Introduzione all’area di lavoro di Adobe Media Encoder, con il pannello Codifica e il browser dei predefiniti.

Adobe Media Encoder è il motore di codifica per Adobe Premiere Pro, Adobe After Effects, Adobe Audition, Adobe Character Animator e Adobe Prelude. Potete inoltre utilizzare Adobe Media Encoder come strumento di codifica autonomo.

Per una panoramica di tutte le funzioni disponibili in Adobe Media Encoder, guardate questo video di Jan Ozer.

 

 

Introduzione ad Adobe Media Encoder

Adobe Media Encoder consente di esportare i video per siti Web di condivisione video come YouTube e Vimeo e per un’ampia gamma di dispositivi quali sistemi di registrazione professionali, lettori DVD, telefoni cellulari e apparecchi televisivi ad alta risoluzione.

Panoramica di Adobe Media Encoder CC

Panoramica di Adobe Media Encoder CC
Scoprite Adobe Media Encoder CC, l’applicazione di transcodifica e rendering per la generazione di file audio e video in una vasta gamma di formati.
Joost van der Hoeven

Altre risorse

Lo spazio di lavoro di Adobe Media Encoder

Adobe Media Encoder offre cinque pannelli principali per la codifica dei file. Potete raggruppare i pannelli come schede in un singolo riquadro o renderli mobili come pannelli separati.

1-AME Interface
Interfaccia utente di Adobe Media Encoder

A. Pannello Codifica B. Pannello Coda C. Browser predefiniti D. Cartella esaminata E. Browser multimediale 

 

Una volta personalizzato lo spazio di lavoro in base alle vostre esigenze, per creare uno spazio di lavoro personalizzato selezionate Finestra > Spazio di lavoro > Nuovo spazio di lavoro.

Nota:

A molti dei comandi di Adobe Media Encoder sono associati tasti di scelta rapida che consentono di completare rapidamente le operazioni con un uso minimo del mouse. Per un elenco delle scelte rapide da tastiera predefinite di Adobe Media Encoder, consultate questa pagina.

Pannello Codifica

Il pannello Codifica fornisce informazioni sullo stato di ciascun elemento da codificare.

Per la codifica simultanea di più output, nel pannello Codifica viene visualizzata una miniatura di anteprima, la barra di avanzamento e la stima del tempo richiesto per il completamento di ciascun output di codifica. Per ulteriori informazioni, consultate Codifica parallela.

 

2-Encoding panel in parallel
Pannello Codifica con avanzamento della codifica parallela

Pannello Coda

Potete aggiungere i file da codificare nel pannello Coda. Potete aggiungere dei file sorgente video o audio, sequenze Adobe Premiere Pro e composizioni Adobe After Effects a una coda di elementi da codificare. Potete trascinare i file nella coda oppure fare clic su Aggiungi sorgente e selezionare i file sorgente da codificare.

Potete anche inviare i lavori direttamente alla coda da altre applicazioni Adobe. Così facendo potete continuare a lavorare mentre Adobe Media Encoder effettua il rendering in background. Le applicazioni Adobe che supportano l’esportazione per Adobe Media Encoder sono:

  • Premiere Pro
  • After Effects
  • Audition
  • Character Animator
  • Prelude
3-Queue panel
Pannello Coda

Gli oggetti aggiunti alla coda di codifica vengono codificati non appena la coda viene avviata. La codifica può essere avviata automaticamente subito dopo l’aggiunta di un elemento nella coda, oppure manualmente in un secondo momento. Potete inoltre impostare una preferenza affinché la codifica venga avviata una volta trascorso un determinato periodo di tempo dopo l’aggiunta di un elemento alla coda di codifica.

Potete aggiungere, rimuovere o riordinare gli elementi nel pannello Coda. Per ulteriori informazioni, consultate Aggiungere e gestire gli elementi nella coda di codifica.

Dopo aver aggiunto elementi audio e video alla coda di codifica, potete applicare altri predefiniti dal Browser predefiniti oppure regolare le impostazioni di output nella finestra di dialogo Impostazioni di esportazione o Impostazioni di assimilazione. Per ulteriori informazioni, consultate questo articolo.

Browser predefiniti

Il Browser predefiniti offre opzioni che consentono di semplificare il flusso di lavoro in Adobe Media Encoder.

4-Preset Browser
Browser predefiniti

I predefiniti di sistema nel browser sono organizzati in categorie basate sul loro utilizzo (come Standard di trasmissione, Video Web) e sulla destinazione del dispositivo (ad esempio DVD, Blu-ray, Videocamera, Tablet). È possibile modificare questi predefiniti per crearne di personalizzati, detti anche predefiniti utente.

Nel Browser predefiniti, potete trovare rapidamente un predefinito mediante la ricerca oppure la navigazione avanzata fornita dalla struttura comprimibile delle cartelle. Per ulteriori informazioni sul Browser predefiniti, consultate Utilizzo del Browser predefiniti.

Per ulteriori informazioni sulla codifica mediante i predefiniti, consultate Utilizzo dei predefiniti.

Cartella esaminata

Potete impostare come Cartella esaminata qualsiasi cartella sul disco rigido. Una volta impostata la cartella esaminata, tutti i file aggiunti in essa vengono codificati mediante i predefiniti selezionati. Adobe Media Encoder rileva automaticamente i file multimediali aggiunti alla cartella esaminata e avvia la codifica.

Per ulteriori informazioni, consultate Aggiungere una cartella esaminata alla coda di codifica.

5-Watch folders
Cartella esaminata

Per esportare una singola sorgente come diversi output mediante le cartelle esaminate, guardate questo video di video2brain.

Utilizzo del Browser multimediale

6-Media Browser
Utilizzo del Browser multimediale

Il Browser multimediale consente di visualizzare in anteprima i file multimediali prima di aggiungerli alla coda. Sul lato sinistro del pannello sono elencate tutte le unità locali e di rete del sistema e la sezione Preferiti, in cui potete salvare i collegamenti delle directory che utilizzate con maggior frequenza. Sul lato destro del pannello sono elencati i contenuti dell’unità o della directory selezionata. È possibile filtrare i contenuti in base al tipo di file o mediante il campo di ricerca. Potete facilmente navigare nelle strutture dei file basate su cartelle utilizzate da produttori di videocamere come Canon, Sony e Panasonic, nonché nei contenuti dei progetti di After Effects e Premiere Pro.

Per aggiungere dei file alla coda di codifica, selezionateli con doppio clic nel Browser multimediale o trascinateli direttamente nel pannello coda. Per assegnare ai file dei predefiniti di codifica o assimilazione specifici, trascinate i file sui predefiniti nel Browser predefiniti.

  • Per visualizzare il contenuto come miniature, fate clic sul pulsante Visualizzazione a icone.
  • Per visualizzare il contenuto come elenco, fate clic sul pulsante Visualizzazione a elenco.
  • Per visualizzare rapidamente un’anteprima dei contenuti di un file, trascinate il cursore sulla miniatura. È anche possibile fare clic sulla miniatura e far scorrere il filmato con la testina di riproduzione. In alternativa, utilizzate i tasti JKL per controllare la riproduzione della miniatura selezionata.
  • Per modificare le dimensioni delle miniature dei file, usate la barra di scorrimento Zoom.
  • Per visualizzare un determinato tipo di file, selezionate un’opzione dal menu Tipo file. Ripetete la procedura per scegliere più di un’opzione. Per impostazione predefinita, sono visualizzati tutti i tipi di file supportati.
  • Per visualizzare i file di una determinata sorgente, selezionate l’opzione corrispondente dal menu Visualizza come. In caso di assimilazione da un dispositivo, accertatevi che sia collegato al computer.
  • Per assimilare solo una parte di un file, fate clic sulla sua miniatura e usate le scelte rapide da tastiera JKL oppure trascinate la testina di riproduzione per scorrere la clip. Premete i tasti I e O per impostare rispettivamente il punto di attacco e stacco in corrispondenza dei fotogrammi desiderati.

Nota:

Adobe Media Encoder supporta l’assimilazione con durata personalizzata solo tramite l’opzione Transcodifica. Con la funzione Copia viene sempre copiato l’intero file sorgente.

Unione di più clip con Adobe Media Encoder

Quando aggiungete più file multimediali alla coda, potete combinarli in un singolo file. Per unire più file multimediali, effettuate una delle seguenti operazioni:

  1. Selezionate File > Aggiungi sorgente.
  2. Nella finestra di dialogo risultante scegliete le risorse da unire e selezionate la casella di controllo Unisci clip.
  3. Fate clic su Apri per aggiungere la clip unita alla coda.

Esistono anche altri modi per combinare insieme i file multimediali.

  1. Aprite il pannello Browser multimediale.
  2. Selezionate le risorse da unire.
  3. Trascinate le risorse selezionate nella coda e osservate le opzioni disponibili nella parte inferiore della coda. Rilasciate i file nell’area in cui è indicato di trascinare le clip da unire.
  4. Per creare una clip unita, potete anche trascinare le risorse dal desktop. Viene aggiunta alla coda una nuova clip unita.

In alternativa, potete usare il seguente metodo:

  1. Aprite il pannello Browser multimediale.
  2. Selezionate le risorse da unire.
  3. Fate clic con il pulsante destro del mouse e selezionate Unisci clip. Viene aggiunta alla coda una nuova clip unita.

Le sorgenti sono elencate in ordine alfabetico, pertanto il nome della clip unita viene automaticamente impostato in base alla prima clip della serie. Per impostazione predefinita, il nome della clip unita è in modalità di modifica e, se necessario, potete digitare un altro nome. Per confermare il nome modificato, premete il tasto Invio. Le clip unite che non sono attualmente in fase di codifica possono essere rinominate in qualsiasi momento, facendo clic sul nome sorgente nella coda.

Nota:

Le clip unite rispettano i punti di attacco e stacco impostati nel Browser multimediale. Tuttavia, non è possibile modificare la durata delle sorgenti dopo che queste sono state aggiunte a una clip unita. 

Aggiunta, eliminazione e ordine delle sorgenti nelle clip unite

Le sorgenti delle clip unite sono visualizzate sotto il nome della clip unita.

  1. Potete scegliere di nascondere o mostrare le sorgenti delle clip unite, facendo clic sull’apposita dicitura a destra del nome. Per regolare le sorgenti di una clip unita, assicuratevi che siano visibili nella coda.
  2. Per aggiungere altre risorse a una clip unita, trascinatele dal Browser multimediale o dal desktop e rilasciatele nell’elenco delle sorgenti. Una linea blu indica il punto in cui verranno inserite le nuove risorse.
  3. Per eliminare delle sorgenti esistenti da una clip unita, selezionatele nell’elenco e fate clic sul pulsante Elimina, sopra la coda (oppure premete il tasto Canc). Per ridisporre alcune sorgenti in una clip unita, selezionatele nell’elenco e trascinatele nella nuova posizione. Una linea blu indica il punto in cui le sorgenti vengono collocate.
  4. Se le sorgenti di una clip unita non hanno le stesse proprietà (ad esempio, se hanno valori diversi di dimensioni di fotogramma, frequenza fotogrammi, ecc.) le proprietà della prima clip della serie determinano le proprietà dell’intera clip unita. Le sorgenti con dimensioni fotogramma diverse vengono ridimensionate e adattate alle dimensioni della prima clip. Il valore di proporzioni pixel viene mantenuto, ma è possibile che si verifichino bande nere ai lati oppure sopra e sotto (letterbox o pillarbox).
7-Stitched clips
Clip unite nella coda

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online