Tecniche di ripristino dell’audio

Puoi risolvere diversi tipi di problemi audio attraverso l’uso congiunto di due funzioni molto utili. Innanzitutto, usa la Visualizzazione spettrale per individuare visivamente e selezionare intervalli di rumore o altri disturbi singoli. Consulta Selezionare intervalli spettrali e Selezionare i disturbi e correggerli automaticamente. Quindi usa gli effetti Diagnostico o Riduzione rumore per correggere problemi quali:

Nota:

Grazie a questi effetti di riparazione in tempo reale, disponibili sia nell’editor forma d’onda che nell’editor multitraccia puoi risolvere rapidamente i problemi audio più comuni. Tuttavia, in caso di audio con molto rumore, prova a usare gli effetti di elaborazione offline specifici dell’editor forma d’onda, come ad esempio Riduzione fruscio e Riduzione rumore.

Guarda il video sulle tecniche di ripristino dell’audio per apprendere le prassi migliori su come risolvere i problemi audio in Audition usando il pannello Statistiche di ampiezza, la visualizzazione della frequenza spettrale, la riduzione rumore adattata, il pannello di diagnostica e gli effetti DeClipper (Rimozione clipping) e DeHummer (Riduzione ronzii).

ed24
Selezione di vari tipi di rumore nella visualizzazione spettrale

A. Fruscio B. Disturbi C. Rimbombi 

Guarda il video su come pulire l’audio con Visualizzazione frequenza spettrale per maggiori informazioni sull’uso di Visualizzazione frequenza spettrale.

 

Effetto Riduzione rumore (solo nell’editor forma d’onda)

L’effetto Riduzione rumore/Ripristino > Riduzione rumore riduce drasticamente il rumore di fondo e di banda larga con un intaccamento minimo della qualità del segnale. Questo effetto consente di rimuovere una combinazione di rumore, quali il fruscio del nastro, il rumore di fondo del microfono, il mormorio dovuto alla corrente, o altri rumori costanti in una forma d’onda.

La quantità corretta di riduzione del rumore dipende dal tipo di rumore di fondo e dalla perdita accettabile di qualità del segnale restante. In generale, puoi aumentare il rapporto segnale-rumore di 5 fino a raggiungere 20 dB, e mantenere così una buona qualità dell’audio.

Per ottenere i migliori risultati, applica l’effetto Riduzione rumore a file audio privi di scostamento DC. Con uno scostamento DC, questo effetto potrebbe introdurre dei clic nei passaggi dal volume più basso. Per rimuovere uno scostamento DC, scegli Preferiti > Ripara scostamento DC.

ef11
Valutazione e regolazione del rumore con il grafico Riduzione rumore:

A. Trascina i punti di controllo per variare la riduzione in diversi intervalli di frequenza. B. Rumore con ampiezza bassa C. Rumore con ampiezza elevata D. Soglia al di sotto della quale si applica la riduzione del rumore 

Applicazione dell’effetto Riduzione rumore

  1. Nell’editor forma d’onda seleziona un intervallo che contenga solo rumore e che duri almeno mezzo secondo.

    Nota:

    Per selezionare il rumore in un intervallo di frequenza specifico, usa lo strumento Selezione scorrevole. Consulta Selezionare intervalli spettrali.

  2. Scegli Effetti > Riduzione rumore/Ripristino > Acquisisci profilo rumore.

  3. Nel pannello Editor seleziona l’intervallo dal quale vuoi rimuovere il rumore.

  4. Scegli Effetti > Riduzione rumore/Ripristino > Riduzione rumore.

  5. Imposta le opzioni desiderate.

Nota:

Se la registrazione avviene in ambienti rumorosi, registra alcuni secondi di rumore di fondo da usare successivamente come profilo di rumore.

Opzioni di Riduzione rumore

Acquisisci profilo rumore

Estrae un profilo di rumore da un intervallo selezionato, indicando solo il rumore di fondo. Adobe Audition raccoglie informazioni statistiche sul rumore di fondo, in modo da rimuoverlo dal resto della forma d’onda.

Suggerimento: se l’intervallo selezionato è troppo breve, Acquisisci profilo rumore è disattivato. Riduci le dimensioni FFT o seleziona un intervallo di rumore più lungo. Se non riesci a trovare un intervallo più lungo, copia e incolla l’intervallo selezionato per crearne uno (puoi successivamente rimuovere il rumore incollato usando il comando Modifica > Elimina.)

Salva il profilo del rumore corrente

Salva il profilo del rumore come file con estensione .fft, contenente informazioni sul tipo di campione, sulla dimensione FFT (Fast Fourier Transform) e tre gruppi di coefficienti FFT: uno per la minor quantità di rumore rilevata, uno per la quantità più elevata e uno per la quantità media.

Carica un profilo di rumore dal disco

Apre un profilo di rumore precedentemente salvato da Adobe Audition in formato FFT. Tuttavia, puoi applicare profili di rumore soltanto a tipi di campioni identici. Ad esempio, non è possibile applicare un profilo mono da 22 kHz a campioni stereo da 44 kHz.

Nota: poiché i profili di rumore sono talmente specifici, un profilo per un tipo di rumore non produce risultati soddisfacenti con altri tipi. Se rimuovi rumori simili con una certa regolarità, tuttavia, puoi aumentare notevolmente l’efficienza dei profili salvati.

Grafico

Illustra le frequenze lungo l’asse x (orizzontale) e la quantità di riduzione del rumore lungo l’asse y (verticale).

La curva di controllo blu imposta l’entità di riduzione del rumore per diversi intervalli di frequenza. Ad esempio, per applicare la riduzione del rumore solo alle frequenze più alte, regola la curva di controllo verso il basso nella parte destra del grafico.

Se fai clic sul pulsante Ripristina  per appiattire la curva di controllo, l’entità di riduzione del rumore si basa interamente sul profilo di rumore.

Suggerimento: per osservare meglio la soglia del rumore, fai clic sul pulsante del menu  in alto a destra nel grafico e deseleziona Mostra curva di controllo e Mostra descrizione sopra il grafico.

Soglia del rumore

Alta indica l’ampiezza massima del rumore rilevato per ciascuna frequenza; Bassa indica l’ampiezza minima. Soglia mostra l’ampiezza al di sotto della quale viene applicata la riduzione del rumore.

Suggerimento: nel grafico i tre elementi della soglia di rumore possono sovrapporsi. Per meglio distinguerli, fai clic sul pulsante del menu  e seleziona le opzioni del menu Mostra soglia rumore.

Scala

Determina in che modo le frequenze vengono disposte lungo l’asse orizzontale x:

  • Per poter controllare meglio le basse frequenze, seleziona Logaritmica. Una scala logaritmica rappresenta più fedelmente la nostra percezione dei suoni.

  • Per lavorare invece con precisione sulle alte frequenze, con intervalli regolari di frequenza, seleziona Lineare.

Canale

Visualizza nel grafico il canale selezionato. La quantità di riduzione del rumore è sempre la stessa per tutti i canali.

Seleziona tutto il file

Consente di applicare all’intero file un profilo di riduzione del rumore acquisito.

Riduzione rumore

Controlla la percentuale di riduzione del rumore nel segnale di output. Per ottenere la massima riduzione del rumore e introdurre solo un minimo di artefatti, regola questa impostazione durante l’anteprima dell’audio. A volte con livelli eccessivi di riduzione del rumore si possono introdurre nell’audio effetti flanging o di sfasatura.

Riduci di

Determina la riduzione di ampiezza del rumore rilevato. Si consiglia di usare valori tra 6 e 30 dB. Per ridurre artefatti simili a bolle, usa valori più bassi.

Output con solo rumore

Effettua l’anteprima del solo rumore per valutare se vengono rimosse anche parti di audio che devono invece essere mantenute.

Impostazioni avanzate

Fai clic sul triangolo per visualizzare le seguenti opzioni:

Velocità di decadimento dello spettro

Specifica la percentuale di frequenze elaborate quando l’audio scende al di sotto della soglia del rumore. Impostando con precisione questa percentuale, potrai applicare una maggiore riduzione del rumore e ridurre i disturbi. Si consiglia di usare valori tra 40% e 75%. Al di sotto di tali valori, spesso si sentono disturbi che ricordano delle bolle, mentre al di sopra di questi valori spesso rimangono rumori eccessivi.

Uniformità

Considera la varianza del segnale di rumore in ciascuna banda di frequenze. Le bande che variano molto se analizzate (ad esempio in caso di rumore bianco) saranno uniformate diversamente dalle bande costanti (ad esempio in caso di ronzio da 60 Hz). In generale, aumentare la quantità di uniformità (fino a 2 circa) riduce i gorgoglii in sottofondo, aumentando però il livello di rumore di fondo generale della banda larga.

Fattore di precisione

Controlla i cambiamenti di ampiezza. Si consiglia di usare valori tra 5 e 10; i valori dispari sono indicati per l’elaborazione simmetrica. Con valori pari o inferiori a 3, la trasformazione Fast Fourier viene eseguita in blocchi molto grandi tra i quali si possono verificare avvallamenti o picchi nel livello del volume. I valori superiori a 10 non migliorano significativamente la qualità, ma aumentano il tempo di elaborazione.

Larghezza transizione

Determina l’intervallo di ampiezza tra rumore e audio da mantenere. Ad esempio, una larghezza pari a zero applica un noise gate brusco a ogni banda di frequenze. L’audio appena al di sopra della soglia viene mantenuto, mentre quello appena al di sotto viene troncato e diventa silenzio. In alternativa, puoi specificare un intervallo oltre il quale l’audio si dissolva in silenzio a seconda del livello di input. Ad esempio, se la larghezza di transizione è 10 dB e il livello di rumore per quella banda è -60 dB, l’audio a -60 dB resta invariato, l’audio a -62 dB viene ridotto leggermente e l’audio a -70 dB viene interamente rimosso.

Dimensioni FFT

Determina quante bande di frequenza singole vengono analizzate. Questa opzione causa i cambiamenti più drastici nella qualità. Il rumore in ciascuna banda di frequenze è trattato separatamente; di conseguenza, con più bande il rumore viene rimosso con maggiore distinzione tra le diverse frequenze. Si consigliano impostazioni comprese tra 4096 e 8192.

La dimensione di trasformazione FFT (Fast Fourier Transform) determina il compromesso tra precisione a livello di frequenza e precisione a livello temporale. Valori di dimensione FFT più elevati possono provocare artefatti ti tipo fruscio o riverbero, ma consentono di rimuovere le frequenze di rumore con molta precisione. Dimensioni FFT ridotte garantiscono una migliore risposta in termini di tempo (ad esempio meno fruscio prima dei colpi sui piatti), ma possono produrre una peggiore risoluzione delle frequenze, creando così suoni vuoti o con effetto flanging.

Istantanee profilo di rumore

Determina quante istantanee del rumore vengono incluse nel profilo catturato. Un valore pari a 4000 è ideale per produrre dati accurati.

Valori molto bassi incidono drasticamente sulla qualità dei diversi livelli di riduzione del rumore. Con più istantanee, un livello di riduzione del rumore pari a 100 probabilmente eliminerà più rumore, ma anche una maggiore quantità del segnale originale. Tuttavia, con più istantanee, anche un livello di riduzione del rumore basso eliminerà più rumore, pur mantenendo il segnale da conservare.

Effetto Rimozione audio

L’effetto Rimozione audio (Effetti > Riduzione rumore/ripristino) rimuove le sorgenti audio non volute in una registrazione. Questo effetto analizza una porzione selezionata di registrazione e crea un modello audio che viene usato per trovare e rimuovere il suono.

Il modello generato può anche essere modificato utilizzando i parametri che indicano la sua complessità. Un modello audio di elevata complessità richiede più passaggi di regolazione per elaborare la registrazione, ma produce risultati più precisi. Puoi inoltre salvare il modello audio per un uso successivo. Sono inoltre inclusi numerosi predefiniti condivisi per rimuovere alcuni disturbi comuni, ad esempio le sirene e le suonerie dei cellulari.

Acquisisci modello audio

Usa la forma d’onda selezionata per acquisire il modello audio. Seleziona un’area sulla forma d’onda che contiene solo l’audio da eliminare e fai clic su Acquisisci modello audio. Puoi anche salvare e caricare modelli audio su disco.

Complessità modello audio

Indica la complessità del Modello audio. Più il suono è complesso o misto, migliori sono i risultati che si ottengono con un’impostazione di maggior complessità, anche se servirà più tempo per effettuare i calcoli. Le impostazioni possibili vanno da 1 a 100.

Passaggi di rifinitura audio

Definisce il numero di passaggi di rifinitura per rimuovere i pattern audio visualizzati nel modello audio. Un numero più elevato di passaggi richiede un tempo di elaborazione più lungo, ma offre risultati più precisi.

Complessità contenuto

Indica la complessità del segnale. Più il suono è complesso o misto, migliori sono i risultati che si ottengono con un’impostazione di maggior complessità, anche se servirà più tempo per effettuare i calcoli. Le impostazioni possibili vanno da 5 a 100.

Passaggi di rifinitura contenuto

Specifica il numero di passaggi da eseguire sul contenuto per rimuovere i suoni che corrispondono al modello audio. Un maggior numero di passaggi richiede un tempo di elaborazione più lungo, ma in genere fornisce risultati più precisi.

Soppressione avanzata

Aumenta l’aggressività dell’algoritmo di rimozione dell’audio e può essere modificata con il valore Intensità. Un valore più alto rimuove più del modello audio dai segnali diversi, causando una perdita maggiore del segnale desiderato, mentre un valore più basso lascia più del segnale di sovrapposizione, e quindi più dei disturbi potrebbero essere percepibili (ma comunque inferiori alla registrazione originale).

Ottimizza per discorso

Specifica che l’audio include dialoghi e presta maggiore attenzione durante la rimozione dei modelli audio che presentano una forte rassomiglianza a dialoghi. Il risultato finale garantisce che il dialogo non venga rimosso durante la rimozione disturbo.

Dimensioni FFT

Determina quante bande di frequenza singole vengono analizzate. Questa opzione causa i cambiamenti più drastici nella qualità. Il rumore in ciascuna banda di frequenze è trattato separatamente; di conseguenza, con più bande il rumore viene rimosso con maggiore distinzione tra le diverse frequenze. Si consigliano impostazioni comprese tra 4096 e 8192.
La dimensione di trasformazione FFT (Fast Fourier Transform) determina il compromesso tra precisione a livello di frequenza e precisione a livello temporale. Valori di dimensione FFT più elevati possono provocare artefatti ti tipo fruscio o riverbero, ma consentono di rimuovere le frequenze di rumore con molta precisione. Dimensioni FFT ridotte garantiscono una migliore risposta in termini di tempo (ad esempio meno fruscio prima dei colpi sui piatti), ma possono produrre una peggiore risoluzione delle frequenze, creando così suoni vuoti o con effetto flanging.

Guarda il video sulle strategie di rimozione audio e riduzione del rumore per scoprire come ridurre il rumore e rimuovere suoni indesiderati dall’audio.

Effetto Riduzione rumore adattata

L’effetto Riduzione rumore/Ripristino > Riduzione rumore adattata consente di rimuovere rapidamente rumori variabili in bande ampie come suoni di sottofondo, rimbombi e vento. Poiché questo effetto opera in tempo reale, puoi usarlo insieme ad altri effetti nel Rack effetti e applicarlo nell’Editor multitraccia. Al contrario, l’effetto standard Riduzione rumore è disponibile solo come processo offline nell’Editor a forma d’onda. Questo effetto, tuttavia, è a volte più efficace per rimuovere disturbi costanti come fruscii o ronzii.

Per risultati ottimali, applica Riduzione rumore adattata a selezioni che iniziano con rumore seguito dal contenuto audio da mantenere. L’effetto individua il rumore in base ai primi secondi di audio.

Nota:

questo effetto richiede notevoli risorse di elaborazione. Se il sistema è lento, riduci la dimensione FFT e disattiva l’opzione Modalità alta qualità.

Riduci rumore di

Determina il livello di riduzione del rumore. Si consiglia di usare valori tra 6 e 30 dB. Per ridurre i rumori di fondo simili a bolle, immetti valori più bassi.

Rumorosità

Indica la percentuale di audio originale che contiene rumori.

Regola soglia del rumore

Consente di regolare manualmente la soglia di rumore al di sopra o al di sotto della soglia calcolata automaticamente.

Soglia del segnale

Consente di regolare manualmente la soglia di audio da mantenere sopra o sotto la soglia calcolata automaticamente.

Velocità di decadimento dello spettro

Determina la velocità con cui l’elaborazione del rumore scende di 60 decibel. Impostando con precisione questo valore, potrai applicare una maggiore riduzione del rumore e ridurre gli artefatti. Valori troppo brevi possono provocare artefatti simili a bolle; valori troppo lunghi possono provocare un effetto di riverbero.

Mantenimento banda larga

Conserva l’audio richiesto nelle bande di frequenza specificate tra i disturbi trovati. Ad esempio, regolando questa impostazione su 100 Hz, nessun blocco audio verrà rimosso entro 100 Hz sopra o sotto i disturbi trovati. Impostazioni inferiori consentono di rimuovere più rumore ma possono anche provocare artefatti di elaborazione percepibili.

Dimensioni FFT

Determina quante bande di frequenza singole vengono analizzate. Scegli un’impostazione alta per aumentare la risoluzione della frequenza oppure un’impostazione bassa per aumentare la risoluzione temporale. Valori elevati sono ideali per disturbi di lunga durata come stridii o ronzii dovuti alla corrente, mentre i valori bassi vanno utilizzati per disturbi momentanei come clic e pop.

Guarda il video sulle strategie di rimozione audio e riduzione del rumore per scoprire come ridurre il rumore e rimuovere suoni indesiderati dall’audio.

Effetto Rimozione clic automatica

Per rimuovere rapidamente disturbi e fruscii da registrazioni su vinile, usa l’effetto Riduzione rumore/Ripristino > Rimozione clic automatica. Puoi agevolmente correggere un’ampia area audio, oppure un singolo clic o pop.

Questo effetto offre le stesse opzioni dell’effetto DeClicker (Rimozione clic) che consente di scegliere su quali clic rilevati agire (consulta Opzioni di DeClicker). Tuttavia, poiché l’effetto Rimozione clic automatica opera in tempo reale, puoi combinarlo con altri effetti nel Rack effetti e applicarlo nell’Editor multitraccia. L’effetto Rimozione clic automatica applica inoltre automaticamente più passate di analisi e riparazione; per ottenere lo stesso livello di riduzione di clic con l’effetto DeClicker (Rimozione clic), occorre applicarlo più volte manualmente.

Soglia

Determina la sensibilità al rumore. Un’impostazione più bassa consente di rilevare più clic e pop, ma talvolta anche audio che invece si preferisce conservare. Le impostazioni possibili vanno da 1 a 100, il valore predefinito è 30.

Complessità

Indica la complessità del rumore. Le impostazioni più elevate applicano una maggiore elaborazione, ma possono intaccare la qualità dell’audio. Le impostazioni possibili vanno da 1 a 100, il valore predefinito è 16.

Effetto Correzione fase automatica

L’effetto Riduzione rumore/ripristino > Correzione fase automatica consente di risolvere errori di azimut causati da testine disallineate, resa stereo scarsa a causa di un errato posizionamento dei microfoni e molti altri inconvenienti legati alla fase.

Spostamento tempo globale

Attiva i cursori Spostamento canale sinistro e Spostamento canale destro mediante i quali puoi applicare una correzione di fase uniforme a tutto l’audio selezionato.

Allineamento automatico canali e Centramento automatico panning

Consentono di allineare fase e panning entro vari intervalli temporali, specificati mediante le seguenti opzioni:

Risoluzione tempo

Specifica il numero di millisecondi in ciascun intervallo elaborato. Valori bassi aumentano la precisione, mentre valori alti aumentano le prestazioni.

Risposta

Determina la velocità complessiva di elaborazione. Valori lenti aumentano la precisione, mentre valori veloci aumentano le prestazioni.

Canale

Specifica i canali a cui verrà applicata la correzione di fase.

Dimensioni analisi

Specifica il numero di campioni in ogni unità di audio analizzata.

Nota:

Per avere la precisione e l’efficacia massima della correzione di fase, utilizza l’opzione Allinea automaticamente canali. Attiva i cursori di Spostamento tempo globale solo se sei sicuro che sia necessaria una regolazione uniforme o se desideri animare manualmente la correzione di fase nell’Editor multitraccia.

Effetto Eliminatore di clic/pop

Usa l’effetto Eliminatore di clic/pop (Effetti > Riduzione rumore/ripristino) per rimuovere pop, clic, leggeri fruscii e disturbi del microfono. Tale disturbo è comune alle registrazioni quali vecchi dischi in vinile e registrazioni di posizione. Poiché la finestra di dialogo rimane aperta, puoi regolare la selezione e regolare i clic senza riaprire l’effetto.

Le impostazioni di correzione e di rilevamento vengono utilizzate per rilevare i clic e pop. Le gamme di rilevamento e rimozione vengono visualizzate graficamente.

Grafico di rilevamento

Indica i livelli di soglia esatti da usare per ogni ampiezza; l’ampiezza è indicata sul righello orizzontale (asse x) e il livello di soglia sul righello verticale (asse y). Adobe Audition usa i valori della curva a destra (oltre -20 dB circa) quando elabora audio più sonoro e i valori della curva a sinistra quando elabora audio dal volume più basso. Le curve hanno colori diversi che indicano il rilevamento e il rifiuto.

Scansiona tutti i livelli

Cerca i clic nell’area evidenziata in base ai valori di Sensibilità e Discriminazione, quindi determina i valori di Soglia, e delle funzioni Rileva e Rifiuta. Vengono selezionate cinque aree di audio, a partire da quella dal volume più basso fino a quella più sonora.

Sensibilità

Determina il livello dei clic da rilevare. Usa un valore basso, come 10, per individuare molti clic appena percettibili, oppure 20 per rilevare meno clic più sonori. (I livelli rilevati con Scansiona tutti i livelli sono sempre più elevati rispetto a quelli rilevati con questa opzione.)

Discriminazione

Determina quanti clic correggere. Specifica valori più alti per correggere pochi clic e lasciare intatta la maggior parte dell’audio originale. Immetti valori più bassi, come 20 o 40, se l’audio contiene un numero moderato di clic. Per correggere clic costanti, immetti un valore molto basso, come 2 o 4.

Scansiona livelli di soglia

Imposta automaticamente i livelli di soglia Massima, Media e Minima.

Massima, Media, Minima

Determina le soglie specifiche di rilevamento e rifiuto per le ampiezze massima, media e minima dell’audio. Ad esempio, se l’audio ha un’ampiezza RMS massima di -10 dB, dovrai impostare la Soglia massima su -10 dB. Se l’ampiezza RMS minima è -55 dB, imposta la Soglia minima su -55 dB.

Imposta i livelli delle soglie prima di regolare i corrispondenti valori di Rileva e Rifiuta. Imposta prima i livelli di Soglia massima e Soglia minima: una volta definiti, non avrai bisogno di modificarli di molto. Imposta il livello della Soglia media a circa tre quarti tra la Soglia massima e la Soglia minima. Ad esempio, se la Soglia massima è impostata su 30 e la Soglia minima è impostata su 10, imposta la Soglia media su 25.

Una volta verificato il risultato su un piccolo campione di audio corretto, puoi regolare le impostazioni in base alle vostre esigenze. Ad esempio, se una parte dal volume basso contiene ancora molti clic, abbassa un poco il livello della Soglia minima. Se invece una parte sonora contiene dei clic, abbassa il livello della Soglia media o della Soglia massima. In generale, è richiesta meno correzione in caso di audio più sonoro, che già maschera eventuali clic, i quali pertanto non devono necessariamente essere corretti. I clic si notano molto se l’audio ha un volume più basso, quindi saranno necessarie soglie di rilevamento e di rifiuto più basse.

Verifica di secondo livello (rifiuta clic)

Rifiuta alcuni dei clic potenziali individuati dall’algoritmo di rilevamento dei clic. In alcuni tipi di audio, ad esempio in caso di trombe, sassofoni, voci femminili e rullanti, i picchi normali a volte sono rilevati come clic. Se questi picchi vengono corretti, l’audio risultante avrà un suono sordo. La Verifica di secondo livello rifiuta questi picchi e corregge solo i veri clic.

Rileva

Determina la sensibilità ai clic e ai pop. I valori possibili sono compresi tra 1 e 150, ma quelli consigliati vanno da 6 a 60. Valori inferiori rilevano più clic.

Inizia con una soglia di 35 per l’audio con ampiezza elevata (oltre -15 dB), 25 per le ampiezze medie, e 10 per le ampiezze più basse (inferiori a -50 dB). Queste impostazioni consentono di individuare la maggior parte dei clic, e generalmente tutti quelli più sonori. Se si sente un disturbo lieve costante sullo sfondo dell’audio originale, prova a ridurre il livello della Soglia minima o ad aumentare il livello di dB a cui corrisponde tale soglia. Il livello può arrivare fino a 6, ma un’impostazione più bassa può far sì che il filtro rimuova anche altri suoni oltre ai clic.

Se vengono rilevati più clic, saranno apportate più correzioni, e aumenta così la possibilità di distorsioni. Con troppa distorsione di questo tipo, l’audio inizia a suonare piatto e monotono. In questo caso, sceglie un’impostazione piuttosto bassa per la soglia di rilevamento e seleziona Verifica di secondo livello per rianalizzare i clic rilevati e ignorare i rumori che non sono clic.

Rifiuta

Determina quanti clic potenziali (individuati usando la Soglia di rilevamento) sono rifiutati se la casella Verifica di secondo livello è selezionata. I valori sono compresi tra 1 a 100; un’impostazione pari a 30 è un buon punto di partenza. Impostazioni più basse consentono di correggere più clic. Al contrario, impostazioni più alte possono impedire la correzione di alcuni clic, poiché potrebbe non trattarsi di clic effettivi.

L’obiettivo è rifiutare il maggior numero di clic rilevati, pur rimuovendo tutti quelli percepibili. Se un suono simile a quello di una tromba contiene dei clic che non vengono rimossi, prova a ridurre il valore per rifiutare meno clic potenziali. Se un suono specifico diventa distorto, aumenta l’impostazione per limitare le correzioni al minimo (minori sono le riparazioni necessarie per ottenere buoni risultati, meglio è).

Dimensioni FFT

Determina le dimensioni FFT usate per riparare clic, pop e disturbi lievi. In generale, seleziona Automatico e lascia che sia Adobe Audition a determinare le dimensioni FFT. Per alcuni tipi di audio, tuttavia, è preferibile immettere un valore specifico (da 8 a 512). Un buon valore di partenza è 32, ma se i clic continuano a essere percepibili, aumentalo a 48, poi a 64 e così via. Più alto è il valore, più lenta sarà la correzione, ma migliori saranno i risultati potenziali. Se il valore è troppo elevato, può verificarsi una distorsione delle basse frequenze.

Riempimento clic singolo

Corregge un singolo clic in un intervallo audio selezionato. Se hai selezionato Automatico accanto a Dimensioni FFT, viene usata la dimensione FFT appropriata per il ripristino, a seconda della dimensione dell’area da correggere. Altrimenti, per riempire clic singoli sono molto efficaci le impostazioni da 128 a 256. Una volta riempito un clic, premi il tasto F3 per ripetere l’azione. Puoi inoltre creare un tasto di scelta rapida nel menu Preferiti per riempire i clic singoli.

Larghezza campioni pop

Comprende i campioni circostanti nei clic rilevati. Quando un clic potenziale viene rilevato, i suoi punti di inizio e di fine sono stabiliti il più vicino possibile l’uno all’altro. Il valore di Campioni pop (che può essere compreso tra 0 e 300) amplia tale intervallo, in modo che più campioni a sinistra e a destra del clic siano considerati parte del clic.
Se i clic corretti diminuiscono di volume, ma sono ancora percepibili, aumenta il valore di Campioni pop. Inizia con un valore di 8 e aumentalo lentamente fino a raggiungere 30 o 40. L’audio che non contiene clic non dovrebbe cambiare molto se corretto, quindi quest’area di buffer dovrebbe rimanere pressoché invariata dall’algoritmo di sostituzione.
Aumentando il valore di Campioni pop, imporrai inoltre l’uso di dimensioni FFT maggiori se hai selezionato Automatico. Un’impostazione superiore può rimuovere i clic in modo più pulito, ma se è troppo elevata l’audio inizierà a essere distorto nei punti in cui il clic viene rimosso.

Dimensioni di esecuzione

Specifica il numero di campioni tra clic separati. I valori ammessi sono compresi tra 0 e 1000. Per correggere singolarmente clic molto ravvicinati, immetti un valore basso. I clic che rientrano nell’intervallo di Dimensioni di esecuzione vengono corretti insieme.

Una buona impostazione di partenza è circa 25 (o la metà della dimensione FFT se non hai selezionato l’opzione Automatico accanto a Dimensioni FFT). Se il valore di Dimensioni di esecuzione è troppo elevato (oltre 100), le correzioni possono diventare più percepibili, poiché grossi blocchi di dati sono corretti contemporaneamente. Se invece l’impostazione Dimensioni di esecuzione è troppo bassa, la correzione dei clic molto vicini l’uno all’altro potrebbe non essere eseguita completamente al primo passaggio.

Verifica del treno di impulsi

Impedisce che i normali picchi della forma d’onda siano rilevati come clic. Può anche ridurre il rilevamento dei clic effettivi, quindi richiede impostazioni delle soglie più rigide. Seleziona questa opzione solo se hai già tentato di ripulire l’audio, ma alcuni clic permangono.

Collega canali

Elabora tutti i canali allo stesso modo, mantenendo il bilanciamento stereo o surround. Per esempio, se viene trovato un clic in un canale, molto probabilmente ne sarà rilevato uno anche nell’altro canale.

Rileva pop di grandi dimensioni

Rimuove eventi indesiderati di grandi dimensioni (ad esempio quelli superiori a qualche centinaia di campioni) che possono non essere rilevati come clic. I valori possono essere compresi tra 30 e 200.

Ricorda che un suono netto come quello di un rullante molto sonoro può avere le stesse caratteristiche di un pop di grandi dimensioni, quindi seleziona questa opzione solo se sai che l’audio contiene grossi pop (ad esempio se si tratta di un disco in vinile graffiato). Se questa opzione attutisce il suono della batteria, aumenta leggermente la soglia in modo da correggere solo i pop più evidenti e sonori.

Se i pop più evidenti non vengono corretti, seleziona Rileva pop di grandi dimensioni, quindi usa le impostazioni da 30 (per trovare pop dal volume più basso) a 70 (per trovare pop più sonori).

Ignora disturbi lievi

Rimuove gli errori di campionamento singolo quando li rileva, spesso rimuovendo più disturbi lievi di fondo. Se dopo aver applicato questa funzione l’audio risulta flebile, piatto o più metallico, deseleziona l’opzione.

Passate

Esegue automaticamente fino a 32 passaggi per rilevare i clic troppo vicini per essere corretti adeguatamente. Se non si trovano più clic e tutti quelli rilevati sono stati riparati, vengono eseguiti meno passaggi. In generale, ad ogni passaggio successivo è corretta la metà dei clic rispetto al passaggio precedente. Una soglia di rilevamento più alta può comportare meno correzioni e un aumento della qualità, pur rimuovendo tutti i clic.

Guarda il video sull’uso degli effetti Eliminatore di clic/pop e DeClicker (Rimozione clic) per maggiori informazioni su come rimuovere pop, clic, leggeri fruscii e disturbi del microfono.  

Effetto DeHummer (Riduzione ronzii)

L’effetto Riduzione rumore/ripristino > DeHummer rimuove delle bande di frequenza strette e le relative armoniche. In genere viene usato per correggere il ronzio introdotto dalla linea elettrica. Tuttavia l’effetto DeHummer consente anche di applicare un filtro elimina banda per rimuovere dalla sorgente audio una frequenza con risonanza eccessiva.

Nota:

Per correggere rapidamente i problemi audio più comuni, scegli un’opzione dal menu Predefiniti.

Componenti

Consente di impostare la frequenza radice del ronzio. Se non conosci con precisione tale frequenza, trascina questa impostazione avanti e indietro durante l’anteprima dell’audio.

Nota:

Per regolare visivamente la frequenza radice e il guadagno, trascina direttamente sul grafico.

Q

Imposta la larghezza della frequenza radice e relative armoniche. I valori più alti incidono su una gamma più ristretta di frequenze, mentre quelli più bassi incidono su una gamma più ampia.

Guadagno

Determina l’entità di attenuazione del ronzio.

Numero di armoniche

Specifica su quante frequenze di armoniche agirà l’effetto.

Curva armoniche

Cambia il rapporto di attenuazione per le frequenze delle armoniche.

Output solo ronzio

Effettua l’anteprima del ronzio rimosso per valutare se contiene eventuale audio che non deve essere rimosso.

Effetto Rimuovi riverbero

L’effetto Riduzione rumore/Ripristino > Rimuovi riverbero stima il profilo di riverbero e aiuta a regolare il grado di riverbero. I valori vanno da 0% a 100% e controllano la quantità di elaborazione applicata al segnale audio.

Controlli dell’effetto Rimuovi riverbero
Controlli dell’effetto Rimuovi riverbero

Frequenze da considerare per l’elaborazione

Sono presenti tre pulsanti “Per elaborazione considera“. Ognuno di questi pulsanti imposta il processo di eliminazione del rumore su porzioni specifiche dello spettro delle frequenze del segnale.

Tutte le frequenze

   Usa questa opzione per applicare la stessa elaborazione allo spettro completo delle frequenze del segnale

Frequenze più alte

   Questa opzione considera per l’elaborazione le frequenze più alte

 

Frequenze più basse e più alte

   Usa questa opzione per considerare per l’elaborazione maggiormente le frequenze più alte e quelle più basse, rispetto alle medie frequenze

Frequenze medie

   Usa questa opzione per considerare per l’elaborazione maggiormente le frequenze medie, rispetto a quelle più alte e più basse

Frequenze più basse

   Questa opzione considera per l’elaborazione le frequenze più basse

L’applicazione dell’effetto di rimozione del riverbero può portare a livelli in uscita più bassi rispetto all’audio originale, a causa della riduzione dell’intervallo dinamico. Il guadagno in uscita funziona come guadagno di compensazione e consente di regolare il livello del segnale di output. Utilizza il cursore per regolare manualmente il guadagno. In alternativa, puoi consentire la regolazione automatica del guadagno selezionando la casella di controllo Guadagno automatico.

Effetto Riduzione disturbo

L’effetto Riduzione disturbo/Ripristino > Riduzione disturbo riduce o rimuove completamente il rumore da un file audio. Elementi di disturbo possono essere tutti i rumori di sottofondo indesiderati, come fruscii, ronzii, ventole, condizionatori o altro. Puoi regolare l’entità di riduzione del rumore utilizzando un cursore. I valori vanno da 0% a 100% e controllano la quantità di elaborazione applicata al segnale audio.

Controlli dell’effetto Riduzione disturbo
Controlli dell’effetto Riduzione disturbo

Regolare il guadagno

L’applicazione dell’effetto Riduzione disturbo può ridurre il livello del segnale in uscita e renderlo inferiore rispetto al livello dell’audio originale. Usa il cursore Guadagno per controllare l’entità del segnale di output. 
Seleziona la casella Output con solo rumore per ascoltare il rumore rimosso in modalità isolamento.

L’effetto Riduzione disturbo può essere elaborato considerando specifiche fasce di frequenze, in modo analogo all’effetto Rimuovi riverbero. Per ulteriori informazioni, consulta Frequenze da considerare per l’elaborazione.

Effetto Riduzione fruscio (solo nell’editor forma d’onda)

L’effetto Riduzione rumore/ripristino > Riduzione fruscio riduce il fruscio da sorgenti come audiocassette, dischi in vinile o preamplificatori di microfoni. Questo effetto riduce notevolmente l’ampiezza di un intervallo di frequenza, se questo è al di sotto della soglia di ampiezza chiamata soglia del rumore. L’audio compreso in intervalli di frequenza superiori alla soglia resta invariato. Se l’audio contiene un livello costante di fruscio di fondo, puoi rimuoverlo completamente.

Nota:

Per ridurre altri tipi di rumore con un ampio intervallo di frequenza, prova a usare l’effetto Riduzione rumore. Consulta Effetto Riduzione rumore (solo nell’editor forma d’onda).

ef10
Uso del grafico Riduzione fruscio per regolare la soglia del rumore

Acquisisci soglia del rumore

Traccia una stima della soglia del rumore. Tale stima è quindi usata dall’effetto Riduzione fruscio per rimuovere in modo più efficace solo il fruscio, senza toccare l’audio regolare. Questa opzione è la funzione più potente di Riduzione fruscio.

Per creare un grafico che rappresenti con precisione la soglia del rumore, fai clic su Acquisisci soglia del rumore con una selezione di audio contenente solo del fruscio. In alternativa, seleziona un’area contenente solo un minimo di audio corretto, nonché un minimo di dati di alte frequenze. Nella visualizzazione spettrale individua un’area senza alcuna attività nel quarto più alto della visualizzazione.

Una volta acquisita la soglia del rumore, può essere necessario ridurre i punti di controllo a sinistra (che rappresentano le frequenze più basse) per rendere il grafico il più piatto possibile. Se è presente della musica a qualsiasi frequenza, i punti di controllo intorno a tale frequenza saranno più in alto di quanto dovrebbero essere.

Grafico

Rappresenta la soglia del rumore stimata per ciascuna frequenza nell’audio sorgente. Le frequenze sono indicate sull’asse orizzontale x e l’ampiezza, o soglia del rumore, è indicata sull’asse verticale y. Queste informazioni aiutano a distinguere il fruscio dai dati audio da conservare.

Il valore effettivo usato per eseguire la riduzione del fruscio è calcolato in base al grafico e al cursore Soglia del rumore che consente di perfezionare la lettura della soglia del rumore stimata.

Nota:

Per disattivare le descrizioni comandi per frequenza e ampiezza, fai clic sul pulsante del menu  in alto a destra del grafico e deseleziona Mostra descrizione sopra il grafico.

Scala

Determina in che modo le frequenze vengono disposte lungo l’asse orizzontale x:

  • Per poter controllare meglio le basse frequenze, seleziona Logaritmica. Una scala logaritmica rappresenta più fedelmente la nostra percezione dei suoni.

  • Per lavorare invece con precisione sulle alte frequenze, con intervalli regolari di frequenza, seleziona Lineare.

Canale

Visualizza nel grafico il canale audio selezionato.

Ripristina

Consente di reimpostare la soglia del rumore stimata. Per ripristinare la soglia su un valore più elevato o inferiore, fai clic sul pulsante del menu  in alto a destra del grafico e scegli un’opzione dal menu Ripristina la curva di controllo.

Nota:

Per una riduzione dei fruscii rapida e generica, non è sempre necessario un grafico completo della soglia del rumore. In molti casi, è sufficiente reimpostare il grafico a un livello uniforme e manipolare il cursore Soglia del rumore.

Soglia del rumore

Consente di regolare con precisione la soglia del rumore fino a raggiungere la riduzione del fruscio e il livello di qualità desiderati.

Riduci di

Imposta il livello di riduzione del fruscio per l’audio al di sotto della soglia del rumore. Con valori più alti (soprattutto oltre 20 dB) puoi ottenere una drastica riduzione del fruscio, ma il restante audio potrebbe essere distorto. Con valori più bassi, non viene rimosso molto rumore, e il segnale dell’audio originale rimane relativamente indisturbato.

Output con solo fruscio

Offre un’anteprima del solo fruscio per verificare se l’effetto rimuove anche eventuale audio da mantenere.

Impostazioni avanzate

Fai clic sul triangolo per visualizzare le seguenti opzioni:

Velocità di decadimento dello spettro

Quando viene rilevato dell’audio oltre la soglia del rumore stimata, determina quanto audio nelle frequenze circostanti si presume che segua. A valori bassi corrisponde una minor quantità di audio e la funzione di riduzione fruscio taglierà più vicino alle frequenze da mantenere.

Si consiglia di usare valori tra 40% e 75%. Con valori troppo elevati (oltre il 90%), potreste sentire strascichi e riverberi insolitamente lunghi. Se il valore è troppo basso, potreste sentire degli effetti in sottofondo come delle bolle, e la musica potrebbe avere un suono artificiale.

Fattore di precisione

Determina la precisione temporale della riduzione del fruscio. I valori tipici sono compresi tra 7 e 14. Valori inferiori possono causare la presenza di alcuni millisecondi di fruscio prima e dopo le parti di audio più sonore. Valori maggiori generalmente producono risultati migliori e velocità di elaborazione più lente. I valori oltre 20 normalmente non migliorano ulteriormente la qualità.

Larghezza transizione

Produce una transizione lenta nella riduzione del fruscio anziché un cambiamento repentino. In genere si ottengono buoni risultati con valori compresi tra 5 e 10. Con un valore troppo elevato, dopo l’elaborazione potrebbero rimanere alcuni fruscii. Con un valore troppo basso, potreste invece sentire altri disturbi di fondo.

Dimensioni FFT

Specifica la dimensione di trasformazione FFT (Fast Fourier Transform) che determina il compromesso tra precisione a livello di frequenza o a livello temporale. In generale, le dimensioni da 2048 a 8192 sono le più efficienti.

Dimensioni FFT ridotte (al di sotto di 2048) garantiscono una migliore risposta in termini di tempo (ad esempio meno fruscio prima dei colpi sui piatti), ma possono indurre una peggiore risoluzione delle frequenze, creando così suoni vuoti o con effetto flanging.

Dimensioni FFT maggiori (oltre 8192) possono causare fruscii, riverbero e toni di fondo difettosi, ma garantiscono una risoluzione della frequenza molto accurata.

Punti di controllo

Specifica quanti punti di controllo vengono aggiunti al grafico quando fai clic su Acquisisci profilo rumore.

Guarda il video sulla pulizia del rumore di fondo e la riduzione del fruscio per maggiori informazioni su come rimuovere i rumori di fondo e applicare la riduzione del fruscio all’audio con Adobe Audition CC.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online