In questo articolo, scoprirete come effettuare il rendering, l’anteprima e la riproduzione delle sequenze in Premiere Pro.

Premiere Pro tenta di riprodurre qualsiasi sequenza in tempo reale e alla frequenza fotogrammi massima. Di solito Premiere Pro esegue queste operazioni per tutte le sezioni che non hanno bisogno di rendering oppure per le quali Premiere Pro ha già eseguito il rendering dei file di anteprima. Tuttavia, la riproduzione in tempo reale e alla frequenza fotogrammi massima non è sempre possibile per le sezioni complesse senza i file di anteprima: sezioni non sottoposte a rendering.

Per riprodurre sezioni complesse in tempo reale e a frequenza fotogrammi massima, è possibile che prima dobbiate eseguire il rendering dei file di anteprima per tali sezioni. Premiere Pro contrassegna le sezioni non sottoposte a rendering di una sequenza con barre di rendering colorate. Una barra di rendering rossa nel righello temporale di una sequenza indica una sezione non sottoposta a rendering che probabilmente deve essere sottoposta a rendering per poter essere riprodotta in tempo reale e alla frequenza fotogrammi massima. Una barra di rendering gialla indica una sezione non sottoposta a rendering che probabilmente non deve essere sottoposta a rendering per poter essere riprodotta in tempo reale e alla frequenza fotogrammi massima. A prescindere dalla qualità di anteprima, le sezioni sotto le barre di rendering rosse o gialle dovrebbero venire sottoposte a rendering prima dell’esportazione su nastro. Una barra di rendering verde indica una sezione che ha già eseguito il rendering dei file di anteprima ad essa associati.

Le sequenze fanno riferimento ai file di anteprima in modo analogo a quanto accade con i file multimediali sorgente. Se spostate o visualizzate in anteprima i file nel browser file di Windows o Mac anziché nel pannello Progetto, vi verrà richiesto di trovare o saltare i file di anteprima alla successiva apertura del progetto.

Nota:

Potete personalizzare un predefinito di sequenza per consentire l’anteprima del metraggio non compresso a 10 o 8 bit. Per ulteriori informazioni, consultate Creare una sequenza con riproduzione di video non compresso.

Questo documento Domande frequenti disponibile sui forum Adobe riepiloga il significato delle barre di colore rosso o giallo in una sequenza.

Consultate questo articolo per informazioni sul significato di barre di rendering di colore rosso, giallo e verde e su come incidono sulle anteprime di rendering e sulla riproduzione.

Definire l’area di lavoro per il rendering

  1. Effettuate una delle seguenti operazioni:
    • Trascinate la barra dell’area di lavoro sulla sezione da visualizzare in anteprima. Abbiate cura di trascinare la barra dell’area di lavoro dalla zona centrale con texture, onde evitare di impostare per errore la testina di riproduzione.

    • Trascinate i marcatori dell’area di lavoro (alle estremità della barra dell’area di lavoro) per specificare l’inizio e la fine dell’area di lavoro.

    • Posizionate la testina di riproduzione e premete Alt+[ (Windows) o Opzione+[ (Mac OS) per impostare l’inizio dell’area di lavoro.

    • Posizionate la testina di riproduzione e premete Alt+] (Windows) o Opzione+] (Mac OS) per impostare la fine dell’area di lavoro.

    • Fate doppio clic sulla barra dell’area di lavoro per ridimensionarla secondo la larghezza del righello temporale o la lunghezza dell’intera sequenza, a seconda di quale è più corta. Per definire tutta la sequenza come area di lavoro, tutta la sequenza deve essere visibile nel pannello Timeline.

      Per impostare la barra dell’area di lavoro per definire un’area da sottoporre a rendering, vengono visualizzate le opzioni corrispondenti nel menu Sequenza: Rendering degli effetti nell’area di lavoro e Rendering dell’intera area di lavoro. È inoltre disponibile il comando Elimina file di rendering area di lavoro. Queste opzioni non compaiono nel menu Sequenza se la barra dell’area di lavoro non è abilitata.

    Nota:

    passando con il puntatore sopra la barra dell’area di lavoro, compare una descrizione che indica il codice di tempo iniziale, il codice di tempo finale e la durata della barra dell’area di lavoro.

Definire l’area da sottoporre a rendering mediante punti di attacco e stacco

  1. Potete definire i punti di attacco e stacco con cui definire l’area da sottoporre a rendering:
    • Contrassegnate i punti di attacco e stacco per l’area della sequenza che intendete sottoporre a rendering.

      Quando impostate i punti di attacco e stacco per l’area da sottoporre a rendering, nel menu Sequenza vengono visualizzate le opzioni corrispondenti: Rendering effetti da attacco a stacco e Rendering da attacco a stacco. È inoltre disponibile il comando Elimina file di rendering da attacco a stacco. Queste opzioni non compaiono nel menu Sequenza se la barra dell’area di lavoro è abilitata.

Rendering di un file di anteprima per una sezione di una sequenza

Potete effettuare il rendering di qualsiasi parte di una sequenza che rientri sotto a una barra di rendering rossa. Potete anche definire una sezione della sequenza da sottoporre a rendering impostando i punti di attacco e stacco.

Effettuate il rendering di un file di anteprima per una sezione di una sequenza impostando i punti di attacco e stacco:

  1. Impostate i punti di attacco e stacco per contrassegnare l’area da visualizzare in anteprima.
  2. Scegliete Sequenza e selezionate una delle seguenti opzioni:

    Rendering effetti da attacco a stacco

    Esegue il rendering delle tracce video che si trovano entro i punti di attacco e stacco e contenenti una barra di rendering rossa. In alternativa, premete il tasto Invio.

    Rendering da attacco a stacco

    Esegue il rendering delle sezioni delle tracce video che si trovano entro i punti di attacco e stacco e contenenti una barra di rendering rossa o gialla.

    Rendering audio

    Esegue il rendering di un file di anteprima per le sezioni delle tracce audio che si trovano all’interno dell’area di lavoro.

    Nota:

    potete impostare Premiere Pro in modo che esegua il rendering delle tracce audio ogni volta che eseguite il rendering delle tracce video. Per ulteriori informazioni, consultate Rendering audio durante il rendering video.

    I tempi di rendering dipendono dalle risorse del sistema in uso e dalla complessità del segmento.

    Queste opzioni non sono disponibili se lo spazio di lavoro è attivato.

    Nota:

    Per massimizzare la qualità del movimento nei file di anteprima sottoposti a rendering, in Impostazioni sequenza selezionate Qualità rendering massima. Per ulteriori informazioni, consultate Impostazioni.

Rendering audio durante il rendering video

Per impostazione predefinita, Premiere Pro non esegue il rendering delle tracce audio quando si seleziona Sequenza > Esegui rendering effetti in area di lavoro oppure Sequenza > Esegui rendering intera area di lavoro. Tuttavia la riproduzione potrebbe risentirne se i dati generati dall’unità disco non possono sostenere il flusso quando vengono mixati più canali di audio e l’audio di una sequenza complessa. Potete comunque impostare Premiere Pro in modo che venga effettuato il rendering delle anteprime audio insieme al rendering delle anteprime video.

  1. Selezionate Modifica > Preferenze > Generali (Windows) o Premiere Pro > Preferenze > Generali (Mac OS).
  2. Selezionate o deselezionate Esegui rendering audio durante il rendering video.
  3. Fate clic su OK.

Operazioni con i file di anteprima

Quando eseguite il rendering delle anteprime, vengono generati dei file sul disco rigido. Questi file di anteprima contengono i risultati di tutti gli effetti elaborati da Premiere Pro durante un’anteprima. Se eseguite più volte l’anteprima della stessa area di lavoro senza apportare modifiche, Premiere Pro riproduce subito i file di anteprima invece di elaborare di nuovo la sequenza. Premiere Pro memorizza i file di anteprima in una cartella specificata dall’utente. Allo stesso modo, i file di anteprima consentono di risparmiare tempo quando esportate il programma video finale, usando gli effetti elaborati già memorizzati.

Nota:

in Adobe Media Encoder, i file di anteprima di Premiere Pro non vengono automaticamente utilizzati per la codifica. Affinché vengano usati i file di anteprima di Premiere Pro, per ogni processo di codifica occorre selezionare l’apposita opzione in Adobe Media Encoder.

Per consentire un ulteriore risparmio di tempo, Premiere Pro mantiene i file di anteprima esistenti il più a lungo possibile. Se modificate un progetto, i file di anteprima si spostano insieme al segmento di sequenza cui sono associati. Quando un segmento di una sequenza viene modificato, Premiere Pro taglia automaticamente il corrispondente file di anteprima, salvando il segmento non modificato rimanente.

Nota:

Al termine del progetto, eliminate i file di anteprima per liberare spazio su disco.

Utilizzare file di anteprima per il rendering

  1. Nella finestra di dialogo Impostazioni di esportazione, attivate Usa anteprime.

Eliminare i file di anteprima

  1. Con un pannello Timeline attivo effettuate una delle seguenti operazioni:
    • Per eliminare i file di rendering limitatamente a un intervallo di clip, regolate la barra dell’area di lavoro in modo che si estenda solo per l’intervallo desiderato. Dopodiché, scegliete Sequenza > Elimina file di rendering area di lavoro. I file di anteprima di cui una qualsiasi parte della clip associata si trova all’interno dell’area di lavoro verranno eliminati.

    • Per eliminare tutti i file di rendering per una sequenza, scegliete Sequenza > Elimina file di rendering.

    Nota:

    Potete impostare una scelta rapida da tastiera per Elimina file di rendering e per Elimina file di rendering area di lavoro.

  2. Quando viene richiesta la conferma, fate clic su OK.

Riprodurre una sequenza dall’inizio alla fine

  1. Nel monitor Programma, fate clic sul pulsante Riproduci da attacco a stacco .

Scorrere una sequenza durante l’anteprima

Potete impostare un’opzione per scorrere automaticamente una sequenza quando essa è più ampia dell’area visibile nel relativo pannello Timeline.

  1. Scegliete Modifica > Preferenze > Generali (Windows) o Premiere Pro > Preferenze > Generali (Mac OS). Immettete i valori desiderati nei campi Preroll e Postroll.
  2. Scegliete un’opzione nel menu Scorrimento automatico riproduzione timeline:

    Nessuno scorrimento

    La sequenza non scorre.

    Scorrimento pagina

    La sequenza scorre attraverso l’area visibile di un pannello Timeline, una pagina alla volta. Questa è l’opzione predefinita.

    Scorrimento uniforme

    La testina di riproduzione resta al centro dell’area visibile, mentre la sequenza scorre sotto di essa.

Anteprima sul monitor di un televisore

Potete visualizzare la sequenza su qualsiasi monitor collegato al computer. Per fare ciò dovete disporre di hardware video con una porta video adatta per il monitor.

Anteprima su uno schermo televisivo tramite scheda video

Alcune schede video e sistemi operativi supportano un televisore indipendente rispetto al computer desktop. Altri supportano un secondo monitor contiguo rispetto al computer desktop, che funga anche da spazio aggiuntivo per l’applicazione. Per ulteriori informazioni, consultate la documentazione fornita con la scheda video e il sistema operativo.

Visualizzare un’anteprima su un televisore mediante videocamera o videoregistratore

Se state lavorando su un progetto DV, potete visualizzare l’anteprima di una sequenza su un monitor televisivo usando la connessione IEEE 1394 e la videocamera o il videoregistratore DV.

Nota:

non è possibile visualizzare un’anteprima su un televisore mediante videocamera o videoregistratore in modalità HDV. Impostatele quindi sulla modalità DV o automatica.

  1. Assicuratevi che il monitor sia collegato alla videocamera o al videoregistratore DV, a sua volta collegato al computer.
  2. (Solo videocamera) Impostate la videocamera come output del monitor. Alcuni dispositivi sono in grado di rilevare automaticamente questa impostazione mentre altri richiedono che selezioniate un’opzione di menu.
  3. Nel monitor Sorgente o Programma, fate clic sul pulsante del menu del pannello in alto a destra, selezionate Impostazioni di riproduzione e scegliete le opzioni desiderate.

    Visualizzazione video desktop durante la riproduzione

    Specifica se il video viene riprodotto o meno nel monitor Programma. Deselezionate questa opzione per riprodurre solo attraverso il monitor esterno specificato nell’opzione Dispositivo esterno. Se l’opzione Dispositivo esterno è impostata su Nessuno, per assicurare la riproduzione nel monitor Programma è selezionato Video sul desktop.

    Dispositivo esterno

    Imposta un dispositivo esterno attraverso il quale riprodurre il video.

    Conversione proporzioni

    Determina la modalità di conversione delle proporzioni pixel per i progetti DV.

    Audio desktop

    Imposta la riproduzione audio al computer

    Audio dispositivo esterno

    Imposta la riproduzione audio a un dispositivo audio esterno collegato.

    Esportare: Dispositivo esterno

    Consente l’esportazione su nastro per il dispositivo specificato. Questa opzione non incide sulla riproduzione in un dispositivo esterno durante l’esportazione.

    Disattiva output video quando Premiere Pro è in background

    Disattiva il video sul monitor esterno se Premiere Pro non è l’applicazione attiva sul desktop.

    Metodo di conversione 24p

    Specifica il metodo di conversione per metraggio 24p. Consultate Impostare le opzioni di riproduzione per 24P.

Nota:

Potrebbe esserci un leggero ritardo tra la riproduzione sul desktop e quella su una televisione mediante videocamera o videoregistratore. Se video e audio sembrano essere fuori sincrono, provate a visualizzare l’anteprima di video e audio sullo stesso dispositivo.

Accertarsi che le applicazioni video Adobe utilizzino gli stessi file di cache

Le applicazioni Adobe per l’elaborazione video possono automaticamente inserire un ID documento univoco in ogni file importato. Questo consente a ogni applicazione di accedere alle stesse anteprime cache e agli stessi file audio resi conformi, evitando così elaborazioni aggiuntive.

  1. Nella sezione Oggetti multimediali (per Soundbooth, nella sezione Metadati) della finestra di dialogo Preferenze, selezionate Scrivi ID XMP nei file durante l’importazione.

    Questa impostazione è globale: se la si modifica in un’applicazione video Adobe, la modifica interessa anche le altre applicazioni. Inoltre, quando l’ID documento viene inizialmente inserito, la data di modifica dei file viene reimpostata.

Nota:

Per salvare l’ora di rendering quando si trasferisce un progetto a un altro computer, spostate sia i file di cache che i file originali.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online