Guida utente Annulla

Procedure consigliate: flussi di lavoro grafici più veloci

  1. Guida utente di Adobe Premiere Pro
  2. Versioni beta
    1. Panoramica del programma beta
    2. Pagina home di Premiere Pro Beta
  3. Guida introduttiva
    1. Guida introduttiva di Adobe Premiere Pro
    2. Novità di Premiere Pro
    3. Note sulla versione | Premiere Pro
    4. Scelte rapide da tastiera in Premiere Pro
    5. Accessibilità in Premiere Pro
    6. Guida al flusso di lavoro continuativo ed occasionale
  4. Requisiti di hardware e sistema operativo
    1. Consigli sull’hardware
    2. Requisiti di sistema
    3. Requisiti del driver GPU e GPU
    4. Rendering con accelerazione GPU e codifica/decodifica hardware
  5. Creazione di progetti
    1. Crea nuovo progetto
    2. Apertura di progetti
    3. Spostare ed eliminare i progetti
    4. Operazioni con più progetti aperti
    5. Utilizzo dei collegamenti ai progetti
    6. Compatibilità dei progetti Premiere Pro con versioni precedenti
    7. Aprire e modificare i progetti Premiere Rush in Premiere Pro
    8. Best practice: creare i modelli di progetto personalizzati
  6. Spazi di lavoro e flussi di lavoro
    1. Spazi di lavoro
    2. Domande frequenti | Importazione ed esportazione in Premiere Pro
    3. Utilizzo dei pannelli
    4. Controlli touch e gesti di Windows
    5. Usare Premiere Pro in una configurazione con due monitor
  7. Acquisizione e importazione
    1. Acquisizione
      1. Acquisizione e digitalizzazione del metraggio
      2. Acquisizione di video HD, DV o HDV
      3. Acquisizione in batch e riacquisizione
      4. Configurazione del sistema per l’acquisizione HD, DV o HDV
    2. Importazione
      1. Trasferire i file
      2. Importazione di immagini fisse
      3. Importazione di audio digitale
    3. Importazione da Avid o Final Cut
      1. Importazione di file di progetto AAF da Avid Media Composer
      2. Importazione di file di progetto XML da Final Cut Pro 7 e Final Cut Pro X
    4. Formati di file supportati
    5. Digitalizzazione di un video analogico
    6. Utilizzo del codice di tempo
  8. Montaggio
    1. Sequenze
      1. Creare e modificare le sequenze
      2. Aggiungere clip alle sequenze
      3. Ridisporre le clip in una sequenza
      4. Trovare, selezionare e raggruppare le clip in una sequenza
      5. Montaggio di sequenze caricate nel monitor Sorgente
      6. Semplificare le sequenze
      7. Rendering e anteprima delle sequenze
      8. Lavorare con i marcatori
      9. Patching sorgente e definizione delle tracce di destinazione
      10. Rilevamento modifiche scena
    2. Video
      1. Creazione e riproduzione delle clip
      2. Taglio delle clip
      3. Sincronizzazione di audio e video con Unisci clip
      4. Eseguire il rendering e sostituire i file multimediali
      5. Annulla, cronologia ed eventi
      6. Fermare e bloccare i fotogrammi
      7. Operazioni con le proporzioni
    3. Audio
      1. Panoramica dell’audio in Premiere Pro
      2. Mixer tracce audio
      3. Regolazione dei livelli del volume
      4. Modificare, riparare e migliorare l’audio mediante il pannello Audio essenziale
      5. Attenuazione automatica dell’audio
      6. Remix audio
      7. Controllare il volume e il panning della clip con Mixer clip audio
      8. Bilanciamento e panning audio
      9. Audio avanzato: submix, downmix e indirizzamento
      10. Effetti e transizioni audio
      11. Operazioni con transizioni audio
      12. Applicare effetti all’audio
      13. Misurazione dell’audio con l’effetto Radar volume
      14. Registrazione di mix audio
      15. Montaggio dell’audio nella timeline
      16. Mappatura dei canali audio in Premiere Pro
      17. Usare l’audio Adobe Stock in Premiere Pro
    4. Montaggio avanzato
      1. Flusso di lavoro per montaggio multicamera
      2. Configurare e utilizzare il visore HMD (Head Mounted Display) per i video immersivi in Premiere Pro
      3. Montaggio di file VR
    5. Best practice
      1. Best practice: mixare più velocemente l’audio
      2. Best practice: montaggio efficiente
      3. Flussi di lavoro per il montaggio di lungometraggi
  9. Effetti video e Transizioni
    1. Panoramica effetti video e transizioni
    2. Effetti
      1. Tipi di effetti in Premiere Pro
      2. Applicare e rimuovere effetti
      3. Predefiniti degli effetti
      4. Applicare il reframe automatico ai video per adattarli a diversi canali di social media
      5. Effetti per correzione colore
      6. Modificare la durata e velocità delle clip
      7. Livelli di regolazione
      8. Stabilizzare le riprese
    3. Transizioni
      1. Applicazione delle transizioni in Premiere Pro
      2. Modifica e personalizzazione delle transizioni
      3. Taglio morphing
  10. Grafica, titoli e animazione
    1. Grafica e titoli
      1. Panoramica del pannello grafica essenziale
      2. Creare un titolo
      3. Creare una forma
      4. Allineare e distribuire testo e forme
      5. Controllo ortografia e Trova e Sostituisci
      6. Applicare sfumature a testo e forme
      7. Aggiungere funzionalità di grafica reattiva agli elementi grafici
      8. Usare modelli di grafica animata per i titoli
      9. Sostituire immagini o video nei modelli di grafica animata
      10. Usare i modelli di grafica animata basati su dati
      11. Best practice: flussi di lavoro grafici più veloci
      12. Utilizzo dei sottotitoli
      13. Discorso in testo
      14. Funzione “Discorso in testo” in Premiere Pro | Domande frequenti
      15. Rimozione della precedente funzione Titolazione di Premiere Pro | Domande frequenti
      16. Convertire i titoli precedenti in Grafica sorgente
    2. Animazione e fotogrammi chiave
      1. Aggiunta, navigazione e impostazione di fotogrammi chiave
      2. Effetti di animazione
      3. Usare l’effetto Movimento per modificare e animare le clip
      4. Ottimizzare l’automazione dei fotogrammi chiave
      5. Spostamento e copia dei fotogrammi chiave
      6. Visualizzazione e regolazione di effetti e fotogrammi chiave
  11. Composizione
    1. Composizione, canali alfa, e regolazione dell’opacità delle clip
    2. Mascheratura e tracciamento
    3. Metodi di fusione
  12. Correzione e gradazione del colore
    1. Panoramica: flussi di lavoro del colore in Premiere Pro
    2. Colore automatico
    3. Usare il colore in modo creativo con i look Lumetri
    4. Regolare il colore utilizzando le Curve RGB e le Curve saturazione tinta
    5. Correggere e abbinare i colori tra le riprese
    6. Utilizzo dei controlli secondari HSL nel pannello Colore Lumetri
    7. Creare un effetto vignettatura
    8. Looks e LUT
    9. Oscilloscopi Lumetri
    10. Gestione del colore per visualizzazione
    11. HDR per le emittenti
    12. Abilitare il supporto per DirectX HDR
  13. Esportazione di file multimediali
    1. Esporta video
    2. Gestione dei predefiniti di esportazione
    3. Flusso di lavoro e panoramica dell’esportazione
    4. Esportazione rapida
    5. Esportazione per il web e per dispositivi mobili
    6. Esportare un’immagine fissa
    7. Esportazione di progetti per altre applicazioni
    8. Esportazione di file OMF per Pro Tools
    9. Esportare in formato Panasonic P2
    10. Impostazioni di esportazione
      1. Riferimento delle impostazioni di esportazione
      2. Impostazioni video di base
      3. Impostazioni di codifica
    11. Procedure consigliate: esportare più velocemente
  14. Collaborazione: Frame.io, produzioni e Team Projects
    1. Collaborazione in Premiere Pro
    2. Frame.io
      1. Installare e attivare Frame.io
      2. Utilizzare Frame.io con Premiere Pro e After Effects
      3. Domande frequenti
    3. Produzioni
      1. Utilizzo delle Produzioni
      2. Funzionamento delle clip tra progetti in una Produzione
      3. Best practice: lavorare con le produzioni
    4. Team Projects
      1. Novità di Team Projects
      2. Introduzione a Team Projects
      3. Creare nuovo progetto team
      4. Aggiungere e gestire i file multimediali in Team Projects
      5. Collaborazione con Team Projects
      6. Condivisione e gestione delle modifiche con i collaboratori del Team Projects
      7. Archiviare, ripristinare o eliminare i progetti team
  15. Utilizzo di altre applicazioni Adobe
    1. After Effects e Photoshop
    2. Dynamic Link
    3. Audition
    4. Prelude
  16. Organizzazione e gestione delle risorse
    1. Utilizzo del pannello Progetto
    2. Organizzare le risorse nel pannello Progetto
    3. Riproduzione delle risorse
    4. Cercare le risorse
    5. Creative Cloud Libraries
    6. Sincronizzare le impostazioni in Premiere Pro
    7. Consolidare, transcodificare e archiviare i progetti
    8. Gestione dei metadati
    9. Procedure consigliate
      1. Best practice: imparare dalla produzione broadcast
      2. Best practice: utilizzo dei formati nativi
  17. Miglioramento delle prestazioni e risoluzione dei problemi
    1. Impostare le preferenze
    2. Reimpostare le preferenze
    3. Utilizzo dei proxy
      1. Panoramica sui proxy
      2. Assimilazione e flusso di lavoro dei proxy
    4. Verifica se il sistema è compatibile con Premiere Pro
    5. Premiere Pro per Apple silicon
    6. Eliminare lo sfarfallio
    7. Interlacciamento e ordine dei campi
    8. Rendering avanzato
    9. Supporto delle superfici di controllo
    10. Best practice: utilizzo dei formati nativi
    11. Knowledge base
      1. Problemi noti
      2. Problemi risolti
      3. Correggere i problemi di arresto anomalo in Premiere Pro
      4. Video verde e rosa in Premiere Pro o Premiere Rush
      5. Come si gestisce la cache multimediale in Premiere Pro?
      6. Correzione degli errori durante il rendering o l’esportazione
      7. Risoluzione dei problemi relativi alla riproduzione e alle prestazioni di Premiere Pro
  18. Monitoraggio delle risorse e dei supporti offline
    1. Monitoraggio delle risorse
      1. Utilizzo dei monitor Sorgente e Programma
      2. Utilizzo del monitor di riferimento
    2. File multimediali offline
      1. Operazioni con clip non in linea
      2. Creazione di clip per il montaggio non in linea
      3. Ricollegare oggetti multimediali non in linea

Ogni canale, spettacolo, serie o pellicola ha un proprio stile visivo e una propria grafica. Con l’esplosione del video, il contenuto con un aspetto coerente non è mai stato più rilevante.

Flussi di lavoro grafici efficienti possono influire notevolmente sulle tempistiche di post-produzione. I broadcaster e i grandi impianti di post-produzione hanno creato flussi di lavoro per collegare elementi grafici e team editoriali. All’altra estremità dello spettro di creazione del contenuto, i registi possono essere responsabili sia dello sviluppo delle risorse che del loro inserimento nel progetto terminato.

I modelli di motion graphics velocizzano il flusso di lavoro della grafica dalla produzione nel reparto artistico attraverso l’implementazione in quello editoriale, razionalizzando il controllo delle iterazioni e della qualità. 

Tre metodi per lavorare con la grafica

Casualmente, i seguenti tre esempi ricostruiscono una storia interessante sull’evoluzione dei flussi di lavoro di produzione digitali.

Copia e incolla è il metodo di base per risparmiare tempo nei flussi di lavoro digitali. Per il video, puoi semplicemente copiare un elemento di progettazione sulla Timeline, incollarlo in una nuova posizione e quindi modificare la nuova istanza. Questa operazione è molto più veloce rispetto alla creazione di ogni elemento grafico da zero, ma si tratta ancora di un lavoro manuale e non scala in modo efficace come nuove tecniche.

Dynamic Link è uno strumento molto più potente, che consente di inserire una composizione “live” di After Effects nella timeline di Premiere Pro. Gli editor utilizzano questo metodo sia per la grafica animata, sia per le sequenze di effetti visivi. Dynamic link ti consente di affinare quelle inquadrature nel contesto della modifica. Non devi preparare niente. Se la prestazione è compromessa a causa di composizioni complesse, puoi eseguire il rendering e la sostituzione in Premiere Pro, che ti consentirà di migliorare le prestazioni di modifica e di mantenere l’accesso istantaneo alla composizione originale in After Effects.

I modelli di motion graphics (.mogrts) ti permettono di estendere questo processo in modo esponenziale. Pensa ai mogrt come capsule che contengono sia la progettazione grafica, sia l’animazione, permettendo agli editor di personalizzare il contenuto all’interno dei parametri definiti. In questo modo è possibile effettuare flussi di lavoro editoriali rapidi mantenendo la coerenza del brand. Che tu abbia esperienza o meno in After Effects, i modelli di motion graphics ti consentono di “dividere e conquistare” in modo che tu possa concentrarti unicamente sul design, e bloccarlo prima di spostare la grafica a livello editoriale. In Premiere Pro, puoi concentrarvi completamente sull’implementazione. 

I modelli motion graphics vengono salvati nelle Creative Cloud Libraries, per cui sono facilmente organizzabili e accessibili per progetti diversi. Condividendo CC Libraries si estendono i vantaggi ai team, garantendo efficienza e controllo qualità per team interi. 

Modello di motion graphics personalizzato in Premiere Pro
Modello di motion graphics personalizzato in Premiere Pro

Download

Questa guida alle procedure consigliate comprende le risorse da scaricare, inclusi i modelli di motion graphics e il progetto originale After Effects da cui sono stati creati. I download includono un PDF che spiega come sono stati generati. Se sei interessato o hai esperienza in After Effects, il PDF ti consente di esplorare il processo di progettazione e creazione.

In che modo i modelli di motion graphics permettono di risparmiare tempo

Una ricerca commissionata da Adobe Stock ha dimostrato che i modelli di motion graphics velocizzano i flussi di lavoro grafici del 350%, ma il risparmio reale può essere maggiore, a seconda di come vengono utilizzati.

Scopri come velocizzare i flussi di lavoro grafici per creare composizioni di After Effects direttamente in Premiere Pro.

Utilizzo dei modelli di motion graphics in Premiere Pro

Abbiamo creato progetti di esempio per questa guida alle procedure consigliate che è possibile scaricare qui.

Scarica

Esistono quattro modelli di motion graphics (.mogrts) nella cartella e un file CSV.

  • Sports Title.MOGRT: questo MOGRT di esempio presenta un testo modificabile e un cursore per modificare la combinazione di colori.
  • Sports End Credits MOGRT: questo MOGRT di esempio presenta un testo modificabile e un cursore per modificare la combinazione di colori.
  • Sports Lower Third.MOGRT: questo MOGRT di esempio presenta testo modificabile, colore (come sopra), ma presenta anche un cursore per cambiare l’icona dello sport nell’angolo in basso a sinistra.
  • Sports Lower Third (CSV).MOGRT: questo MOGRT di esempio necessita di un file CSV (Valori separati da virgola), che è incluso. Il cursore permette di selezionare la combinazione di atleta/sport/icona/colore.

Per installare questi MOGRT, trascinali dalla cartella download al pannello grafica essenziale in Premiere Pro. 

Utilizzo della composizione originale in After Effects

Il progetto Adobe After Effects presenta le composizioni necessarie e altre risorse per creare i MOGRT sopra.

L’inclusione del progetto AE è stato specifico per fornire ai grafici esempi di come generare MOGRT. Ritieniti libero di disassemblare e usare (se necessario) le espressioni nei tuoi progetti.

È presente un PDF chiamato Documentazione MOGRT che entra nel dettaglio su come ciascuno di essi è stati sviluppato.

Per informazioni più dettagliate, scarica Making Mogrts di Jarle Leirpoll.

Suggerimenti per la creazione di modelli di motion graphics

Per evitare errori umani e rispettare i requisiti del brand in un’intera produzione, i modelli di grafica animata devono prevedere delle limitazioni, in modo che non si possano usare font, colori o loghi errati, inserire gli elementi grafici nella posizione sbagliata, rovinare l’animazione e così via.

I MOGRT con troppi cursori, caselle di controllo e altre opzioni sono più lenti da usare ed eseguono il rendering più lentamente. È possibile suddividere i MOGRT complessi in più MOGRT per facilitarne l’utilizzo e permettere tempi di rendering più rapidi.

Se condividi un MOGRT con dieci utenti per la condivisione di file o e-mail, non puoi sapere con certezza che tutti gli utenti lo installeranno correttamente. Quando invii una nuova versione perché quella precedente conteneva un errore, non hai modo di sapere se tutti e dieci gli editor aggiornano i rispettivi MOGRT. Alcuni potrebbero continuare a utilizzare quello precedente.

Quando utilizzi le Librerie per diffondere i MOGRT, hai il controllo completo su chi riceve l’accesso e tutti hanno sempre la versione corretta di tutti i MOGRT. Puoi invitare facilmente nuovi utenti ed escludere i freelance che non devono più disporre dell’accesso.

Gli editor non dovrebbero passare il tempo a cercare i loro MOGRT. Assicurati che abbiano nomi descrittivi e aggiungi parole chiave in modo che siano facilmente ricercabili nel pannello Grafica essenziale di Premiere Pro.

I MOGRT dove l’editor aggiunge manualmente i dati, ad esempio i nomi, i titoli, i numeri, sono ideali quando non disponi dei dati. Ma se esistono i dati, magari in un editor di testo o in un foglio di calcolo, l’editor non deve copiare/incollare o digitarli. La persona che compila l’elenco potrebbe facilmente farlo in un foglio di calcolo e concedere all’editor l’accesso a questo file (.CSV o.TSV). In questo modo, non è possibile che l’editor incolli il titolo errato per un determinato nome o rovini i numeri per ogni voce. Vengono rilasciati nel file del foglio di calcolo, trascinando un cursore e tutte le informazioni sono magicamente aggiornate nella timeline. L’editor può comunque aggiornare e modificare i dati. L’utilizzo di un file CSV non limita la flessibilità del MOGRT.

Con il passare del tempo, i creatori del MOGRT avranno molti progetti esistenti che sono simili alla funzionalità di quello su cui stanno lavorando. Si tratta di un grande risparmio di tempo per copiare la progettazione dai progetti più recenti. Potrebbe essere necessario apportare modifiche minime per personalizzare una progettazione per il progetto corrente. Questa operazione è sempre più veloce rispetto a partire da zero.

I MOGRT sono, in sostanza, composizioni di After Effects, e più complesse sono le composizioni, più lentamente vengono eseguiti i rendering. Tieni premuto il numero di livelli e sii più restrittivo con l’aiuto di espressioni.

Se usi molti livelli, specialmente quelli basati su vettori, il rendering del MOGRT viene eseguito lentamente. Se l’animazione non è modificabile nel MOGRT, puoi pre-eseguire il rendering dei livelli e sostituirli con la clip video. In questo modo vengono migliorate le prestazioni in Premiere Pro.

Se il MOGRTs causa una perdita di fotogrammi in Premiere Pro, usa l’opzione Esegui il rendering e Sostituisci (usa un formato con Alpha) durante la modifica, per migliorare le prestazioni di riproduzione e velocizzare l’esportazione finale. Esegui il rendering e Sostituisci sono migliori del semplice rendering della timeline. Se sposti le clip dopo aver eseguito il rendering della timeline, perdi i file di rendering. Quando utilizzi Esegui il rendering e Sostituisci con alpha, puoi spostare liberamente la clip senza perdere il rendering. Se devi apportare modifiche, seleziona Ripristina rendering non eseguito, apporta le modifiche e scegli nuovamente Esegui il rendering e Sostituisci.

Ulteriori informazioni sui modelli di motion graphics

Per ulteriori informazioni, scarica Making Mogrts di Jarle Leirpoll. Questo eBook gratuito è per gentile concessione di Adobe Stock e fornisce indicazioni dettagliate e persino frammenti di codice per la creazione e l’ottimizzazione dei modelli di motion graphics in After Effects.

Informazioni su queste guide per le procedure consigliate

Adobe ti consente di raggiungere il traguardo più velocemente. Consulta le nostre migliori guide pratiche per la modifica e la produzione video.

Collaboratori

  • Jarle Leirpoll è un regista, editor e master trainer che risiede in Norvegia. È anche autore di The cool stuff in Premiere Pro.
  • Ian Robson è un motion designer broadcast e un formatore ordinario Adobe MAX. Ian vive a Silverthorne, Colorado
  • Jeff Greenberg è un consulente, master trainer e autore di Adobe Premiere Pro Studio Techniques
  • Maxim Jago è un regista di Parigi, master trainer e autore di Premiere Pro Classroom in a Book.
  • Alex MacLeod è un professionista della produzione, un consulente di broadcasting e un proprietario di Media City Training nel Regno Unito.
  • Joe Newcombe è capo di vendite e marketing di Support Partners, un integratore di sistemi per broadcaster e impianti di post-produzione. Risiede nel Regno Unito.
Logo Adobe

Accedi al tuo account