La sequenza esportata tramite Adobe Media Encoder presenta fotogrammi rossi.

Ottenete nuove clip o riparate i fotogrammi rossi copiando i fotogrammi vicini.

Se non sono disponibili altre sorgenti, è possibile ripristinare uno o due fotogrammi copiando quelli vicini. Utilizzate la posizione dei fotogrammi rossi nel file di esportazione in modo da tenere traccia dei problemi nella sequenza di origine. 

Informazioni aggiuntive

Questo problema non riguarda un errore del processo di esportazione, ma indica piuttosto un problema nella modalità di codifica della sequenza sorgente. Quando Media Encoder individua fotogrammi che non possono essere decodificati, inserisce al loro posto dei fotogrammi rossi.

I fotogrammi rossi hanno due scopi. Prima di tutto mantengono intatta la sincronizzazione audio/video. In secondo luogo, consentono di tenere traccia più facilmente della posizione dei fotogrammi con problemi. Se un fotogramma non può essere decodificato, viene registrato nel pannello Eventi.

Nella versione CC, sono stati implementati dei vincoli di formato più rigidi, consentendo al software di individuare e segnalare meglio il danneggiamento del file. Nelle versioni passate, questi problemi potevano non essere rilevati, causando l'arresto anomalo o errori durante la codifica del progetto finale.

I fotogrammi rossi si verificano più frequentemente quando si utilizza la sequenza basata su MPEG e spesso indicano la presenza di un problema con la struttura GOP. Talvolta, in particolare con file MXF, la sequenza può essere riprodotta senza alcun problema in un'altra applicazione come VLC. Il flusso MPEG è intatto, ma la tabella di indice MXF è stata scritta in modo errato durante la creazione del file. Il software non è in grado di rilevare i fotogrammi corretti in base a quanto specificato nella tabella di indice, quindi sostituisce i fotogrammi mancanti con i fotogrammi rossi. 

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online