Guida utente Annulla

Procedure consigliate: creare i modelli di progetto personalizzati

  1. Guida utente di Adobe Premiere Pro
  2. Versioni beta
    1. Panoramica del programma beta
    2. Pagina home di Premiere Pro Beta
  3. Guida introduttiva
    1. Guida introduttiva di Adobe Premiere Pro
    2. Novità di Premiere Pro
    3. Note sulla versione | Premiere Pro
    4. Scelte rapide da tastiera in Premiere Pro
    5. Accessibilità in Premiere Pro
    6. Guida al flusso di lavoro continuativo ed occasionale
  4. Requisiti di hardware e sistema operativo
    1. Consigli sull’hardware
    2. Requisiti di sistema
    3. Requisiti del driver GPU e GPU
    4. Rendering con accelerazione GPU e codifica/decodifica hardware
  5. Creazione di progetti
    1. Crea nuovo progetto
    2. Apertura di progetti
    3. Spostare ed eliminare i progetti
    4. Operazioni con più progetti aperti
    5. Utilizzo dei collegamenti ai progetti
    6. Compatibilità dei progetti Premiere Pro con versioni precedenti
    7. Aprire e modificare i progetti Premiere Rush in Premiere Pro
    8. Best practice: creare i modelli di progetto personalizzati
  6. Spazi di lavoro e flussi di lavoro
    1. Spazi di lavoro
    2. Domande frequenti | Importazione ed esportazione in Premiere Pro
    3. Utilizzo dei pannelli
    4. Controlli touch e gesti di Windows
    5. Usare Premiere Pro in una configurazione con due monitor
  7. Acquisizione e importazione
    1. Acquisizione
      1. Acquisizione e digitalizzazione del metraggio
      2. Acquisizione di video HD, DV o HDV
      3. Acquisizione in batch e riacquisizione
      4. Configurazione del sistema per l’acquisizione HD, DV o HDV
    2. Importazione
      1. Trasferire i file
      2. Importazione di immagini fisse
      3. Importazione di audio digitale
    3. Importazione da Avid o Final Cut
      1. Importazione di file di progetto AAF da Avid Media Composer
      2. Importazione di file di progetto XML da Final Cut Pro 7 e Final Cut Pro X
    4. Formati di file supportati
    5. Digitalizzazione di un video analogico
    6. Utilizzo del codice di tempo
  8. Montaggio
    1. Sequenze
      1. Creare e modificare le sequenze
      2. Aggiungere clip alle sequenze
      3. Ridisporre le clip in una sequenza
      4. Trovare, selezionare e raggruppare le clip in una sequenza
      5. Montaggio di sequenze caricate nel monitor Sorgente
      6. Semplificare le sequenze
      7. Rendering e anteprima delle sequenze
      8. Lavorare con i marcatori
      9. Patching sorgente e definizione delle tracce di destinazione
      10. Rilevamento modifiche scena
    2. Video
      1. Creazione e riproduzione delle clip
      2. Taglio delle clip
      3. Sincronizzazione di audio e video con Unisci clip
      4. Eseguire il rendering e sostituire i file multimediali
      5. Annulla, cronologia ed eventi
      6. Fermare e bloccare i fotogrammi
      7. Operazioni con le proporzioni
    3. Audio
      1. Panoramica dell’audio in Premiere Pro
      2. Mixer tracce audio
      3. Regolazione dei livelli del volume
      4. Modificare, riparare e migliorare l’audio mediante il pannello Audio essenziale
      5. Attenuazione automatica dell’audio
      6. Remix audio
      7. Controllare il volume e il panning della clip con Mixer clip audio
      8. Bilanciamento e panning audio
      9. Audio avanzato: submix, downmix e indirizzamento
      10. Effetti e transizioni audio
      11. Operazioni con transizioni audio
      12. Applicare effetti all’audio
      13. Misurazione dell’audio con l’effetto Radar volume
      14. Registrazione di mix audio
      15. Montaggio dell’audio nella timeline
      16. Mappatura dei canali audio in Premiere Pro
      17. Usare l’audio Adobe Stock in Premiere Pro
    4. Montaggio avanzato
      1. Flusso di lavoro per montaggio multicamera
      2. Configurare e utilizzare il visore HMD (Head Mounted Display) per i video immersivi in Premiere Pro
      3. Montaggio di file VR
    5. Best practice
      1. Best practice: mixare più velocemente l’audio
      2. Best practice: montaggio efficiente
      3. Flussi di lavoro per il montaggio di lungometraggi
  9. Effetti video e Transizioni
    1. Panoramica effetti video e transizioni
    2. Effetti
      1. Tipi di effetti in Premiere Pro
      2. Applicare e rimuovere effetti
      3. Predefiniti degli effetti
      4. Applicare il reframe automatico ai video per adattarli a diversi canali di social media
      5. Effetti per correzione colore
      6. Modificare la durata e velocità delle clip
      7. Livelli di regolazione
      8. Stabilizzare le riprese
    3. Transizioni
      1. Applicazione delle transizioni in Premiere Pro
      2. Modifica e personalizzazione delle transizioni
      3. Taglio morphing
  10. Grafica, titoli e animazione
    1. Grafica e titoli
      1. Panoramica del pannello grafica essenziale
      2. Creare un titolo
      3. Creare una forma
      4. Allineare e distribuire testo e forme
      5. Controllo ortografia e Trova e Sostituisci
      6. Applicare sfumature a testo e forme
      7. Aggiungere funzionalità di grafica reattiva agli elementi grafici
      8. Usare modelli di grafica animata per i titoli
      9. Sostituire immagini o video nei modelli di grafica animata
      10. Usare i modelli di grafica animata basati su dati
      11. Best practice: flussi di lavoro grafici più veloci
      12. Utilizzo dei sottotitoli
      13. Discorso in testo
      14. Funzione “Discorso in testo” in Premiere Pro | Domande frequenti
      15. Convertire i titoli precedenti in Grafica sorgente
    2. Animazione e fotogrammi chiave
      1. Aggiunta, navigazione e impostazione di fotogrammi chiave
      2. Effetti di animazione
      3. Usare l’effetto Movimento per modificare e animare le clip
      4. Ottimizzare l’automazione dei fotogrammi chiave
      5. Spostamento e copia dei fotogrammi chiave
      6. Visualizzazione e regolazione di effetti e fotogrammi chiave
  11. Composizione
    1. Composizione, canali alfa, e regolazione dell’opacità delle clip
    2. Mascheratura e tracciamento
    3. Metodi di fusione
  12. Correzione e gradazione del colore
    1. Panoramica: flussi di lavoro del colore in Premiere Pro
    2. Colore automatico
    3. Usare il colore in modo creativo con i look Lumetri
    4. Regolare il colore utilizzando le Curve RGB e le Curve saturazione tinta
    5. Correggere e abbinare i colori tra le riprese
    6. Utilizzo dei controlli secondari HSL nel pannello Colore Lumetri
    7. Creare un effetto vignettatura
    8. Looks e LUT
    9. Oscilloscopi Lumetri
    10. Gestione del colore per visualizzazione
    11. HDR per le emittenti
    12. Abilitare il supporto per DirectX HDR
  13. Esportazione di file multimediali
    1. Esporta video
    2. Gestione dei predefiniti di esportazione
    3. Flusso di lavoro e panoramica dell’esportazione
    4. Esportazione rapida
    5. Esportazione per il web e per dispositivi mobili
    6. Esportare un’immagine fissa
    7. Esportazione di progetti per altre applicazioni
    8. Esportazione di file OMF per Pro Tools
    9. Esportare in formato Panasonic P2
    10. Impostazioni di esportazione - Riferimento
    11. Procedure consigliate: esportare più velocemente
  14. Collaborazione: Frame.io, produzioni e Team Projects
    1. Collaborazione in Premiere Pro
    2. Frame.io
      1. Installare e attivare Frame.io
      2. Utilizzare Frame.io con Premiere Pro e After Effects
      3. Domande frequenti
    3. Produzioni
      1. Utilizzo delle Produzioni
      2. Funzionamento delle clip tra progetti in una Produzione
      3. Best practice: lavorare con le produzioni
    4. Team Projects
      1. Novità di Team Projects
      2. Introduzione a Team Projects
      3. Creare nuovo progetto team
      4. Aggiungere e gestire i file multimediali in Team Projects
      5. Collaborazione con Team Projects
      6. Condivisione e gestione delle modifiche con i collaboratori del Team Projects
      7. Archiviare, ripristinare o eliminare i progetti team
  15. Utilizzo di altre applicazioni Adobe
    1. After Effects e Photoshop
    2. Dynamic Link
    3. Audition
    4. Prelude
  16. Organizzazione e gestione delle risorse
    1. Utilizzo del pannello Progetto
    2. Organizzare le risorse nel pannello Progetto
    3. Riproduzione delle risorse
    4. Cercare le risorse
    5. Creative Cloud Libraries
    6. Sincronizzare le impostazioni in Premiere Pro
    7. Consolidare, transcodificare e archiviare i progetti
    8. Gestione dei metadati
    9. Procedure consigliate
      1. Best practice: imparare dalla produzione broadcast
      2. Best practice: utilizzo dei formati nativi
  17. Miglioramento delle prestazioni e risoluzione dei problemi
    1. Impostare le preferenze
    2. Reimpostare le preferenze
    3. Utilizzo dei proxy
      1. Panoramica sui proxy
      2. Assimilazione e flusso di lavoro dei proxy
    4. Verifica se il sistema è compatibile con Premiere Pro
    5. Premiere Pro per Apple silicon
    6. Eliminare lo sfarfallio
    7. Interlacciamento e ordine dei campi
    8. Rendering avanzato
    9. Supporto delle superfici di controllo
    10. Best practice: utilizzo dei formati nativi
    11. Knowledge base
      1. Problemi noti
      2. Problemi risolti
      3. Video verde e rosa in Premiere Pro o Premiere Rush
      4. Come si gestisce la cache multimediale in Premiere Pro?
      5. Correzione degli errori durante il rendering o l’esportazione
      6. Risoluzione dei problemi relativi alla riproduzione e alle prestazioni di Premiere Pro
  18. Monitoraggio delle risorse e dei supporti offline
    1. Monitoraggio delle risorse
      1. Utilizzo dei monitor Sorgente e Programma
      2. Utilizzo del monitor di riferimento
    2. File multimediali offline
      1. Operazioni con clip non in linea
      2. Creazione di clip per il montaggio non in linea
      3. Ricollegare oggetti multimediali non in linea

I modelli di progetto possono velocizzare la creazione di un progetto Premiere Pro di 10-15 minuti. È un risparmio di forse il 3% di una giornata lavorativa, ma è il miglior 3% che tu abbia mai risparmiato! I modelli di progetto pagano nuovamente i dividendi, risparmiando tempo e fatica lungo il percorso.

Le produzioni video possono essere complesse. Il modo per gestirlo e scalare i tuoi progetti è di impostare il flusso di lavoro prima di iniziare. L’uso dei progetti Premiere Pro come modelli ti consente di eseguire questa operazione. Quando avvii il tuo progetto, ti consente di risparmiare molto tempo durante il tuo lavoro, standardizzando la pipeline di produzione e aiutandoti ad evitare errori.

I modelli di progetto includono librerie tradizionali per organizzare i file multimediali, che sono comuni a qualsiasi progetto, e molto altro ancora. Un progetto Premiere Pro include i layout della timeline, i nomi dei tracciati, le etichette colorate, gli effetti, le collocazioni (cartelle file multimediali), le collocazioni di ricerca e altro ancora. Possono essere tutti salvati, adattati secondo necessità e riutilizzati per nuovi progetti.

In che modo i modelli di progetto consentono di creare più rapidamente?

Per i nuovi utenti, i modelli di progetto offrono informazioni su Premiere Pro e guidano il flusso di lavoro di modifica. Gli editor esperti forniscono uno strumento flessibile per la pianificazione dei progetti e il completamento del lavoro in modo più efficiente. Per i team editoriali, i modelli di progetto standardizzano l’organizzazione di multimediali e timeline, semplificando la collaborazione.

Questa guida alle procedure consigliate ti consente di creare un modello di progetto di Premiere Pro. Puoi scaricare il progetto del modello di esempio e adattarlo secondo necessità per il flusso di lavoro.

Organizzare il progetto prima di iniziare

I progetti spesso si sviluppano e si evolvono dopo aver avviato la modifica. I modelli di progetto devono consentire questa operazione. Un insieme comune di collocazioni standardizzate ti consente di organizzare il progetto.

I modelli di progetto possono includere le collocazioni di ricerca che visualizzano automaticamente i file multimediali che soddisfano i criteri impostati. Ad esempio, una collocazione di ricerca configurata per visualizzare tutte le clip musicali nel progetto salva la ricerca nelle altre collocazioni per individuare la musica.

Tutto ciò che può essere incluso in un progetto Premiere Pro può far parte del modello:

  • Sequenze predefinite: con tracce prenominate, titoli modificabili e grafiche animate, musica e livelli di regolazione.
  • Metraggio video grezzo: possono essere inclusi i file di animazione e possono presentare effetti clip master pre-applicati.
  • Grafiche: può includere loghi comuni, backplate, immagini associate a tutti i progetti, o anche un’ampia selezione di grafiche che sono state cancellate per l’uso.
  • Musica e SFX: può trattarsi di una libreria audio organizzata, in cui sono presenti più clip tra cui scegliere.
  • Composizioni After Effects: se After Effects è installato sullo stesso sistema, è possibile modificarle e le modifiche vengono visualizzate automaticamente in Premiere Pro. After Effects non deve essere installato per composizioni da includere in un progetto.
  • Titoli: possono includere i nomi dei membri di soggetti che vengono visualizzati regolarmente o utilizzati come modello con il font corretto e i colori interni della tua organizzazione.
  • Elementi stock: incorpora video stock di Adobe e foto che sono state concesse in licenza dalla tua azienda.
  • Esporta collocazione: posiziona le sequenze in questa collocazione prima dell’esportazione per tenere traccia delle versioni per i file multimediali esportati.
  • Note: i file di testo possono essere importati nei progetti Premiere Pro, proprio come i file multimediali. 

Esercitazione: modello di progetto di esempio

Tutti questi elementi vengono incorporati nel modello di esempio creato per questa guida alle Procedure consigliate. Puoi scaricare il modello qui.

Scarica

Come si utilizza questo modello di progetto di esempio?

Scarica il file zip del progetto Modello e mettilo in qualche posizione sul tuo sistema per memorizzarlo. Crea una copia con un nuovo nome e inseriscila nell’unità multimediale (la posizione di archiviazione utilizzata per i file multimediali durante la modifica).

Download del file zip del modello di progetto
Download del file zip del modello di progetto

La cartella principale contiene un progetto Premiere Pro e un insieme di cartelle: le collocazioni nel progetto Premiere Pro. Ogni cartella è vuota, ad eccezione di un file di testo con una nota su come utilizzarlo.

Set di cartelle nel file zip
Set di cartelle nel file zip

Nota:

Le cartelle sono numerate per assicurarne la visualizzazione nello stesso ordine, ma è presente molto spazio per inserire altre cartelle in base alle esigenze.

Puoi aggiungere tutti i contenuti riutilizzati in queste cartelle. Se disponi di diversi tipi di progetti, puoi creare modelli per ciascuno di essi e popolare tali cartelle con contenuti ricorrenti, ad esempio intro, audio, elementi grafici e così via.

Quando apri il progetto in Premiere Pro, trova le collocazioni organizzate nel pannello Progetto.

File dei modelli di progetto nel pannello Progetto
File dei modelli di progetto nel pannello Progetto

Puoi scegliere di utilizzare questo modello così com’è. In Windows o macOS, copia i file multimediali sorgente nella cartella 10 metraggio grezzo. In Premiere Pro, apri la collocazione e importa il metraggio. In questo modo si parte con un vantaggio sulla timeline con una configurazione audio e le collocazioni per i file multimediali.

Nelle sezioni seguenti viene illustrato come lavorare con elementi diversi nel modello del progetto.

Trova i file multimediali più velocemente con le collocazioni di ricerca

Le collocazioni di ricerca combinano la funzionalità di una ricerca normale con una ricerca dinamica e costantemente aggiornata. È un ottimo modo per fascicolare automaticamente alcuni tipi di file multimediali o clip con specifici tipi di metadati. Ad esempio, è possibile configurare una collocazione di ricerca per visualizzare tutte le clip con “BTS” nel nome, semplificando l’individuazione dei contenuti.

Alcuni esempi di collocazioni di ricerca sono inclusi nel progetto di esempio.

Come creare una collocazione di ricerca

  1. Vai a File > Nuovo > Collocazione di ricerca.

    Accesso alla finestra di dialogo Collocazione di ricerca
    Accesso alla finestra di dialogo Collocazione di ricerca

  2. Compila i criteri di ricerca nella finestra di dialogo Crea collocazione di ricerca. È possibile includere due criteri, in base a specifici tipi di metadati.

    Creazione di una collocazione di ricerca
    Creazione di una collocazione di ricerca

  3. Fai clic su OK.

    La nuova collocazione di ricerca viene visualizzata nel pannello Progetto.

    (Facoltativo) Per modificare le impostazioni, fai clic con il pulsante destro del mouse su una collocazione di ricerca e seleziona Modifica collocazione di ricerca.

Collocazione di ricerca nel modello di progetto di esempio

Il progetto di esempio ha varie collocazioni di ricerca utili già nel progetto Modello. Di seguito è riportato un elenco dei criteri di ricerca per creare o personalizzare le collocazioni di ricerca.

  • Tutte le sequenze: tipo di supporto impostato su ricerca per Sequenza.
  • Preferiti: impostati su true (si tratta di un valore booleano).
  • Nascosto: impostato su true. È possibile nascondere gli elementi nel progetto e rivelarli in questo modo. Un esempio potrebbe riguardare l’audio grezzo dopo che è stato sincronizzato con video o versioni precedenti di una sequenza.
  • Sequenze esportate: una grande abitudine è quella di duplicare una sequenza durante l’esportazione e aggiungere la parola esportazione a una copia. Questa collocazione di ricerca cerca le sequenze con il nome Esporta.

Collocazioni di ricerca che ti consentono di trovare i metraggi.

  • Stile documentario: l’intervista si trova nel campo Nome o nella Descrizione.
  • Stile documentario: b-roll, in qualsiasi informazione è presente b-roll o broll (nel caso in cui qualcuno aggiunga o dimentichi il trattino).
  • Narrazione: tutte le informazioni con la parola Narrazione.
  • Voice Overs (VO): qualsiasi informazione ha la parola VO.
  • Ripresa in movimento: il Nome o la Descrizione sono (singolarmente) le parole Panoramica, Inclinazione o Zoom.
  • Tipo di ripresa: il Nome o la Descrizione sono (singolarmente) le parole CU, MS o WS.

Collocazioni di ricerca che contribuiscono ad analizzare i file multimediali

  • Offline: lo stato è impostato su Offline.
  • Nella directory degli utenti: trova tutti i file che si trovano nella home directory dell’utente. Su macOS e Windows, è probabile che qualsiasi file sul desktop, nella cartella download o su altre cartelle specifiche per l’utente siano nel posto sbagliato. Questa collocazione di ricerca consente di accedere rapidamente a questo file multimediale, semplificando la ricerca e la spostamento.
  • Progetti Adobe After Effects: trova tutti i file multimediali importati con estensione .aep dopo il progetto After Effects.
  • Trova rendering e Sostituisci file multimediali: sostituire ed eseguire il rendering è un ottimo metodo per migliorare le prestazioni, specialmente nelle composizioni di Adobe After Effects in Premiere. Individua tutti i file multimediali con “_Render” nel nome del file.
  • Tutte le immagini fisse: trova qualsiasi tipo di file multimediali impostato su immagine.
  • Tipo di file: trova ogni istanza di 12 diversi tipi di file comuni. 

Organizzare le timeline

A partire da una sequenza che ha tracce prenominate aiuta a mantenere l’editoriale organizzato e logico. Facilita l’utilizzo dell’audio e la navigazione del contenuto della sequenza.

Se più editor contribuiscono a un progetto, è molto più semplice condividere il lavoro se le tracce sono standardizzate e organizzate.

  • Nomi delle tracce video: principale, riprese, grafiche, VFX, versioni alternative.
  • Nomi delle tracce audio: finestra di dialogo, VO, SFX, atmosfera, musica.
  • Submix audio: tracce submix che non contengono clip. Al contrario, l’output audio di altre tracce può essere diretto a un submix, dove vengono applicati gli effetti. Questo consente di applicare effetti audio a un gruppo di tracce utilizzando un set di controlli di effetti.
  • Livelli di regolazione: avere un “aspetto” prestabilito su un livello di regolazione consente di visualizzare il metraggio con un trattamento del colore durante il processo editoriale (e può essere facilmente attivato e disattivato).

Timeline nel modello di esempio

Tutte le sequenze nel modello di progetto di esempio hanno già il formato di file di anteprima modificato in modo che corrispondano alla dimensione della sequenza, impostato su ProRes422. Questo codec supporta il rendering rapido per l’esportazione, come descritto in dettaglio nella guida Procedure consigliate: esportare più velocemente.

Nel modello di esempio sono riportate le cinque timeline seguenti:

  1. Una timeline 1080p 23,976 fps, con tracce denominate e una traccia con un livello di regolazione che ha un LUT applicato.
  2. Una timeline è stata preparata per i social media con risoluzione quadrata (1080x1080).
  3. Una timeline è stata preparata per i social media con orientamento verticale (1080x1920).
  4. Una timeline con effetto Limitatore rigido e l’effetto Loudness Radar applicato alla traccia master.
  5. Una timeline con quattro submix (finestra di dialogo, SFX, ambiente e musica).

Di seguito è riportato uno screenshot dei nomi delle tracce, che possono essere personalizzate in base alle esigenze.

Timeline nel modello
Timeline nel modello

Effetti audio basati su traccia

Gli effetti audio basati su una traccia consentono di effettuare missaggio audio avanzato, direttamente nel progetto in Premiere Pro.

Nel modello di progetto di esempio, due effetti sono stati applicati alla traccia master, Limitatore rigido e Loudness Radar.

Il Limitatore rigido è un compressore che impedisce che l’audio sia più elevato del suo livello impostato di -1 DB.

Il misuratore Loudness mostra i livelli secondo l’atto CALM (US) e le raccomandazioni R128 EBU per controllare il livello sonoro. Questo problema è critico per il monitoraggio dell’audio broadcast.

Mixer audio con Limitatore rigido e Loudness Radar
Mixer audio con Limitatore rigido e Loudness Radar

Sequenze di output multicanale

Può essere utile creare un altro tipo di missaggio audio denominato M&E (Music and Effects), senza dialogo. Questo facilita il riutilizzo dei contenuti per la distribuzione multilingue.

Se intendi creare un mix M&E, organizza le tracce di dialogo separatamente per renderle più facilmente disattivate in modo selettivo.

Questa timeline di esempio è stata configurata per l’output multicanale. Ogni tipo di traccia (finestra di dialogo, SFX e così via) è stato indirizzato a un submix appropriato, come si vede nel mixer della registrazione audio di seguito.

Master multicanale con submix
Master multicanale con submix

L’output finale avrà cinque tracce stereo (10 canali).

La combinazione completa si trova nella prima traccia stereo. Ogni coppia di tracce successiva è solo lo specifico output di submix su una propria coppia di canali.

Durante l’esportazione, l’output deve essere configurato su 10 canali, come descritto di seguito:

  1. Creare una nuova sequenza con output multicanale.

    Creazione di una sequenza multicanale
    Creazione di una sequenza multicanale

  2. Crea submix e instrada le tracce a ciascuna dei submix appropriati. 

    Nota:

    Denominare le tracce è un vantaggio importante.

    Master multicanale con submix
    Master multicanale con submix

  3. Al momento di esportare, accedi alla scheda Audio e crea un’output a 10 canali.

    Output multicanale
    Output multicanale

Il master finale ha:

  • Tracce 1 e 2: mix stereo completo
  • Tracce 3 e 4: solo il mix della finestra di dialogo
  • Tracce 5 e 6: solo il mix SFX
  • Tracce 7 e 8: solo il mix di ambiente
  • Tracce 9 e 10: solo il mix di musica

Mantieni i tuoi file organizzati all’esterno di Premiere Pro

Il segreto per una Gestione di progetto semplice è iniziare a organizzarsi e rimanere organizzati. Con l’inserimento di tutte le risorse e del documento di produzione per un determinato progetto in un’unica cartella, è facile eseguire il backup e il ripristino dei progetti in futuro.

Come nel modello di progetto di esempio, le cartelle possono far parte dei modelli di progetto personalizzati.

Alcune cartelle possono essere vuote, ma con un nome chiaro per orientarne l’uso. Altri possono contenere file multimediali già incorporati nel progetto modello e parte di una sequenza predefinita, ad esempio i contenuti riutilizzati per questo tipo di progetto.

Sono presenti numeri all’inizio di ogni nome della cartella. In questo modo è possibile ordinare le cartelle in base al nome durante la manutenzione di un ordine specifico e inserire nuove cartelle utilizzando i nuovi numeri come richiesto.

Copia i file multimediali nella cartella del progetto prima dell’importazione in un progetto Premiere Pro o altri strumenti Creative Cloud per assicurarti di disporre di tutto in un’unica posizione.

Una delle intestazioni dei metadati disponibili in Premiere Pro è il Percorso file. Con questa intestazione visualizzata, controllare che tutti i file multimediali siano memorizzati nel percorso corretto è semplice.

Strumenti del modello di terze parti

Sono disponibili diversi strumenti che aggiungono automazione al processo di configurazione dei modelli di progetto. I sistemi di resistenza industriale come Automate IT ed Helmut FX di MoovIT sono utilizzati nelle impostazioni aziendali. Anche i singoli utenti e i team più piccoli dispongono di opzioni.

Pro I/O di AEScripts/Justin Taylor_ fornisce cartelle esaminate che importano automaticamente nuovi metraggi e contribuiscono ad automatizzare le esportazioni https://aescripts.com/po-io/.

Post Haste di Digital Rebellion è un’utilità gratuita che consente la creazione/duplicazione/serializzazione semplificata dei modelli/cartelle di progetto https://www.digitalrebellion.com/posthaste/.

Informazioni su queste guide per le procedure consigliate

Adobe ti consente di raggiungere il traguardo più velocemente. Consulta le nostre migliori guide pratiche per la modifica e la produzione video.

Collaboratori

  • Jeff Greenberg è un consulente, master trainer e autore di Adobe Premiere Pro Studio Techniques
  • Maxim Jago è un regista di Parigi, master trainer e autore di Premiere Pro Classroom in a Book.
  • Jarle Leirpoll è un regista, editor e master trainer che risiede in Norvegia. È anche autore di The cool stuff in Premiere Pro.
  • Alex MacLeod è un professionista della produzione, un consulente di broadcasting e un proprietario di Media City Training nel Regno Unito.
  • Joe Newcombe è capo di vendite e marketing di Support Partners, un integratore di sistemi per broadcaster e impianti di post-produzione. Risiede nel Regno Unito.
  • Ian Robinson è un motion designer broadcast e un normale trainer Adobe MAX. Ian vive a Silverthorne, in Colorado.
Logo Adobe

Accedi al tuo account

[Feedback V2 Badge]