Nota:

per un elenco completo degli articoli sulla protezione, consultare Panoramica sulle funzioni di protezione in Acrobat DC e nei PDF.

In Acrobat DC e Acrobat Reader DC è possibile regolare il funzionamento dell’applicazione per consentire l’esecuzione di JavaScript all’interno del livello di protezione desiderato. Ciò consente di limitare l’accesso dell’applicazione alle API JavaScript e di isolare i flussi di lavoro che non richiedono le API JavaScript.

  1. Scegliere Modifica > Preferenze (Windows) oppure Acrobat DC/Acrobat Reader DC > Preferenze (Mac OS).

  2. Nella sezione Categorie a sinistra, selezionare JavaScript.

  3. All’interno del pannello Protezione JavaScript, impostare le opzioni utili alla gestione di JavaScript in base alle esigenze.

    Abilita JavaScript di Acrobat

    Deselezionare per disabilitare completamente JavaScript o applicare delle restrizioni a JavaScript attraverso le interfacce API.

    Attiva privilegi di esecuzione JavaScript per le voci di menu

    L’esecuzione di JavaScript è abilitata facendo clic sulle voci di menu. Se l’opzione è disattivata, le richieste JavaScript con privilegi possono essere eseguite mediante il menu. L’esecuzione delle richieste JavaScript senza privilegi mediante le voci di menu non è bloccata, indipendentemente dalla selezione o meno di questa casella.

    Abilita criteri globali di protezione oggetti

    Consente JavaScript globalmente attraverso le interfacce API o rende affidabili documenti specifici contenenti elementi JavaScript.

In alternativa, è possibile modificare le impostazioni del registro di sistema per gestire l’esecuzione di JavaScript.

Per dettagli, vedere la guida relativa alla protezione dell’applicazione all’indirizzo www.adobe.com/go/learn_acr_appsecurity_it.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online