La precomposizione e la nidificazione

Se desiderate raggruppare alcuni livelli già presenti in una composizione, potete eseguire la precomposizione di tali livelli. I livelli sottoposti a precomposizione vengono collocati in una nuova composizione, che sostituisce i livelli della composizione originale. La nuova composizione nidificata diventa la sorgente di un unico livello nella composizione originale. La nuova composizione appare nel pannello Progetto ed è disponibile per il rendering o per l’utilizzo in qualsiasi altra composizione. Potete nidificare le composizioni aggiungendo una composizione esistente a un’altra, esattamente come fareste per aggiungere un qualsiasi elemento di metraggio a una composizione. La precomposizione di un unico livello è utile per aggiungere proprietà di trasformazione a un livello e influenzare l’ordine in cui gli elementi di una composizione vengono sottoposti a rendering.

La nidificazione è l’inserimento di una composizione in un’altra. La composizione nidificata appare come un livello all’interno della composizione contenitore.

Talvolta una composizione nidificata viene definita precomposizione, oppure, in forma abbreviata, precomp o pre-comp. Quando una precomposizione viene utilizzata come elemento di metraggio sorgente per un livello, il livello viene definito livello della precomposizione.

Durante il rendering, i dati sulle immagini e le altre informazioni possono scorrere da ciascuna composizione nidificata alla composizione che lo contiene. Per questo motivo, talvolta le composizioni nidificate vengono indicate come a monte delle composizioni che le contengono e le composizioni contenitore vengono definite a valle delle composizioni nidificate che esse contengono. Un insieme di composizioni collegate mediante nidificazione è definito rete della composizione. Potete spostarvi all’interno di una rete della composizione utilizzando il Navigatore composizione e il Mini diagramma di flusso. Consultate Apertura e navigazione nelle composizioni nidificate.

Le precomposizioni in After Effects sono simili agli oggetti intelligenti di Adobe Photoshop.

Modi d’uso per la precomposizione e la nidificazione

La precomposizione e la nidificazione sono utili per la gestione e l’organizzazione di composizioni complesse. Tramite la precomposizione e la nidificazione, è possibile:

  • Applicare modifiche complesse a un’intera composizione: potete creare una composizione contenente livelli multipli, nidificare la composizione inserendola all’interno della composizione generale e animare e applicare effetti alla composizione nidificata in modo che tutti i livelli cambino allo stesso modo nello stesso periodo di tempo.
  • Riutilizzare le composizioni: potete elaborare un’animazione all’interno della relativa composizione, quindi trascinare quest’ultima in tutte le altre composizioni in cui desiderate utilizzarla.
  • Aggiornamento in un singolo passaggio: quando apportate modifiche a una composizione nidificata, tali modifiche influiscono su qualsiasi composizione nella quale essa viene utilizzata, esattamente come le modifiche apportate a un elemento di metraggio sorgente influiscono su tutte le composizioni nelle quali esso viene utilizzato.
  • Cambiare l’ordine di rendering predefinito di un livello: potete specificare che After Effects esegua il rendering di una trasformazione (ad esempio, una rotazione) prima del rendering degli effetti, affinché l’effetto venga applicato al metraggio ruotato.
  • Aggiungere un altro set di proprietà di trasformazione a un livello: il livello che rappresenta la composizione ha proprietà specifiche, oltre a quelle dei livelli che contiene. Ciò consente di applicare un ulteriore set di trasformazioni a un livello o a un gruppo di livelli.

Impostazioni di preferenze e composizioni che agiscono sulle composizioni nidificate

Poiché la precomposizione è di per sé un livello, potete controllarne il comportamento utilizzando gli switch di livello e di composizione nel panello Timeline. Potete scegliere se propagare le modifiche apportate agli switch nella composizione contenitore anche alla composizione nidificata. Per impedire che gli switch di livello influiscano sulle composizioni nidificate, scegliete Modifica > Preferenze > Generale (Windows) o After Effects > Preferenze > Generale (Mac OS), quindi deselezionate Applica switch alle composizioni nidificate.

Nella scheda Avanzate della finestra di dialogo Impostazioni composizione (Composizione > Impostazioni composizione), scegliete Mantieni risoluzione in caso di nidificazione o Mantieni frequenza fotogrammi in caso di nidificazione o nella coda di rendering affinché la composizione mantenga la propria risoluzione o frequenza fotogrammi e non acquisisca tali impostazioni dalla composizione contenitore. Ad esempio, se avete deliberatamente utilizzato una frequenza fotogrammi bassa in una composizione per creare un risultato a scatti e animato manualmente, potete mantenere questa frequenza fotogrammi per la composizione anche quando la nidificate. Allo stesso modo, i risultati del rotoscoping potrebbero apparire errati se convertiti in una frequenza fotogrammi o risoluzione differente. Utilizzate questa impostazione anziché l’effetto Tempo di posterizzazione, che è meno efficace.

Nota:

Nel sito Web redefinery di Jeff Almasol potete trovare uno script che semplifica l’alternanza tra l’impostazione della preferenza Mantieni risoluzione in caso di nidificazione e Mantieni frequenza fotogrammi in caso di nidificazione o nella coda di rendering.

Se si modifica il tempo corrente in un pannello si aggiorna il tempo corrente anche negli altri pannelli correlati alla composizione. Per impostazione predefinita, il tempo corrente viene aggiornato anche per tutte le composizioni correlate alla composizione corrente tramite nidificazione. Per impedire che le composizioni correlate tramite nidificazione subiscano l’aggiornamento del tempo corrente quando modificate il tempo corrente in una composizione, deselezionate la preferenza Sincronizza tempo di tutti gli elementi correlati, disponibile in Modifica > Preferenze > Generale (Windows) o After Effects > Preferenze > Generale (Mac OS).

Risorse online per la precomposizione e la nidificazione

In questo articolo disponibile sul sito Web ProVideo Coalition, Chris e Trish Meyer condividono consigli sull’impostazione della gerarchia di una composizione per facilitare la modifica di un progetto.

In questa pagina sulsito Web aescripts potete trovare lo script Un-Precompose, che consente di estrarre i livelli da unaprecomposizione.

In questa pagina sulsito Web aescripts potete trovare lo script Zorro-The Layer Tagger, che consente di raggruppare i livelli della composizione mediante tag invece di ricorrere alla precomposizione.

Precomporre i livelli

I livelli sottoposti a precomposizione vengono collocati in una nuova composizione (a volte chiamata precomposizione), che sostituisce i livelli della composizione originale. La precomposizione di un unico livello è utile per aggiungere proprietà di trasformazione a un livello e influenzare l’ordine in cui gli elementi di una composizione vengono sottoposti a rendering.

  1. Selezionate i livelli nel pannello Timeline, quindi scegliete Livello > Precomposizione oppure premete Ctrl+Maiusc+C (Windows) o Comando+Maiusc+C (Mac OS).
  2. Selezionate una delle seguenti opzioni:

    Lascia tutti gli attributi in

    Lascia le proprietà e i fotogrammi chiave del livello sottoposto a precomposizione nella composizione originale, applicati al nuovo livello che rappresenta la precomposizione. Le dimensioni del fotogramma della nuova composizione sono uguali a quelle del livello selezionato. Questa opzione non è disponibile selezionando più di un livello, un livello testo o un livello forma.

    Sposta tutti gli attributi nella nuova composizione

    Sposta le proprietà e i fotogrammi chiave dei livelli sottoposti a precomposizione un livello oltre la composizione principale nella gerarchia delle composizioni. Quando utilizzate questa opzione, le modifiche applicate alle proprietà dei livelli vengono mantenute con i livelli individuali all’interno della composizione. Le dimensioni del fotogramma della nuova composizione sono uguali a quelle della composizione originale.

Gli effetti possono includere maschere ed effetti di altri livelli

Gli effetti in cui i livelli vengono utilizzati come input, come Imposta mascherino e Mappa di spostamento, possono ora essere destinati a maschere ed effetti del livello di input. Potete utilizzare tali livelli senza precomporli allo scopo di farvi riferimento da un effetto. 

Il controllo è simile alla funzione del menu Vista nella parte inferiore del pannello visualizzatore Livello che permette di eseguire il rendering del livello da diverse posizioni nell’ordine di rendering: dalla sua sorgente, dalle sue maschere o dai suoi singoli effetti.
Per gli effetti con proprietà di livello, aprite il menu dei parametri di input a destra della selezione del livello e scegliete il livello di input di destinazione, ad esempio:

  • Sorgente: viene usata come destinazione solo la sorgente del livello. Le maschere e gli effetti vengono ignorati.
  • Maschere: viene usato come destinazione il livello dopo l’applicazione delle maschere. Gli effetti vengono ignorati.
  • Effetti e maschere: viene usato come destinazione il livello dopo l’applicazione delle maschere e degli effetti.

 

Apertura e navigazione nelle composizioni nidificate

Talvolta le composizioni nidificate vengono indicate come a monte delle composizioni che le contengono e le composizioni contenitore vengono definite a valle delle composizioni nidificate che esse contengono. La composizione principale è quella più a valle; la composizione nidificata più profondamente è quella più a monte. Il percorso di flusso di una composizione è una catena di composizioni correlate le une alle altre in quanto alcune ne contengono altre oppure perché sono nidificate le une all’interno delle altre. La rete della composizione è l’intero insieme di composizioni correlate le une alle altre mediante nidificazione.

In After Effects è possibile aprire una composizione nidificata (precomposizione) in vari modi:

  • Fate doppio clic sulla voce della composizione nel pannello Progetto.
  • Fate doppio clic su un livello della precomposizione nel pannello Timeline. Tenete premuto Alt (Windows) o Opzione (Mac OS) e fate doppio clic per aprire il livello della precomposizione come livello nel pannello Livello.

Nota:

Facendo doppio clic su un livello della precomposizione quando uno strumento di disegno o lo strumento Pennello a rotoscopio è attivo, si apre il livello nel pannello Livello.

  • Per aprire l’ultima composizione attiva nella stessa rete della composizione attualmente attiva, premete Maiusc+Esc.

  • Usate il Navigatore composizione.

  • Usate il Mini diagramma di flusso composizione.

Il Navigatore composizione

Il Navigatore composizione è una barra lungo il bordo superiore del pannello Composizione che mostra la composizione attiva nel visualizzatore in relazione alle altre composizioni nella stessa rete della composizione. Le composizioni visualizzate sono quelle attive più di recente nel percorso di flusso della composizione correntemente attiva.

Navigatore composizione
A. Composizione attiva (corrente) B. Freccia per l’apertura di Mini diagramma di flusso composizione C. Pulsante del menu del pannello D. Puntini di sospensione 

Le frecce tra i nomi delle composizioni indicano la direzione in cui scorrono le informazioni dei pixel per questo percorso di flusso. L’impostazione predefinita consiste nel mostrare le composizioni nella barra Navigatore composizione con le composizioni a valle a sinistra e le composizioni a monte a destra. Questa impostazione predefinita è indicata dall’opzione Flusso da destra a sinistra nel menu del pannello Composizione. Per visualizzare le composizioni nell’altro ordine, scegliete Flusso da sinistra a destra. Questa impostazione è una preferenza globale; si applica a tutte le composizioni e alla visualizzazione Mini diagramma di flusso composizione.

I nomi delle composizioni a valle sono attenuati per indicare che il loro contenuto non viene utilizzato oppure viene visualizzato nella composizione attiva.

  • Per visualizzare o nascondere la barra Navigatore composizione, scegliete Mostra navigatore composizione dal menu del pannello Composizione.

  • Per attivare qualsiasi composizione visualizzata nella barra Navigatore composizione, fate clic sul nome della composizione.

  • Se il percorso di flusso è troppo lungo per essere visualizzato nel pannello Composizione, nel bordo sinistro o destro della barra Navigatore composizione viene visualizzato un pulsante con puntini di sospensione . Per visualizzare temporaneamente l’intero percorso di flusso, fate clic sul pulsante con i puntini di sospensione.

Nota:

Per scorrere un lungo percorso di flusso, posizionate il puntatore su un pulsante della composizione nel Navigatore composizione e usate la rotellina del mouse.

Il Mini diagramma di flusso composizione

Il Mini diagramma di flusso composizione è un controllo temporaneo utilizzabile per spostarsi rapidamente all’interno di una rete della composizione. Quando aprite il Mini diagramma di flusso composizione, vengono visualizzate le composizioni immediatamente a monte e a valle della composizione selezionata.

I colori presenti nel Mini diagramma di flusso composizione sono basati sui colori delle etichette assegnati alle composizioni nel pannello Progetto. Se una composizione viene utilizzata più volte all’interno di una composizione, le istanze multiple della composizione nidificata appaiono come un’unica voce con un numero tra parentesi, a indicare il numero di istanze.

Per aprire il Mini diagramma di flusso composizione, effettuate una delle seguenti operazioni:

Mini diagramma di flusso composizione
A. Indicatore del fatto che il flusso della composizione non si estende ad altre composizioni B. Direzione del flusso C. Composizione attiva (corrente) 
  • Premete il tasto Tab quando è attivo un pannello Composizione, Livello o Timeline.
  • Fate clic sulla freccia a destra di un nome di composizione nella barra Navigatore composizione.

  • Scegliete Mini diagramma di flusso composizione dal menu Composizione, dal menu del pannello Composizione o dal menu del pannello Timeline.

  • Fate clic sul pulsante Mini diagramma di flusso composizione nella parte superiore del pannello Timeline.

Come con il Navigatore composizione, potete scegliere se visualizzare o meno la direzione del flusso da sinistra verso destra o da destra verso sinistra. Le frecce indicano la direzione del flusso. Se accanto a una composizione c’è invece di una freccia, la composizione non ha nessuna composizione che scorre al suo interno oppure non scorre all’interno di nessuna composizione.

Le composizioni a monte nel Mini diagramma di flusso composizione vengono ordinate dall’alto verso il basso o in ordine alfabetico o in base all’ordine dei livelli. Per commutare tra questi ordinamenti, premete il tasto S quando il Mini diagramma di flusso composizione è aperto. Quando eseguite l’ordinamento in base all’ordine dei livelli, una composizione utilizzata più volte viene ordinata in base all’istanza nella posizione più elevata nell’ordine di sovrapposizione. Le composizioni a valle vengono sempre ordinate alfabeticamente.

Per spostarsi tra le composizioni e selezionarle nel Mini diagramma di flusso composizione, usate i tasti freccia o fate clic sui pulsanti freccia o a entrambi i lati di una composizione. Per attivare la composizione selezionata, premete la barra spaziatrice o Invio (Windows) o A capo (Mac OS). Per chiudere il Mini diagramma di flusso composizione senza effettuare nessuna operazione, premete Esc, premete Maiusc o fate clic esternamente al Mini diagramma di flusso composizione.

Nel sito Web After Effects Portal Rich Young offre ulteriori informazioni sul pannello Diagramma di flusso e sul Mini diagramma di flusso composizione.

Pre-rendering di una composizione nidificata

il rendering di una composizione nidificata complessa può durare a lungo, sia per le anteprime che per l’output finale. Se avete una composizione nidificata sulla quale non intendete più lavorare, potete risparmiare tempo durante ogni operazione di rendering eseguendo il pre-rendering della composizione nidificata in un filmato e sostituendo la composizione con il filmato già sottoposto a rendering. Potrete comunque modificare la composizione nidificata originale poiché essa rimarrà nel pannello Progetto. Se apportate delle modifiche sostanziali alla composizione nidificata originale, eseguite di nuovo il rendering.

Il pre-rendering di una composizione nidificata è particolarmente utile quando desiderate utilizzarla più volte in un progetto.

Nota:

applicate le impostazioni dell’output finale durante il pre-rendering della composizione nidificata.

  1. Selezionate la composizione nel pannello Progetto o Composizione.
  2. Scegliete Composizione > Pre-rendering.

    Il comando Pre-rendering aggiunge la composizione alla coda di rendering e imposta l’azione di post-rendering Importa e sostituisci uso per sostituire la composizione con il filmato già sottoposto a rendering.

  3. Nel pannello Coda di rendering, regolate le impostazioni secondo necessità, quindi fate clic sul pulsante Rendering per eseguire il rendering della composizione.

Guardate questa esercitazione video nel sito Web video2brain su come risparmiare tempo con il prerendering e i proxy in After Effects.

Nota:

un’alternativa alla sostituzione della composizione con il filmato è l’utilizzo del filmato sottoposto a rendering come proxy per la composizione nidificata.

Ordine di rendering e compressione delle trasformazioni

Una composizione è costituita da livelli sovrapposti nel pannello Timeline. Quando la composizione viene sottoposta a rendering, sia per l’anteprima che per l’output finale, il livello inferiore viene sottoposto a rendering per primo. All’interno di ogni livello raster (non vettoriale), gli elementi vengono applicati nel seguente ordine: maschere, effetti, trasformazioni e stili di livello. Per livelli vettoriale con rasterizzazione continua, l’ordine di rendering predefinito è maschere, seguite da trasformazioni e quindi effetti.

Le trasformazioni sono le modifiche apportate a quelle proprietà raggruppate sotto la categoria Trasformazione nel pannello Timeline, tra cui Punto di ancoraggio, Posizione, Scala, Rotazione e Opacità. Nel pannello Livello è riportato il risultato del rendering prima dell’esecuzione delle trasformazioni.

Nota:

per un ulteriore controllo sull’esecuzione delle trasformazioni, potete applicare l’effetto Trasformazione e riordinarlo nei confronti degli altri effetti.

All’interno di un gruppo di effetti o maschere, gli elementi vengono elaborati dall’alto al basso. Ad esempio, se applicate l’effetto Cerchio e poi applicate l’effetto Ingrandimento, il cerchio verrà ingrandito. Tuttavia, se trascinate l’effetto Ingrandimento sopra (prima) l’effetto Cerchio nel pannello Controlli effetti o Timeline, il cerchio verrà disegnato dopo l’ingrandimento e non verrà pertanto ingrandito.

Dopo che un livello è stato sottoposto a rendering, verrà sottoposto a rendering il livello successivo. Il livello sottostante già sottoposto a rendering può essere utilizzato come input per il rendering del livello successivo, ad esempio per determinare il risultato di un metodo fusione.

Se una composizione contiene altre composizioni nidificate al suo interno, la composizione nidificata viene sottoposta a rendering prima degli altri livelli nella composizione contenitore.

Nota:

Alcuni effetti ignorano le maschere sul livello al quale vengono applicati. Per far sì che tale effetto operi su un livello mascherato, precomponete il livello con la maschera applicata, quindi applicate l’effetto al livello precomposto. Consultate La precomposizione e la nidificazione.

Compressione delle trasformazioni

Se lo switch Comprimi trasformazioni è selezionato per una composizione nidificata, le trasformazioni per la composizione nidificata non vengono eseguite fin dopo il rendering di maschere ed effetti della composizione contenitore. Questo ordine di rendering consente di combinare o comprimere ed eseguire insieme le trasformazioni per la composizione nidificata e la composizione contenitore. Lo stesso vale per i livelli vettoriali non rasterizzati in modo continuo.

Nota:

anziché lo switch Comprimi trasformazioni, i livelli vettoriali presentano nello stesso punto lo switch Rasterizza in modo continuo. I livelli vettoriali includono i livelli forma, i livelli testo e i livelli con file di grafica vettoriale come metraggio sorgente. I livelli testo e i livelli forma sono sempre rasterizzati in modo continuo.

La compressione delle trasformazioni può, ad esempio, mantenere la risoluzione quando un livello viene ridotto della metà in una composizione nidificata e quest’ultima viene aumentata di un fattore di due nella composizione contenitore. In questo caso, anziché eseguire entrambe le trasformazioni e perdere dati delle immagini nel processo, è possibile eseguire una trasformazione senza eseguire alcuna operazione, poiché le trasformazioni individuali si annullano a vicenda.

Se le trasformazioni non vengono compresse, una composizione nidificata che contiene livelli 3D viene sottoposta a rendering come un’immagine 2D della disposizione 3D, usando la videocamera della composizione predefinita. Questo rendering impedisce che la composizione nidificata si intersechi con i livelli 3D, crei ombre sui livelli 3D e riceva a sua volta ombre provocate dai livelli 3D nella composizione contenitore. La composizione nidificata, inoltre, non è controllata dalle videocamere e dalle luci della composizione superiore.

Se le trasformazioni vengono compresse, le proprietà 3D dei livelli all’interno della composizione nidificata vengono esposte alla composizione contenitore. Pertanto, la composizione nidificata può intersecarsi con i livelli 3D, creare ombre sui livelli 3D e ricevere a sua volta ombre provocate dai livelli 3D nella composizione contenitore. La composizione nidificata può inoltre essere controllata dalla videocamera e dalle luci della composizione contenitore.

Essenzialmente, la compressione delle trasformazioni per una composizione nidificata indica ad After Effects di non appiattire e ritagliare i livelli nella precomposizione. Poiché un livello di regolazione agisce sul composito di tutti i livelli al di sotto di esso all’interno della stessa composizione, un livello di regolazione all’interno di una composizione nidificata con trasformazioni compresse forzerà l’appiattimento e il ritaglio che la compressione delle trasformazioni normalmente impedirebbe.

Quando una maschera chiusa (con modalità maschera diversa da Nessuna), uno stile di livello o un effetto vengono applicati a una composizione nidificata con trasformazioni compresse, i livelli nella composizione nidificata vengono sottoposti a rendering per primi, quindi vengono applicati maschere ed effetti, infine il risultato viene composto nella composizione principale. Questo ordine di rendering significa che le modalità di fusione dei livelli nidificati non vengono applicate ad alcun livello sottostante nella composizione principale e che i livelli 3D soprastanti e sottostanti il livello compresso non possono intersecarsi né proiettare ombre tra loro.

Risorse online

In questo articolo disponibile nel sito Web ProVideo Coalition, Chris e Trish Meyer spiegano il concetto di compressione delle trasformazioni e rasterizzazione continua.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online