Guida utente Annulla

Utilizzare comandi ASP per modificare un database in Dreamweaver

  1. Guida utente di Dreamweaver
  2. Introduzione
    1. Nozioni di base sul design responsive
    2. Novità di Dreamweaver
    3. Sviluppo Web con Dreamweaver - Panoramica
    4. Dreamweaver / Domande frequenti
    5. Scelte rapide da tastiera
    6. Requisiti di sistema di Dreamweaver
    7. Riepilogo delle funzioni
  3. Dreamweaver e Creative Cloud
    1. Sincronizzare le impostazioni di Dreamweaver con Creative Cloud
    2. Creative Cloud Libraries in Dreamweaver
    3. Utilizzare i file Photoshop in Dreamweaver
    4. Operazioni con Adobe Animate e Dreamweaver
    5. Estrarre file SVG ottimizzati per il Web da Libraries
  4. Aree di lavoro e viste di Dreamweaver
    1. Area di lavoro di Dreamweaver
    2. Ottimizzare l'area di lavoro di Dreamweaver per lo sviluppo visivo
    3. Eseguire ricerche nei file in base al nome file o al contenuto | Mac OS
  5. Configurare i siti
    1. Siti di Dreamweaver
    2. Configurare una versione locale del sito
    3. Collegamento a un server di pubblicazione
    4. Configurare un server di prova
    5. Importare ed esportare le impostazioni di un sito Dreamweaver
    6. Passaggio di siti Web esistenti da un server remoto alla cartella principale del sito locale
    7. Funzioni di accessibilità in Dreamweaver
    8. Impostazioni avanzate
    9. Impostazione delle preferenze del sito per il trasferimento dei file
    10. Specificare le Impostazioni del server proxy in Dreamweaver
    11. Sincronizzare le impostazioni di Dreamweaver con Creative Cloud
    12. Utilizzo di Git in Dreamweaver
  6. Gestire i file
    1. Creare e aprire file
    2. Gestire file e cartelle
    3. Scaricamento e caricamento dei file da e verso il server
    4. Depositare e ritirare i file
    5. Sincronizzare i file
    6. Confrontare file per verificare le differenze
    7. Applicare la maschera file a file e cartelle del sito Dreamweaver
    8. Attivare le Design Notes per i siti di Dreamweaver
    9. Impedire un potenziale attacco exploit del Gatekeeper
  7. Layout e progettazione
    1. Usare i riferimenti visivi per il layout
    2. Informazioni sull'utilizzo di CSS per creare il layout della pagina
    3. Progettazione di siti Web reattivi con Bootstrap
    4. Creazione e utilizzo di media query in Dreamweaver
    5. Presentare il contenuto mediante le tabelle
    6. Colori
    7. Responsive design con i layout a griglia fluida
    8. Extract in Dreamweaver
  8. CSS
    1. Nozioni sui fogli di stile CSS
    2. Creazione del layout delle pagine con CSS Designer
    3. Utilizzare i preprocessori CSS in Dreamweaver
    4. Impostare le preferenze di stile CSS in Dreamweaver
    5. Spostare le regole CSS in Dreamweaver
    6. Convertire CSS in linea in una regola CSS in Dreamweaver
    7. Utilizzare i tag div
    8. Applicare sfumature allo sfondo
    9. Creare e modificare effetti di transizione CSS3 in Dreamweaver
    10. Formattazione del codice
  9. Contenuto e risorse delle pagine
    1. Impostare le proprietà di pagina
    2. Impostare le proprietà dei collegamenti CSS e le proprietà dei collegamenti CSS
    3. Lavorare con il testo
    4. Ricercare e sostituire testo, tag e attributi
    5. Pannello DOM
    6. Modifica nella vista Dal vivo
    7. Codifica dei documenti in Dreamweaver
    8. Selezionare e visualizzare gli elementi nella finestra del documento
    9. Definire le proprietà del testo nella finestra di ispezione Proprietà
    10. Eseguire il controllo ortografico di una pagina Web
    11. Utilizzo dei filetti orizzontali in Dreamweaver
    12. Aggiungere e modificare le combinazioni di caratteri in Dreamweaver
    13. Operazioni con le risorse
    14. Inserire e aggiornare le date in Dreamweaver
    15. Creare e gestire le risorse preferite in Dreamweaver
    16. Inserire e modificare le immagini in Dreamweaver
    17. Aggiungere oggetti multimediali
    18. Aggiunta di video in Dreamweaver
    19. Inserire video HTML5
    20. Inserire file SWF
    21. Aggiungere effetti audio
    22. Inserire l'audio HTML5 in Dreamweaver
    23. Operazioni con le voci di libreria
    24. Utilizzare testo in arabo e in ebraico in Dreamweaver
  10. Collegamenti e navigazione
    1. Informazioni sui collegamenti e sulla navigazione
    2. Collegamenti
    3. Mappe immagine
    4. Risoluzione dei problemi di collegamenti
  11. Widget ed effetti jQuery
    1. Utilizzare i widget jQuery UI e Mobile in Dreamweaver
    2. Usare effetti jQuery in Dreamweaver
  12. Programmazione dei siti Web
    1. Programmazione in Dreamweaver
    2. Ambiente di codifica in Dreamweaver
    3. Impostare le preferenze di codifica
    4. Personalizzare la colorazione del codice
    5. Scrivere e modificare codice
    6. Suggerimenti sul codice e completamento del codice
    7. Comprimere ed espandere codice
    8. Riutilizzo del codice con gli snippet
    9. Comando Lint
    10. Ottimizzare il codice
    11. Modificare il codice nella vista Progettazione.
    12. Utilizzo del contenuto dell'intestazione delle pagine
    13. Inserimento di server-side include in Dreamweaver
    14. Uso delle librerie di tag in Dreamweaver
    15. Importazione di tag personalizzati in Dreamweaver
    16. Utilizzare i comportamenti JavaScript (istruzioni generali)
    17. Applicare comportamenti JavaScript incorporati
    18. Informazioni su XML e XSLT
    19. Eseguire trasformazioni XSL server-side in Dreamweaver
    20. Esecuzione di trasformazioni XSL client-side in Dreamweaver
    21. Aggiungere entità di carattere per XSLT in Dreamweaver
    22. Formattazione del codice
  13. Flussi di lavoro di interazione con altri prodotti
    1. Installazione e uso delle estensioni in Dreamweaver
    2. Aggiornamenti in app in Dreamweaver
    3. Inserire documenti Microsoft Office in Dreamweaver (solo Windows)
    4. Operazioni con Fireworks e Dreamweaver
    5. Modificare il contenuto nei siti Dreamweaver mediante Contribute
    6. Integrazione tra Dreamweaver e Business Catalyst
    7. Creare campagne e-mail personalizzate
  14. Modelli
    1. Informazioni sui modelli di Dreamweaver
    2. Riconoscere i modelli e i documenti basati sui modelli
    3. Creare un modello di Dreamweaver
    4. Creare aree modificabili nei modelli
    5. Creare aree e tabelle ripetute nei modelli in Dreamweaver
    6. Usare le aree opzionali nei modelli
    7. Definire attributi di tag modificabili in Dreamweaver
    8. Creare modelli nidificati in Dreamweaver
    9. Modificare, aggiornare ed eliminare modelli
    10. Esportare e importare contenuti xml in Dreamweaver
    11. Applicare o rimuovere un modello da un documento esistente
    12. Modificare il contenuto nei modelli di Dreamweaver
    13. Regole di sintassi per i tag di modello in Dreamweaver
    14. Impostare le preferenze di evidenziazione per le aree dei modelli
    15. Vantaggi dell'uso dei modelli in Dreamweaver
  15. Dispositivi mobili e multischermo
    1. Creare media query
    2. Cambiamento dell'orientamento della pagina per i dispositivi mobili
    3. Creare web app per dispositivi mobili utilizzando Dreamweaver
  16. Siti, pagine e moduli Web dinamici
    1. Applicazioni Web
    2. Configurare il computer per lo sviluppo di applicazioni
    3. Risoluzione dei problemi relativi alle connessioni di database
    4. Rimozione di script di connessione in Dreamweaver
    5. Progettare pagine dinamiche
    6. Panoramica sulle origini di contenuto dinamico
    7. Definire le origini di contenuto dinamico
    8. Aggiungere contenuto dinamico alle pagine
    9. Modifica del contenuto dinamico in Dreamweaver
    10. Visualizzare i record di database
    11. Fornire dati dal vivo e risoluzione dei problemi in Dreamweaver
    12. Aggiungere comportamenti server personalizzati in Dreamweaver
    13. Creazione di moduli con Dreamweaver
    14. Usare moduli per raccogliere informazioni dagli utenti
    15. Creare e attivare i moduli ColdFusion in Dreamweaver
    16. Creare moduli Web
    17. Supporto HTML5 avanzato per gli elementi modulo
    18. Sviluppare un modulo con Dreamweaver
  17. Sviluppo visivo delle applicazioni
    1. Creare pagine principali e di dettaglio in Dreamweaver
    2. Creare pagine di ricerca e di risultati
    3. Creare una pagina di inserimento record
    4. Costruire una pagine di aggiornamento record in Dreamweaver
    5. Costruzione di pagine di eliminazione record in Dreamweaver
    6. Utilizzare comandi ASP per modificare un database in Dreamweaver
    7. Creare una pagina di registrazione
    8. Creare una pagina di login
    9. Creare una pagina accessibile solo agli utenti autorizzati
    10. Protezione delle cartelle in ColdFusion utilizzando Dreamweaver
    11. Utilizzo di componenti ColdFusion in Dreamweaver
  18. Verifica, anteprima e pubblicazione dei siti Web
    1. Anteprima delle pagine
    2. Visualizzare in anteprima pagine web di Dreamweaver su più dispositivi
    3. Verificare il sito Dreamweaver
  19. Risoluzione dei problemi
    1. Problemi risolti
    2. Problemi noti

 

 

Scoprite come utilizzare i comandi ASP in Dreamweaver per modificare un database e aggiungere ed eseguire una stored procedure.

Nota:

L’interfaccia utente di Dreamweaver e versioni successive è stata semplificata. Di conseguenza, potreste non trovare alcune delle opzioni descritte in questo articolo in Dreamweaver e versioni successive. Per ulteriori informazioni, consultate questo articolo.

Informazioni sugli oggetti comando ASP

Un oggetto comando ASP è un oggetto server che esegue alcune operazioni all’interno di un database. L’oggetto può contenere una qualsiasi istruzione SQL valida, ad esempio un’istruzione restituisce un recordset o che inserisce, aggiorna o elimina i record contenuti in un database. Se l’istruzione SQL aggiunge o elimina una colonna in una tabella, un oggetto comando è in grado di alterare la struttura di un database. Potete anche utilizzare un comando oggetto per eseguire una stored procedure in un database.

Un comando oggetto può essere riutilizzato; ciò significa che il server applicazioni può utilizzare più volte una singola versione compilata dell’oggetto per eseguire più volte il comando. Potete rendere il comando riutilizzabile impostando la proprietà Preparato dell’oggetto Comando su true, come nella seguente istruzione VBScript:

mycommand.Prepared = true

Se prevedete che un comando verrà eseguito più volte, la disponibilità di una singola versione compilata dell’oggetto può migliorare l’efficienza delle operazioni nel database.

Nota:

Non tutti i provider di database supportano comandi preparati. Se il database utilizzato non li supporta, quando si imposta la proprietà su true potrebbe essere visualizzato un messaggio di errore. È anche possibile che il sistema ignori la richiesta di preparare il comando e imposti la proprietà Preparato su false.

Un oggetto comando viene creato dagli script di una pagina ASP, ma Dreamweaver consente di creare oggetti comando senza scrivere una sola riga di codice ASP.

Usare comandi ASP per modificare un database

Potete utilizzare Dreamweaver per creare oggetti comando ASP che inseriscono, aggiornano o eliminano record in un database. Nell’oggetto comando viene inserita l’istruzione SQL o la stored procedure che esegue l’operazione nel database.

  1. In Dreamweaver, aprite la pagina ASP che esegue il comando.
  2. Aprite il pannello Comportamenti server (Finestra > Comportamenti server), fate clic sul pulsante più (+) e selezionate Comando.
  3. Inserite un nome per il comando, selezionate una connessione al database in cui sono contenuti i record da modificare e selezionate l’operazione di modifica che il comando dovrà eseguire: Inserisci, Aggiorna o Elimina.

    Dreamweaver avvia l’istruzione SQL in base al tipo di operazione selezionata. Ad esempio, se selezionate Inserisci, l’aspetto della finestra di dialogo è simile al seguente:

    Immettere il Comando ASP
    Immettere il Comando ASP

  4. Scrivete l’istruzione SQL.

    Per informazioni sulla compilazione di istruzioni SQL che modificano i database, vedete un manuale di Transact-SQL.

  5. Utilizzate l’area Variabili per definire le variabili SQL. Specificate il nome e il valore runtime. Indicando il tipo e la dimensione di ciascuna variabile, potete prevenire gli attacchi di tipo “injection”.

    A titolo di esempio, di seguito è raffigurata un’istruzione Inserisci che contiene tre variabili SQL. I valori di queste variabili vengono forniti dai parametri URL passati alla pagina, come definito nella colonna Valore runtime dell’area Variabili.

    Un’istruzione Inserisci che contiene tre variabili SQL
    Un’istruzione Inserisci che contiene tre variabili SQL

    Per ottenere il valore Dimensione, utilizzate il pannello Database in Dreamweaver. Individuate il database nel pannello Database ed espanderlo. Quindi, trovate la tabella sulla quale state lavorando ed espandetela. La tabella elenca le dimensioni dei campi. Ad esempio, potrebbe indicare ADDRESS (WChar 50). In questo esempio, 50 è la dimensione. Potete trovare la dimensione anche nell’applicazione di database.

    Nota:

    I tipi di dati numerici, booleani e data/ora utilizzano sempre la dimensione -1.

    Per determinare il valore Tipo, vedete la tabella seguente:

    Tipo nel database

    Tipo in Dreamweaver

    Dimensione

    Numerico (MS Access, MS SQL Server, MySQL)

    Double

    -1

    Booleano, Sì/No (MS Access, MS SQL Server, MySQL)

    Double

    -1

    Data/Ora (MS Access, MS SQL Server, MySQL)

    DBTimeStamp

    -1

    Tutti gli altri tipi di campi di testo, compresi i tipi di dati testuali MySQL char, varchar e longtext

    LongVarChar

    verificare la tabella di database

    Testo (MS Access) o nvarchar, nchar (MS SQL Server)

    VarWChar

    verificare la tabella di database

    Memo (MS Access), ntext (MS SQL Server) o campi che supportano grandi quantità di testo

    LongVarWChar

    1073741823

    Per ulteriori informazioni sul tipo e la dimensione delle variabili SQL, vedete www.adobe.com/go/4e6b330a.

  6. Chiudete la finestra di dialogo.

    Dreamweaver inserisce il codice ASP nella pagina che, se in esecuzione sul server, crea un comando che inserisce, aggiorna o elimina i record del database.

    Per impostazione predefinita, il codice imposta la proprietà Preparato dell’oggetto Comando su true; in questo modo, il server applicazione riutilizza una singola versione compilata dell’oggetto a ogni esecuzione del comando. Per modificare questa impostazione, passate alla vista Codice e impostate la proprietà Preparato su false.

  7. Create una pagina con un modulo HTML per consentire agli utenti di inserire i dati di record. Nel modulo HTML, includete tre campi di testo (txtCity, txtAddress e txtPhone) e un pulsante Invia. Il modulo utilizza il metodo GET e invia i valori del campo di testo alla pagina che contiene il comando.

Informazioni sulle stored procedure

Sebbene possiate utilizzare i comportamenti server per creare pagine per la modifica dei database, per creare le pagine potete anche utilizzare gli oggetti di manipolazione di database quali ad esempio le stored procedure o gli oggetti comando ASP.

Una stored procedure è un elemento di database riutilizzabile che esegue delle operazioni sul database. Una stored procedure contiene del codice SQL che, tra le altre cose, consente di inserire, aggiornare o eliminare i record. Le stored procedure consentono anche di modificare la struttura del database stesso. Ad esempio, potete utilizzare una stored procedure per aggiungere una colonna di tabella o per eliminare l’intera tabella.

Una stored procedure può anche richiamare un’altra stored procedure, accettare parametri di input e restituire valori multipli alla procedura chiamante sotto forma di parametri di output.

Una stored procedure può essere riutilizzata; ciò significa che potete utilizzare nuovamente una singola versione compilata della procedura per eseguire più volte un’operazione nel database. Se prevedete che un’operazione di database verrà ripetuta più volte, oppure che la stessa operazione verrà eseguita da diverse applicazioni, l’utilizzo di una stored procedure per eseguire l’operazione rende più efficiente l’esecuzione di operazioni all’interno del database.

Nota:

I database MySQL e Microsoft Access non supportano le stored procedure.

Aggiungere una stored procedure (ColdFusion) (CS6)

Potete utilizzare una stored procedure per modificare un database. Una stored procedure è un elemento di database riutilizzabile che esegue delle operazioni sul database.

Prima di utilizzare una stored procedure per modificare un database, accertatevi che la stored procedure contenga del codice SQL che modifichi in qualche modo il database. Per creare una stored procedure di questo tipo e memorizzarla nel database, consultate la documentazione del vostro database e un buon manuale di Transact-SQL.

  1. In Dreamweaver, aprite la pagina che esegue la stored procedure.
  2. Nel pannello Associazioni (Finestra > Associazioni), fate clic sul pulsante più (+) e selezionate Stored procedure.
  3. Nel menu a comparsa Origine dati, selezionate una connessione al database che contiene la stored procedure.
  4. Inserite il nome utente e la password per l’origine dati ColdFusion.
  5. Selezionate una stored procedure dal menu a comparsa Procedure.

    Dreamweaver compila automaticamente gli eventuali parametri necessari.

  6. Selezionate un parametro e fate clic su Modifica se desiderate effettuare delle modifiche.

    Viene visualizzata la finestra di dialogo Modifica variabile stored procedure. Il nome della variabile modificata viene visualizzato nella casella Nome.

    Nota:

    È necessario inserire valori di prova per tutti i parametri di input della stored procedure.

  7. Apportate le modifiche necessarie:
    • Selezionate una Direzione dal menu a comparsa. Una stored procedure può contenere valori di input, valori di output, o entrambi i tipi di valore.

    • Selezionate un tipo SQL dal menu a comparsa. Inserite una variabile restituita, un valore runtime e un valore di prova.

  8. Se la stored procedure richiede un parametro, fate clic sul pulsante più (+) per aggiungere un parametro di pagina.
    Nota:

    È necessario inserire i parametri di pagina corrispondenti per ogni valore restituito della stored procedure. Non aggiungete parametri della pagina se non è presente un valore restituito corrispondente.

    Se necessario, fate nuovamente clic sul pulsante più (+) per aggiungere un altro parametro di pagina.

  9. Selezionate un parametro di pagina, quindi fate clic sul pulsante meno (-) per eliminarlo oppure fate clic su Modifica per modificarlo.
  10. Selezionate l’opzione Restituisce recordset con nome, quindi inserite il nome del recordset. Se la stored procedure restituisce un recordset, fate clic sul pulsante Prova per visualizzare il recordset restituito.

    Dreamweaver esegue la stored procedure e visualizza l’eventuale recordset.

    Nota:

    Se la stored procedure restituisce un recordset e richiede dei parametri, per provare la stored procedure dovete inserire un valore nella colonna Valore predefinito della casella Variabili.

    Nota:

    Per generare recordset diversi, potete utilizzare valori di prova differenti. Per modificare i valori di prova, fate clic sul pulsante Modifica relativo a Parametro e modificate il valore di prova, oppure fate clic sul pulsante Modifica relativo a Parametro della pagina e modificate il valore predefinito.

  11. Selezionate l’opzione Restituisce codice di stato con nome e inserite un nome per il codice di stato, se la stored procedure restituisce un valore di codice di stato. Fate clic su OK.

    Dopo che avete chiuso la finestra di dialogo, Dreamweaver inserisce nella pagina del codice ColdFusion che, quando viene eseguito sul server, chiama una stored procedure nel database. A sua volta, la stored procedure esegue un’operazione nel database, ad esempio l’inserimento di un record.

    Se la stored procedure richiede dei parametri, potete creare una pagina che raccolga i valori dei parametri e li invii alla pagina contenente la stored procedure. Ad esempio, potete creare una pagina che utilizza i parametri URL o un modulo HTML per raccogliere i valori dei parametri dagli utenti.

Eseguire una stored procedure (ASP) (CS6)

Con le pagine ASP, l’esecuzione di una stored procedure richiede l’aggiunta di un oggetto comando a una pagina. Per ulteriori informazioni sugli oggetti comando, vedete Informazioni sugli oggetti comando ASP.

  1. In Dreamweaver, aprite la pagina che esegue la stored procedure.
  2. Nel pannello Associazioni (Finestra > Associazioni), fate clic sul pulsante più (+) e selezionate Comando (stored procedure).

    Viene visualizzata la finestra di dialogo Comando.

  3. Inserite un nome per il comando, selezionate una connessione al database contenente la stored procedure e selezionate Stored procedure dal menu a comparsa Tipo.
  4. Selezionate la stored procedure espandendo il ramo Stored procedure della casella Voci di database, scegliete la stored procedure dall’elenco e fate clic sul pulsante Procedura.
  5. Nella tabella Variabili, inserite gli eventuali parametri necessari.

    Non è necessario inserire parametri per nessuna variabile RETURN_VALUE.

  6. Fate clic su OK.

    Dopo che avete chiuso la finestra di dialogo, nella pagina viene inserito del codice ASP. Quando viene eseguito sul server, il codice crea un oggetto comando che esegue una stored procedure nel database. A sua volta, la stored procedure esegue un’operazione nel database, ad esempio l’inserimento di un record.

    Per impostazione predefinita, il codice imposta la proprietà Preparato dell’oggetto Comando su true; in questo modo, il server applicazione riutilizza a ogni esecuzione della stored procedure una singola versione compilata dell’oggetto. Se prevedete che un comando verrà eseguito più volte, la disponibilità di una singola versione compilata dell’oggetto può migliorare l’efficienza delle operazioni nel database. Tuttavia, se il comando verrà eseguito soltanto una o due volte, l’utilizzo di questa funzione potrebbe in realtà rallentare l’applicazione Web, perché il sistema deve interrompersi per compilare il comando. Per modificare l’impostazione, passate alla vista Codice e modificate la proprietà Preparato in false.

    Nota:

    Non tutti i provider di database supportano comandi preparati. Se il vostro database non li supporta, all’apertura della pagina potrebbe essere visualizzato un messaggio di errore. Passate alla vista Codice e modificate la proprietà Preparato in false.

    Se la stored procedure richiede dei parametri, potete creare una pagina che raccolga i valori dei parametri e li invii alla pagina contenente la stored procedure. Ad esempio, potete creare una pagina che utilizza i parametri URL o un modulo HTML per raccogliere i valori dei parametri dagli utenti.

 Adobe

Ottieni supporto in modo più facile e veloce

Nuovo utente?