Automatizzare le operazioni in Adobe Bridge

  1. Guida utente Bridge
  2. Introduzione
    1. Novità di Bridge
    2. Requisiti di sistema di Bridge
    3. Area di lavoro di Adobe Bridge
    4. Importare foto con Photo Downloader
    5. Organizzare contenuto e risorse con Adobe Bridge
  3. Operazioni con le risorse
    1. Creative Cloud Libraries in Bridge
    2. Creare un provino a contatto PDF nell’area di lavoro Output
    3. Visualizzare e gestire file in Adobe Bridge
    4. Utilizzare i metadati in Adobe Bridge
    5. Utilizzare la cache di Adobe Bridge
    6. Utilizzare parole chiave in Adobe bridge
    7. Avviare Adobe Bridge
    8. Regolare la visualizzazione del pannello Contenuto di Adobe Bridge
    9. Eseguire l’anteprima delle immagini e modificare l’ora di acquisizione
    10. Utilizzare le raccolte in Adobe Bridge
    11. Disporre i file in stack in Adobe Bridge
    12. Automatizzare le operazioni in Adobe Bridge
    13. Visualizzare in anteprima i file multimediali dinamici in Adobe Bridge
    14. Creare gallerie Web e PDF
    15. Lavorare con la cache condivisa di Bridge
    16. Gestire la cache multimediale
  4. Bridge e altre applicazioni Adobe
    1. Utilizzare Adobe Media Encoder
    2. Utilizzare Adobe Premiere Pro
  5. Esportare e pubblicare
    1. Conversione delle risorse con il pannello Esporta
    2. Pubblicare immagini su Adobe Stock
    3. Pubblicare risorse su Adobe Portfolio
  6. Scelte rapide da tastiera
    1. Scelte rapide da tastiera di Adobe Bridge
  7. Adobe Camera Raw
    1. Gestione delle impostazioni di Camera Raw
    2. Ruotare, ritagliare e regolare le immagini
    3. Riparare le immagini con lo strumento per la rimozione dei punti ottimizzato in Camera Raw
    4. Filtro radiale in Camera Raw
    5. Correzione prospettica automatica in Camera Raw
    6. Creare panorami
    7. Versioni di processo in Camera Raw
    8. Regolazioni locali in Camera Raw

 

Eseguire operazioni dal menu Strumenti

Usare estensioni di Photoshop e Illustrator in Adobe Bridge

Il menu Strumenti è dotato di sottomenu contenenti numerosi comandi disponibili nei diversi prodotti Adobe. Ad esempio, se sul computer è installato Adobe Photoshop, potete utilizzare i comandi del sottomenu Strumenti > Photoshop per elaborare le foto selezionate in Adobe Bridge. L’esecuzione di tali attività da Adobe Bridge consente di risparmiare tempo poiché non dovete aprire i singoli file.

Nota:

gli sviluppatori di terze parti possono anche creare e aggiungere i propri elementi nel menu Strumenti per le funzionalità aggiuntive di Adobe Bridge. Per informazioni sulla creazione di script, visitate il Centro per gli sviluppatori Bridge.

In Adobe Bridge sono inclusi anche pratici script di automazione. In Adobe Bridge, lo script Adobe Output Module, ad esempio, consente di creare gallerie di foto per il Web, nonché di generare provini a contatto Adobe PDF e presentazioni a schermo intero. Lo script per la raccolta automatica CC 2014 consente di raccogliere in stack set di foto per da elaborare come immagini panoramiche o immagini HDR in Photoshop.

  1. Selezionate i file o le cartelle che desiderate utilizzare. Se selezionate una cartella, il comando viene applicato a tutti i file nella cartella, se possibile.
  2. Scegliete Strumenti > [Componente] e specificate il comando desiderato (se il componente in uso non dispone di operazioni automatizzate, non viene visualizzato nel menu Strumenti).

Per informazioni su un comando particolare, consultate la documentazione del componente corrispondente.

Rinominare i file in batch

Rinominare i file in batch in Adobe Bridge

Potete rinominare i file in un gruppo, detto anche batch. Quando rinominate i file in batch, potete scegliere le stesse impostazioni per tutti i file selezionati. Per altre procedure di elaborazione in batch, potete utilizzare script per l’esecuzione di procedure automatiche.

  1. Selezionate i file che volete rinominare.
  2. Scegliete Strumenti > Rinomina in batch.
  3. Impostate le seguenti opzioni:

    Cartella di destinazione

    Inserite i file rinominati nella stessa cartella, spostateli in un’altra cartella, oppure inseritene delle copie in un’altra cartella. Se scegliete di collocare i file rinominati in un’altra cartella, fate clic su Sfoglia per selezionare la cartella desiderata.

    Nuovi nomi file

    Scegliete gli elementi dai menu e immettete del testo in modo appropriato per creare nuovi nomi file. Per aggiungere o eliminare elementi fate clic rispettivamente sul pulsante più (+) o meno (-).

    Sostituzione stringa

    Consente di modificare una parte o l’intero testo del nome file con un testo personalizzato. Innanzitutto, scegliete l’elemento da sostituire: Nome file originale sostituisce la stringa del nome file originale. Nome file intermedio sostituisce una stringa definita dalle opzioni precedenti nei menu a comparsa Nuovi nomi file. Usa espressione regolare consente di utilizzare espressioni regolari per trovare stringhe basate su pattern nei nomi file. Sostituisci tutto sostituisce tutte le sottostringhe che corrispondono al pattern nella stringa di origine.

     

    Opzioni

    Per conservare il nome file originale nei metadati, selezionate Mantieni il nome del file corrente nei metadati XMP. In Compatibilità, selezionate i sistemi operativi con i quali desiderate che i file rinominati siano compatibili. Il sistema operativo in uso è preselezionato e non può essere deselezionato.

    Anteprima

    Il nome file nuovo e quello corrente vengono visualizzati nell’area Anteprima nella parte inferiore della finestra di dialogo Rinomina in batch. Per vedere come verranno rinominati tutti i file selezionati, fate clic sul pulsante Anteprima.

  4. (Facoltativo) Selezionate un predefinito dal menu Predefiniti per la ridenominazione in base a schemi di utilizzo frequente per la denominazione. Per salvare le impostazioni della ridenominazione in batch che potranno così essere riutilizzate, fate clic su Salva.

Per ulteriori informazioni sulla ridenominazione di file in batch, consultate una delle seguenti esercitazioni:

Raccolta automatica in stack di immagini HDR e di panoramiche

Raccolta in stack di immagini HDR e di panoramiche in Adobe Bridge

Lo script di raccolta automatica in Adobe Bridge consente di raccogliere set di immagini in stack per elaborarle come immagini HDR (High Dynamic Range) o panoramiche composite in Photoshop. Lo script consente di raccogliere le immagini in stack in base alle impostazioni di esposizione, tempo di acquisizione e allineamento delle immagini. Il valore delle marche temporali non deve superare i 18 secondi affinché lo script di raccolta automatica elabori le foto. Se le impostazioni di esposizione variano tra le foto e il contenuto si sovrappone per oltre l’80%, lo script interpreta le foto come set HDR. Se l’esposizione è costante e il contenuto si sovrappone per meno dell’80%, lo script interpreta le foto come parte di una panoramica.

Nota:

la funzione di raccolta automatica è disponibile se nel sistema sono presenti sia Adobe Bridge sia Photoshop CS5 o versione successiva.

  1. Per attivare lo script di raccolta automatica, scegliete Modifica > Preferenze (Windows) o Adobe Bridge > Preferenze (Mac OS).

  2. Nel pannello Script di avvio, selezionate Raccolta automatica, quindi fate clic su OK.

  3. Selezionate una cartella con le immagini HDR o panoramiche e scegliete Pile > Pila automatica per panorama/HDR.

    Nota:

    se l’impilamento automatico non funziona, selezionate manualmente i file HDR/panorama necessari all’interno della cartella e scegliete Pile > Pila automatica per panorama/HDR.

  4. Per unire automaticamente le raccolte e vedere il risultato in Adobe Bridge, scegliete Strumenti > Photoshop > Elabora raccolte in Photoshop.
    Nota:

    per ulteriori informazioni su immagini panoramiche e HDR in Photoshop, consultate Creare panoramiche con Photomerge e Immagini HDR (High Dynamic Range).

Logo Adobe

Accedi al tuo account