Guida utente Annulla

Digitalizzare l’audio

  1. Guida utente di Audition
  2. Introduzione
    1. Novità di Adobe Audition
    2. Requisiti di sistema per Audition
    3. Trovare e personalizzare le scelte rapide
    4. Applicazione degli effetti nell’editor multitraccia
  3. Spazio di lavoro e impostazione
    1. Supporto per superfici di controllo
    2. Visualizzazione, ingrandimento e navigazione nei file audio
    3. Personalizzare gli spazi di lavoro
    4. Connessione ai dispositivi audio in Audition
    5. Personalizzazione e salvataggio delle impostazioni dell’applicazione
  4. Principi di base dell’audio digitale
    1. Informazioni sul suono
    2. Digitalizzare l’audio
  5. Importare, registrare e riprodurre
    1. Flusso di lavoro per audio multicanale
    2. Creare, aprire o importare i file in Adobe Audition
    3. Importare con il pannello File
    4. Estrarre audio da CD
    5. Formati di importazione supportati
    6. Spostarsi sulla timeline e riprodurre l’audio in Adobe Audition
    7. Registrazione dell’audio
    8. Eseguire il monitoraggio dei livelli di registrazione e riproduzione
    9. Rimuovi silenzi dalle registrazioni audio
  6. Modifica dei file audio
    1. Modificare, riparare e migliorare l’audio mediante il con Audio essenziale
    2. Generazione di sintesi vocale
    3. Corrispondenza del volume tra più file audio
    4. Visualizzazione dell’audio nell’editor forma d’onda
    5. Selezione dell’audio
    6. Come copiare, tagliare, incollare ed eliminare l’audio in Audition
    7. Modifica dell’ampiezza e della dissolvenza in modo visivo
    8. Lavorare con i marcatori
    9. Invertire, riprodurre all’indietro e disattivare l’audio
    10. Come automatizzare le attività più comuni in Audition
    11. Analizzare fase, frequenza e ampiezza con Audition
    12. Separatore banda di frequenze
    13. Annulla, Ripristina e Cronologia
    14. Conversione dei tipi di campione
    15. Creazione di podcast con Audition
  7. Applicazione degli effetti
    1. Abilitare le estensioni CEP
    2. Controlli per gli effetti
    3. Applicazione degli effetti nell’editor forma d’onda
    4. Applicazione degli effetti nell’editor multitraccia
    5. Aggiungere i plug-in di terze parti
    6. Effetto Filtro elimina banda
    7. Effetti Inviluppo dissolvenza e guadagno (solo editor forma d’onda)
    8. Effetto Correzione intonazione manuale (solo editor forma d’onda)
    9. Effetto Scostamento fase grafico
    10. Effetto Doppler Shifter (solo editor forma d’onda)
  8. Gli effetti
    1. Applicare all’audio effetti di ampiezza e compressione
    2. Effetti Ritardo ed eco
    3. Effetti Diagnostica (solo nell’editor forma d’onda) di Audition
    4. Effetti Filtro ed equalizzatore
    5. Effetti Modulazione
    6. Ridurre il rumore e ripristinare l’audio
    7. Effetti Riverbero
    8. Come utilizzare gli effetti speciali con Audition
    9. Effetti Immagine stereo
    10. Effetti per la modifica di tempo e intonazione
    11. Generare toni e rumore
  9. Mixaggio di sessioni multitraccia
    1. Creazione di un remix
    2. Panoramica dell’editor multitraccia
    3. Controlli multitraccia di base
    4. Controlli di indirizzamento multitraccia ed equalizzazione
    5. Disporre e montare le clip multitraccia con Audition
    6. Riprodurre le clip in ciclo
    7. Come uniformare il volume delle clip, applicare dissolvenze e mixare con Audition
    8. Automazione dei mixaggi con inviluppi
    9. Dilatazione di clip multitraccia
  10. Video e audio surround
    1. Lavorare con applicazioni video
    2. Importare video e lavorare con clip video
    3. Audio surround 5.1
  11. Scelte rapide da tastiera
    1. Trovare e personalizzare le scelte rapide
    2. Scelte rapide da tastiera predefinite
  12. Salvare ed esportare
    1. Salvate ed esportate i file audio
    2. Visualizzare e modificare metadati XMP

Confrontare l’audio analogico e quello digitale

Nell’audio analogico e quello digitale, il suono viene trasmesso e memorizzato in modo molto diverso.

Audio analogico: tensione positiva e negativa

Un microfono converte le onde di pressione del suono in variazioni di tensione in un filo: una pressione elevata diventa una tensione positiva e una pressione bassa diventa una tensione negativa. Quando queste variazioni di tensione si spostano lungo un filo di un microfono, è possibile registrarle su nastro come variazioni di intensità magnetica oppure su dischi in vinile come variazioni della dimensione dei solchi. Un altoparlante funziona come un microfono al contrario, in quanto riceve i segnali in tensione da una registrazione audio e vibra per ricreare l’onda di pressione.

Audio digitale: sequenze di zero e uno

A differenza dei sistemi di memorizzazione quali i nastri magnetici o i dischi in vinile, i computer memorizzano le informazioni audio in modo digitale come una serie di zero e di uno. Nella memorizzazione digitale, la forma d’onda originale viene suddivisa in singole istantanee chiamate campionamenti. Normalmente questo procedimento è noto come digitalizzazione o campionamento dell’audio, ma talvolta è detto conversione da analogica a digitale.

Quando registrate da un microfono a un computer, ad esempio, i convertitori analogico-digitale trasformano il segnale analogico in campionamenti digitali che possono essere memorizzati ed elaborati dal computer.

Frequenza di campionamento

La frequenza di campionamento indica il numero di istantanee al secondo prelevate da un segnale audio. Questa frequenza determina l’intervallo di frequenza di un file audio. Maggiore è la frequenza di campionamento, più la forma della forma d’onda digitale sarà vicina a quella della forma d’onda analogica originale. Basse frequenze di campionamento limitano l’intervallo di frequenze che è possibile registrare, cosa che a sua volta può generare una registrazione che riproduce male il suono originale.

Due frequenze di campionamento

A. Frequenza di campionamento bassa, che distorce l’onda del suono originale B. Frequenza di campionamento alta, che riproduce perfettamente l’onda del suono originale 

Per riprodurre una determinata frequenza, la frequenza di campionamento deve essere almeno il doppio di essa. Ad esempio, i CD hanno una frequenza di campionamento di 44.100 campionamenti al secondo, per cui possono riprodurre frequenze fino a 22.050 Hz, che si trovano appena oltre il limite della percezione umana di 20.000 Hz.

Ecco le frequenze di campionamento più comuni per l’audio digitale:

Frequenza di campionamento

Livello di qualità

Intervallo di frequenza

11.025 Hz

Scarsa qualità radio AM (oggetti multimediali di fascia bassa)

0–5.512 Hz

22.050 Hz

Qualità quasi radio FM (oggetti multimediali di fascia alta)

0–11.025 Hz

32.000 Hz

Migliore della qualità radio FM (frequenza di trasmissione standard)

0–16.000 Hz

44.100 Hz

CD

0–22.050 Hz

48.000 Hz

DVD standard

0–24.000 Hz

96.000 Hz

DVD Blu-ray

0–48.000 Hz

Profondità di bit

La profondità di bit determina l’intervallo dinamico. Quando un’onda sonora viene campionata, a ogni campionamento viene assegnato il valore di ampiezza più vicino all’ampiezza dell’onda originale. Una profondità di bit elevata fornisce più valori di ampiezza possibili, cosa che produce a sua volta un maggiore intervallo dinamico, un rumore di fondo inferiore e una maggiore fedeltà.

Nota:

Per ottenere la qualità audio migliore, Audition trasforma tutto l’audio in modalità a 32 bit; quindi, durante il salvataggio dei file; lo converte nella profondità di bit specificata.

Profondità di bit

Livello di qualità

Valori di ampiezza

Intervallo dinamico

8 bit

Telefonia

256

48 dB

16 bit

CD audio

65.536

96 dB

24 bit

DVD audio

16.777.216

144 dB

32 bit

Alta

4.294.967.296

192 dB

Maggiori profondità di bit forniscono un intervallo dinamico ancora maggiore

Misurazione dell’ampiezza in dBFS

Nell’audio digitale, l’ampiezza viene misurata in dBFS (decibels below full scale, ossia decibel al di sotto della scala completa). L’ampiezza massima possibile è pari a 0 dBFS; tutte le ampiezze inferiori sono espresse come numeri negativi.

Nota:

un determinato valore dBFS non corrisponde direttamente al livello di pressione del suono originale misurato in dB acustici.

Contenuto e dimensioni dei file audio

Un file audio sul disco rigido, quale un file WAV, è composto da una breve intestazione che indica la frequenza di campionamento e la profondità di bit, seguita da una lunga serie di numeri, una per ciascun campionamento. Tali file possono essere molto grandi. Ad esempio, a 44.100 campioni al secondo e con 16 bit per campione, un file mono occupa 86 KB al secondo, pari a circa 5 MB al minuto. Questa cifra raddoppia a 10 MB al minuto per un file stereo, che ha due canali.

Digitalizzazione dell’audio in Adobe Audition

Quando registrate un audio in Adobe Audition, la scheda audio inizia il processo di registrazione e specifica quale frequenza di campionamento e profondità di bit utilizzare. La scheda audio riceve l’audio analogico attraverso le porte di ingresso linea o ingresso microfono e lo campiona in modo digitale alla frequenza specificata. Adobe Audition memorizza ogni campionamento in sequenza finché non arrestate la registrazione.

Quando riproducete un file in Adobe Audition, il procedimento ha luogo in senso contrario. Adobe Audition invia una serie di campionamenti digitali alla scheda audio. La scheda ricostruisce la forma d’onda originale e la invia come segnale analogico attraverso le porte di uscita linea o agli altoparlanti.

Riassumendo, il procedimento di digitalizzazione audio ha inizio con un’onda di pressione nell’aria. Un microfono converte questa onda di pressione in variazioni di tensione. Una scheda audio converte tali variazioni di tensione in campionamenti digitali. Dopo che un suono analogico è divenuto audio digitale, Adobe Audition è in grado di registrarlo, modificarlo, elaborarlo e mixarlo in maniera illimitata.

Logo Adobe

Accedi al tuo account