Il broadcast è uno degli ambienti di produzione più esigenti. Qualità e coerenza sono essenziali. Le scadenze di consegna sono inderogabili. Il tempo di consegna deve essere calcolato con precisione. Ogni giorno tutto deve funzionare. Il broadcast, quindi, fornisce un laboratorio perfetto per l’efficienza della post-produzione.

integration

Cosa possiamo apprendere dalla produzione broadcast?

I principi fondamentali di una produzione broadcast efficiente si applicano a tutti i creatori di contenuti video:

  • Renderlo semplice
  • Standardizzare i flussi di lavoro
  • Automatizzare le attività ripetitive
  • Concentrarsi su contenuti e non su codec

Integrazione degli strumenti di produzione

In parole semplici, le integrazioni pongono le funzioni extra a portata di mano. Consentono di risparmiare tempo e denaro evitando l’interruzione della navigazione su più applicazioni e sistemi. Oltre a lavorare in modo più rapido, le integrazioni profonde possono trasformare il contenuto delle emittenti (e di tutti i professionisti video).

Le applicazioni Premiere Pro e Adobe Creative Cloud sono progettate come piattaforme aperte con API estese per le tecnologie di terze parti. Centinaia di aziende hanno creato estensioni e integrazioni che aumentano la produttività e permettono di risparmiare sui costi. È possibile trovare i partner della tecnologia Adobe qui: Cercatore di partner audio e video Adobe.

Esaminando i casi di utilizzo nel broadcast, questa guida alle Procedure consigliate offre una panoramica degli strumenti di integrazione che consentono agli utenti di velocizzare, automatizzare e standardizzare i flussi di lavoro. I principi che si applicano alla produzione broadcast ad elevate prestazioni sono validi per tutti i tipi di produzione video.

Red Giant offre plug-in ed estensioni potenti per Premiere Pro e After Effects
Red Giant offre plug-in ed estensioni potenti per Premiere Pro e After Effects

Support Partners è un integratore di sistema per broadcaster e impianti di post-produzione. Il nostro lavoro quotidiano consiste nell’approfondire i flussi di lavoro dei nostri clienti e nell’individuare le aree in cui possono velocizzare la produzione, la quantità di tempo risparmiato e i costi. A meno che non sia altrimenti specificato, il risparmio di tempo descritto in questo documento si basa sulla nostra esperienza.

Importare i file multimediali nell’applicazione di editing

La maggior parte delle emittenti si standardizza su alcuni formati di acquisizione e su codec mezzanini per la post-produzione, che fornisce prevedibilità e consente di ottimizzare i formati specifici. Nel mondo reale, però, tutto diventa possibile e i file multimediali possono essere distribuiti in qualsiasi formato. Abbiamo visto produzioni fondamentali richiedere 25 fps e ricevere 29,97 fps. Abbiamo visto 8 K di giornalieri consegnati per una produzione in HD con un superamento del rapporto del 40%, risultare in una montagna di file multimediali che devono essere ordinati, transcodificati e preparati per una modifica. Le applicazioni Adobe e le integrazioni di terze parti possono automatizzare e semplificare il processo di inserimento, consentendo ai broadcaster di gestire i propri file multimediali in modo efficiente.

La funzionalità di Premiere Pro di modificare in modo nativo qualsiasi formato della videocamera è ideale per notiziari e i file multimediali rapidi. La timeline del formato aperto implica che la tecnologia esce dalla modalità dell’editor, riducendo al minimo il tempo tra riprese e riproduzione.

Altre produzioni si basano su una transcodifica batch di flussi per mantenere una modifica in esecuzione in modo ottimale per un editor. La funzione transcodifica consente di ottimizzare l’archiviazione e le prestazioni di modifica quando si lavora con formati con dimensioni di fotogramma più grandi e spazi di colore.

Questo tipo di transcodifica nel NLE può richiedere molto tempo ed essere ripetitivo, specialmente quando si gestiscono formati intensivi per la CPU, come RED RAW o ARRI RAW. Grazie all’integrazione di Adobe Media Encoder con i gestori della render farm, i broadcaster possono eseguire il rendering delle farm sia locali che nel cloud, velocizzando la modifica dei file multimediali, con meno lavoro e con una minore interruzione del team creativo.

L’integrazione di Adobe Media Encoder con Premiere Pro consente all’editor di visualizzare lo stato di avanzamento della codifica e ricevere una notifica quando il file multimediale è pronto. Con questo flusso di lavoro, i file multimediali possono quindi essere trascinati e rilasciati in collocazioni o direttamente sulla timeline, consentendo all’editor di iniziare più rapidamente del 50% rispetto a quando deve attendere i primi codici prima che possa iniziare a lavorare.

Il 75% dei dati che ogni giorno si muovono in tutto il mondo è video. Per i broadcaster, questo enorme ciclo di vita mediatico inizia con un operatore ingest che rinomina, etichetta e organizza il materiale. Una buona organizzazione aggiunge un enorme valore ai file multimediali per i creatori di contenuti.

Le stazioni postali aziendali permettono già di risparmiare tempo, riducono il rischio e semplificano la pipeline di modifica utilizzando convenzioni di denominazione standardizzate e strutture di cartelle per i file multimediali. L’intelligenza artificiale e l’automazione possono accelerare in modo significativo questo tempo.

GreyMeta Curio utilizza l’IA per aiutare a ordinare e organizzare i file multimediali, accessibili in Premiere Pro
GreyMeta Curio utilizza l’IA per aiutare a ordinare e organizzare i file multimediali, accessibili in Premiere Pro

L’integrazione dei servizi cognitivi può velocizzare il processo di ordinamento e assegnazione tag utilizzando parametri quali il riconoscimento del brand, il riconoscimento facciale, il testo sullo schermo, l’analisi del riconoscimento vocale, la dimensione e tipo di ripresa. In realtà, i servizi cognitivi possono essere addestrati a riconoscere quasi qualsiasi cosa, purché l’algoritmo disponga di dati sufficienti da cui apprendere. In un futuro prevedibile, un sistema di intelligenza artificiale ben addestrato potrà ordinare ogni ripresa, in base alle informazioni del ciak, o dal presentatore, o riconoscendo la posizione.

I file multimediali e i metadati possono essere presentati in un pannello di Premiere Pro, consentendo agli utenti di ordinare, cercare e recuperare clip e clip secondarie direttamente da Premiere Pro. L’integrazione di questi metadati con Adobe Smart Bins consente agli editor di accedere ai file multimediali che potrebbero non essere considerati importanti da un operatore di ingest. In alternativa, consente di riorganizzare i file multimediali.

La distribuzione di strumenti per automatizzare la configurazione dei progetti con i servizi cognitivi garantisce di concentrarsi solo sulla creatività.

Trascrizione, da Digital Anarchy, fornisce il riconoscimento vocale in Premiere Pro.
Trascrizione, da Digital Anarchy, fornisce il riconoscimento vocale in Premiere Pro.

Modificare e migliorare il contenuto

Interrompere Premiere Pro nel mezzo di una modifica può davvero interrompere il processo creativo. In realtà, il New York Times ha riferito che il processo per tornare in pista dopo ogni interruzione può richiedere 25 minuti. I pannelli e i plug-in integrati conferiscono alla potenza di applicazioni di terze parti personalizzate direttamente il processo di editing, consentendo agli utenti di migliorare in modo creativo le modifiche apportate da un’unica interfaccia senza interrompere il flusso. Una delle più comuni distrazioni durante la modifica è la ricerca di file, sia nel sistema o su siti web di immagini stock.

In genere, gli utenti possono trovare i file multimediali in due modi: sfogliando manualmente i file system o aprendo uno strumento di gestione delle risorse. Se il sistema di gestione delle risorse multimediali è separato, l’editor deve scaricare il file multimediale, spostarlo su un’unità locale e, infine, importarlo nel NLE. Questo processo richiede tempo e si comporta spesso la duplicazione dei file multimediali.

L’incorporazione del sistema di gestione delle risorse in Premiere Pro semplifica significativamente questo processo, consentendo agli utenti di cercare, visualizzare in anteprima e trascinare i file multimediali dal sistema di gestione delle risorse direttamente nella timeline di Premiere Pro. In base alla sorgente di interazione, il 19,8% del tempo di lavoro viene speso per la ricerca di file. La rimozione di questo ostacolo permette di risparmiare tempo inestimabile per la modifica.

Cantemo Iconik consente di accedere ai file multimediali che possono essere trascinati sulla timeline in Premiere Pro.
Cantemo Iconik consente di accedere ai file multimediali che possono essere trascinati sulla timeline in Premiere Pro.

Anche con l’accesso a giornalieri e archivi di produzione, gli editor potrebbero non disporre di tutto il metraggio di cui hanno bisogno. Qui è dove interviene Adobe Stock. A differenza di altri siti di contenuti stock, Adobe Stock è accessibile nelle applicazioni Adobe. Consente agli utenti di eseguire ricerche su 90 milioni di immagini stock, video e grafica (compresi Mogrts) per completare la loro visione. Uno studio commissionato da Adobe mostra che con i siti di stock di contenuti tradizionali, possono essere necessari più di 3 minuti, dalla ricerca di un video all’inserimento nella timeline. Proporzionalmente, questo processo richiede solo 16 secondi in Adobe Stock. Vale la pena notare che non è necessario concedere la licenza per utilizzare il metraggio di Adobe Stock: salva il metraggio di anteprima con indicatori in Creative Cloud e quindi importalo nella timeline. Quando il metraggio è stato approvato, fai clic su Scarica e la versione con licenza della clip sostituisce l’anteprima, con tutte le regolazioni conservate. 

Incorporare grafiche personalizzate ed elementi audio

Il contenuto è globale. L’incremento nelle piattaforme di distribuzione e la diffusione di contenuti multimediali in tutto il mondo fa sì che il video comune debba essere consegnato in più versioni. Non solo sono necessari numerosi formati, ogni pezzo di file multimediali potrebbe dover essere adattato a un’area geografica, a una fascia di popolazione o a... un individuo. Come si fa a stare al passo con la velocità dei contenuti aumentati garantendo coerenza del brand?

Adobe riconosce che garantire la coerenza tra i risultati finali è una sfida in tutto il settore e che ha consentito alle emittenti e alle società di post-produzione di automatizzare porzioni elevate del flusso di lavoro attraverso integrazioni di terze parti.

Questo problema diventa più grave durante la creazione di contenuti promozionali che possono essere riportati centinaia di volte. Ad esempio, una pubblicità può richiedere grafiche per ogni giorno della settimana che è’ “Questo venerdì”, “Domani alle 21:00”, “Stasera alla 21:00”. Moltiplica questo esempio in diverse regioni, lingue e piattaforme di distribuzione e un video si trasforma rapidamente in centinaia di risultati, tutti con la stessa coerenza e la stessa sensibilità. 

Tradizionalmente, i broadcaster hanno gestito questo problema con strumenti di personalizzazione, archiviati in più cartelle, che richiedono flussi di lavoro manuali dispendiosi. Quando gli strumenti vengono aggiornati o sostituiti è possibile imbattersi in problemi di coerenza. Adobe Creative Cloud consente alle aziende di creare strumenti e distribuirli in team pubblicitari in tutto il mondo, tutti accessibili tramite un pannello Adobe in qualsiasi applicazione utilizzino. Se è necessario aggiornare una risorsa, il reparto di grafica apporta le modifiche una sola volta nella libreria di condivisione e gli strumenti vengono aggiornati in modo globale.

Durante la creazione di contenuti broadcast di breve durata, che si tratti di pubblicità, notizie o marketing digitale, la sfida più grande consiste nel soddisfare tempi di consegna ristretti senza sacrificare la qualità. I modelli Adobe Motion Graphics (ovvero i “Mogrt”, derivati dal formato di file. mogrt) consentono agli utenti di accedere alla funzionalità di After Effects all’interno di Premiere Pro. Una volta creato un elemento di motion graphic in After Effects, può essere esportato, aggiunto a Creative Cloud e accessibile agli editor per l’utilizzo in Premiere Pro. Consentire all’editor di continuare a lavorare all’interno dell’applicazione consente di lavorare in modo più efficiente, inclusi gli editor che non hanno una conoscenza approfondita di After Effects e delle animazioni video. 

Inoltre, i mogrt possono essere modificati in modo dinamico, senza essere ritoccati da un operatore. Semplicemente integrando un foglio di calcolo excel, può essere generata automaticamente grafica alternativa. Questa operazione riduce il tempo trascorso nel controllo delle versioni della grafica del 84%. Sono disponibili numerose integrazioni di terze parti che compiono un ulteriore passo in avanti in questo senso, ad esempio i progetti di riempimento automatico delle chiamate API, i sistemi CMS e MAM e la transcodifica automatica o il caricamento in destinazioni di distribuzione specifiche.

MASV fornisce trasferimenti rapidi di file direttamente da Premiere Pro.
MASV fornisce trasferimenti rapidi di file direttamente da Premiere Pro.

Collaborare con altri team e membri del gruppo

Per accedere ai migliori talenti di tutto il mondo, la condivisione a bassa latenza di file multimediali, progetti e sessioni, in diversi continenti, è fondamentale e i flussi di lavoro di collaborazione sono diventati una necessità. TeamViewer e GoToMeeting non sono sufficienti. Il caricamento su Vimeo e la richiesta di commenti richiede troppo tempo. Chiedere agli stakeholder di viaggiare in un paese o in un continente per verificare la versione più recente è uno spreco di tempo e denaro. Le produzioni sono desiderose di collaborare non solo durante il processo di revisione, ma anche durante la creazione.

Adobe Team Projects, incluso con i team Creative Cloud e gli account Enterprise, consente a più utenti di lavorare sullo stesso progetto Premiere Pro o After Effects, ovunque si trovino. Ogni volta che un utente apporta una modifica, il progetto può essere sincronizzato, offrendo ai collaboratori la possibilità di accettare o rifiutare le modifiche. Questo flusso di lavoro è importante per le emittenti che desiderano virtualizzare il proprio set di strumenti Adobe. Ad esempio, un Team project può essere configurato per consentire agli utenti di modificare in locale e su una macchina virtuale basata su cloud. Con l’istanza cloud, gli utenti in qualsiasi parte del mondo possono assemblare una storia grezza che può essere condivisa con una funzione locale che deve essere rifinita localmente. Questo flusso di lavoro consente di aprire nuove opportunità per le modifiche delle posizioni, che a loro volta velocizzano il completamento del progetto e riducono le spese editoriali. Combinata con tecnologie come lo streaming video NDI e l’architettura intelligente cloud, offre agli utenti una vera esperienza di collaborazione, a prescindere dalla loro posizione. 

Non molto tempo fa, se gli utenti desideravano inviare i file multimediali per la revisione e l’approvazione avrebbero dovuto esportare i file multimediali, caricarli su un canale privato Vimeo o YouTube e quindi trascorrere ore/giorni/settimane ricercando e-mail effettuando modifiche minori. 

Questo ha inevitabilmente portato a problemi di comunicazione e ai ritardi del progetto. Per fortuna, quei giorni noiosi sono finiti. Con diversi strumenti di revisione e approvazione disponibili in Adobe Exchange, il tempo necessario per la revisione e l’approvazione di un progetto è ridotto fino al 42%*. Ora è possibile che gli utenti rivedano a un livello granulare, non solo migliorando il modo in cui collaboriamo, ma apportando fondamentalmente ad Adobe una nuova serie di funzioni. Gli utenti possono interagire nelle applicazioni Premiere Pro o di terze parti, commentando e annotando le riprese, le scene e le decisioni artistiche generali. L’integrazione di un audit trail di commenti trasforma Premiere Pro in una piattaforma di collaborazione che consente a tutti i membri del team, agli editor e ad altri utenti di collaborare mentre il progetto prende forma. 

Frame.io porta i commenti dei revisori sulla timeline in Premiere Pro.
Frame.io porta i commenti dei revisori sulla timeline in Premiere Pro.

Esportare per visualizzare le piattaforme

Quando i tempi di consegna diventano stretti, la semplificazione del flusso di lavoro di consegna può fare la differenza tra una scadenza rispettata o mancata. Quanto più si riesce a fare prima dell’esportazione, tanto più è probabile che le scadenze siano rispettate.

Adobe Media Encoder comprende più funzioni che permettono di risparmiare tempo, come Time Tuner, il normalizzatore audio e la possibilità di applicare una correzione complessiva per l’immagine in modo che i file multimediali siano conformi alla trasmissione, senza dover tornare alla linea temporale. Una volta esportati, esistono vari strumenti che possono automatizzare i passaggi rimanenti della procedura di consegna, richiedendo agli utenti di compilare i metadati corretti, generare altre versioni, il QC dei file multimediali e la consegna a diverse destinazioni. L’integrazione di uno strumento di orchestrazione del flusso di lavoro in Premiere Pro non garantisce solo la conformità dei supporti, ma riduce il tempo di consegna del 38%.

Telestream Vantage automatizza i flussi di lavoro di transcodifica e QC
Telestream Vantage automatizza i flussi di lavoro di transcodifica e QC

I risparmi di tempo generati da integrazioni di terze parti sono più sentiti nei flussi di lavoro di conformità e QC. Oggi, è semplice importare file di report XML e JSON da uno strumento QC e popolare una timeline Premiere Pro con marcatori che mostrano eventuali errori nei codici di tempo corrispondenti. In questo modo si velocizza il processo di QC e si riduce il rischio di consegnare un file non corretto.

Cosa possono imparare i singoli e i piccoli studi dai flussi di lavoro broadcast?

Mocha Pro di BorisFX offre potenti strumenti di tracciamento in After Effects e Premiere Pro
Mocha Pro di BorisFX offre potenti strumenti di tracciamento in After Effects e Premiere Pro

Esistono diversi principi che possono aiutare qualsiasi studio o editor, indipendentemente dal budget o dalla pipeline. 

Evita di aprire più applicazioni, di passare da una finestra all’altra e di lasciare il NLE. Seleziona una piattaforma di base che consente di creare il tuo business e quindi di garantire che tutte le applicazioni e gli strumenti aggiuntivi possano funzionare all’interno o complementare questa piattaforma.

Consulta le Procedure consigliate: modifica efficiente per ulteriori idee.

 

Esegui il mapping del processo di modifica, riconosci i colli di bottiglia, rimuovili e quindi punta alla coerenza. Questo ti consente di riconoscere gli strumenti e le integrazioni che potrebbero migliorare il flusso di lavoro, ma anche semplificare la scala nei periodi di funzionamento intenso.

Si spende troppo tempo per compiti ripetitivi e faticosi che possono essere facilmente sostituiti con l’automazione. Una volta mappato il flusso di lavoro, esamina ogni fase e chiedi se si tratta di un buon utilizzo di tempo. Questo consente spesso di identificare i processi che possono essere automatizzati. Se pensi che sia perfetto per l’automazione, esiste una buona probabilità che esista un’applicazione che possa essere integrata nel flusso di lavoro.

Consulta le guide per le procedure consigliate per la motion graphics, il missaggio audio e la razionalizzazione dei flussi di lavoro.

 

La tecnologia deve essere configurata e distribuita per togliersi, in modo da poterti concentrare sulla creazione di contenuti. Troppo spesso le limitazioni tecnologiche, l’inflessibilità o i flussi di lavoro scadenti possono far sì che i team di produzione spendano il loro tempo focalizzandosi sulla tecnologia, anziché sui loro contenuti. I team di produzione e tecnici dovrebbero sempre preoccuparsi del fatto che la tecnologia operi secondo le loro esigenze e non in senso contrario.

Consulta le Procedure consigliate: utilizzo dei formati nativi.

Informazioni su queste guide per le procedure consigliate

Adobe ti consente di raggiungere il traguardo più velocemente. Ulteriori informazioni sulle nuove guide per le procedure consigliate per l’editing video e la produzione.

 

Collaboratori

  • Joe Newcombe è capo di vendite e marketing di Support Partners, un integratore di sistemi per broadcaster e impianti di post-produzione. Risiede nel Regno Unito. 
  • Jeff Greenberg è un consulente, master trainer e autore di Adobe Premiere Pro Studio Techniques. 
  • Maxim Jago è un regista e master trainer di Parigi, autore di Premiere Pro Classroom in a Book.
  • Alex MacLeod è un professionista della produzione, un consulente di broadcasting e un proprietario di Media City Training nel Regno Unito. 
  • Jarle Leirpoll è un regista, editor e master trainer che risiede in Norvegia. È anche autore di The cool stuff in Premiere Pro
  • Ian Robinson è un motion designer broadcast e un normale trainer Adobe MAX. Ian vive a Silverthorne, in Colorado.