Lavorare con i livelli

Un pupazzo dispone di molti livelli, che controllano le varie parti del corpo. Questi livelli vengono spesso raggruppati. Puoi selezionare i livelli per modificarne le proprietà, ridisporli e riposizionarli, nonché nasconderli o visualizzarli. Per saperne di più sull’utilizzo dei livelli, continua a leggere.

Livelli Pupazzo

Un pupazzo include livelli, alcuni dei quali sono gruppi. I gruppi sono livelli che presentano frecce di espansione. Puoi selezionare i livelli per modificarne le proprietà, assemblare un pupazzo da parti presenti nel pannello Progetto (incluse le parti di più pupazzi o più file di grafica), ridisporre e riposizionare i livelli, nonché nasconderli o visualizzarli.

Puoi passare in qualsiasi momento a Photoshop o a Illustrator per apportare modifiche alla grafica oppure utilizzare l’assegnazione di tag in Character Animator per controllare il comportamento.

L’elenco dei livelli nella barra laterale sinistra del pannello Pupazzo indica quanto segue:

  • Il numero dei comportamenti a cui sono applicati e il numero di maniglie nel pupazzo di origine del livello del pupazzo.

Grazie a questi dettagli è possibile determinare la posizione di comportamenti e maniglie nella gerarchia di un pupazzo e le lettere disponibili che è possibile premere per attivare diverse azioni (mostrare o nascondere i livelli, eseguire livelli in ciclo e così via).

Informazioni sul livello del pupazzo visualizzate nel pannello a sinistra

Organizzare i livelli

Per individuare livelli specifici in un pupazzo, utilizza il filtro di ricerca nel pannello Pupazzo. Puoi cercare i livelli in base al loro nome o al nome del comportamento applicato. Filtra l’elenco dei livelli per selezionare facilmente i livelli a cui aggiungere lo stesso comportamento o gli stessi tag, riposizionarli, eliminarli o eseguire qualsiasi altra operazione sui livelli nel pannello Pupazzo.

Per filtrare l’elenco dei livelli:

1. Fai clic nel campo del filtro di ricerca sopra l’elenco dei livelli nel pannello Pupazzo. Se il pannello è attivo, puoi anche scegliere Modifica > Trova (Comando/Ctrl+F).

Filtro di ricerca per i livelli

2. Digita il nome o parte del nome di un livello o di un comportamento come termine di ricerca. Nell’elenco dei livelli sono visualizzati solo i livelli con i nomi di livello e di comportamento corrispondenti (senza distinzione tra maiuscole e minuscole), unitamente ai relativi gruppi nel livello del pupazzo. I comportamenti vengono confrontati con il nome corrente, non con quello originale. Se, ad esempio hai rinominato Trascinamento in Mano sinistra, non verrà trovata alcuna corrispondenza filtrando in base al termine “trascinamento”.

Se hai digitato più termini di ricerca, le corrispondenze possono essere obbligatorie o facoltative, come descritto di seguito:

Corrispondenza

Tipo

Esempio

Contenuto corrispondente

Tutti i termini di ricerca

Termini separati da uno spazio

occhio destro

Occhio destro, occhio Destro

Qualsiasi termine di ricerca

Termini separati da una virgola (lo spazio dopo la virgola è facoltativo)

occhio, destro

Occhio Destro, pupilla destra, Bulbo oculare destro, GAMBA DESTRA, Mano Destra, Occhio Sinistro, Bulbo oculare sinistro, livello con il comportamento Sguardo applicato

Suggerimento: per selezionare i livelli filtrati, assicurati che il campo del filtro di ricerca non sia attivo (se il campo è attivo, premi Invio in macOS o in Windows), quindi premi Comando/Ctrl+A.

Per mostrare tutti i livelli e rimuovere il filtro, fai clic sulla “x” nel campo di ricerca.

La maggior parte delle operazioni viene eseguita sui livelli selezionati nel pannello Pupazzo. Puoi selezionare o deselezionare i livelli come descritto di seguito:

  • Per selezionare un singolo livello, fai clic su di esso nell’elenco dei livelli.
  • Per selezionare un intervallo di livelli, fai clic sul primo livello dell’intervallo nell’elenco dei livelli, quindi fai clic tenendo premuto il tasto Maiusc sull’ultimo livello dell’intervallo.
  • Per selezionare o deselezionare i singoli livelli, tieni premuto Comando (macOS) o Ctrl (Windows) e fai clic sui livelli nell’elenco.
  • Per selezionare tutti i livelli, fai clic su Modifica > Seleziona tutto.
  • Per deselezionare tutti gli elementi, fai clic su Modifica > Deseleziona tutto o all’esterno di qualsiasi livello.

Rinomina gli elementi nel pannello Progetto per semplificarne l’identificazione. Riordina gli elementi nelle cartelle del pannello Progetto per mantenere il lavoro organizzato.

1.     Effettua una delle seguenti operazioni:

  • Seleziona il livello, quindi premi Invio (macOS e Windows).
  • Fai clic con il pulsante destro del mouse sul livello nell’elenco dei livelli, quindi scegli Rinomina.

2.     Digita il nuovo nome, quindi premi Invio o fai clic all’esterno del campo di testo. Per annullare le modifiche, premi ESC.

Nota: i tag non vengono applicati automaticamente ai livelli rinominati. Se il nome di un livello è troppo lungo per entrare nella colonna Nome, allarga l’elenco dei livelli o posiziona il puntatore del mouse sopra il nome per visualizzare il nome completo in una descrizione.

Seleziona il livello, quindi scegli Modifica > Duplica. Quando duplichi un livello, questo condivide la stessa grafica dell’origine. Puoi duplicare (comando di menu Modifica > Duplica) i livelli e i gruppi nel pannello Pupazzo per modificare il duplicato senza alterare l’originale.

Quando un gruppo viene duplicato, viene duplicata anche la sua intera struttura (i livelli e i gruppi). Se vuoi mantenere identica la struttura di entrambi i gruppi, in modo che i livelli eliminati in un gruppo vengano eliminati anche nell’altro, puoi consentire la condivisione (usando il comando di menu di scelta rapida Consenti condivisione di “nome del gruppo”).

  • Trascina il livello in verticale nell’elenco livelli, all’interno del gruppo dei livelli.

Nota: un livello non può essere spostato al di fuori del suo gruppo corrente, almeno nel pannello Pupazzo. Se devi spostare un livello in un altro gruppo, modifica la grafica del pupazzo (con Modifica > Modifica originale).

  • Seleziona i livelli, quindi scegli Pupazzo > Gruppo.

I livelli selezionati verranno racchiusi in un gruppo. (Consigliato) Assegna un nome più descrittivo al gruppo, che può essere utilizzato come pupazzo separato direttamente nella scena. È consigliabile rinominare l’elemento di progetto “Gruppo” che è stato creato, in modo che il nuovo livello di pupazzo utilizzi il nuovo nome per impostazione predefinita. Se invece modifichi direttamente il nome del livello del pupazzo, il nome dell’elemento del pupazzo sorgente non viene rinominato di conseguenza.

Per cambiare l’ordine di un livello, trascinalo in verticale rispetto ai livelli dello stesso gruppo nella barra laterale.

Nota: non puoi trascinare un livello all’esterno di un pupazzo o in un altro gruppo.

Trascina uno o più pupazzi, compresi quelli precedentemente condivisi, dal pannello Progetto all’elenco dei livelli del pupazzo aperto nel pannello Pupazzo.

Seleziona il livello e premi Canc o Backspace oppure fai clic su Modifica > Elimina.

Nota: la rimozione di un livello non influisce sulla grafica originale sul disco.

La deformazione all’interno di un pupazzo influisce sui relativi livelli; altre funzionalità quali le sostituzioni attivate da tasti richiedono invece gruppi. Puoi combinare un numero qualsiasi di livelli di un gruppo.

Modificare le proprietà del livello

Per modificare le proprietà di un livello, ad esempio la posizione, la scala e la rotazione: 

  1. Seleziona il livello nella barra laterale sinistra.

  2. Nel pannello Proprietà regola le seguenti proprietà specifiche del livello:

    • X e Y (per la posizione), Scala X e Scala Y (per le dimensioni), Opacità e Rotazione del livello rispetto alla trasformazione originale. Per riposizionare un livello selezionato, puoi anche trascinarlo all’interno dell’area evidenziata grigia.
    • L’opzione Deforma indipendentemente determina se un livello deve essere deformato sullo stesso foglio di gomma degli altri livelli del pupazzo.
    • L’opzione “Giuntura con” determina la giuntura di una maniglia, ad esempio se è presente un gruppo mano che deve essere spostato con un braccio.
    • Sezione Trigger: consente di specificare il tasto di attivazione da utilizzare per mostrare il livello o avviare un ciclo di livelli. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Modificare i trigger tastiera.
  3. Per modificare una trama di deformazione associata al livello, regola le seguenti proprietà della Trama livello:

    • Forma trama: determina la forma della trama di deformazione del pupazzo di origine. Con Rettangolo viene utilizzato il rettangolo di selezione del contenuto; con Contorno viene seguito il contorno del contenuto; con Automatica (impostazione predefinita) viene utilizzato automaticamente Contorno per la maggior parte dei casi oppure Rettangolo se vengono rilevati contenuti disconnessi.
    • Espansione trama: consente di specificare il numero di pixel per estendere la trama dal bordo (con contorno o rettangolare) del livello. Specificando valori di espansione più elevati puoi ridurre la probabilità che i bordi curvi vengano tagliati; tuttavia le aree che dovrebbero deformarsi separatamente, ad esempio le gambe di un personaggio, potrebbero deformarsi insieme.
  4. Se è selezionato un livello di pupazzo, regola i comportamenti applicati per il pupazzo sorgente (primario) nella sezione Comportamenti. Puoi aggiungere o rimuovere comportamenti oppure regolare i valori dei parametri di comportamento come se fosse stato selezionato l’elemento pupazzo nel pannello Progetto. Per ulteriori informazioni, consulta Controllare i pupazzi mediante i comportamenti.

    Nota:

    Dal momento che stai modificando la sorgente, la modifica interessa tutte le istanze di tale pupazzo nella scena e altri pupazzi.

  5. Se è selezionato un livello, attiva l’opzione Rendering vettoriale se desideri utilizzare una rappresentazione più accurata della grafica.

    Nota:

    Dal momento che stai modificando l’elemento sorgente, la modifica interessa tutte le istanze del livello in altri pupazzi.

Metodi di fusione dei livelli

I metodi di fusione consentono di controllare in che modo i livelli interagiscono con i livelli sottostanti. In Character Animator è disponibile un insieme di metodi di fusione, che è possibile applicare a un qualsiasi livello o gruppo di un pupazzo. Puoi impostare l’opacità e provare a utilizzarla con diversi metodi di fusione, per ottenere risultati diversi.

Per regolare i metodi di fusione, effettua le seguenti operazioni:

  1. Seleziona il livello o il gruppo nel pannello Pupazzo.
  2. Nel pannello Proprietà, seleziona la sezione Livello e regola l’impostazione di Opacità e Metodo fusione.

 

Nelle seguenti descrizioni vengono utilizzati questi termini:

  • Il colore sorgente è il colore del livello al quale viene applicato il metodo di fusione.
  • Il colore sottostante è il colore dei livelli composti sotto il livello sorgente.
  • Il colore risultante è l’output dell’operazione di fusione, il colore del composto.
Metodo di fusione Descrizione Esempio
Attraversa Questo  metodo, disponibile solo per i gruppi, consente di regolare il metodo di fusione e l’opacità nel livello all’interno del gruppo in modo da applicare le modifiche ai livelli al di sotto del gruppo.
Normale Per evitare che le impostazioni di fusione e opacità vengano applicate a livelli diversi da quelli inclusi nel gruppo, imposta il metodo di fusione del gruppo su Normale.
Normale Non viene applicato alcun metodo di fusione specifico. Il colore risultante è il colore sorgente. Normale è il metodo predefinito.
Scurisci Legge le informazioni sul colore in ciascun canale per identificare il colore più scuro tra il colore sorgente e quello sottostante. Il colore più scuro è il colore risultante.
Moltiplica Legge le informazioni sul colore in ciascun canale e moltiplica il colore sorgente con il colore sottostante. Il colore risultante è un colore più scuro. La moltiplicazione di un colore con il nero determina un colore più scuro, mentre la moltiplicazione di un colore con il bianco non determina alcuna modifica. L’effetto prodotto è simile all’utilizzo di più filtri colorati davanti a una sorgente luminosa.
Colore brucia Legge le informazioni sul colore in ciascun canale e scurisce il livello sorgente in modo che rispecchi il colore sottostante aumentando il contrasto. La fusione con il bianco non determina alcuna modifica. 
Brucia lineare Legge le informazioni sul colore nei canali e scurisce il colore sorgente in modo che rispecchi il colore sottostante diminuendo la luminosità. La fusione con il bianco non determina alcuna modifica.
Colore più scuro L’opzione Colore più scuro è simile a Scurisci, ma legge il canale di colore composito invece dei singoli canali di colore RGB. Questo metodo di fusione estrae i colori con valori minimi dal colore sorgente e dal colore sottostante in modo da creare un colore risultante. 
Schiarisci Legge le informazioni sul colore in ciascun canale per identificare il colore più chiaro tra il colore sorgente e quello sottostante. Il colore più chiaro è il colore risultante.

Scolora Legge le informazioni sul colore in ciascun canale e  moltiplica  l’opposto del colore sorgente con il colore sottostante. Il colore risultante è un colore più chiaro. L’uso della modalità Scolora equivale quasi a proiettare simultaneamente più diapositive fotografiche su un unico schermo. 
Colore scherma Legge le informazioni sul colore nei canali e schiarisce il colore sorgente in modo che rispecchi il colore sottostante diminuendo il contrasto. Se il colore sorgente è nero puro, il colore risultante è il colore sottostante. 
Scherma lineare (Aggiungi) Legge le informazioni sul colore nei canali e schiarisce il colore sorgente in modo che rispecchi il colore sottostante aumentando la luminosità. La fusione con il nero non determina alcuna modifica. 
Colore più chiaro L’opzione Colore più chiaro è simile a Schiarisci, ma legge il canale di colore composito invece dei singoli canali di colore RGB. Questo metodo di fusione estrae i colori con valori massimi dal colore sorgente e dal colore sottostante in modo da creare un colore risultante.

Sovrapponi  Moltiplica se il colore sorgente è più scuro del colore sottostante e scolora se il colore sorgente è più chiaro del colore sottostante. Produce colori saturati. La fusione con il grigio al 50% non determina alcuna modifica.
Luce soffusa Scurisce o schiarisce i valori dei canali dei colori del livello sottostante, a seconda del colore sorgente. Il risultato è simile a quello del bagliore di un faretto a luce diffusa nel livello sottostante. Se il colore sorgente è più chiaro del grigio al 50%, il colore risultante è più chiaro del colore sottostante, come se fosse schermato. Se il colore sorgente è più scuro del grigio al 50%, il colore risultante è più scuro del colore sottostante, come se fosse bruciato.
Luce intensa Moltiplica il colore se il colore sottostante è più scuro del grigio al 50% e lo scolora se è più chiaro del grigio al 50%. Il risultato è simile all’effetto prodotto dall’illuminare il livello con una luce intensa.  
Luce vivida Brucia o scherma i colori aumentando o diminuendo il contrasto, a seconda del colore sottostante. Se il colore sottostante è più chiaro del grigio al 50%, il livello viene schiarito perché il contrasto è diminuito. Se il colore sottostante è più scuro del grigio al 50%, il livello viene scurito perché il contrasto è aumentato.

Luce lineare Brucia o scherma i colori diminuendo o aumentando la luminosità, a seconda del colore sottostante. Se il colore sottostante è più chiaro del grigio al 50%, il livello viene schiarito perché la luminosità è aumentata. Se il colore sottostante è più scuro del grigio al 50%, il livello viene scurito perché la luminosità è diminuita.
Luce puntiforme Sostituisce i colori, a seconda del colore sottostante. Se il colore sottostante è più chiaro del grigio al 50%, i pixel più scuri del colore sottostante vengono sostituiti e i pixel più chiari del colore sottostante non cambiano. Se il colore sottostante è più scuro del grigio al 50%, i pixel più chiari del colore sottostante vengono sostituiti e i pixel più scuri del colore sottostante non cambiano.
Differenza Esamina le informazioni sul colore di ciascun canale e sottrae i colori più chiari da quelli più scuri. La fusione con il bianco determina l’inversione del colore di sfondo; la fusione con il nero non determina alcuna modifica.
Esclusione
Crea un effetto analogo a quello del metodo di fusione Differenza, ma con un contrasto minore. Se il colore sorgente è bianco, il colore risultante è il complemento del colore sottostante. Se il colore sorgente è nero, il colore risultante è il colore sottostante.
Sottrai Sottrae il colore sorgente dal colore sottostante. Se il colore sorgente è nero, il colore risultante è il colore sottostante.
Dividi Divide il colore sottostante in base al colore sorgente. Se il colore sorgente è bianco, il colore risultante è il colore sottostante.

Controllo della rasterizzazione della grafica vettoriale

I pupazzi basati su formati vettoriali come le grafiche di Illustrator o SVG vengono rasterizzati per impostazione predefinita a una risoluzione del 200%, ma puoi regolare il valore della rasterizzazione o il rendering vettoriale della grafica. Tuttavia, alcune funzioni non sono attualmente supportate durante il rendering vettoriale.

Per controllare la modalità di rendering dei pupazzi basati su vettori:

  1. Seleziona il pupazzo nel pannello Progetto oppure aprilo nel pannello Pupazzo.
  2. Nella sezione Pupazzo del pannello Proprietà, seleziona l’opzione Rendering vettoriale per mantenere la grafica il più lineare possibile (ma con limitazioni di rendering) o deseleziona l’opzione per rasterizzare la grafica con una risoluzione specifica, ma con la massima fedeltà.

Per regolare la rasterizzazione di un pupazzo basato su vettori:

  1. Nella sezione Pupazzo del pannello Proprietà, deseleziona l’opzione Rendering vettoriale per rasterizzare la grafica.
  2. Regola la risoluzione per controllare la qualità massima della grafica vettoriale quando viene rasterizzata.

Il valore predefinito è 200%, ma puoi aumentarlo fino a 400% per migliorare la qualità (con un consumo maggiore di memoria) o ridurlo a una risoluzione bozza (50%) o bassa (100%) se la grafica viene ridotta e vuoi utilizzare meno memoria.

Nota: le scene inviate tramite Dynamic Link ad After Effects, Premiere Pro o Adobe Media Encoder vengono rasterizzate quindi, se vuoi ingrandire il metraggio in queste applicazioni, utilizza una scena di dimensioni maggiori in Character Animator invece di mantenere tutti i dettagli.

L’immagine a sinistra presenta una risoluzione di bassa qualità (bozza 50%) e l’immagine a destra è impostata su elevata (400%).

Aggiungere contenuto a un pupazzo

Trascina il contenuto che desideri aggiungere dal pannello Progetto nel pupazzo aperto nel pannello Pupazzo. Se non è aperto alcun pupazzo, gli elementi rilasciati vengono aggiunti a un nuovo pupazzo. Se rilasci gli elementi sulla barra laterale sinistra, puoi controllare la posizione in cui vengono aggiunti nella gerarchia; se invece li rilasci sul lato destro del pannello, vengono sempre aggiunti al primo livello del pupazzo. Gli elementi rilasciati diventano livelli e sono selezionati. A differenza dei livelli dei pupazzi, i livelli sono una rappresentazione appiattita del relativo contenuto.

Nota:

Quando un pupazzo viene aggiunto come livello, puoi aprire il livello in modo da visualizzare i livelli presenti nel pupazzo aggiunto e modificare tali livelli nel contesto del pupazzo corrente. Presta attenzione quando esegui questa operazione, perché così facendo modifichi la sorgente (definizione primaria) del pupazzo aggiunto.

Riutilizzare un gruppo

  1. Fai clic con il pulsante destro del mouse sul gruppo nell’elenco dei livelli (a sinistra) nel pannello Pupazzo, quindi scegli Consenti condivisione. L’elemento del gruppo sorgente per il livello viene visualizzato e selezionato nel pannello Progetto. Il comando di menu è disattivato se l’elemento sorgente è già visibile nel pannello Pupazzo.
  2. Apri un altro pupazzo nel pannello Pupazzo.
Nota:

Se il pupazzo di destinazione è stato creato con grafica importata da Photoshop o Illustrator, puoi disattivare l’opzione “Sincronizzazione automatica con disegno” nel pannello Proprietà per evitare che nel pupazzo vadano perse le modifiche ai livelli apportate nel pannello Pupazzo a causa di modifiche strutturali del contenuto nella grafica. In alternativa, puoi creare un nuovo pupazzo vuoto e aprirlo.

3. Trascina l’elemento sorgente visualizzato nel pannello Pupazzo.

Uso di maschere di ritaglio per mascherare i livelli

Una maschera di ritaglio permette di utilizzare il contenuto di un livello per mascherare i livelli sovrastanti. Il mascheramento è determinato dal contenuto del livello inferiore o di base. Il contenuto non trasparente del livello base ritaglia (rivela) il contenuto dei livelli sovrastanti nella maschera di ritaglio. Il restante contenuto dei livelli ritagliati viene nascosto.

In una maschera di ritaglio puoi usare più livelli, ma devono essere consecutivi. Il nome del livello base nella maschera appare sottolineato e i nomi dei livelli sovrastanti sono rientrati. I livelli sovrastanti sono contrassegnati da un’icona di maschera di ritaglio.

Per creare una maschera di ritaglio, procedi come segue:

Nel pannello Pupazzo, disponi i livelli in modo che il livello con la maschera si trovi sotto quelli da mascherare.

Seleziona i livelli da mascherare e scegli Pupazzo > Crea maschera di ritaglio (Comando+Opzione+G in Mac, Ctrl+Alt+G in Windows). È possibile mascherare più livelli selezionati, se sono adiacenti nell’elenco dei livelli e non includono l’ultimo livello nel gruppo.

Nota:

Se un livello viene inserito tra i livelli di una maschera di ritaglio, diventa il livello base dei livelli sovrastanti e non viene ritagliato.

Nel pannello Pupazzo il nome del livello base nella maschera appare sottolineato e i nomi dei livelli sovrastanti sono rientrati. L’icona della maschera di ritaglio viene visualizzata anche per i livelli sovrastanti.

Mascherare i livelli tramite una maschera di ritaglio
Mascherare i livelli tramite una maschera di ritaglio

Rilasciare i livelli in una maschera di ritaglio

Per rilasciare maschere di ritaglio dai livelli, procedi come segue:

Seleziona tutti i livelli consecutivi della maschera di ritaglio (con icone ) che si trovano sopra il livello base.

Scegli Pupazzo > Rilascia maschera di ritaglio (Comando+Opzione+G in Mac, Ctrl+Alt+G in Windows).

Nota:

Le maschere di ritaglio create nella grafica di Photoshop e importate in Character Animator vengono convertite in maschere di ritaglio nel pannello Pupazzo. Quelle create utilizzando grafica di Illustrator (<Gruppo di clip>) non vengono convertite in maschere di ritaglio nel pannello Pupazzo, tuttavia puoi creare maschere di ritaglio da livelli provenienti da Illustrator nel pannello Pupazzo.

Comportamento Scelta livello

Per attivare un livello specifico di un pupazzo o gruppo, puoi utilizzare il comportamento Scelta livello. Per informazioni su questo comportamento, consulta Scelta livello: scegliere un livello da mostrare o attivare.

Logo Adobe

Accedi al tuo account