso

-- Uno tra gli errori riportati di seguito:

Errore di interruzione

“Errore irreversibile del sistema”.

“Errore applicazione”.

“Reader ha provocato un errore di protezione generale nel modulo [nome file]”.

“Reader ha provocato un errore di pagina non valida nel modulo [nome file]”.

“Si è verificato un problema in Reader. L'applicazione verrà chiusa”.

“L'istruzione in "[indirizzo memoria]" fa riferimento alla memoria in "[indirizzo memoria]”. Impossibile leggere la memoria.”

"[nome file] ha generato errori e verrà chiuso.”

Gli errori di sistema possono essere causati da diversi fattori, tra cui conflitti fra driver dei dispositivi, componenti software e hardware o elementi danneggiati all'interno di file specifici. Sebbene sia possibile che un errore di sistema si verifichi solo quando si utilizza Adobe Reader, non è detto che tale applicazione ne sia la causa. È tuttavia possibile che essa sia l'unica a utilizzare la quantità di memoria o di clock di processore necessari a far emergere il problema.

Per trarre il massimo beneficio dal presente documento, eseguite le operazioni in ordine sequenziale. Tenete traccia delle operazioni effettuate e dei relativi risultati, inclusi errori o altri problemi. Tale operazione consente al supporto tecnico di Adobe di utilizzare queste informazioni per fornire una migliore assistenza in caso di necessità.

Risoluzione dei problemi di base

Le operazioni descritte in questa sezione consentono di risolvere gli errori di sistema più comuni. Quando si verifica un errore di sistema, riavviate sempre il computer per aggiornare la memoria. Proseguire nell'utilizzo senza riavviare il computer potrebbe comportare ulteriori problemi.

Nota: alcune procedure potrebbero richiedere l'individuazione di file o cartelle nascoste o la ricerca di file mediante il nome completo comprensivo di estensione (ad esempio, nomefile.ini). Per impostazione predefinita, in Esplora risorse non vengono visualizzati file e cartelle nascosti né le estensioni dei file riconosciuti dal sistema.

Visualizzare le cartelle e i file nascosti, nonché le estensioni dei file in Esplora risorse:

1. In Esplora risorse, scegliete Strumenti > Opzioni cartella.

2. Fate clic sulla scheda Visualizzazione nella finestra di dialogo Opzioni cartella.

3. Selezionate Visualizza cartelle e file nascosti.

4. Deselezionate l'opzione Nascondi le estensioni per i tipi di file conosciuti.

5. Fate clic su OK.

1. Verificate che il sistema possieda i requisiti minimi richiesti per Adobe Reader.

Adobe Reader 8 potrebbe non funzionare correttamente in un sistema che non possiede i seguenti requisiti:

-- Processore Intel Pentium

-- Microsoft Windows XP Professional o Home Edition (Service Pack 1 o 2), Windows 2000 (Service Pack 2), Windows XP Tablet PC Edition, Windows Server 2003 o Windows NT (Service Pack 6 o 6a)

-- 128 MB di RAM (256 MB consigliati)

-- Fino a 90 MB di spazio disponibile su disco rigido

-- Microsoft Internet Explorer 5.5 (o versione successiva), Netscape 7.1 (o 8.0), Firefox 1.0 o Mozilla 1.7

2. Installate la versione più recente di Adobe Reader.

La versione più recente di Adobe Reader potrebbe risultare maggiormente compatibile con il sistema operativo e i driver dell'hardware. Prima di installare un aggiornamento, verificate che il sistema soddisfi i requisiti necessari.

Adobe Reader è disponibile gratuitamente sul sito Web di Adobe all'indirizzo www.adobe.com/products/acrobat/readstep2.html.

3. Chiudete tutte le applicazioni ed eseguite Adobe Reader.

Alcune applicazioni eseguite in background potrebbero causare errori di sistema o blocchi se eseguite contemporaneamente ad Acrobat Reader. È possibile identificare queste applicazioni e disattivarle prima di avviare Adobe Reader. Per individuare le applicazioni problematiche eseguite in background, rimuovete le applicazioni dalla cartella Esecuzione automatica e chiudete quelle per le quali è impostato l'avvio automatico nel registro di sistema.

-- Disattivare gli elementi di avvio e i servizi (Windows XP):

1. Chiudete tutte le applicazioni.

2. Scegliete Start > Esegui e digitate msconfig nella casella Apri, quindi fate clic su OK.

3. Fate clic sulle schede Avvio e Servizi. Prendete nota di tutte le voci non selezionate.

4. Fate clic sulla scheda Generale e scegliete Avvio selettivo.

5. Deselezionate l'opzione Carica elementi di avvio. Verificate che le opzioni Elabora il file System.ini, Elabora il file WIN.INI e Carica servizi di sistema siano selezionate.

6. Fate clic sulla scheda Servizi e selezionate Nascondi tutti i servizi Microsoft

7. Fate clic su Disabilita tutto.

8. Fate clic su OK e riavviate Windows.

9. Fate clic con il pulsante destro del mouse sulle icone visualizzate nell'area di notifica (definita barra delle applicazioni nelle versioni precedenti di Windows) per chiudere o disattivare eventuali elementi di avvio ancora attivi.

Nota: durante il riavvio, verrà visualizzato un messaggio di notifica che vi informerà dei cambiamenti apportati dall'Utilità Configurazione di sistema alla modalità di avvio di Windows. Fate clic su OK, quindi fate clic su Annulla quando viene visualizzata l'Utilità Configurazione di sistema.

Tentate quindi di riprodurre il problema:

-- Se il problema non viene più riscontrato, uno degli elementi di avvio è in conflitto con Adobe Reader. Riattivate gli elementi di avvio uno alla volta, verificando ogni volta che la riattivazione non influisca sulle prestazioni, fino a individuare l'elemento in conflitto. Contattate quindi lo sviluppatore dell'elemento per verificare la disponibilità di aggiornamenti.

-- Se il problema persiste, gli elementi di avvio non costituiscono la causa del problema e possono pertanto essere riattivati insieme ai servizi.

-- Riattivare gli elementi di avvio e i servizi (Windows XP):

1. Scegliete Start > Esegui e digitate msconfig, quindi fate clic su OK.

2. Nella scheda Generale, scegliete Avvio normale, quindi fate clic su OK e riavviate il computer.

Nota: devi deselezionare tutti gli elementi non selezionati registrati dopo aver selezionato Avvio normale.

-- Disattiva gli elementi di avvio e i processi (Windows 2000):

Nota: Windows 2000 non include l'utilità MSConfig per la disattivazione degli elementi di avvio, ma è possibile disattivare gli elementi manualmente.

1. Chiudete tutte le applicazioni.

2. In Esplora risorse, spostate tutte le icone e i collegamenti dalle seguenti cartelle in un altro percorso:

-- Documents and Settings/All Users/Menu Avvio/Programmi/Esecuzione automatica

-- Documents and Settings/ [profilo utente] /Menu Avvio/Programmi/Esecuzione automatica

3. Riavviate Windows.

4. Fate clic con il pulsante destro del mouse sulla barra delle applicazioni, quindi scegliete Task Manager dal menu visualizzato.

Nota: il metodo più semplice per chiudere tutti i programmi ancora in esecuzione consiste nel disattivare tutti i processi non necessari per l'esecuzione del sistema. Senza un'ottima comprensione dell'architettura di Windows 20000, è in genere possibile ridurre a 19 il numero di processi. Se il processo non è incluso nell'elenco di processi richiesti, disattiva il processo seguendo i passaggi esposti di seguito.

5. Fai clic sulla scheda Processi.

6. Seleziona un processo, fate clic su Termina processo, quindi scegli Sì.

Importante: non disattivare i seguenti processi wuauclt.exe, WinMgmt.exe, WINLOGON.EXE, TASKMGR.EXE, System Idle Process, System, svchost.exe, spoolsv.exe, SMSS.EXE, SERVICES.EXE, regsvc.exe, mstask.exe, LSASS.EXE, explorer.exe, CSRSS.EXE.

Nota: dovrai disattivare questi processi tutte le volte che riavvii il computer.

Tentate quindi di riprodurre il problema:

-- Se il problema non si ripete, spostate nuovamente uno a uno i collegamenti e le icone nella cartella Esecuzione automatica e riavviate il computer fino a determinare quale elemento è all'origine del conflitto. Contattate quindi lo sviluppatore dell'elemento per verificare la disponibilità di aggiornamenti.

-- Se il problema persiste, gli elementi di avvio non costituiscono la causa del problema e possono pertanto essere riattivati.

Per attivare nuovamente gli elementi di avvio in Windows 2000, spostate le icone e i collegamenti nelle rispettive cartelle Esecuzione automatica, quindi riavviate il computer.

4. Risolvete i conflitti dei plug-in nella cartella Plug-Ins di Adobe Reader.

Stabilite se il problema è causato da un plug-in.

Risolvere i conflitti dei plug-in:

1. Avviate Adobe Reader senza alcun plug-in in esecuzione.

a. Fate doppio clic sul collegamento di Adobe Reader sul desktop.

b. Subito dopo avere fatto doppio clic, tenete premuto il tasto Maiusc della tastiera.

-- Se l'opzione di menu Commenti non viene visualizzata, chiudete Reader e ripetete il passaggio 1.

-- Se l'opzione di menu Commenti viene visualizzata, proseguite con il passaggio 2.

2. Tentate di riprodurre l'errore.

-- Se il problema non viene più riscontrato, proseguite con il passaggio 3.

-- Se il problema persiste, proseguite con il passaggio 5.

3. Chiudete Adobe Reader.

4. Rimuovete i plug-in di terze parti dalla cartella dei plug-in di Reader. La posizione predefinita di questa cartella è Programmi\Adobe\Acrobat 8.0\Reader\Plug_ins.

5. Avviate Adobe Reader e provate a riprodurre l'errore.

-- Se il problema non viene riscontrato, proseguite con il passaggio 8.

-- Se il problema persiste, proseguite con il passaggio 6. Non spostate i plug-in di terze parti nella cartella dei plug-in di Adobe Reader.

6. Spostate tutti i plug-in rimanenti in una nuova cartella.

7. Ripristinate un plug-in di Adobe Reader per volta e tentate di riprodurre l'errore.

-- Se il problema persiste, prendete nota del nome del plug-in, spostatelo nella nuova cartella e ripetete il passaggio 6. Dopo la verifica di tutti i plug-in di Adobe Reader, proseguite con il passaggio 9.

-- Se il problema non viene più riscontrato, ripetete il passaggio 6 con il plug-in successivo.

8. Spostate nuovamente un plug-in di terze parti nella cartella dei plug-in di Reader e provate a riprodurre l'errore.

-- Se il problema non viene riscontrato, ripetete il passaggio 8 con un altro plug-in di terze parti.

-- Se il problema si verifica nuovamente, contattate lo sviluppatore del plug-in per assistenza.

9. Eseguite il comando Rileva problemi e ripristina su Adobe Reader una volta rimossi i plug-in danneggiati dalla cartella di Reader.

a. Rimuovete tutti i plug-in danneggiati di cui avete preso nota al passaggio 7 dalla cartella dei plug-in di Reader.

b. Scegliete Start > Pannello di controllo e fate doppio clic su Installazione applicazioni.

c. Selezionate Adobe Reader, quindi fate clic su Cambia.

d. Quando viene chiesto di confermare il ripristino di Reader, scegliere Sì.

5.Create nuovamente la cartella delle preferenze di Adobe Reader.

Per eliminare eventuali problemi causati da file delle preferenze danneggiati, create nuovamente la cartella delle preferenze di Adobe Reader.

Nota: l'uso di questa soluzione comporta la modifica delle preferenze di gestione del colore e di altre impostazioni. La maggior parte delle preferenze di Adobe Reader è memorizzata nel registro di sistema.

Creare nuovamente la cartella delle preferenze di Adobe Reader:

1. Chiudete Reader.

2. In Esplora risorse, accedete alla cartella Documents and Settings\[Nome utente]\Dati applicazioni\ Adobe\Acrobat\\8.0 e spostate la cartella Preferences in un altro percorso (ad esempio, C:\Temp).

3. Avviate Adobe Reader. Adobe Reader crea una nuova cartella delle preferenze.

Se il problema persiste dopo avere creato nuovamente la cartella delle preferenze di Adobe Reader, non è correlato a tale cartella. Per ripristinare le impostazioni personalizzate, trascinate il file spostato nella procedura 2 nel percorso originale e scegliete Sì per sovrascrivere la nuova cartella delle preferenze.

Risoluzione dei problemi di livello intermedio

Se quanto riportato nella sezione precedente non consente di risolvere il problema, provate a effettuare le operazioni di risoluzione dei problemi di livello intermedio riportate di seguito.

6. Chiudete tutte le applicazioni ed eseguite il comando Rileva problemi e ripristina.

1. Chiudete tutte le applicazioni e riavviate Windows.

2. Scegliete Start > Pannello di controllo e fate doppio clic su Installazione applicazioni.

3. Selezionate Adobe Reader, quindi fate clic su Cambia.

4. Quando viene chiesto di confermare il ripristino di Reader, scegliere Sì.

5. Al termine del ripristino, riavviate il computer.

7. Installate nuovamente Adobe Reader con Windows in modalità semplificata.

Poiché i driver dei dispositivi possono interferire con l'apertura o l'installazione di file, riavviate Windows in modalità semplificata per disattivare i driver dei dispositivi, quindi installate Adobe Reader.

1. Disattivate elementi di avvio e servizi. Per ulteriori informazioni, leggete la sezione 3 di questo documento.

2. Installate di nuovo Adobe Reader.

a. Scegliete Start > Pannello di controllo e fate doppio clic su Installazione applicazioni.

b. Selezionate Adobe Reader, quindi fate clic su Cambia.

c. Quando viene chiesto di confermare la rimozione di Reader, scegliete Sì.

d. Riavviate.

e. Scaricate la versione appropriata di Adobe Reader dal sito Web Adobe all'indirizzo http://www.adobe.com/products/acrobat/readstep2.html.

f. Eseguite il file di installazione scaricato.

g. Verificate il corretto funzionamento di Adobe Reader prima di riattivare gli elementi di avvio.

3. Attivate nuovamente gli elementi di avvio e i servizi. Per ulteriori informazioni, leggete la sezione 3 di questo documento.

8. Aggiornate il driver video.

Numerosi produttori di schede video aggiornano frequentemente i driver dei propri programmi software. Se il driver della scheda video non è stato aggiornato di recente, contattate il produttore della scheda per richiedere driver aggiornati o scaricate i driver direttamente dal sito Web del produttore. Per informazioni sul produttore della scheda video, fate riferimento alle proprietà della scheda in Gestione periferiche. Spesso è possibile determinare se il driver video è aggiornato o meno modificando la profondità del colore e la risoluzione della scheda video oppure disattivando l'accelerazione grafica hardware.

Modificare la profondità del colore e la risoluzione della scheda video:

1. Scegliete Start > Pannello di controllo.

2. Fate doppio clic su Schermo, quindi fate clic sulla scheda Impostazioni.

3. Modificate la profondità del colore utilizzando le opzioni del menu relativo al colore.

Nota: la profondità del colore ottimale per Reader è 16 bit. Aumentate o diminuite la profondità del colore in base all'impostazione corrente.

4. Modificate la risoluzione utilizzando il dispositivo di scorrimento Risoluzione monitor.

Nota: la risoluzione ottimale per Reader è 800 x 600. Aumentate o diminuite la risoluzione del monitor in base all'impostazione corrente.

5. Fate clic su Applica, quindi su OK.

6. Riavvia Windows e Adobe Reader. Se il problema non viene più riscontrato, contattate il produttore della scheda video per richiedere driver aggiornati.

Disattivare l'accelerazione grafica hardware:

1. Scegliete Start > Pannello di controllo.

2. Fate doppio clic su Schermo, quindi scegliete la scheda Impostazioni e fate clic su Avanzate.

3. Fate clic sulla scheda Risoluzione problemi.

4. Spostate il dispositivo di scorrimento relativo all'accelerazione hardware su Min.

5. Fate clic su OK per confermare la nuova impostazione, quindi di nuovo su OK per chiudere la finestra relativa alle proprietà dello schermo.

6. Riavvia Windows e Adobe Reader.

7. Tentate di riprodurre il problema.

-- Se il problema non viene più riscontrato, contattate il produttore della scheda video per richiedere driver aggiornati.

-- Se il problema persiste, procedete alla soluzione seguente.

9. Verificate che i driver dei dispositivi siano compatibili con Windows.

I driver dei dispositivi sono file che consentono a Windows di comunicare con dispositivi quali scanner, mouse e tastiere. Contattate il produttore del dispositivo per assicuravi di disporre del driver più recente.

Individuare problemi relativi ai driver dei dispositivi:

1. Scegliete Start > Pannello di controllo.

2. Fate doppio clic su Sistema, fate clic sulla scheda Hardware, quindi su Gestione periferiche.

3. Fate clic sul segno più (+) sul lato sinistro di ciascun tipo di dispositivo.

4. Se un dispositivo viene visualizzato con un punto esclamativo (!) in un cerchio giallo, fate clic con il pulsante destro del mouse su quel dispositivo e scegliete Proprietà del menu visualizzato.

5. Verificate le proprietà del dispositivo:

-- Verificate il campo Stato periferica. Se il dispositivo non funziona correttamente, le informazioni contenute in questo campo possono consentire la risoluzione del problema.

-- Se la finestra di dialogo Proprietà contiene una scheda Driver, fate clic su tale scheda. Se nella scheda Driver non è indicato il fornitore del driver, fate clic su Dettagli driver. Se il fornitore è Microsoft, è probabile che il driver installato sia di tipo generico; contattate il produttore del dispositivo per richiedere il driver più recente disponibile.

10. Installate l'aggiornamento più recente di Microsoft Windows.

Gli aggiornamenti di Windows (denominati anche Service Pack) ne migliorano le prestazioni e la compatibilità con altre applicazioni. Sebbene ogni versione di Adobe Reader richieda un Service Pack (vedete i requisiti di sistema elencati nella soluzione 1 di questo documento), un Service Pack più recente può migliorarne ulteriormente le prestazioni. I Service Pack in genere includono driver di dispositivo aggiornati e altri componenti di sistema aggiornati. I Service Pack sono disponibili sul sito Web di Microsoft all'indirizzo www.microsoft.com. Per assistenza nell'installazione di un Service Pack, contattate il supporto tecnico di Microsoft.

Se installate nuovamente un'applicazione o Windows dopo l'installazione del Service Pack più recente, reinstallate anche il Service Pack. Alcune applicazioni eseguono l'installazione di file di sistema comunemente utilizzati, sovrascrivendo le versioni aggiornate installate con il Service Pack.

11. Disattivate la compressione del disco rigido.

Disattivate la compressione del disco rigido poiché potrebbe interferire con i tentativi di memorizzazione e accesso ai file e alle risorse di Reader. Per ulteriori informazioni, consultate la documentazione fornita con il software di compressione o la documentazione di Windows relativa a questo argomento.

12.Ottimizzare la gestione dei file temporanei in Windows.

In Windows e in altre applicazioni i dati di lavoro vengono memorizzati in file temporanei (.tmp) creati all'interno del disco rigido. I file temporanei obsoleti o in eccesso possono compromettere le prestazioni di Windows e di altre applicazioni. Eliminate i file temporanei e assicuratevi che lo spazio disponibile sul disco in cui vengono scritti i file temporanei sia di almeno 50 MB.

Verificare che lo spazio disponibile sul disco in cui vengono scritti i file temporanei sia di almeno 50 MB:

1. Chiudete tutte le applicazioni.

2. Scegliete Start > Pannello di controllo > Sistema.

3. Fate clic sulla scheda Avanzate, quindi su Variabili d'ambiente.

4. Nella sezione Variabili dell'utente per [profilo utente], individuate la voce TEMP sotto la colonna Variabile e prendete nota della cartella elencata sotto la colonna Valore. Se il percorso completo della cartella non è visibile, fate doppio clic su TEMP nella colonna Variabile e prendete nota del nome della cartella visualizzato nella casella Valore variabile.

Nota: se non esiste una variabile TEMP, contatta l'amministratore di sistema per assistenza.

5. In Esplora risorse, verificate che la cartella di cui avete preso nota al passaggio 4 risieda in un partizione disco non compressa con almeno 50 MB di spazio disponibile:

-- Se la cartella non esiste, createla. A questo proposito, fate clic con il pulsante destro del mouse sull'unità, scegliete Nuova cartella dal menu e digitate il nome della cartella di cui avete preso nota nel passaggio 4 (ad esempio, Temp).

-- Se il disco non dispone di spazio sufficiente, liberate spazio rimuovendo i file non necessari. Per determinare la quantità di spazio libero su disco, fate clic con il pulsante destro del mouse sull'unità e scegliete Proprietà dal menu.

Eliminare i file temporanei:

Nota: si consiglia di eseguire questa procedura regolarmente. In Windows i file temporanei vengono eliminati con la normale procedura di chiusura di Windows e delle altre applicazioni. Quando si verifica un arresto anomalo di Windows o di un'altra applicazione, tuttavia, i file temporanei possono rimanere all'interno del disco rigido.

1. Scegliete Start > Esegui e digitate cmd (Windows XP, 2000) o command (Windows 98) nella casella di testo Apri. Fate clic su OK.

2. Digitate i comandi seguenti e premete Invio dopo ogni comando:

c:

cd\

cd "C:\Windows\Temp"

Importante: verifica che nel prompt dei comandi sia visualizzata la stringa C:\Windows\Temp prima di immettere il comando successivo. L'esecuzione di questo comando in altri percorsi del disco rigido può danneggiare il sistema operativo. Adobe fornisce queste informazioni esclusivamente a titolo informativo e non può essere ritenuta responsabile di eventuali problemi derivanti dall'esecuzione del comando in un percorso errato.

del *.* /s /q

3. Tutti i file non protetti presenti nella cartella temporanea di Windows verranno rimossi e al termine dell'operazione verrà visualizzato nuovamente un prompt dei comandi lampeggiante. Quando viene visualizzato questo prompt, digitate i seguenti comandi e premete Invio al termine di ciascun comando:

cd\

cd %temp%

Importante: verifica che nel prompt dei comandi sia visualizzata la stringa C:\Documents and Settings\nome utente \Impostazioni locali\Temp prima di immettere il comando successivo. L'esecuzione di questo comando in altri percorsi del disco rigido può danneggiare il sistema operativo. Adobe fornisce queste informazioni esclusivamente a titolo informativo e non può essere ritenuta responsabile di eventuali problemi derivanti dall'esecuzione del comando in un percorso errato.

del *.* /s /q

4. Digitate exit per chiudere la finestra Command.com.

13. Verificare eventuali problemi relativi ai font.

Per stabilire se è un carattere a causare il problema, riducete il numero di caratteri attivi spostando i file dei caratteri in un altro percorso:

Nota: non spostare i caratteri installati con Windows. Per dettagli, consulta il sito web Microsoft.

1. Create una nuova cartella (ad esempio, C:/TrueType).

2. Accedete alla cartella dei caratteri.

-- In Windows XP: aprite la cartella Windows/Fonts.

-- In Windows 2000: aprite la cartella Winnt/Fonts.

3. Spostate i file dei caratteri, eccetto quelli installati con Windows, dalla cartella Fonts nella cartella creata al passaggio 1.

4. Riportate alcuni dei caratteri spostati al passaggio 3 nella cartella Winnt/Fonts di Windows.

5. Avviate Adobe Reader e tentate di riprodurre il problema:

-- Se il problema ricorre nuovamente, uno dei caratteri spostati al passaggio 4 potrebbe esserne la causa. Rimuovete questi caratteri dalla cartella Fonts di e ripetete i passaggi da 4 a 6 aggiungendo però questa volta un carattere per volta. Quando viene riscontrato il problema, rimuovete il carattere utilizzando un'utilità apposita. Dopo avere rimosso il carattere, reinstallatelo dal supporto originale o contattate il produttore del carattere per ottenere una versione aggiornata.

-- Se il problema non viene riscontrato, ripetete i passaggi da 4 a 5 con altri caratteri.

14. Eseguite Adobe Readerin un account utente differente.

Create un nuovo account utente che disponga delle stesse autorizzazioni di quello in uso al momento in cui si è verificato il problema. Se il problema non viene più riscontrato, l'account utente originale potrebbe essere danneggiato. Per informazioni sull'impostazione di un account utente, consultate la documentazione di Windows 2000 o Windows XP oppure contattate l'amministratore di rete.

15. Eseguire il ripristino e la deframmentazione dei dischi rigidi.

Quando i dischi rigidi contengono settori danneggiati o file frammentati, possono verificarsi errori di sistema. Eseguite il ripristino e la deframmentazione dei dischi rigidi mediante lo strumento di controllo degli errori e l'utilità di deframmentazione dischi di Windows o un'utilità analoga di terze parti, ad esempio Symantec Norton Utilities. Tali utilità devono essere eseguite in ogni disco rigido o partizione.

Lo strumento di controllo degli errori consente di ripristinare settori danneggiati, unità di allocazione e frammenti di file persi, file con collegamenti incrociati e nomi file non validi. Per accedere allo strumento di controllo degli errori, fate doppio clic su Risorse del computer, fate clic con il pulsante destro del mouse sul disco rigido desiderato, quindi scegliete Proprietà dal menu visualizzato. Nella finestra di dialogo relativa alle proprietà del disco locale, fate clic sulla scheda Strumenti, quindi su Esegui ScanDisk nell'area relativa al controllo degli errori.

L'utilità di deframmentazione dischi consente di riorganizzare i file e lo spazio disponibile nel computer in modo da memorizzare i file in unità contigue e organizzare lo spazio disponibile in un unico blocco. Per accedere all'utilità di deframmentazione dischi, scegliete Start > Programmi > Accessori > Utilità di sistema > Utilità di deframmentazione dischi.

Per ulteriori informazioni sull'utilità di controllo del disco di terze parti, fate riferimento alla documentazione fornita con la stessa.

16. Eseguire l'analisi del sistema contro i virus.

Utilizzate i software antivirus disponibili in commercio, quali Norton AntiVirus o McAfee VirusScan, per individuare eventuali virus presenti nel sistema. Le infezioni da virus possono causare danni ai programmi software e provocare errori di sistema. Per ulteriori informazioni, fate riferimento alla documentazione fornita con il software antivirus.

17. Visualizzare il registro Sistema per individuare conflitti tra programmi software.

All'avvio di Windows, vengono aggiunte al registro Sistema voci che contengono informazioni sulle applicazioni, sulle impostazioni di protezione e sul sistema. È possibile visualizzare il registro Sistema per individuare conflitti tra programmi software. Se rilevate conflitti tra software, reinstallate o aggiornate i programmi.

Visualizzare il registro Sistema:

1. Scegliete Start > Impostazioni > Pannello di controllo e fate doppio clic su Strumenti di amministrazione.

2. Fate doppio clic su Visualizzatore eventi, selezionate il registro Sistema nella finestra e prendete nota dei dati seguenti:

-- Una “x” bianca all'interno di un cerchio rosso indica un servizio o un driver bloccato, ovvero un servizio o un driver che non si è avviato o che non è stato caricato.

-- Un punto esclamativo nero all'interno di un triangolo giallo indica un potenziale problema futuro, ad esempio l'insufficienza di spazio su disco.

Nota: ignora gli avvisi relativi all'installazione di un nuovo driver di stampa.

3. Per ulteriori informazioni su una voce, fate clic su di essa con il pulsante destro del mouse, scegliete Proprietà dal menu visualizzato e leggete le informazioni contenute nella sezione Descrizione. Se non riuscite ad individuare gli eventi correlati al problema, rigenerate il registro Sistema:

a. Aprite il Visualizzatore eventi, fate clic con il pulsante destro del mouse sul registro Sistema, quindi scegliete Cancella tutti gli eventi dal menu visualizzato. Per salvare il registro Sistema corrente, scegliete Sì al messaggio “Salvare il registro Sistema prima di cancellarlo?”.

b. Chiudete il Visualizzatore eventi e tentate di riprodurre il problema.

c. Quando il problema viene riscontrato nuovamente, aprite il Visualizzatore eventi e visualizzate il registro Sistema.

4. Dopo avere preso nota della descrizione, dell'origine e dell'ID evento, cercate una soluzione all'errore nel sito Web di Microsoft all'indirizzo http://support.microsoft.com oppure contattate Microsoft o il rivenditore dell'hardware per richiedere assistenza.

18. Identificare il file o l'applicazione responsabile del problema.

Se in un messaggio di errore è indicata l'applicazione responsabile del problema, reinstallate l'applicazione. Se un file è danneggiato e provoca errori in Adobe Reader, la reinstallazione della relativa applicazione può risolvere il problema. Se nel messaggio di errore è indicato un file di Windows, reinstallate il sistema operativo Windows sull'installazione esistente. Se il problema persiste, passate alla soluzione successiva.

Risoluzione dei problemi di livello avanzato

Se le procedure nella sezione precedente non consentono di risolvere il problema, è possibile che vi sia un conflitto tra l'hardware e Adobe Reader.

Dichiarazione di non responsabilità: Adobe non fornisce supporto hardware e indica le procedure riportate di seguito esclusivamente a titolo informativo. Per ulteriore assistenza, contattate il produttore dell'hardware o un rivenditore autorizzato. Se la risoluzione dei problemi viene effettuata senza l'assistenza di terzi, è possibile che la garanzia del computer venga invalidata.

Nota: prima di rimuovere o riassemblare componenti hardware, spegni il computer ed eventuali altre periferiche.

19. Riformattare il disco rigido e reinstallare solo Windows e Reader.

Riformattate il disco rigido e installate solo Windows e Reader dal supporto di installazione originale. La formattazione del disco comporta la cancellazione di tutti i file in esso contenuti. Assicuratevi quindi di aver eseguito il backup di tutti i file personali. Verificate altresì di essere in possesso di tutti i dischi relativi al sistema e alle applicazioni.

Nota: non installare ulteriori programmi software o componenti hardware prima di aver risolto definitivamente il problema. Non eseguite il backup e il ripristino di Windows e Reader anziché ripeterne l'installazione; se il problema è causato da un'applicazione o da Windows e viene eseguito il ripristino di ognuno anziché ripeterne l'installazione, il problema potrebbe ripresentarsi.

Dopo aver riformattato il disco rigido e reinstallato Windows, tentate di riprodurre il problema:

-- Se il problema non viene più riscontrato, installate le altre applicazioni una per volta e tentate di riprodurre il problema al termine di ogni installazione. Se il problema si verifica al termine di un'installazione, l'applicazione appena installata potrebbe esserne la causa.

-- Se il problema si verifica quando sono installati solo Windows e Reader, è causato da un componente hardware. In tal caso, è necessario contattare il produttore dell'hardware o un rivenditore autorizzato per assistenza. Prima di contattare il produttore o il rivenditore, tuttavia, può risultare utile tentare una delle operazioni riportate nella sezione seguente.

20. Verificare eventuali problemi relativi a moduli SIMM o DIMM della RAM.

Verificate che i moduli SIMM o DIMM della RAM siano installati correttamente e non rappresentino la causa del problema procedendo in uno o più modi indicati di seguito:

-- Modificate l'ordine dei moduli SIMM o DIMM installati.

-- Riducete la quantità di moduli SIMM o DIMM al minimo indispensabile per eseguire Windows e Reader e verificate se il problema continua a essere riscontrato. In caso affermativo, sostituite i moduli SIMM o DIMM rimossi ed eliminate gli altri, quindi verificate nuovamente se il problema persiste. Se il problema non si ripete, uno o più moduli SIMM o DIMM, tra quelli rimossi, sono all'origine del problema. Per assistenza, contattate il produttore dei moduli SIMM o DIMM della RAM.

Informazioni aggiuntive

333213: Troubleshooting system errors or freezes in Acrobat (8.x on Windows 2000 and XP)

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online