Per migliorare le prestazioni è possibile ottimizzare il sistema, After Effects, il progetto e il flusso di lavoro. Alcuni dei seguenti consigli consentono di migliorare le prestazioni non mediante un incremento della velocità di rendering, ma riducendo invece il tempo richiesto da altre operazioni, come l’apertura di un progetto.

Nota:

Il modo migliore per ottimizzare le prestazioni complessive consiste in una corretta pianificazione, con test iniziali del flusso di lavoro e della pipeline di output, e nell’accertarsi che il risultato finale corrisponda alle aspettative del cliente. Consultate Pianificazione del lavoro.

Per una serie di esercitazioni video gratuite su come migliorare le prestazioni con After Effects e Premiere Pro, consultate il sito Web video2brain.

Per ulteriori risorse su come ottimizzare il sistema e After Effects a livelli di prestazioni, consultate questo articolo nel sito Web di Adobe.

Lloyd Alvarez mette a disposizione lo script BG Renderer nel sito Web After Effects Scripts, che consente di eseguire il rendering ed esportare le composizioni in background continuando a lavorare in After Effects.

Migliorare le prestazioni prima dell’avvio di After Effects

  • Assicuratevi di avere installato la versione corrente di After Effects, compresi eventuali aggiornamenti disponibili. Per cercare e installare gli aggiornamenti, scegliete Aiuto > Aggiornamenti.
  • Assicuratevi di aver installato le versioni più recenti di driver e plug-in, in particolar modo i driver della scheda video. Per scaricare gli aggiornamenti dei driver e dei plug-in, visitate il sito Web dei relativi fornitori.
  • Assicuratevi che il sistema disponga di una quantità di RAM sufficiente. Le prestazioni ottimali si ottengono con computer dotati di almeno 2 GB di RAM installata per il nucleo del processore. Per informazioni su come controllare la quantità di RAM installata e su come installare la RAM, consultate la documentazione del sistema operativo e del computer.
  • Chiudete le applicazioni che non sono necessarie. Se eseguite applicazioni diverse da quelle con cui After Effects condivide un pool di memoria e non allocate memoria sufficiente alle altre applicazioni, le prestazioni possono risentirne notevolmente quando il sistema operativo effetto lo swap della RAM sul disco rigido. (Consultate Utilizzo della memoria (RAM) in After Effects a 64 bit.

    Per ulteriori informazioni su come migliorare le prestazioni chiudendo eventuale software non necessario al lavoro in corso, guardate questo video nel sito Web video2brain.

  • Chiudete o mettete in pausa le operazioni che richiedono un numero elevato di risorse in altre applicazioni, come le anteprime video in Adobe Bridge.
  • Assicuratevi che il sistema includa una scheda video con supporto OpenGL 2.0 o versione successiva. Sebbene After Effects funzioni anche senza OpenGL, questo programma consente di accelerare vari tipi di rendering, ad esempio, il rendering sullo schermo per le anteprime. Consultate Rendering con OpenGL.
  • Se possibile, archiviate i file di metraggio sorgente del progetto su un’unità disco locale veloce. Se i file di metraggio sorgente si trovano su un’unità disco lenta (o su una connessione di rete lenta), i risultati ottenuti saranno di bassa qualità. Se possibile, usate unità disco locali veloci per i file degli elementi di metraggio sorgente e per l’output renderizzato. Per ulteriori informazioni, guardate questo video nel sito Web video2brain.
  • La soluzione ideale è un disco veloce separato (o array di dischi) a cui assegnare la cartella della cache del disco. A causa della loro velocità, le unità SSD sono adatte per questa funzione.

Migliorare le prestazioni ottimizzando le impostazioni relative a memoria, cache ed elaborazione multipla

  • Allocate una quantità di memoria adeguata alle altre applicazioni.
  • Attivate la cache dei fotogrammi su disco per le anteprime selezionando la preferenza Attiva cache disco. In After Effects, assegnate il maggior spazio possibile alla cartella della cache del disco (in un’unità veloce separata) per migliorare le prestazioni. Consultate Cache disco.

Nel sito Web di Adobe Todd Kopriva offre ulteriori informazioni sulle impostazioni ottimali di memoria e processore.

Per ulteriori informazioni, consultate Preferenze di memoria.

Migliorare le prestazione con Cache per prestazioni globali | CC, CS6

Importate i progetti After Effects 5.5 e delle versioni precedenti in After Effects CS per sfruttare la Cache per prestazioni globali. Per informazioni dettagliate, consultate Cache disco.

Cache del disco persistente consente di migliorare le prestazioni mantenendo i fotogrammi memorizzati nella cache del disco tra le sessioni, salvando il tempo di rendering mentre lavorate su un progetto o altri progetti per cui è possibile utilizzare gli stessi fotogrammi memorizzati.

Migliorare le prestazioni semplificando il progetto

Attraverso la semplificazione e la divisione del progetto potete evitare che After Effects impieghi memoria e altre risorse per elaborare elementi diversi da quelli che state usando. Inoltre, potete migliorare notevolmente le prestazioni complessive controllando i momenti in cui After Effects esegue certe operazioni di elaborazione. Ad esempio, potete evitare la ripetizione di un’operazione che deve essere eseguita soltanto una volta, oppure potete posticipare un’operazione a un momento più opportuno.

  • Eliminate gli elementi inutilizzati dal progetto. Consultate Rimuovere elementi da un progetto.
  • Dividete i progetti complessi in progetti più semplici, quindi riuniteli prima di eseguire il rendering del filmato finale. Per ricombinare i progetti, importateli tutti in un singolo progetto. Consultate Importare un progetto After Effects.
  • Prima del rendering, portate tutti i file di metraggio sorgente in un disco locale veloce, diverso da quello in cui effettuate il rendering e l’esportazione. Un buon metodo per effettuare tale operazione consiste nell’usare il comando Raccogli file nella cartella. Consultate Raccogliere i file in una posizione.
  • Eseguite il pre-rendering delle composizioni nidificate. Eseguite il rendering di una composizione completata come filmato in modo che After Effects non debba ripeterlo ogni volta che viene visualizzata. Consultate Pre-rendering di una composizione nidificata.
  • Sostituite un elemento sorgente con un file proxy a bassa risoluzione o con immagine fissa se non usate direttamente tale elemento. Consultate Segnaposto e proxy.
  • Diminuite la risoluzione per la composizione. Consultate Risoluzione.
  • Isolate il livello che state usando con lo switch Singolo. Consultate Isolare un livello.

Per ulteriori informazioni su come migliorare le prestazioni mediante l’isolamento dell’elemento su cui state lavorando, guardate questo video nel sito Web video2brain.

Migliorare le prestazioni modificando l’output sullo schermo

Potete migliorare le prestazioni in diversi modi modificando soltanto il modo in cui l’output viene riprodotto sullo schermo durante le operazioni, senza alterare le modalità di elaborazione dei dati del progetto da parte di After Effects. Sebbene sia spesso utile visualizzare certe informazioni mentre si lavora, occorre tenere presente che After Effects impiega memoria e risorse del processore per mantenerle aggiornate; pertanto, dovete scegliere attentamente gli elementi che desiderate visualizzare durante le operazioni. Dato che probabilmente dovrete visualizzare vari aspetti del progetto in punti diversi del flusso di lavoro, potete applicare i seguenti suggerimenti in varie combinazioni in fasi diverse.

  • Disattivate la gestione del colore di visualizzazione e la simulazione output, quando non sono necessarie. Consultate Simulare l’aspetto dei colori su un dispositivo di output diverso. La velocità e qualità della gestione del colore per le anteprime è definita dalle preferenze Qualità visualizzatore. Consultate Preferenze Qualità visualizzatore.
  • Attivate l’accelerazione hardware delle anteprime, che usa la GPU per agevolare la rappresentazione delle anteprime sullo schermo. Scegliete Modifica > Preferenze > Visualizzazione (Windows) o After Effects > Preferenze > Visualizzazione (Mac OS) e selezionate i pannelli Hardware Accelerate Composition, Livello e Metraggio.
  • Chiudete i pannelli che non sono necessari. Per aggiornare i pannelli aperti, After Effects deve utilizzare memoria e risorse del processore; di conseguenza, può verificarsi un rallentamento delle operazioni eseguite in un altro pannello.
  • Create un’area d’interesse. Se state lavorando su una piccola parte della composizione, limitate ad essa il rendering sullo schermo durante le anteprime. Consultate Area di interesse (ROI).
  • Deselezionate Mostra indicatori cache nel menu Opzioni del pannello Timeline per evitare che After Effects visualizzi le barre verdi e blu nel righello temporale che indicano i fotogrammi inseriti nella cache. Consultate Cache: cache RAM, cache disco e cache multimediale.
  • Per evitare la rappresentazione sullo schermo dei dettagli di ciascuna operazione di rendering per ciascun fotogramma, deselezionate la preferenza Mostra avanzamento rendering nel pannello Info e nel diagramma di flusso. Consultate Preferenze di visualizzazione.
  • Nascondete Dettagli rendering corrente nel pannello Coda di rendering facendo clic sul triangolino accanto a Dettagli rendering corrente nel pannello Coda di rendering. Consultate Informazioni visualizzate per le operazioni di rendering correnti.
  • Per evitare che in After Effects vengano aggiornati i pannelli Metraggio, Livello o Composizione, premete Bloc Maiusc. Quando apportate una modifica che altrimenti apparirebbe in un pannello, After Effects aggiunge una barra rossa con un promemoria di testo nella parte inferiore del pannello. After Effects continua ad aggiornare i controlli dei pannelli, ad esempio, i tracciati animati, i punti di ancoraggio e i contorni delle maschere mentre li spostate. Per riprendere gli aggiornamenti dei pannelli e visualizzare tutte le modifiche, premete nuovamente Bloc Maiusc.

Nota:

premendo Bloc Maiusc, vengono sospesi anche gli aggiornamenti (disattivazione dell’aggiornamento) delle anteprime nei visualizzatori durante il rendering per l’output finale, anche se non viene visualizzata nessuna barra di promemoria rossa.

  • Diminuite la qualità della visualizzazione di un livello impostandola su Bozza. Vedete Qualità immagine del livello e posizionamento subpixel.
  • Selezionate Bozza 3D nel menu del pannello Timeline, che disattiva tutte le luci e le ombre che cadono sui livelli 3D. Inoltre, viene disattivata la sfocatura della profondità di campo per una videocamera.
  • utilizzate la modalità Bozza veloce durante la presentazione e visualizzazione in anteprima di una composizione 3D ray tracing, selezionando un’opzione diversa da “Disattivato” dal pulsante Anteprime rapide.
  • Per evitare che After Effects aggiorni le composizioni in maniera dinamica, deselezionate Aggiornamento diretto nel menu del pannello Timeline. Consultate Modalità di anteprima e preferenze Anteprime rapide.
  • Visualizzate l’oscilloscopio audio nel pannello Timeline solo quando necessario. Consultate Visualizzare proprietà e gruppi nel pannello Timeline (scelte rapide da tastiera).
  • Disattivate la correzione delle proporzioni pixel facendo clic sul pulsante Attiva/disattiva correzione proporzioni pixel  in fondo al pannello Composizione, Livello o Metraggio. La velocità e la qualità della correzione delle proporzioni pixel ee di altri ridimensionamentiper le anteprime è definita dalle preferenze Qualità visualizzatore. Consultate Preferenze Qualità visualizzatore.
  • Deselezionate Mirroring su monitor computer quando eseguite un’anteprima video su un monitor video esterno. Consultate Anteprima su un monitor video esterno.
  • Nascondete i controlli dei livelli, come ad esempio maschere, assi di riferimento 3D e maniglie del livello. Consultate Mostrare o nascondere i controlli di livello nel pannello Composizione.
  • Diminuite l’ingrandimento per una composizione. Quando After Effects visualizza i pannelli Composizione, Livello e Metraggio a un ingrandimento maggiore di 100%, la velocità di ridisegno sullo schermo viene rallentata. Consultate Zoom in un’immagine per l’anteprima.
  • Impostate il valore Risoluzione/Fattore sottocampionamento della composizione su Automatico nel pannello Composizione, impedendo in tal modo il rendering superfluo di righe o colonne di pixel che non vengono disegnate sullo schermo con livelli di zoom bassi. Consultate Risoluzione.

Migliorare le prestazioni durante l’utilizzo degli effetti

Alcuni effetti, quali sfocature e distorsioni, richiedono grosse quantità di memoria e risorse del processore. Attraverso un’applicazione selettiva di questi effetti, potete migliorare considerevolmente le prestazioni complessive.

  • Applicate effetti che richiedono grosse quantità di memoria e risorse del processore in un secondo momento. Animate i livelli e svolgete altro lavoro che richiede anteprime in tempo reale prima di applicare effetti che richiedono grosse quantità di memoria e risorse del processore (come i bagliori e le sfocature), il che potrebbe rendere le anteprime più lente rispetto al tempo reale.
  • Disattivate temporaneamente gli effetti per aumentare la velocità delle anteprime. Consultate Eliminare o disattivare gli effetti e i predefiniti di animazione.
  • Limitate il numero di particelle generate da effetti particelle. Consultate Effetti Simulazione.
  • Invece di applicare lo stesso effetto con le stesse impostazioni a più livelli, applicate l’effetto a un livello di regolazione. Quando un effetto viene applicato a un livello di regolazione, esso viene elaborato una volta, sul composito di tutti i livelli al di sotto di esso. Consultate Creare un livello di regolazione.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online