Gli strumenti di Acrobat DC semplificano la creazione di PDF accessibili e consentono di verificare l’accessibilità dei PDF esistenti. È possibile creare PDF conformi agli standard di accessibilità più diffusi, quali WCAG (Web Content Accessibility Guidelines) 2.0 e PDF/UA (Universal Access o ISO 14289). Un flusso di lavoro semplice e guidato consente di effettuare le seguenti operazioni:

Rendere i PDF accessibili: un’azione predefinita automatizza numerose operazioni, verifica l’accessibilità e fornisce istruzioni per gli oggetti che richiedono correzioni manuali. Consente di trovare e correggere rapidamente eventuali aree problematiche.

Verificare l’accessibilità: lo strumento Controllo completo verifica se il documento è conforme agli standard di accessibilità, ad esempio PDF/UA e WCAG 2.0.

Generare rapporti sullo stato di accessibilità: nel report accessibilità vengono riepilogati i risultati della verifica dell’accessibilità. Per facilitare la correzione dei problemi rilevati, contiene collegamenti agli strumenti e alle sezioni della documentazione appropriati.

Rendere i file PDF accessibili (Acrobat Pro DC)

L’azione Rendi accessibile guida l’utente attraverso i passaggi necessari per rendere un PDF accessibile. Vengono segnalate le azioni da eseguire per risolvere eventuali problemi, quali la mancanza della descrizione o del titolo del documento. Vengono inoltre rilevati eventuali elementi comuni che necessitano di ulteriori azioni, ad esempio testo acquisito da scanner, campi modulo, tabelle e immagini. È possibile eseguire questa azione su tutti i PDF eccetto i moduli dinamici (documenti XFA) o i portfolio.

  1. Scegliere Strumenti > Azione guidata.

    Il set di strumenti Azione guidata viene visualizzato nella barra degli strumenti secondaria.

    Nota:

    Nel pannello a destra, in Elenco azioni, vengono elencate le azioni disponibili.

  2. Nell’Elenco azioni, fare clic su Rendi accessibile.

    Il pannello a destra visualizza ciascuna delle attività incluse nell’azione Rendi accessibile, nonché tutte le istruzioni per eseguirla.

  3. Selezionare i file a cui applicare l’azione Rendi accessibile. Per impostazione predefinita, l’azione viene eseguita sul documento aperto. Selezionare Aggiungi file per selezionare altri file o una cartella su cui eseguire l’azione.

    Rendere i PDF accessibili
    Selezionare Aggiungi file per eseguire il rapporto su altri file o cartelle.

  4. Fare clic su Inizia.

  5. Seguire le istruzioni visualizzate per completare l’azione Rendi accessibile.

Verificare l’accessibilità di file PDF (Acrobat Pro DC)

Per controllare l’accessibilità di un documento si possono utilizzare gli strumenti che verranno utilizzati dagli utenti. Se non si dispone di tali strumenti, Adobe Acrobat DC offre una funzione automatizzata per verificare l’accessibilità dei file PDF. La funzione Controllo completo di Acrobat DC esamina i PDF in base a numerose caratteristiche di PDF accessibili. È possibile scegliere quali problemi di accessibilità ricercare e come presentare i risultati della verifica.

  1. Scegliere Strumenti > Accessibilità.

    Il set di strumenti Accessibilità viene visualizzato nella barra degli strumenti secondaria.

  2. Nella barra degli strumenti secondaria, fare clic su Controllo completo.

    Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni per controllo accesso facilitato.

  3. Nella sezione Opzioni rapporti selezionare le opzioni necessarie per visualizzare i risultati nel modo desiderato. È possibile salvare i risultati sul computer come file HTML oppure allegare il file dei risultati al documento stesso.

  4. Per verificare solo specifiche pagine di un documento, selezionare l’intervallo di pagine desiderato.

    Nota:

    Nel caso di un documento molto grande, può risultare più efficiente eseguire il controllo completo una pagina alla volta.

  5. Selezionare una o più Opzioni di controllo.

  6. Fare clic su Avvia controllo. I risultati vengono visualizzati nel riquadro Controllo accessibilità a sinistra, che include anche link utili e suggerimenti per la risoluzione di problemi. Se al punto 2 è stato creato un rapporto, i risultati sono disponibili nella cartella selezionata.

    Poiché la funzione Controllo completo non è in grado di distinguere il contenuto essenziale da quello non essenziale, alcuni dei problemi segnalati potrebbero non influire sulla leggibilità. È consigliabile esaminare tutti i problemi per determinare quelli che necessitano di una correzione.

    Per ciascun controllo effettuato, nel rapporto viene visualizzato uno dei seguenti stati:

    • Riuscito: l’elemento è accessibile.
    • Ignorato da utente: la regola non è stata verificata perché non è stata selezionata nella finestra di dialogo Opzioni per controllo accesso facilitato.
    • Richiede una verifica manuale: l’elemento non può essere verificato automaticamente dalla funzione Controllo completo. Verificare l’elemento manualmente.
    • Non riuscito: l’elemento non ha superato il controllo di accessibilità.
    Controllo accessibilità in Acrobat
    Stati segnalati da Controllo accessibilità.

Nota:

Oltre a Controllo completo, Acrobat DC fornisce altri metodi per verificare l’accessibilità dei file PDF:

  • Usa la vista Ridisponi per verificare rapidamente l’ordine di lettura.
  • Per verificare come il documento verrà udito dagli utenti che si avvalgono di strumenti di lettura, usa la funzione Lettura a voce alta.
  • Salvare il documento come testo accessibile e quindi leggere il file di testo salvato in un’applicazione di elaborazione testi per simulare la fruizione del documento da parte degli utenti che utilizzeranno una stampante braille.
  • Per esaminare la struttura, l’ordine di lettura e i contenuti di un PDF, usa lo strumento Ritocco ordine di lettura e i pannelli Ordine, Tag e Contenuto.

Correggere problemi di accessibilità (Acrobat Pro DC)

Per correggere un controllo non riuscito al termine dell’esecuzione di Controllo completo, fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sull’elemento nel pannello Controllo accessibilità. Scegliere una delle seguenti opzioni nel menu di scelta rapida:

Correggi:

Acrobat corregge automaticamente l’elemento oppure visualizza una finestra di dialogo in cui viene richiesto di correggerlo manualmente.

Ignora regola:

deseleziona questa opzione nella finestra di dialogo Opzioni per controllo accesso facilitato per verifiche future dello stesso documento e imposta lo stato dell’elemento su Ignorato.

Spiega:

apre la Guida in linea contenente ulteriori dettagli sul problema di accessibilità.

Controlla di nuovo:

esegue nuovamente il controllo di tutti gli elementi. Scegliere questa opzione dopo aver modificato uno o più elementi.

Mostra rapporto:

visualizza un rapporto con link a suggerimenti per la correzione dei problemi rilevati.

Opzioni:

apre la finestra di dialogo Opzioni per controllo accesso facilitato per selezionare i controlli da eseguire.

Problemi di accessibilità

Documento

Impedire interferenze fra impostazioni di protezione e assistenti vocali

È possibile che l’autore di un documento non consenta operazioni di stampa, copia, estrazione, commento o modifica da parte degli utenti di nessuna sezione di un file PDF accessibile. È pertanto possibile che tali impostazioni interferiscano con l’accesso al documento da parte di un assistente vocale, in quanto le applicazioni di supporto devono essere in grado di copiare o estrarre il testo del documento per eseguire la sintesi vocale.

Questo flag indica se è necessario attivare le impostazioni di protezione che consentono l’accessibilità.

Per correggere automaticamente la regola, selezionare Flag di autorizzazione accesso facilitato nel pannello Controllo accessibilità. Quindi, scegliere Correggi dal menu delle opzioni .

In alternativa, correggere manualmente le autorizzazioni di accessibilità:

  1. Scegliere File > Proprietà > Protezione.

  2. Scegliere Nessuna protezione dall’elenco a comparsa Metodo di protezione.

  3. Fare clic su OK e chiudere la finestra di dialogo Proprietà documento.

Se il prodotto della tecnologia di supporto in uso è registrato presso Adobe come affidabile, è possibile leggere file PDF che potrebbero risultare inaccessibili ad altri prodotti simili. Se un assistente vocale o un altro prodotto è contrassegnato come affidabile, viene riconosciuto in Acrobat e, per garantire l'accessibilità del documento, vengono sostituite le impostazioni di protezione che normalmente ne limiterebbero l'accesso. Le importazioni di protezione vengono tuttavia mantenute attive per tutti gli altri scopi, ad esempio per impedire copia, estrazione, immissione di commenti o estrazione del testo.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A), 4.1.2 Nome, ruolo, valore

PDF di sola immagine

Segnala se il documento contiene elementi non di testo che non sono accessibili. Se il documento sembra contenere del testo, ma non contiene alcun font, potrebbe trattarsi di un file PDF di sola immagine.

Per correggere automaticamente il problema rilevato da questo controllo, selezionare PDF solo immagine nel pannello Controllo accessibilità e scegliere Correggi dal menu delle opzioni .

In alternativa, per correggere manualmente il problema, utilizzare la funzione OCR per effettuare il riconoscimento del testo nelle immagini acquisite da scanner:

  1. Scegliere Strumenti > Migliora acquisizioni.

    Il set di strumenti Migliora acquisizioni viene visualizzato nella barra degli strumenti secondaria.

  2. Nella barra degli strumenti secondaria, scegliere Riconosci testo > In questo file.

  3. Selezionare le pagine da elaborare e la lingua del documento, quindi fare clic su Riconosci testo.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale (A)

PDF con tag

Se questo controllo non riesce, il documento non contiene tag per la definizione dell’ordine di lettura.

Per correggere automaticamente questo controllo, selezionare PDF con tag nel pannello Controllo accessibilità e scegliere Correggidal menu delle opzioni . Acrobat aggiunge automaticamente i tag al file PDF.

Per specificare manualmente i tag, effettuare le seguenti operazioni:

  • Abilitare l’assegnazione di tag nell’applicazione con cui è stato creato il PDF e ricreare il PDF.
  • Scegliere Strumenti > Accessibilità > Assegnazione automatica tag documento in Acrobat DC. In caso di problemi, nel riquadro di navigazione viene visualizzato il Rapporto aggiunta tag in cui vengono elencati i problemi potenziali ordinati per pagina, viene reso disponibile un link a ciascun problema e vengono illustrati dei suggerimenti per la relativa risoluzione.
  • Scegliere Strumenti > Accessibilità > Ordine di lettura in Acrobat DC, quindi creare la struttura di tag. Per ulteriori informazioni, consulta la panoramica sullo strumento Ritocco ordine di lettura.
  • Aprire il pannello Tag  e creare manualmente la struttura di tag. Per aprire il pannello Tag, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag. Per ulteriori informazioni, consulta Modificare la struttura del documento con il pannello Contenuto e Tag.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni, 1.3.2, 2.4.1, 2.4.4, 2.4.5, 2.4.6, 3.1.2, 3.3.2, 4.1.2 Nome, ruolo, valore

Ordine di lettura logico

Verificare manualmente questo controllo. Accertarsi che l’ordine di lettura visualizzato nel pannello Tag coincida con l’ordine di lettura logico del documento.

Lingua del documento

L’impostazione della lingua del documento nel file PDF abilita l’impostazione della lingua opportuna in alcuni assistenti vocali. Questo controllo determina se è stata specificata la lingua principale per il testo nel PDF. Se il controllo non riesce, impostare la lingua.

Per impostare automaticamente la lingua, selezionare Lingua principale nella scheda Controllo accessibilità, quindi scegliere Correggi dal menu delle opzioni . Scegliere una lingua nella finestra di dialogo Imposta lingua di lettura e fare clic su OK.

Per impostare manualmente la lingua, effettuare una delle seguenti operazioni:

  • Scegliere File > Proprietà > Avanzate, quindi selezionare una lingua dall’elenco a discesa nella sezione Opzioni di lettura. Se la lingua desiderata non è elencata, è possibile inserire il codice ISO 639 corrispondente nel campo Lingua. Questa impostazione è applicabile alla lingua principale per l’intero documento PDF.
  • Impostare la lingua di tutto il testo in una struttura secondaria della struttura ad albero dei tag. Aprire il pannello Tag . Espandere la radice Tag e selezionare un elemento. Scegliere Proprietà dal menu Opzioni . Scegliere una lingua dall’elenco a discesa Lingua. Per aprire il pannello Tag, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.
  • Per impostare la lingua di un blocco di testo, selezionare l’elemento di testo o l’elemento contenitore nel pannello Contenuto . Quindi, fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sul testo, scegliere Proprietà dal menu di scelta rapida e selezionare la lingua desiderata dall’elenco a discesa Lingua. Per aprire il pannello Contenuto, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Contenuto.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: Lingua della pagina (Livello A)

Titolo

Segnala se è presente un titolo nella barra del titolo dell’applicazione di Acrobat.

Per correggere automaticamente il titolo, selezionare Titolo nella scheda Controllo accessibilità e scegliere Correggi dal menu delle opzioni . Inserire il titolo del documento nella finestra di dialogo Descrizione (se necessario deselezionare l’opzione Lascia invariato).

In alternativa, correggere manualmente il titolo:

  1. Scegliere File > Proprietà > Descrizione.

  2. Inserire un titolo nella casella di testo Titolo.

  3. Fare clic su Vista iniziale, quindi scegliere Titolo documento dall’elenco a discesa Mostra

  4. Per chiudere la finestra di dialogo Descrizione, fare clic su OK.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 2.4 Pagina con titolo (Livello A)

Segnalibri

Questo controllo non viene superato se un documento di almeno 21 pagine non contiene alcun segnalibro corrispondente alla struttura del documento.

Per aggiungere dei segnalibri al documento, selezionare Segnalibri nel pannello Controllo accessibilità e scegliere Correggi dal menu delle opzioni . Nella finestra di dialogo Elementi struttura, selezionare gli elementi da utilizzare come segnalibri e fare clic su OK. È possibile accedere alla finestra di dialogo Elementi struttura facendo clic sul menu delle opzioni nella scheda Segnalibro e selezionando il comando Nuovi segnalibri della struttura.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 2.4.1 Ignora blocchi (Livello A), 2.4.5 Più metodi (Livello AA)

Contrasto colore

Quando questo controllo non viene superato, è possibile che il documento contenga elementi non accessibili a utenti daltonici.

Per correggere questo problema, accertati che il contenuto del documento aderisca alle linee guida descritte nella sezione WCAG 1.4.3. Oppure includi una nota che raccomandi di visualizzare il PDF con colori ad elevato contrasto:

  1. Scegliere Modifica > Preferenze (Windows) oppure Acrobat > Preferenze (Mac OS).

  2. Selezionare Accessibilità.

  3. Selezionare Sostituisci colori documento e Usa colori a contrasto elevato. Scegliere la combinazione di colori desiderata dall’elenco a discesa e fare clic su OK.

Contenuto delle pagine

Contenuto con tag

Questo controllo verifica se tutto il contenuto del documento è dotato di tag. Accertarsi che tutto il contenuto del documento sia incluso nella struttura ad albero Tag o che sia contrassegnato come artefatto.

Per correggere problemi rilevati da questo controllo, effettuare una delle seguenti operazioni:

  • Aprire il pannello Contenuto  e fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sul contenuto da contrassegnare come artefatto. Quindi, selezionare Crea artefatto dal menu di scelta rapida. Per aprire la scheda Contenuto, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Contenuto.
  • Applicare i tag al contenuto scegliendo Strumenti > Accessibilità > Ordine di lettura. Selezionare il contenuto, quindi applicare i tag in base alle esigenze.
  • Assegnare i tag mediante il pannello Tag . Fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sull’elemento nella struttura Tag e scegliere Crea tag da selezione. Elementi quali commenti, link e annotazioni potrebbero non essere inclusi nella sempre in struttura Tag. Per individuare tali elementi, scegliere Trova dal menu Opzioni. Per aprire il pannello Tag, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale (A), 1.3.1 Informazioni e relazioni (Livello A), 1.3.2 Sequenza significativa (Livello A), 2.4.4 Scopo dei link (in contesto) (Livello A), 3.1.2 Lingua delle parti (Livello AA), 4.1.2 Nome, ruolo, valore

Annotazioni con tag

Questa regola controlla se tutte le annotazioni sono dotate di tag. Accertarsi che le annotazioni, ad esempio i commenti e i segni di redazione (come inserimento e evidenziazione), siano inclusi nella struttura Tag o contrassegnati come artefatti.

  • Aprire il pannello Contenuto  e fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sul contenuto da contrassegnare come artefatto. Quindi, selezionare Crea artefatto dal menu di scelta rapida. (Per visualizzare il pannello Contenuto, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Contenuto).
  • Applicare i tag al contenuto scegliendo Strumenti > Accessibilità > Ordine di lettura. Selezionare il contenuto, quindi applicare i tag in base alle esigenze.
  • Assegnare i tag mediante il pannello Tag . Per aprire il pannello Tag, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.

Affinché Acrobat DC assegni automaticamente i tag alle annotazione che vengono create, scegli Note tag dal menu Opzioni nel pannello Tag.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni (Livello A), 4.1.2 Nome, ruolo, valore

Ordine di tabulazione

Poiché il tasto tabulazione viene spesso utilizzato per navigare in un PDF, è necessario che l’ordine di tabulazione rispecchi la struttura del documento.

Per correggere automaticamente l’ordine di tabulazione, selezionare Ordine di tabulazione nel pannello Controllo accessibilità e scegliere Correggi dal menu delle opzioni .

Per correggere manualmente l’ordine di tabulazione per link, campi modulo, commenti e altre annotazioni:

  1. Fare clic sul pulsante Miniature di pagina a sinistra.

  2. Selezionare la miniatura di una pagina e scegliere Proprietà pagina dal menu Opzioni .

  3. Nella finestra di dialogo Proprietà pagine, scegliere Ordine di tabulazione. Quindi, selezionare Usa struttura del documento e fare clic su OK.

  4. Ripetere questi passaggi per tutte le miniature nel documento.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 2.4.3, Ordine di attivazione (Livello A)

Codifica caratteri

La codifica consente ai lettori di PDF di presentare agli utenti del testo leggibile. Tuttavia, alcuni problemi relativi alla codifica dei caratteri non possono essere corretti in Acrobat DC.

Per garantire la codifica corretta, effettuare le seguenti operazioni:

  • Verificare che i font necessari siano installati nel sistema.
  • Usare un altro font (preferibilmente OpenType) nel documento originale e ricreare il PDF.
  • Ricreare il file PDF con una versione più recente di Acrobat Distiller.
  • Utilizzare la più recente versione del driver Adobe PostScript per creare il file PostScript, quindi ricreare il PDF.

Nota:

WCAG non contempla la mappatura dei caratteri Unicode.

Elementi multimediali con tag

Questa regola controlla se tutti gli oggetti multimediali sono dotati di tag. Accertarsi che il contenuto del documento sia incluso nella struttura ad albero Tag o che sia contrassegnato come artefatto.

Aprire il pannello Contenuto  e fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sul contenuto da contrassegnare come artefatto. Quindi, selezionare Crea artefatto dal menu di scelta rapida. (Per visualizzare il pannello Contenuto, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Contenuto).

Applicare i tag al contenuto scegliendo Strumenti > Accessibilità > Ordine di lettura. Selezionare il contenuto, quindi applicare i tag in base alle esigenze.

Assegnare i tag mediante il pannello Tag . Fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sull’elemento nella struttura Tag e scegliere Crea tag da selezione. Per aprire il pannello Tag, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A), 1.2.1 Solo audio e solo video (preregistrati) (A), 1.2.2 Sottotitoli (preregistrati) (A), 1.2.3 Descrizione audio o alternativa multimediale (preregistrato) (A), 1.2.5 Descrizione audio (preregistrato) (AA)

Sfarfallamento schermo

Gli elementi che provocano lo sfarfallio dello schermo, come animazioni e script, possono causare attacchi negli utenti che soffrono di epilessia fotosensibile. Inoltre tali elementi possono risultare di difficile visione se la schermata viene ingrandita.

Se la regola di Sfarfallamento schermo non riesce, rimuovere o modificare manualmente lo script o il contenuto che provoca lo sfarfallamento dello schermo.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A), 1.2.1 Solo audio e solo video (preregistrati) (A), 1.2.2 Sottotitoli (preregistrati) (A), 1.2.3 Descrizione audio o alternativa multimediale (preregistrato) (A), 2.3.1 Tre flash o al di sotto della soglia (Livello A)

Script

Il contenuto non può dipendere da script, a meno che sia il contenuto sia la funzionalità non siano entrambi accessibili alle tecnologie di supporto. Accertarsi che lo script non interferisca con la navigazione mediante tastiera e che non impedisca l’uso di dispositivi di input.

Verificare manualmente gli script. Rimuovere o modificare eventuali script o contenuti che possano compromettere l’accessibilità.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A), 2.2.2 Mettere in pausa, interrompere, nascondere (Livello A), 4.1.2 Nome, ruolo, valore

Risposte temporizzate

Questo controllo si applica ai documenti che contengono moduli con JavaScript. Se il controllo non riesce, accertarsi che la pagina non richieda risposte temporizzate. Modificare o rimuovere eventuali script che richiedono una risposta entro un tempo determinato, per lasciare agli utenti il tempo necessario per leggere e utilizzare il contenuto.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 2.2.1 Tempo regolabile. (Livello A)

Per rendere gli URL accessibili agli assistenti vocali, devono essere link attivi con tag nel PDF. Il modo migliore per creare link accessibili è mediante il comando Crea link, che aggiunge tutti e tre i collegamenti richiesti dagli assistenti vocali per il riconoscimento di un link. Accertarsi che i collegamenti di navigazione non siano ripetitivi e che gli utenti possano saltare eventuali collegamenti ripetitivi.

Se questo controllo non riesce, verificare manualmente i collegamenti di navigazione e che il contenuto non presenti troppi collegamenti identici. Inoltre, offrire agli utenti la possibilità di saltare gli elementi che vengono visualizzati più volte. Ad esempio, se uno stesso link viene visualizzato su ogni pagina del documento, includere anche un collegamento di tipo “Ignora navigazione”.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 2.4.1 Ignora blocchi. (Livello A)

Moduli

Campi modulo con tag

In un PDF accessibile, tutti i campi modulo dispongono di tag e fanno parte della struttura del documento. Inoltre, è possibile utilizzare la proprietà del campo modulo descrizione comandi per fornire all’utente informazioni o istruzioni.

Per applicare i tag ai campi modulo, scegliere Strumenti > Accessibilità > Assegnazione automatica tag campi modulo.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A), 4.1.2 Nome, ruolo, valore

Descrizioni dei campi

Per essere accessibili, tutti i campi modulo devono disporre di una descrizione di testo.

Per aggiungere una descrizione a un campo modulo:

  1. Selezionare uno degli strumenti Moduli e fare clic sul campo modulo con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS).
  2. Scegliere Proprietà dal menu di scelta rapida.
  3. Fare clic sulla scheda delle proprietà Generali.
  4. Immettere una descrizione del campo modulo nel campo Descrizione.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A), 3.3.2 Etichette o istruzioni (Livello A), 4.1.2, Nome, ruolo, valore

Testo alternativo

Testo alternativo per figure

Accertarsi che le immagini nel documento dispongano di testo alternativo o che siano contrassegnate come artefatti.

Se questo controllo non riesce, effettuare una delle seguenti operazioni:

  • Selezionare le Testo alternativo per figure nel pannello Controllo accessibilità e scegliere Correggi dal menu Opzioni . Aggiungere il testo alternativo nella finestra di dialogo Imposta testo alternativo.
  • Usare il pannello Tag per aggiungere testo alternativo nel PDF.
  • Aprire il pannello Contenuto  e fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sul contenuto da contrassegnare come artefatto. Quindi, selezionare Crea artefatto dal menu di scelta rapida. Per aprire il pannello Contenuto, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Contenuto.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A)

Testo alternativo nidificato

Gli assistenti vocali non sono in grado di leggere il testo alternativo per elementi nidificati. Evitare quindi di applicare testo alternativo agli elementi nidificati.

Per rimuovere il testo alternativo da elementi nidificati, effettuare le seguenti operazioni:

  1. Scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) su un elemento nidificato nel pannello Tag e scegliere Proprietà dal menu di scelta rapida.
  3. Rimuovere sia il testo alternativo sia il testo a cui è associato nella finestra di dialogo Proprietà oggetto e fare clic sul Chiudi.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A)

Associato a contenuto

Accertarsi che il testo alternativo sia sempre una rappresentazione alternativa di un contenuto della pagina. Se un elemento dispone di testo alternativo, ma non contiene alcun contenuto della pagina, non è possibile sapere su quale pagina si trova. Se le Opzioni assistente vocale nelle preferenze Lettura non sono impostate sulla lettura dell’intero documento, gli assistenti vocali non leggeranno mai il testo alternativo.

  1. Fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) su un oggetto da controllare.
  2. Aprirlo nel pannello Tag . Per aprire il pannello Tag, scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.
  3. Rimuovere il testo alternativo dal pannello Tag per tutti gli oggetti nidificati che non hanno contenuto della pagina.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A)

Annotazione nascosta

Il testo alternativo non può nascondere un’annotazione. Se un’annotazione è nidificata sotto un elemento padre con testo alternativo, alcuni assistenti vocali non sono in grado di vederla.

Per rimuovere il testo alternativo da elementi nidificati:

  1. Scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) su un elemento nidificato nel pannello Tag e scegliere Proprietà dal menu di scelta rapida.
  3. Rimuovere il testo alternativo dalla finestra di dialogo Proprietà oggetto e fare clic su OK.

Nota:

Consulta le sezioni relative su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A), 4.1.2 Nome, ruolo, valore

Testo alternativo per altri elementi

Questa verifica controlla la presenza di contenuti diversi dalle figure che richiedono testo alternativo (ad esempio elementi multimediali, annotazioni o modelli 3D). Accertarsi che il testo alternativo sia sempre una rappresentazione alternativa di un contenuto della pagina. Se un elemento dispone di testo alternativo, ma non contiene alcun contenuto della pagina, non è possibile sapere su quale pagina si trova. Se le Opzioni assistente vocale nelle preferenze Lettura non sono impostate sulla lettura dell’intero documento, gli assistenti vocali non leggeranno il testo alternativo.

  1. Scegliere Vista > Mostra/Nascondi > Pannelli di navigazione > Tag.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) su un elemento nidificato nel pannello Tag e scegliere Proprietà dal menu di scelta rapida.
  3. Rimuovere il testo alternativo dalla finestra di dialogo Proprietà oggetto e fare clic su OK.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.1.1 Contenuto non testuale. (A)

Tabelle

Poiché la struttura delle tabelle può essere complessa, si consiglia di controllarle manualmente per verificarne l’accessibilità.

Righe

Questa regola controlla se ogni elemento TR in una tabella è un elemento figlio di un elemento Table, THead, TBody o TFoot.

Vedere Correggere i tag di tabella nel pannello Tag.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A)

TH e TD

In una struttura di tabella corretta, TH e TD sono elementi figli di TR.

Vedere Correggere i tag di tabella nel pannello Tag.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A)

Intestazioni

Per ragioni di accessibilità, tutte le tabelle di un file PDF devono disporre di un’intestazione.

Vedere Correggere i tag di tabella nel pannello Tag.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A)

Regolarità

Per essere accessibili, le tabelle devono avere lo stesso numero di colonne per riga e di righe per colonna.

Per ulteriori informazioni, consultare Correggere i tag di tabella nel pannello Tag.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A)

Riepilogo

I riepiloghi di tabella sono opzionali, ma possono migliorare l’accessibilità.

  1. Scegliere Strumenti > Accessibilità > Ordine di lettura.
  2. Selezionare la tabella tracciando un rettangolo attorno ad essa. 
  3. Nella finestra di dialogo Ritocco ordine di lettura, fare clic su Tabella.
  4. Fare clic su Tabella con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS).
  5. Fare clic su Modifica riepilogo tabella.
  6. Immettere un riepilogo e fare clic su OK.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A)

Elenchi

Voci elenco

Questo controllo verifica se ogni elemento LI è un elemento figlio di un elemento L. Se questo controllo non riesce, la struttura dell’elenco non è corretta. Gli elenchi devono avere la struttura seguente: un elemento elenco L deve contenere elementi voce elenco LI. Inoltre, gli elementi voce elenco LI possono contenere solo elementi etichetta Lbl ed elementi corpo della voce elenco LBody.

Per correggere la struttura dell’elenco:

  1. Individuare l’elenco nel pannello Controllo accessibilità facendo clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sugli elementi con errore e scegliendo Mostra nel pannello Tag.
  2. Creare gli elementi, modificare i tipi di elementi oppure ridisporre gli elementi esistenti trascinandoli.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A)

Lbl e LBody

Gli elenchi devono avere la struttura seguente: un elemento elenco L deve contenere elementi voce elenco LI. Inoltre, gli elementi voce elenco LI possono contenere solo elementi etichetta Lbl ed elementi corpo della voce elenco LBody. Se questo controllo non riesce, la struttura dell’elenco non è corretta.

Per correggere la struttura dell’elenco:

  1. Individuare l’elenco nel pannello Controllo accessibilità facendo clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sugli elementi con errore e scegliendo Mostra nel pannello Tag.
  2. Creare gli elementi, modificare i tipi di elementi oppure ridisporre gli elementi esistenti trascinandoli.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 1.3.1 Informazioni e relazioni. (Livello A)

Titoli

Nidificazione appropriata

Questa regola controlla le intestazioni nidificate. Se questo controllo non riesce, significa che le intestazioni non sono nidificati correttamente.

Per correggere la struttura dell’elenco:

  1. Individuare l’elenco nel pannello Controllo accessibilità facendo clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o tenendo premuto il tasto Control (Mac OS) sugli elementi con errore e scegliendo Mostra nel pannello Tag.
  2. Creare gli elementi, modificare i tipi di elementi oppure ridisporre gli elementi esistenti trascinandoli.

Nota:

Consulta la sezione relativa su WCAG: 2.4.6 Titoli ed etichette. (Livello AA). L’ordine dei titoli non è un requisito delle linee guida WCAG, ma rappresenta solo una tecnica consigliata.

Mappatura WCAG su PDF/UA

WCAG 2.0 ISO 14289 -1 (File) Tecniche
1.1.1 Contenuto non testuale (A)
  • 7.3 applicabile a contenuto che richiede alterazione del testo.
  • 7.18.1 paragrafo quattro applicabile alle descrizioni dei controlli.
  • 7.18.6.2 applicabile alle alternative per file multimediali basati su tempo. Per i casi di utilizzo Test, Sensoriale e CAPTCHA utilizzare solo metodi tecnici.
  • 7.1 paragrafo 1, frase 2 applicabile a elementi decorativi.
1.2.1 Solo audio e solo video (preregistrati) (A)
  • 7.18.6.2 applicabile alle alternative per file multimediali basati su tempo. A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
1.2.2 Sottotitoli (preregistrati) (A)
  • 7.18.6.2 applicabile alle alternative per file multimediali basati su tempo. A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
1.2.3 Descrizione audio o alternativa multimediale (preregistrato) (A)
  • 7.18.6.2 applicabile alle alternative per file multimediali basati su tempo. A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
1.2.4 Sottotitoli (live) (AA)
  • A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
1.2.5 Descrizione audio (preregistrato) (AA)
  • 7.18.6.2 applicabile alle alternative per file multimediali basati su tempo. A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
1.2.6 Linguaggio dei segni (preregistrati) (AAA)
  • A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
 
1.2.7 Descrizione audio estesa (preregistrato) (AAA)
  • A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
 
1.2.8 Alternative multimediali (preregistrato) (AAA)
  • 7.18.6.2 applicabile alle alternative per file multimediali basati su tempo. A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
 
1.2.9 Solo audio (live) (AAA)
  • A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
 
1.3.1 Info e relazioni (Livello A)
  • 7.1 - 7.10 e 7.20 applicabile a struttura e relazioni nel contenuto.
  • 7.17 e 7.18 applicabile a struttura e relazioni nelle annotazioni.
1.3.2 Sequenza significativa (Livello A)
  • 7.2 paragrafo 2 applicabile alla sequenza significativa dei contenuti.
  • 7.17 applicabile alle funzioni di navigazione.
  • 7.18.3 applicabile all’ordine di tabulazione nelle annotazioni.
1.3.3 Caratteristiche sensoriali (Livello A)
  • 7.1, paragrafi 6 e 7
1.4.1 Uso del colore (Livello A)
  • 7.1, paragrafo 6
1.4.2 Controllo audio (Livello A)
  • A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
1.4.3 Contrasto (minimo) (Livello AA)
  • 7.1, paragrafo 6 e nota 4
1.4.4 Ridimensionamento testo (Livello AA)
  • Non pertinente
1.4.5 Immagini di testo (Livello AA)
  • 7.3, paragrafo 6
1.4.6 Contrasto (ottimizzato) (Livello AAA)
  • 7.1, paragrafo 6
 
1.4.7 Audio di sfondo basso o assente (Livello AAA)
  • Benché ISO 14289 non sia applicabile a questo criterio, la conformità nel PDF richiede file e lettori conformi a ISO 14289. Il modo in cui gli sviluppatori supportano questo criterio nel PDF non è definito in ISO 14289 né ISO 32000.
 
1.4.8 Presentazione visiva (Livello AAA)
  • A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
 
1.4.9 Immagini di testo (nessuna eccezione) (Livello AAA)
  • 7.3, paragrafo 1
 
2.1.1 Tastiera (Livello A)
  • Non pertinente
2.1.2 Nessun trap tastiera (Livello A)
  • A livello di progettazione. Gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
2.1.3 Tastiera (nessuna eccezione) (Livello AAA)
  • 7.19, paragrafo 3
 
2.2.1 Tempo regolabile (Livello A)
  • 7.19, paragrafo 3 applicabile, ma questa regola è in genera a livello di progettazione. Gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
2.2.2 Mettere in pausa, interrompere, nascondere (Livello A)
  • 7.19
2.2.3 Nessun vincolo di tempo (Livello AAA)
  • 7.19
 
2.2.4. Interruzioni (Livello AAA)
  • 7.19
 
2.2.5 Riautenticazione (Livello AAA)
  • Non pertinente
 
2.3.1 Tre flash o al di sotto della soglia (Livello A)
  • 7.1, paragrafo 5
2.3.2 Tre flash(Livello AAA)
  • 7.1, paragrafo 5
 
2.4.1 Ignora blocchi (Livello A)
  • Non applicabile, a meno che il PDF non contenga contenuto effettivo ripetitivo. I contenuti di pagina, quali intestazioni e i piè di pagina, devono essere conformi a 7.8.
2.4.2 Pagina con titolo (Livello A)
  • 7.1, paragrafi 8 e 9
2.4.3 Ordine di attivazione (Livello A)
  • 7.1, paragrafo 2; 7.18.1, paragrafo 2; 7.18.3
2.4.4 Scopo dei link (in contesto) (Livello A)
  • 7.18.5
2.4.5 Più metodi (Livello AA)
  • I PDF possono essere conformi a questa misura in diversi modi, compresi profili (7.17), collegamenti (7.18.5) ed etichette di pagina.
2.4.6 Titoli ed etichette (Livello AA)
  • 7.4
2.4.7 Attivazione visibile (Livello AA)
  • Non pertinente
2.4.8 Percorso (Livello AAA)
  • 7.4, 7.17
 
2.4.9 Scopo dei link (solo collegamento) (Livello AAA)
  • 7.18.5
 
2.4.10 Titoli di sezione (Livello AAA)
  • 7.4
 
3.1.1 Lingua della pagina (Livello A)
  • 7.2, paragrafo 3.
3.1.2 Lingua delle parti (Livello AA)
  • 7.2, paragrafo 3.
3.1.3 Parole insolite (Livello AAA)
  • Non applicabili in ISO 14289. Vedere ISO 32000-1, parte 14.9.5.
 
3.1.4 Abbreviazioni (Livello AAA)
  • Non applicabili in ISO 14289. Vedere ISO 32000-1, parte 14.9.5.
 
3.1.5 Livello di lettura (Livello AAA)
  • Nessun impatto sul supporto dell’accessibilità. Questa regola è a livello di progettazione. Gli autori dell’applicazione o del documento devono tener conto di questa misura e garantire conformità ad essa.
 
3.1.6 Pronuncia (Livello AAA)
  • Il PDF offre diversi metodi per l’implementazione di elementi multimediali e altre opzioni di supporto alla pronuncia. A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
 
3.2.1 Attivato (Livello A)
  • 7.18, paragrafo 2
3.2.2 Al momento dell’input (Livello A)
  • 7.18, paragrafo 2
3.2.3 Navigazione coerente (Livello AA)
  • 7.1, paragrafo 1; 7,17
3.2.4 Identificazione coerente (Livello AA)
  • 7.1, paragrafo 1
3.2.5 Cambiamento su richiesta (Livello AAA)
  • 7.19, paragrafo 2
 
3.3.1 Identificazione errori (Livello A)
  • A livello di progettazione. Gli autori e gli sviluppatori devono considerare questa misura e garantirne la conformità.
3.3.2 Etichette o istruzioni (Livello A)  
4.1.2 Nome, ruolo, valore  

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online