Questa guida consente di comprendere come utilizzare il 3D stereoscopico in After Effects.

Nozioni fondamentali su stereopsi e stereoscopia

Per comprendere il 3D stereoscopico, è necessario comprendere il concetto di profondità percepita.°Ci sono diverse indicazioni che ci consentono di percepire la profondità.

Gli oggetti in prospettiva, l'occlusione e le dimensioni relative sono buoni indicatori di profondità. Un oggetto che è più lontano viene interpretato come tale dal nostro cervello se è molto più piccolo di un altro oggetto accanto a esso. Il cervello sa già quale dovrebbe essere la dimensione di tali oggetti in relazione l'uno all'altro. Se due oggetti hanno più o meno le stesse dimensioni nel nostro campo visivo e l'altro è occluso da un altro oggetto o lo occlude, il cervello deduce che uno di questi oggetti si trova davanti all'altro. (Per occlusione si intende il fenomeno per cui°un oggetto viene posizionato sopra un altro e lo oscura.)°I dipinti o i giochi sembrano in 3D perché rispettano tali regole. Anche After Effects rispetta tali regole quando create una composizione 3D con una fotocamera.

Un altro effetto di profondità importante è la sfocatura con lente. Se i nostri occhi (o il fuoco di un obiettivo) si concentrano su un oggetto specifico e un altro oggetto viene visualizzato sfocato accanto a esso, il nostro cervello sa che l'altro oggetto non si trova né davanti né dietro di esso. Se non è presente una sfocatura, il cervello crede che i due si trovino a una distanza simile. È possibile notare chiaramente questo fenomeno quando gli occhi si focalizzano su oggetti diversi e le retine visualizzano in modo sfocato gli oggetti sullo sfondo. Il cervello interpreta questo fenomeno come profondità senza che ce ne rendiamo conto. Tutto ciò è appena percettibile, poiché il cervello lo filtra in modo omogeneo nella percezione. Di norma, una persona media non è in grado di rilevarlo. Tuttavia, è possibile allenare i nostri occhi e il cervello a percepire la profondità di campo rilassando i muscoli oculari e utilizzando la tecnica seguente (o una simile). Guardate attraverso un parabrezza coperto di gocce d'acqua di notte. Se cercate di mettere a fuoco l'area esterna al parabrezza, le gocce d'acqua si trasformeranno in piccoli aloni di colore chiamati bokeh. Allo stesso modo, quando mettete a fuoco le gocce, vedrete i lampioni sullo sfondo come bokeh. Si può ottenere questo effetto chiudendo un occhio. Di conseguenza, non ha nulla a che fare con la stereopsi, ma riguarda piuttosto il modo in cui il nostro occhio mette a fuoco gli oggetti, che ricorda quello dell'obiettivo di una fotocamera. Comprendere in che modo la profondità di campo sia correlata a queste operazioni è fondamentale per creare immagini realistiche e va di pari passo con la funzione 3D stereoscopico in After Effects. in particolare con il nuovo e migliorato effetto Sfocatura con lente fotocamera e le funzioni correlate in After Effects CS5.5.

Infine, l'effetto di profondità più potente è senza dubbio la stereopsi. La stereopsi è la capacità del nostro cervello di recepire due immagini di input da diverse prospettive e comprendere a che distanza si trovano due oggetti diversi in relazione l'uno all'altro. Il punto principale da comprendere consiste nel fatto che, poiché i nostri occhi sono posizionati a una data distanza sulla nostra testa, ciascun occhio vede gli oggetti con una prospettiva leggermente diversa. Esaminate un oggetto nelle vicinanze e chiudete un occhio, quindi alternate gli occhi più volte. Provate a eseguire questo esercizio con un oggetto più lontano.  Noterete che l'oggetto vicino passa da un lato all'altro nel campo visivo in modo più drastico rispetto all'oggetto lontano. Se l'oggetto vicino si trova nella stessa direzione generica dell'oggetto, l'oggetto vicino viene visualizzato sul lato opposto rispetto all'oggetto lontano. Questa è la base del funzionamento della stereopsi. Il cervello prende la distanza orizzontale relativa fra gli oggetti nel campo visivo e li confronta per comprendere dove si trovano tali oggetti l'uno rispetto all'altro in termini di profondità. Si suppone che i piccioni inclinino la testa per ottenere una migliore percezione della profondità, poiché gli occhi si trovano su lati opposti della testa e non riescono a percepire la profondità in un altro modo. Se guardate con un occhio solo, perdete la profondità della stereopsi. Tuttavia, se inclinate la testa da un lato all'altro mantenendo un occhio chiuso, riuscite a percepire la profondità. Questa separazione tra gli occhi che fornisce prospettive diverse è la chiave della stereopsi.

È importante tenere presenti tutte queste indicazioni di profondità quando si crea una composizione 3D stereoscopica in After Effects. Nel mondo reale, è possibile fornire al cervello informazioni contrastanti e di conseguenza ingannarlo. Le illusioni ottiche, ad esempio la stanza di Ames, la scala infinita o la fotografia con obiettivo decentrabile sono tutti esempi di come è possibile manipolare la prospettiva e ingannare il cervello. (La fotografia con obiettivo decentrabile è un metodo in base al quale viene aggiunta una sfocatura con profondità di campo in post-produzione per conferire a un paesaggio di grandi dimensioni l'aspetto di una miniatura.)°Poiché After Effects offre il controllo su tutti questi effetti di profondità, è importante controllare la loro interazione e fare in modo che il cervello non riceva troppe informazioni contrastanti. Nella vita reale è possibile manipolare gli oggetti in modo intelligente allo scopo di creare illusioni ottiche. Tuttavia, spesso le incongruenze nel mondo digitale sono considerate innaturali e possono addirittura affaticare la vista e provocare mal di testa. La stereopsi, essendo l'effetto di profondità più potente, non fa eccezione. È importante verificare che il risultato stereoscopico non risulti fastidioso su diversi schermi. L'esperienza di visualizzazione può variare a seconda della grandezza dello schermo e della distanza dello spettatore.

La stereoscopia è una tecnica digitale che consente al cervello di vedere la stereopsi sulla base di un'illusione ottica. Questa tecnica si ottiene presentando a ciascun occhio un'immagine diversa. L'occhio sinistro visualizza un'immagine proveniente da una fotocamera reale o virtuale che mostra la prospettiva da sinistra. Analogamente, all'occhio destro viene presentata un'immagine con la prospettiva da destra. In questo modo, a ciascun occhio viene presentata un'immagine diversa in modo indipendente; quando il cervello le mette insieme, percepiamo la profondità. Durante la visualizzazione di una scena 3D stereoscopica su un monitor, sembra che gli elementi sbuchino fuori dallo schermo o, al contrario, sprofondino in esso. La stereopsi ci fa sembrare che l'oggetto sia più vicino o più lontano rispetto alla distanza effettiva del monitor.

Questo fenomeno può essere creato utilizzando diversi dispositivi e sistemi. In generale, il principio di base è sempre lo stesso: fare in modo che un occhio veda una scena da una prospettiva e l'altro da una prospettiva diversa. Gli occhiali anaglifici sono il metodo più consolidato e anche quello più a buon mercato. Le lenti di colori diversi filtrano ciò che vede ciascun occhio in modo diverso. Gli occhiali con filtri rossi e blu escludono il blu dall'occhio sinistro e il rosso dall'occhio destro. Dal lato dello schermo, l'immagine a sinistra è colorata di rosso e quella a destra di blu. Le immagini vengono quindi sovrapposte. Ciascun occhio visualizza solo l'immagine associata. A causa della distorsione intrinseca dei colori, è difficile vedere esattamente tutti i colori usando gli occhiali anaglifici. Tuttavia, la configurazione è molto semplice e consente di percepire la profondità e la convergenza in modo preciso. Gli occhiali polarizzati funzionano in base a un principio semplice. Due immagini vengono visualizzate su uno schermo, un'immagine emette solo una luce polarizzata orizzontale e una solo una luce polarizzata verticale. Questo tipo di occhiali presenta lenti polarizzate con luce polarizzata in direzioni diverse. Gli occhiali con otturatore attivo funzionano bloccando un occhio alla volta a una velocità molto alta (di solito 60fps) e alternando le immagini a sinistra e a destra a ogni fotogramma in modo sincronizzato con il monitor. Alcuni televisori non utilizzano occhiali, ad esempio quelli prodotti dall'alioscopia. L'alioscopia utilizza la tecnologia lenticolare, in cui la lente sul monitor stesso rifrange le luci in direzioni diverse, in modo che ogni occhio abbia una prospettiva diversa per il solo fatto di trovarsi in una posizione diversa rispetto al televisore. Esistono molti altri metodi per ottenere la stereoscopia. Di seguito è riportata una parodia dell'argomento che mostra un metodo molto insolito utilizzato da Jonathan Post: http://www.jonathanpost.com/

Quando vi imbattete nella stereopsi nel mondo reale, gli unici fattori che possono variare sono le posizioni degli oggetti davanti a voi e la prospettiva visibile da ciascun occhio può cambiare solo in base a tali fattori. L'unico modo per far apparire un oggetto più vicino con la stereopsi è posizionarlo effettivamente più vicino. Non è possibile cambiare la distanza tra gli occhi, il campo visivo o l'apertura degli occhi (almeno non volontariamente) per modificare la profondità di campo percepita. Tuttavia, nel mondo digitale, esistono molte altre variabili, poiché tutti gli elementi citati in precedenza possono essere modificati. Di conseguenza, c'è la possibilità concreta di aggiungere elementi di profondità contraddittori che causano confusione e fastidio durante la visione.

effetti di profondità 3D in After Effects

La prospettiva, l'occlusione e gli effetti di profondità relativa vengono tutti gestiti in modo automatico da After Effects, poiché consente di posizionare gli oggetti in uno spazio 3D virtuale. Spostare un oggetto più lontano lungo l'asse z della fotocamera rende l'oggetto più piccolo e lo posiziona dietro ad altri oggetti. Modificando il campo visivo della fotocamera si modifica anche la prospettiva della scena. Un grandangolo fornisce ulteriori informazioni di profondità sulla prospettiva rispetto a un teleobiettivo, ad esempio. L'attivazione della profondità di campo nel livello della fotocamera e la modifica dell'apertura aggiunge una sfocatura con lente in base alla distanza della messa a fuoco. Inoltre, la stereopsi può essere aggiunta a qualsiasi composizione 3D in After Effects. In breve, il concetto è semplice: create una vista della fotocamera sinistra e una vista della fotocamera destra della scena 3D, quindi eseguitene il rendering. Quindi utilizzate un monitor stereoscopico per visualizzare la composizione in stereo.

Creazione di una scena stereoscopica in After Effects

Iniziate con una composizione qualsiasi contenente livelli 3D posizionati lungo l'asse z. Fate clic con il pulsante destro del mouse su un livello e selezionate Videocamera > Crea stereoscopio 3D. After Effects crea una composizione per l'occhio sinistro e una per l'occhio destro tramite le videocamere sinistra e destra. Crea anche una composizione di output che riunisce le due viste in un formato riconosciuto da un metodo di visualizzazione stereo. Se avete aggiunto il comando a una videocamera, quest'ultima controlla le videocamere stereo.

A questo punto potete indossare gli occhiali anaglifici rossi e blu e visualizzare la composizione in stereo. Gli oggetti sbucano fuori dallo schermo o sprofondano in esso in base alla distanza a cui si trovano dalla videocamera. A questo punto potete tornare alla composizione iniziale e modificare la posizione della videocamera, la profondità di campo, il posizionamento dei livelli o qualsiasi altro elemento della scena. Quando tornate alla visualizzazione stereo, essa viene aggiornata in formato 3D stereoscopico. Sperimentate con la scena. È molto semplice vedere l'effetto 3D stereoscopico in azione se state animando un movimento della videocamera, gli oggetti che si spostano più vicini alla videocamera o la profondità di campo (apertura del diaframma, distanza focale e zoom).

Come controllare la stereoscopia in After Effects

Una volta completata la scena, potete iniziare a modificare i controlli 3D stereoscopici. Non è richiesta alcuna altra modifica nella composizione principale. Passate alla composizione Stereo 3D e individuate i controlli per il livello Stereo 3D. Tutti i comandi necessari per la funzione 3D stereoscopico si trovano in due effetti su questo livello.

Profondità scena stereo

Questo controllo è il controllo principale per modificare la separazione interassiale delle videocamere. Aumentando questo controllo, la distanza tra le videocamere aumenta. Si tratta dello stesso effetto che otterreste aumentando la distanza tra gli occhi. In realtà è un effetto molto difficile e innaturale, quindi, se utilizzato in modo improprio, può portare a risultati molto fastidiosi, poiché gli occhi e il cervello non sono abituati a operare una convergenza superiore a quella consentita dalla distanza fissa tra gli occhi. L'ultima cosa che vogliamo ottenere è costringere lo spettatore a incrociare gli occhi per mettere a fuoco un oggetto troppo vicino o troppo lontano. In genere, per ottenere i risultati migliori, la separazione tra le videocamere deve corrispondere a quella tra gli occhi. Tuttavia, è difficile da eseguire, perché il risultato finale potrebbe essere proiettato su uno schermo relativamente piccolo (televisore 3D da 50") o molto grande (IMAX). In entrambi i casi, le distanze tra gli oggetti sullo schermo possono variare notevolmente e provocare fastidio o incrociamento degli occhi su uno schermo, senza presentare problemi sull'altro. Per questo motivo, la proprietà Profondità scena stereo viene misurata in percentuale rispetto alla larghezza della composizione. In questo modo, se modificate la dimensione della composizione stereo, il calcolo stereoscopico rimane invariato rispetto alle nuove dimensioni.

La modifica del valore Profondità scena stereo dà l'impressione che la scena stereoscopica 3D sbuchi fuori dallo schermo o sprofondi in esso. Se impostate la soglia nuovamente su 0, l'intero effetto di stereoscopia si annulla e tutti gli oggetti si troveranno sul piano dello schermo.

Per comprendere questo controllo è necessario tenere presente che, allontanando le videocamere l'una dall'altra, tutti gli oggetti risulteranno allontanati tra loro sul piano orizzontale; la separazione in profondità risulterà quindi aumentata. In questo modo, per ottenere più profondità, dovrete spostare un oggetto più indietro e più vicino alla videocamera. Aumentando questo valore aumenterà anche il valore massimo dell'effetto di sporgenza o sprofondamento di un oggetto dal monitor.

Nozioni fondamentali sulla convergenza

Quando i nostri occhi convergono su un oggetto, se è presente una differenza nella posizione orizzontale dell'oggetto tra l'immagine dell'occhio sinistro e di quello destro, il cervello ricompone l'immagine dell'oggetto e ne deduce che quest'ultimo si trovi a una certa distanza (a causa del parallasse).

Quando due oggetti vengono visualizzati nella stessa posizione orizzontale nel fotogramma destro e in quello sinistro, la distanza degli oggetti dalla videocamera indica il piano di convergenza. La convergenza viene effettuata su qualsiasi livello che si trovi alla stessa distanza dalla videocamera del piano. Gli oggetti su cui viene effettuata la convergenza sembrano trovarsi sulla superficie dello schermo che state visualizzando. Tutto ciò che si trova più vicino alla videocamera rispetto a tale oggetto o ad altri oggetti sul piano sembra sbucare fuori dallo schermo. Tutto ciò che si trova più lontano dalla videocamera rispetto a tale oggetto sembra sprofondare nello schermo.

Immaginate il piano di convergenza come punto di ancoraggio per lo spazio 3D stereoscopico. In questo modo, potete spostare gli oggetti 3D avanti e indietro e controllare direttamente se gli oggetti sembrano tutti sprofondare nello schermo, sbucare fuori da esso o che si verifichi un mix dei due effetti. Per comprendere di quanto tali oggetti sbucheranno in entrambe le direzioni rispetto al piano, consultate la sezione relativa alla Profondità scena stereo.

Videocamere parallele o convergenza e punti di convergenza

I nostri occhi si inclinano leggermente verso l'interno in direzione dell'oggetto che si sta esaminando. Questo effetto è noto come convergenza. After Effects applica questo effetto quando selezionate Convergi videocamere in Controlli 3D stereo. L'utilizzo della convergenza può offrire maggiore controllo; tuttavia è necessario considerare diversi fattori durante l'esecuzione. Quando le fotocamere convergono si modifica la prospettiva di visualizzazione, poiché le videocamere sono ruotate e viene introdotta la distorsione. Le prospettive delle videocamere sinistra e destra non risultano più allineate correttamente. Quando acquisite un video stereoscopico in diretta, è consigliabile non impostare mai lo stereoscopio in modo che applichi la convergenza. Se dovete modificare il punto di convergenza in post-produzione, è consigliabile correggere la distorsione della prospettiva. Le scene reali vengono quasi sempre riprese con videocamere parallele. Tenete presente questo aspetto quando tentate di integrare riprese dal vivo con elementi digitali. Se la scena è costituita solo da elementi 3D in After Effects, probabilmente è sicuro e preferibile utilizzare le videocamere convergenti.

Videocamere convergenti

In After Effects è molto più facile modificare il punto di convergenza dello stereoscopio 3D perché è possibile cambiare la posizione in cui le videocamere sono rivolte con facilità. Accertatevi che l'opzione Convergi videocamere sia selezionata e modificate la proprietà Scostamento Z convergenza. Se aumentate questo valore, il punto di convergenza viene allontanato dalla videocamera, in modo che tutti gli oggetti nella scena risultino sporgenti verso l'esterno quando la visualizzate su un monitor 3D. Potete impostare il punto in cui convergono le videocamere modificando la proprietà Convergi a. In genere è più facile fare in modo che le videocamere sinistra e destra convergano verso il punto di interesse della videocamera principale (impostazione predefinita). Tuttavia, è utile modificarlo sulla posizione della videocamera (più, ad esempio, la distanza focale come offset) quando si tenta di trovare una corrispondenza tra il punto di convergenza e la profondità di campo. Inoltre, è possibile associare il punto di convergenza allo zoom in modo da mantenere la convergenza automaticamente invariata, cambiando allo stesso tempo la prospettiva tramite la modifica del campo visivo mentre effettuate una carrellata. Per ulteriori informazioni, consultate la sezione relativa alla profondità di campo.

Videocamere parallele

In alternativa, potete utilizzare anche le videocamere virtuali parallele. Questa tecnica è utile se si devono associare riprese dal vivo e aggiungere elementi digitali alla scena. Mantenere la coerenza tra gli orientamenti delle videocamere virtuali e quelle utilizzate nelle riprese consente di mantenere allineate le prospettive degli elementi digitali e delle riprese stereo.



Modificare il piano di convergenza con le riprese dal vivo è semplice quanto modificare l'allineamento orizzontale delle immagini sinistra e destra. A livello concettuale ha senso; ogni oggetto nell'immagine sinistra e destra ha un offset orizzontale diverso a seconda della profondità, a causa del parallasse. Se le immagini sinistra e destra vengono allineate, sovrapponendole un oggetto specifico nelle riprese verrà visualizzato esattamente nella stessa posizione. Il punto di convergenza ora si trova alla profondità corrispondente alla distanza dell'oggetto dalla videocamera al momento delle riprese o dalle videocamere virtuali.

È possibile modificare la proprietà Convergenza scena dell'effetto Occhiali 3D in modo da modificare il piano di convergenza delle videocamere parallele. Tenete presente, tuttavia, che poiché le immagini finali vengono semplicemente spostate, ciò rappresenta un'ulteriore modifica alla convergenza se avete già applicato la proprietà Convergi videocamere con uno scostamento. In generale, modificate la proprietà Convergenza scena dell'effetto Occhiali 3D solo quando utilizzate riprese dal vivo o quando l'opzione Convergi videocamere è disattivata.

Aumentando la proprietà Convergenza scena, il piano di convergenza viene allontanato dalla videocamera. Tutti gli elementi della scena sembreranno sbucare dallo schermo in direzione dello spettatore.

In generale, il piano di convergenza con le videocamere parallele dovrebbe trovarsi idealmente alla distanza di zoom della videocamera. Tuttavia, quando le videocamere sono parallele, è necessario tenere in considerazione l'offset. Le videocamere sono distanziate, così come le relative prospettive. Per ottenere il piano di convergenza corretto dovrete modificare la convergenza della scena in modo da compensare la separazione delle videocamere. È possibile ottenere questo risultato sottraendo la profondità della scena stereo (separazione interassiale); in questo modo il punto di convergenza non si sposterà quando utilizzerete videocamere parallele ed elementi virtuali 3D. Tuttavia, ciò non si verifica se utilizzate videocamere convergenti. Per compensare questo fenomeno, impostate un'espressione sulla proprietà Convergi scena dell'effetto Occhiali 3D. Verificate inoltre che la proprietà Unità nell'effetto Occhiali 3D sia impostata su % della sorgente in modo da corrispondere alle unità di Profondità scena stereo nell'effetto Controlli 3d stereo; in caso contrario, dovrete eseguire un calcolo aggiuntivo. Dopo aver effettuato questa operazione potrete modificare la proprietà Profondità scena stereo; la convergenza scena non verrà modificata. Come test, provate a modificare la proprietà Profondità scena stereo con la visualizzazione 3D nell'effetto Occhiali 3D impostato su Differenza. Non dovreste vedere le aree nere spostarsi avanti e indietro, ma solo la separazione degli oggetti davanti o dietro di esse. Con la seguente espressione per videocamere parallele e il valore di Convergenza scena impostato su 0, il piano di convergenza verrò impostato sulla distanza dello zoom della videocamera.

Espressione per la proprietà dell'effetto Occhiali 3D di Convergenza scena

provate con {

                cameraOffset = effect("Stereo 3D Controls")("Stereo SceneDepth");

                if( effect("Stereo 3D Controls")("Converge Cameras") == false ) {

                                    value - cameraOffset;

                } else {

                                    value;

                }

} catch (e) {

                value;

}








Anteprima del piano di convergenza con le videocamere parallele

Quando lavorate con le videocamere convergenti, è molto più facile capire qual è la distanza dal piano di convergenza. Avete accesso diretto per impostare il punto di convergenza e l'offset. Per istruzioni dettagliate, consultate la sezione relativa alle videocamere convergenti.

Quando utilizzate videocamere parallele, è difficile comprendere a quale profondità nella scena si trovi il piano di convergenza. Per visualizzare in anteprima l'effetto, modificate la proprietà di visualizzazione 3D nell'effetto Occhiali 3d su Differenza. Gli oggetti allineati vengono visualizzati in nero. Tutti gli oggetti allineati si trovano sul piano di convergenza. Se modificate la proprietà Convergenza scena trascinando il valore della proprietà, viene visualizzata una banda più scura che si muove all'interno della scena. Questa banda rappresenta il piano di convergenza che si sposta avanti e indietro con la scena. Se passate alla visualizzazione 3D e indossate gli occhiali, vi sembrerà che gli oggetti su questo piano di convergenza si trovino sul piano dello schermo televisivo.

Associazione delle videocamere con Maya

È bene ricordare che di norma i nostri occhi si trovano a una distanza di 6/6,5 cm l'uno dall'altro. Ciò è utile se state cercando di far corrispondere la separazione delle videocamere da un altro programma, ad esempio Maya. Se importate le videocamere (o valori nulli) da Maya ed esse non si allineano con le posizioni stereo delle impostazioni della videocamera, provate ad aggiungere la seguente espressione alla separazione interassiale (proprietà Profondità scena stereo) per gestire la conversione in unità di After Effects. In questo caso, le unità predefinite Maya sono in cm, ma devono elaborare unità assolute. È necessario contrastare il calcolo percentuale della larghezza della composizione. Tuttavia, se modificate le dimensioni di output, è possibile che dobbiate modificare anche qualsiasi fotogramma chiave. L'utilizzo di questa equazione consente di trascinare il valore della proprietà normalmente. Il valore verrà modificato in base alle esigenze.

Espressione di Profondità scena stereo (separazione interassiale) per far corrispondere le videocamere Maya:

valore * (100.0 * 6.5 / thisComp.width);

Se le videocamere si trovano nella posizione sbagliata, assicuratevi di verificare in che punto si trova la videocamera principale di Maya rispetto alla sinistra e alla destra. Tenete presente che potete modificare la configurazione nell'effetto Controlli 3D stereo in After Effects in modo che la videocamera principale risulti centrata tra le videocamere sinistra e destra o si trovi nella stessa posizione di quella sinistra (Principale sx) o destra (Principale dx).

Corrispondenza tra profondità di campo e convergenza

Per ottenere una scena realistica, di norma si aggiunge profondità di campo, sebbene generalmente si tratti di un valore trascurabile se utilizzate un teleobiettivo o un obiettivo macro. In genere, è consigliabile fare in modo che il punto di messa a fuoco corrisponda al piano di convergenza delle videocamere. Con le videocamere parallele è più difficile (confrontate la sezione relativa a ETLAT e sulla creazione di anteprime del piano di convergenza con videocamere parallele per ulteriori informazioni).

Quando lavorate con le videocamere convergenti, è molto facile far corrispondere la distanza focale e i piani di convergenza. Di seguito sono riportati alcuni metodi.

Se desiderate fare in modo che la distanza focale segua semplicemente il punto di interesse, utilizzate il nuovo comando facendo clic con il pulsante destro del mouse sul livello della videocamera nella linea temporale. Scegliete Videocamera > Collega distanza focale a punto di interesse. Quindi assicuratevi che le proprietà°dell'effetto Controlli 3D stereo siano impostate sul punto di interesse della videocamera con offset pari a 0.

Se avete già creato fotogrammi chiave per la distanza focale della videocamera principale e desiderate associarli al punto di convergenza, fate in modo che le videocamere convergano rispetto alla posizione della videocamera. Impostate un'espressione sulla proprietà Scostamento Z convergenza in modo che corrisponda alla distanza focale della videocamera. Ora il punto di convergenza segue la distanza focale.

Assicuratevi di sostituire YourCompName con il nome corretto per la composizione principale.

Espressione da impostare sulla proprietà Profondità Z convergenza:

comp("YourCompName").layer("Master Cam").cameraOption.focusDistance

Se avete impostato fotogrammi chiave per la proprietà Scostamento Z convergenza, potete impostare un'espressione sulla distanza focale in modo che corrisponda allo scostamento z della convergenza. Accertatevi di ricordare dove si trova il punto di ancoraggio del punto di convergenza. Se state creando una convergenza sulla posizione della videocamera, non è necessario fare altro se non collegare la distanza focale al punto di interesse come descritto in precedenza. Tuttavia, se state creando una convergenza sul punto di interesse della videocamera, aggiungete la distanza tra il punto di interesse della videocamera e la posizione della videocamera sull'offset z per l'espressione della distanza focale mediante la funzione lunghezza. Se state creando una convergenza sullo zoom della videocamera, aggiungete il valore dello zoom delle videocamere all'offset z per l'espressione della distanza focale.

Assicuratevi di sostituire YourCompName con il nome corretto per la composizione 3D stereoscopica.

Espressione da impostare sulla proprietà Distanza focale:

stereo_comp = comp("YourCompName Stereo 3D"); 

s3d_controls = stereo_comp.layer("Stereo 3D Controls").effect("Stereo 3D Controls");

converge_to = s3d_controls("Converge To");



convergence_z_offset = s3d_controls(8);

converge_to_pos = (converge_to == 1);

converge_to_poi = (converge_to == 2);

converge_to_zoom = (converge_to == 3);


if( converge_to_pos ) {

convergence_z_offset;


} else if (converge_to_poi) {

convergence_z_offset + length(transform.position, transform.pointOfInterest);

} else if ( converge_to_zoom ) {

convergence_z_offset + cameraOption.zoom;














Elementi 3D digitali compositi con riprese stereo da videocamere reali

Potete lavorare con riprese reali e integrare elementi 3D in After Effects. Il flusso di lavoro richiede attualmente qualche operazione manuale. In genere, è consigliabile utilizzare le riprese stereo come sfondo, quindi componete gli elementi 3D su di esso. Può verificarsi la situazione opposta se, ad esempio, tentate di inserire un video stereoscopico (come una sostituzione dello schermo TV) in una scena stereoscopica virtuale e la convergenza della scena deve essere diversa rispetto alla convergenza delle riprese.

Per semplicità, questo è un flusso di lavoro che utilizza riprese stereoscopiche come sfondo.

In primo luogo, partite dalla scena 3D e create uno stereoscopio 3D (Videocamera > Crea stereoscopio 3D). Importate gli elementi della ripresa stereoscopica dell'occhio sinistro e destro. Trascinate l'elemento delle riprese dall'occhio sinistro nella composizione occhio sinistro e l'elemento delle riprese dall'occhio destro nella composizione occhio destro nella parte inferiore del livello e lasciateli impostati come livelli 2D. Ora, se passate alla vista 3D stereo, dovreste vedere gli elementi 3D compositi insieme alle riprese 3D stereoscopiche. Perfetto!

Per ottenere un controllo totale sulla convergenza delle riprese è necessario eseguire un'ultima azione. Aggiungete un effetto di controllo dell'espressione Controllo cursore alla composizione stereo 3D e nominatelo Convergenza riprese. Impostate un'espressione sulla posizione X dei livelli di ripresa sinistro e destro. (In primo luogo è necessario disporre di dimensioni separate per la posizione: Animazione > Dimensioni separate.) Il livello sinistro aggiunge il valore del cursore convertito in percentuale della larghezza della composizione e il livello destro lo sottrae. Assicuratevi di sostituire YourCompName con il nome corretto per la composizione 3D stereoscopica.

Espressione da impostare nella proprietà Posizione X del livello delle riprese dall'occhio sinistro:

transform.xPosition  + (comp("YourCompName Stereo 3D").layer("Stereo 3D Controls").effect("Footage Convergence")("Slider") / 100 * width )

Espressione da impostare nella proprietà Posizione X del livello delle riprese dall'occhio destro:

transform.xPosition  - (comp("YourCompName Stereo 3D").layer("Stereo 3D Controls").effect("Footage Convergence")("Slider") / 100 * width )

Ora potete trascinare il cursore di convergenza delle riprese per modificare il piano di convergenza delle riprese 3D stereoscopiche e utilizzare l'effetto Controlli 3D stereo per controllare la convergenza degli elementi 3D. Gli occhiali 3D modificano la convergenza di entrambi allo stesso tempo. È consigliabile provare a fare corrispondere i piani di convergenza il più possibile in questa situazione.

Non è possibile modificare la profondità della scena stereoscopica delle riprese dopo avere concluso queste ultime. Se lo fate, la separazione interassiale delle videocamere ne risulterebbe modificata e le riprese verrebbero eseguite con prospettive nuove per ciascuna videocamera. È difficile ottenere prospettive diverse da un'immagine che è già stata registrata, anche se ci sono attualmente ricerche in corso in merito. L'opzione migliore consiste nell'impostare la proprietà Profondità scena stereo degli elementi 3D in modo che corrisponda il più possibile alla separazione delle videocamere utilizzate nelle riprese. Ottenere questo tipo di corrispondenza potrebbe risultare difficile. In genere, le videocamere si trovano a una distanza di 6,5 cm l'una dall'altra, in modo da rispecchiare la distanza tra gli occhi. Tuttavia, a seconda delle dimensioni della videocamera, questo valore può variare, in particolare se il corpo della videocamera è più ampio e non è possibile posizionare le videocamere così vicine tra loro. È necessario eseguire alcuni calcoli per compensare le dimensioni delle riprese. Considerate inoltre le unità corrette citate in precedenza poiché After Effects utilizza i pixel, non i centimetri. In questa situazione potrebbe risultare più semplice regolarle manualmente.

Tenete presente che per fare corrispondere il punto di convergenza delle riprese con il valore dello zoom della videocamere, è necessario sottrarre il valore di separazione delle videocamere dalla convergenza delle riprese. Utilizzare la modalità di differenza è probabilmente il metodo più semplice e veloce per allineare l'oggetto desiderato sul piano di convergenza. Per ottenere il risultato composito migliore (e meno fastidioso), assicuratevi di far corrispondere il piano di convergenza con gli elementi 3D con quello delle riprese stereo.

Per una buona spiegazione sui diversi tipi di stereoscopi che possono essere utilizzati e su altri flussi di lavoro 3D stereo in Premiere Pro, guardate questo video di David Helmly:

http://tv.adobe.com/watch/davtechtable/3d-stereoscopic-editing-with-premierepro-cs5-winosx/

ETLAT (edit this, look at that) 

Quando apportate modifiche utilizzando lo stereoscopio 3D, di norma è molto importante poter vedere cosa succede esattamente e in che modo i parametri che modificate influiscono gli stereoscopi 3D. Esiste un modo semplice per avere un'idea di quale sia il risultato in After Effects:

  • Aprite un nuovo visualizzatore della composizione e impostate una vista per visualizzare la composizione iniziale della scena e una per visualizzare la composizione stereoscopica 3D finale. Assicuratevi di bloccare tali viste in modo che non possano essere invertite.
  • Dopo avere selezionato la composizione 3D stereo, fate clic sul livello dei controlli e bloccate il pannello di livello, quindi chiudete il pannello Controlli effetti in modo che non risulti nascosto.
  • Ora tornate alla composizione iniziale e attivate i reticoli della videocamera. Scegliete Vista > Opzioni di visualizzazione > Reticoli videocamera > On. Quindi passate a una vista personalizzata in modo da visualizzare le videocamere nello spazio 3D.

A questo punto dovreste poter visualizzare tre videocamere: quella principale, la sinistra e la destra. Modificando le impostazioni in Controlli 3D stereo, le videocamere nella scena iniziale dovrebbero risultare aggiornate. Provate a modificare la proprietà Profondità scena stereo per separare le videocamere o modificare le opzioni di convergenza in modo da vedere dove sono rivolte le videocamere.

Questa tecnica è particolarmente utile quando tentate di risolvere dei problemi o di fare corrispondere la profondità di campo con la distanza di convergenza. Quando le videocamere convergono vengono visualizzati sia la distanza focale, sia il punto di convergenza. Con le videocamere parallele potete comunque visualizzare la distanza focale o il punto di interesse e potete verificare in che modo quest'ultimo si allinea con il punto di convergenza percepito nell'output finale utilizzando la tecnica della modalità differenza, come descritto in precedenza.

Da After Effects a un televisore 3D

È piuttosto semplice modificare mentre visualizzate l'anteprima degli effetti 3D stereoscopici che state modificando. La modalità anaglifica è un metodo economico per farlo. Se disponete di un televisore 3D accessibile, effettuate le seguenti operazioni per visualizzare la composizione e modificarla dal vivo in 3D stereoscopico.

  • Collegate il televisore 3D al computer come secondo monitor (DVI o HDMI).
  • Accertatevi che le dimensioni della composizione corrispondano esattamente alla risoluzione del televisore 3D. Controllate le impostazioni di risoluzione per il secondo monitor.
  • Modificate la proprietà di visualizzazione 3D nell'effetto Occhiali 3D in modo che corrisponda quanto supportato dal vostro televisore 3D: Coppia stereo (affiancati), Sopra sotto o Superiore S e inferiore D interlacciati.
  • Create un nuovo visualizzatore di composizione per la scena 3D stereoscopica e trascinatelo fuori dal fotogramma di After Effects e sul televisore 3D. Chiudete il visualizzatore.
  • Accertatevi che il rapporto di ingrandimento del visualizzatore sia impostato su 100%. 
  • Premete Ctrl +\ (Windows) o Comando +\ (Mac OS) due volte per rendere le dimensioni del visualizzatore a schermo intero sul televisore 3D.
  • Attivate la modalità 3D associata sul vostro televisore 3D.
  • Indossate gli occhiali e visualizzate la composizione in 3D stereoscopico.

Luci, videocamere e stereoscopio

La composizione occhio sinistro e la composizione occhio destro possono produrre diverse visualizzazioni della videocamera poiché sono composte in precedenza se l'opzione Comprimi trasformazioni è attivata. Non ereditano i dati della videocamera o della luce dalla composizione che le contiene, ma utilizzano le videocamere sinistra e destra modificate. Ciò è utile in quanto le videocamere consentono di creare automaticamente gli angoli corretti per la visualizzazione stereoscopica senza necessità di alcuna operazione manuale.

Tuttavia vi sono due limitazioni:

Non è possibile utilizzare più videocamere, poiché ogni stereoscopio 3D è sempre collegato a una sola videocamera principale. Se avete bisogno di più videocamere, è necessario collegare più stereoscopi 3D a ciascuna videocamera, quindi modificare le scene 3D stereoscopiche simultaneamente in un'altra composizione.

Le luci non vengono trasferite nelle precomposizioni con trasformazioni compresse. Se create una luce nella composizione principale, essa non viene utilizzata nella composizione occhio sinistro e nella composizione occhio destro, e nemmeno nella composizione Stereo 3D. Se dovete inserire delle luci, copiatele manualmente nelle composizioni occhio sinistro e occhio destro. Assicuratevi che le luci siano identiche alle luci originali nella composizione principale. In caso contrario, potreste ottenere ombre o colori diversi per ciascun occhio; ciò può provocare fastidio visivo. Se dovete aggiungere delle luci, Adobe consiglia di collegare le luci nelle composizioni sinistra e destra mediante le espressioni alle relative controparti nella composizione principale. Assicuratevi di collegare tutte le proprietà delle luci, inclusi i parametri di posizione, direzione e delle luci. Potete effettuare facilmente questa operazione mediante lo strumento pickwhip. Aprite due timeline per visualizzare contemporaneamente la composizione principale e quella sinistra o destra. Tenendo premuto il tasto opzione fate clic sul cronometro per ogni proprietà luce e utilizzando lo strumento pickwhip trascinatela sulla proprietà luce corrispondente nella composizione principale. 

Effetto fantasma

Quando visualizzate la composizione attraverso degli occhiali, potreste vedere delle aree che vengono visualizzate due volte, il cosiddetto effetto fantasma. È possibile provare questo fenomeno chiudendo l'occhio destro. Se visualizzate delle parti dell'immagine chesolo l'occhio destro dovrebbe essere in grado di vedere, c'è un problema. In genere si tratta di un problema relativo al modo in cui il monitor mostra il contenuto. Si consiglia di eliminare le aree interessate dall'effetto fantasma. A volte questo fenomeno si verifica quando sono presenti contrasti netti di colore e gli occhiali non riescono a impedire totalmente che l'occhio "sbagliato" veda l'immagine. Tuttavia, molto probabilmente si tratta di un problema di sincronizzazione del monitor o di un problema simile che riguarda il televisore 3D o il dispositivo di visualizzazione.

Come evitare i problemi stereoscopici

Come potete notare, vi sono molte parti in movimento quando si utilizza il 3D stereoscopico. Come discusso in primo luogo, potete accedere a molte altre variabili rispetto a una situazione reale. Di conseguenza, ci sono molte più possibilità che non risultino allineati, dando quindi luogo ad effetti di profondità contraddittori e causando fastidio agli occhi o mal di testa. Di seguito sono riportati alcuni principi generali da tenere presenti.

  • Accertarsi che le indicazioni di profondità non forniscano informazioni contraddittorie.
  • Selezionate lo zoom della videocamera; i grandangoli causano una maggiore distorsione se le videocamere sono convergenti (convergenza).
  • Fate corrispondere la distanza focale della videocamera principale dal piano di convergenza; se ciò non avviene potrebbe crearsi confusione, poiché si avrebbe la sensazione che qualcosa non va senza riuscire a identificare di cosa si tratta.
  • Se integrate riprese dal vivo, verificate che le inquadrature delle videocamere corrispondano a quelle delle videocamere delle riprese (di norma parallele) e che anche la distanza di convergenza corrisponda a quella delle riprese.
  • Evitate di introdurre una quantità eccessiva di parallasse. In modalità di differenza, osservate la spaziatura orizzontale degli occhi sinistro e destro tra l'oggetto più vicino e più lontano, quindi assicuratevi che essa non sia troppo estrema.
  • Se gli occhi non riescono a convergere o la visualizzazione dell'immagine causa fastidio o dolore, tentate di applicare queste soluzioni:

    • Quando utilizzate gli occhiali 3D, spostatevi più lontano dallo schermo di visualizzazione.
    • Assicuratevi che il punto di convergenza sia abbastanza prevedibile e non si trovi a una distanza troppo grande o troppo piccola dalla videocamera, perché sareste costretti a incrociare gli occhi.
    • Riducete la Profondità scena stereo (separazione interassiale). Se il piano di convergenza è posto a una distanza ragionevole e un oggetto lontano dal punto di convergenza costringe a incrociare gli occhi, ciò può causare fastidio. Ricordate che è il rapporto tra gli oggetti nella scena che conta; confrontate la separazione orizzontale dell'oggetto più vicino con quello più lontano. Se le due immagini sovrapposte hanno un aspetto molto diverso, il risultato finale può causare fastidio. 

L'effetto fantasma può verificarsi in oggetti su cui non avete controllo. I fattori che possono causare l'effetto fantasma sono la sincronizzazione hardware tra gli occhiali e i video, la carica della batteria degli occhiali, l'intervallo dinamico del monitor o la velocità di aggiornamento. Tuttavia vi sono alcune operazioni che potete eseguire per migliorare queste situazioni. Se si verifica l'effetto fantasma, effettuate le seguenti operazioni:

  • riduzione delle aree a contrasto elevato
  • aumento della luminosità
  • riduzione della profondità della scena, in modo che la separazione tra gli elementi risulti ridotta
  • verifica della guida alla risoluzione dei problemi della visualizzazione 3D stereoscopica

Un esperimento finale

Un tentativo interessante da fare consiste nell'invertire appositamente gli effetti di profondità; in questo modo si può avere un'idea di cosa succede in caso di problemi. In questo caso, potete facilmente invertire l'occlusione e gli effetti di profondità 3D stereoscopici in modo da creare un'illusione interessante. Se selezionate Scambia sinistra-destra nell'effetto Occhiali 3D, tutte le convergenze vengono invertite. Di conseguenza, tutto ciò che sembrava sporgere ora sembrerà sprofondare nello schermo. Questo metodo non è affatto intuitivo, ma il risultato è che un oggetto che si trova di fronte a un altro rispetto a occlusione, dimensione relativa e prospettiva sembrerà trovarsi dietro nell'effetto di profondità stereo. Il livello di sfondo risulta tagliato e il livello in primo piano sprofonda nello schermo. Questo effetto è strano; tuttavia, vederne il risultato aiuta a capire la funzione di questi effetti di profondità e quanto sia importante assicurarsi che siano tutti allineati e coerenti.

 

 

 

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online