Adobe pubblica aggiornamenti, funzionalità e nuove versioni delle app quando diventano disponibili. Decidi come distribuire e installare queste app e questi aggiornamenti agli utenti finali. Sono disponibili diverse opzioni e puoi scegliere quelle che meglio si adattano ai tuoi requisiti. È tuttavia necessario notare che ogni metodo presenta vantaggi e svantaggi. Valuta i vantaggi rispetto ai requisiti dell’organizzazione o del gruppo. 

In qualità di amministratore dell’organizzazione aziendale Adobe, puoi rendere disponibili le applicazioni Creative Cloud e Document Cloud agli utenti finali in due modi:

Pacchetti autonomi

Puoi consentire ai tuoi creativi di installare le applicazioni e gli aggiornamenti con l’applicazione desktop Creative Cloud, allo stesso modo di milioni di altri utenti Adobe. I pacchetti autonomi consentono di ridurre il carico di lavoro per l’IT e assicurano ai creativi l’accesso a tutti gli strumenti necessari e la ricezione degli aggiornamenti non appena questi sono pubblicati.

Se vuoi attivare il servizio autonomo ma gli utenti finali non dispongono di privilegi amministrativi, puoi:

  • Creare un pacchetto autonomo
  • Creare un pacchetto gestito nel quale sono attivati i privilegi elevati
  • Creare un pacchetto basato su un modello Adobe nel quale sono attivati i privilegi elevati

I flussi di lavoro autonomi consentono agli utenti di scaricare e installare app come e quando necessario: il provisioning delle app a cui un utente ha diritto avviene quando l’utente accede. Altre app possono essere utilizzate come una versione di prova per un periodo di tempo limitato. Ciò esenta gli amministratori dalla creazione e distribuzione di più pacchetti e aggiornamenti. Ad esempio, i flussi di lavoro autonomi sono efficaci nei seguenti scenari:

  • I requisiti di app per utenti diversi sono eterogenei e mutevoli.
  • Gli utenti dispongono di diverse combinazioni di hardware e sistemi operativi.
  • Nell’organizzazione sono presenti utenti remoti.
  • Team e utenti diversi eseguono aggiornamenti in orari diversi, a causa di progetti in corso.
  • Desideri ridurre l’ingombro iniziale su un computer consentendo a un utente di installare solo le applicazioni necessarie e per il tempo richiesto.

Innanzitutto, gli utenti finali devono scaricare l’app desktop Creative Cloud dal sito Web Creative Cloud. Oltre al download e all’installazione del software, l’app consente anche di accedere ai servizi Creative Cloud, ad esempio, File Sync, Font Sync e Behance.

I flussi di lavoro autonomi richiedono:

  • Assegnazione delle licenze nominative
  • Accesso completo ai servizi web Creative Cloud
  • Diritti di amministratore sui computer client

Per la documentazione per l’utente finale, consulta App desktop Creative Cloud.

Pacchetti gestiti

Utilizzando i pacchetti gestiti, puoi decidere quali componenti distribuire e quando aggiornarli. Puoi creare pacchetti contenenti le versioni più recenti o quelle archiviate dei prodotti Adobe. Questi pacchetti possono essere successivamente distribuiti nei computer degli utenti della tua organizzazione. Puoi anche eseguire distribuzioni invisibili e personalizzate, che al momento dell’installazione non richiederanno alcuna informazione agli utenti.

Puoi, ad esempio, utilizzare la distribuzione gestita di app nei seguenti casi:

  • Per esercitare un controllo rigoroso sulle app installate nei computer client.
  • Per ridurre il consumo della larghezza di banda Internet, impedendo più download autonomi.
  • Quando non si dispone di un accesso a Internet su computer client.
  • Per controllare rigorosamente le versioni delle app installate all’interno dell’organizzazione.
  • Per modificare il comportamento di aggiornamento nelle applicazioni installate.
Per ulteriori informazioni sulla creazione e sulla distribuzione di pacchetti di app, consulta la Guida utente alla creazione di pacchetti.

Per creare pacchetti gestiti utilizzando Adobe Admin Console, puoi:

Puoi anche utilizzare Creative Cloud Packager; in tal caso Creative Cloud Packager deve essere installato in un computer connesso a Internet e nel quale non sia installato software Adobe. Sono inoltre richiesti computer Mac e Windows separati per creare pacchetti per ogni piattaforma.

Ora devi decide come progettare i pacchetti, creare un elenco dei pacchetti, determinare il numero di pacchetti e decidere lo schema da utilizzare per denominare i pacchetti. Per informazioni, consulta Pianificazione dei pacchetti.

Distribuzione degli aggiornamenti

Per distribuire agli utenti finali gli aggiornamenti delle app, sono disponibili diversi meccanismi. Scegline uno dei seguenti in base alle esigenze dell’organizzazione.

Autonomo

Gli utenti possono scaricare e installare gli aggiornamenti direttamente da Adobe. Questo metodo assicura che gli utenti finali abbiano accesso agli aggiornamenti più recenti, quando questi diventano disponibili. Gli aggiornamenti possono essere scaricati e installati utilizzando l’app desktop Creative Cloud o Adobe Updater inclusi con le app. Per questi flussi di lavoro, i computer client richiedono l’accesso ai server Adobe e i diritti di amministratore.

Questa opzione è disponibile per la distribuzione di app in modalità autonoma e gestita.

Distribuzione gestita

Quando crei i pacchetti, puoi scegliere un meccanismo di distribuzione gestita degli aggiornamenti.

  • Configura i computer client in modo che installino gli aggiornamenti da un server di aggiornamento interno.
  • Avvia gli aggiornamenti in modalità remota utilizzando Remote Update Manager. Utilizza questa opzione quando i computer client non dispongono dei diritti di amministratore.
  • Crea e distribuisci i pacchetti Solo aggiornamento utilizzando Creative Cloud Packager.

Per ulteriori informazioni sulla distribuzione gestita, consulta Installazione degli aggiornamenti.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online