Guida utente Annulla

Animazione con gli strumenti Marionetta

  1. Guida utente di After Effects
  2. Versioni beta
    1. Panoramica del programma beta
    2. After Effects Beta Home
  3. Guida introduttiva
    1. Introduzione ad After Effects
    2. Novità di After Effects 
    3. Note sulla versione | After Effects
    4. Requisiti di sistema di After Effects
    5. Scelte rapide da tastiera di After Effects
    6. Formati di file supportati | After Effects
    7. Consigli sull’hardware
    8. After Effects per Apple Silicon
    9. Pianificazione e impostazione
  4. Spazi di lavoro
    1. Elementi generali dell’interfaccia utente
    2. Interfaccia di After Effects
    3. Flussi di lavoro
    4. Spazi di lavoro, pannelli e visualizzatori
  5. Progetti e composizioni
    1. Progetti
    2. Nozioni di base sulla composizione
    3. Effettuare la precomposizione, la nidificazione e il pre-rendering
    4. Visualizzare informazioni dettagliate sulle prestazioni con Profilo composizione
    5. Modulo di rendering per composizioni CINEMA 4D
  6. Importazione del metraggio
    1. Preparazione e importazione di immagini fisse
    2. Importazione da After Effects e Adobe Premiere Pro
    3. Importazione e interpretazione di video e audio
    4. Preparazione e importazione di file di immagine 3D
    5. Importazione e interpretazione degli elementi di metraggio
    6. Operazioni con gli elementi di metraggio
    7. Rilevare i punti di modifica utilizzando Rilevamento modifiche scena
    8. Metadati XMP
  7. Testo e grafica
    1. Testo
      1. Formattazione dei caratteri e pannello Carattere
      2. Effetti Testo
      3. Creazione e modificazione di livelli testo
      4. Formattazione paragrafi e pannello Paragrafo
      5. Estrusione di livelli di testo e forma
      6. Animazione del testo
      7. Esempi e risorse per l’animazione del testo
      8. Modelli di testo dinamico
    2. Grafica animata
      1. Utilizzare modelli di grafica animata in After Effects
      2. Utilizzare le espressioni per creare elenchi a discesa nei modelli di grafica animata
      3. Utilizzare Proprietà essenziali per creare modelli di grafica animata
      4. Sostituire immagini e video in modelli di grafica animata e in Proprietà essenziali
      5. Anima più velocemente e più facilmente utilizzando il pannello Proprietà
  8. Disegni, colori e tracciati
    1. Panoramica su livelli forma, tracciati e grafica vettoriale
    2. Strumenti di disegno: Pennello, Timbro clona e Gomma
    3. Assottigliare i tratti forma
    4. Attributi forma, operazioni di disegno e operazioni con i tracciati per i livelli forma
    5. Usare l’effetto forma Sposta tracciati per modificare le forme
    6. Creazione delle forme
    7. Creare maschere
    8. Rimuovere oggetti dai video con Riempimento in base al contenuto
    9. Pennello a rotoscopio e Migliora mascherino
  9. Livelli, marcatori e fotocamera
    1. Selezione e disposizione di livelli
    2. Metodi di fusione e stili di livello
    3. Livelli 3D
    4. Proprietà dei livelli
    5. Creazione livelli
    6. Gestione livelli
    7. Marcatori livello e marcatori composizione
    8. Videocamere, luci e punti di interesse
  10. Animazione, fotogrammi chiave, tracciamento del movimento e tipo di trasparenza
    1. Animazione
      1. Fondamenti di animazione
      2. Animazione con gli strumenti Marionetta
      3. Gestione e animazione di tracciati forma e maschere
      4. Animazione di forme create con Sketch e Capture con After Effects
      5. Strumenti di animazione assortiti
      6. Utilizzare l’animazione basata sui dati
    2. Fotogramma chiave
      1. Interpolazione fotogrammi chiave
      2. Impostare, selezionare ed eliminare i fotogrammi chiave
      3. Modifica, spostamento e copia di fotogrammi chiave
    3. Tracciamento del movimento
      1. Tracciamento e stabilizzazione del movimento
      2. Tracciamento dei volti
      3. Tracciamento maschera
      4. Riferimento maschera
      5. Velocità
      6. Dilatazione e modifica del tempo
      7. Codice di tempo e unità per la visualizzazione del tempo
    4. Trasparenza
      1. Trasparenza
      2. Effetti Trasparenza
  11. Trasparenza e composizione
    1. Composizione e trasparenza: panoramica e risorse
    2. Canali alfa e maschere
    3. Mascherini traccia e mascherini mobili
  12. Regolazione del colore
    1. Concetti di base sul colore
    2. Gestione colore
    3. Effetti di correzione del colore
    4. Gestione del colore OpenColorIO e ACES
  13. Effetti e predefiniti di animazione
    1. Panoramica sugli effetti e sui predefiniti di animazione
    2. Elenco di effetti
    3. Gestione effetti
    4. Effetti di simulazione
    5. Effetti di stilizzazione
    6. Effetti audio
    7. Effetti di distorsione
    8. Effetti di prospettiva
    9. Effetti canale
    10. Effetti di generazione
    11. Effetti di transizione
    12. Effetto di riparazione scansione lineare
    13. Effetti sfocatura e nitidezza
    14. Effetti canale 3D
    15. Effetti di utilità
    16. Effetti mascherino
    17. Effetti di disturbo e granulosità
    18. Effetto Mantieni dettagli (ingrandimento)
    19. Effetti obsoleto
  14. Espressioni e automazione
    1. Espressioni
      1. Concetti di base sull’espressione
      2. Informazioni sul linguaggio dell’espressione
      3. Utilizzo dei controlli di espressione
      4. Differenze di sintassi tra i motori di espressione JavaScript e Legacy ExtendScript
      5. Modifica di espressioni
      6. Errori nelle espressioni
      7. Utilizzo dell’editor espressioni
      8. Utilizzo delle espressioni per modificare e accedere alle proprietà di testo
      9. Riferimenti del linguaggio delle espressioni
      10. Esempi di espressione
    2. Automazione
      1. Automazione
      2. Script
  15. Video immersivo, VR e 3D
    1. Creare ambienti VR in After Effects
    2. Applicare effetti video immersivi
    3. Strumenti di composizione per i video VR/360
    4. Modulo di rendering 3D avanzato
    5. Importare e aggiungere modelli 3D alla composizione
    6. Importare modelli 3D da Creative Cloud Libraries
    7. Illuminazione basata su immagine
    8. Estrarre e animare videocamere e luci da modelli 3D
    9. Tracciamento del movimento della videocamera 3D
    10. Creare e accettare ombre
    11. Animazioni di modelli 3D incorporate
    12. Acquisizione ombre
    13. Estrazione dei dati di profondità 3D
    14. Modificare le proprietà dei materiali di un livello 3D
    15. Lavorare in Design Space 3D
    16. Gizmo Trasformazione 3D
    17. Ulteriori informazioni sull’animazione 3D
    18. Anteprima delle modifiche apportate ai progetti 3D con il sistema Mercury 3D
    19. Aggiungere grafica reattiva agli elementi grafici 
  16. Visualizzazioni e anteprime
    1. Visualizzazione in anteprima
    2. Anteprima video con Mercury Transmit
    3. Modifica e utilizzo di visualizzazioni
  17. Rendering ed esportazione
    1. Nozioni di base su rendering ed esportazione
    2. Codifica H.264 in After Effects
    3. Esportare un progetto After Effects come progetto Adobe Premiere Pro
    4. Convertire filmati
    5. Rendering di più fotogrammi
    6. Rendering automatico e rendering di rete
    7. Rendering ed esportazione di immagini fisse e sequenze di immagini fisse
    8. Utilizzo del codec GoPro CineForm in After Effects
  18. Lavorare con altre applicazioni
    1. Dynamic Link e After Effects
    2. Utilizzo di After Effects con altre applicazioni
    3. Impostazioni sincronizzazione in After Effects
    4. Creative Cloud Libraries in After Effects
    5. Plug-in
    6. Cinema 4D e Cineware
  19. Collaborazione: Frame.io e Progetti team
    1. Collaborazione in Premiere Pro e After Effects
    2. Frame.io
      1. Installare e attivare Frame.io
      2. Utilizzare Frame.io con Premiere Pro e After Effects
      3. Domande frequenti
    3. Progetti team
      1. Introduzione ai Progetti team
      2. Creare un progetto team
      3. Collaborare con Progetti team
  20. Memoria, archiviazione, prestazioni
    1. Memoria e archiviazione
    2. Come After Effects gestisce i problemi di memoria insufficiente durante la visualizzazione dell’anteprima    
    3. Migliorare le prestazioni
    4. Preferenze
    5. Requisiti di GPU e driver GPU per After Effects
  21. Knowledge base
    1. Problemi noti
    2. Problemi risolti
    3. Domande frequenti
    4. After Effects e macOS Ventura
    5. Come After Effects gestisce i problemi di memoria ridotta durante l'anteprima

Utilizza gli strumenti Marionetta precedente o Marionetta avanzata per aggiungere rapidamente un’animazione naturale alle immagini raster e alla grafica vettoriale, comprese immagini fisse, forme e caratteri di testo.

In questa pagina:

Nota:

Benché gli strumenti Marionetta funzionino all’interno di un effetto (l’effetto Marionetta), l’effetto non viene applicato utilizzando il menu Effetti o il pannello Effetti e predefiniti. Utilizza gli strumenti Marionetta nel pannello Strumenti per applicare direttamente e lavorare con l’effetto nel pannello Livello o Composizione.

Nozioni di base sullo strumento Marionetta precedente

L’effetto Marionetta agisce deformando parte di un’immagine in base alle posizioni dei perni che posizioni e sposti. Questi perni definiscono quali parti dell’immagine verranno spostate, quali rimarranno rigide e quali si troveranno in primo piano in caso di sovrapposizione.

Ogni strumento Marionetta viene utilizzato per posizionare e modificare uno specifico tipo di perno:

Strumento Perno marionetta

Utilizza questo strumento per posizionare e spostare i perni di deformazione.

Strumento Sovrapposizione marionetta

Utilizza questo strumento per posizionare i perni di sovrapposizione, che indicano quali parti di un’immagine appariranno in primo piano qualora la distorsione dovesse causare una parziale sovrapposizione tra diverse parti dell’immagine.

Strumento Rigidità marionetta

Utilizza questo strumento per posizionare i perni di rigidità, che bloccano parti dell’immagine di modo che siano meno distorte.

La trama creata posizionando dei perni di deformazione (sinistra) e risultato del trascinamento di un perno di deformazione
La trama creata posizionando dei perni di deformazione (sinistra) e il risultato del trascinamento di un perno di deformazione

Quando posizioni il primo perno, l’area all’interno di un contorno viene automaticamente divisa in una trama di triangoli. Una struttura è visibile solamente quando l’effetto Marionetta è stato applicato e un puntatore di uno strumento Marionetta si trova sopra l’area definita dalla struttura. (Consulta Creazione dei contorni da parte dell’effetto Marionetta.) Ogni parte della trama è inoltre associata ai pixel dell’immagine, pertanto i pixel si spostano insieme alla trama.

Nota:

Per mostrare la trama, seleziona Mostra nel pannello Strumenti.

Quando sposti uno o più perni di deformazione, la trama cambia forma seguendo il movimento, ma la trama generale viene mantenuta il più possibile rigida. Il risultato è che un movimento in una parte dell’immagine causa un movimento naturale e realistico nelle altre parti dell’immagine.

Ad esempio, se posizioni i perni di deformazione sui piedi e sulle mani di una persona, quindi sposti una delle mani per farle fare un cenno di saluto, il movimento del braccio corrispondente alla mano è ampio, mentre il movimento in corrispondenza del punto vita è ridotto, esattamente come nel mondo reale.

Se selezionate un singolo perno di Deformazione animato, i relativi fotogrammi chiave della Posizione sono visibili nel pannello Composizione e nei pannelli Livello come un tracciato animato. Puoi lavorare con questi tracciati animati esattamente come lavori con altri tracciati animati, inclusa l’impostazione dei fotogrammi chiave vaganti nel tempo. (Consulta Creare animazioni uniformi fotogrammi chiave vaganti.)

Un livello può contenere più trame. L’utilizzo di più trame su un livello è utile per deformare diverse parti di un’immagine singolarmente, come i caratteri di testo, nonché per deformare più istanze della stessa parte di un’immagine, ciascuna con una deformazione differente.

La trama originale non distorta viene calcolata al fotogramma corrente nella posizione temporale in cui applichi l’effetto. La trama non cambia per rispecchiare l’animazione in un livello basato su un metraggio animato e non viene aggiornata se sostituisci l’elemento di metraggio sorgente del livello.

Nota:

Se state animando il livello anche con gli strumenti Marionetta, non animate né la posizione né la scala di un livello rasterizzato in modo continuo con le trasformazioni del livello. L’ordine di rendering per i livelli rasterizzati in modo continuo (come i livelli forma e testo) è diverso dall’ordine di rendering per i livelli raster. Puoi precomporre il livello forma e usare gli strumenti Marionetta sul livello di precomposizione, oppure usare gli strumenti Marionetta per trasformare le forme all’interno del livello. (Consulta Ordine di rendering e compressione delle trasformazioni e Rasterizzare in modo continuo un livello contenente grafica vettoriale.)

Il movimento creato dagli strumenti Marionetta viene campionato dall’effetto movimento se quest’ultimo è abilitato per il livello e la composizione, benché il numero di campioni utilizzati sia pari alla metà del valore specificato dal valore Campioni per fotogramma. (Consulta Effetto movimento.)

Nota:

Puoi utilizzare le espressioni per collegare le posizioni dei perni di deformazione ai dati di tracciamento del movimento, ai fotogrammi chiave dell’ampiezza audio o a qualsiasi altra proprietà.

Animazione manuale di un’immagine con gli strumenti Marionetta

Lo switch cronometro viene automaticamente impostato per la proprietà Posizione di un perno di deformazione non appena il perno viene creato. Di conseguenza, un fotogramma chiave viene impostato o modificato ogni volta che si cambia la posizione di un perno di deformazione. L’inserimento automatico di un fotogramma chiave è diverso dalla maggior parte delle proprietà in After Effects, per le quali è necessario impostare espressamente lo switch cronometro aggiungendo un fotogramma chiave o un’espressione per animare ogni proprietà. L’animazione automatica dei perni di Deformazione rende ancor più pratica l’aggiunta di perni e la relativa animazione nei pannelli Composizione o Livello, senza dover manipolare le proprietà nel pannello Timeline.

  1. Seleziona il livello che contiene l’immagine da animare.
  2. Utilizzando lo strumento Perno marionetta, esegui una delle seguenti operazioni nel pannello Composizione o Livello:

    • Fate clic su un qualsiasi pixel non trasparente di un livello raster per applicare l’effetto Marionetta e creare una trama per la struttura creata dalla traccia automatica del canale alfa di un livello.

    • Fai clic all’interno di un tracciato chiuso su un livello vettoriale per applicare l’effetto Marionetta e creare una trama per la struttura definita dal tracciato.

    • Fai clic all’interno di una maschera chiusa e sbloccata per applicare l’effetto Marionetta e creare una trama per la struttura definita dal tracciato della maschera.

    • Fate clic all’esterno di tutti i tracciati chiusi su un livello vettoriale per applicare l’effetto Marionetta senza creare una trama. Le strutture vengono create per i tracciati sul livello, benché una struttura sia visibile unicamente quando un puntatore di uno strumento Marionetta si trova sopra l’area definita dalla struttura. Posiziona il puntatore sopra l’area racchiusa da un tracciato per visualizzare la struttura in cui verrà creata una trama se farai clic su tale punto. (Consulta Creazione dei contorni da parte dell’effetto Marionetta.) Fai clic all’interno di una struttura per creare una trama.

    Nel punto in cui fai clic per creare una trama verrà posizionato un perno di Deformazione.

    Suggerimento:

    Se un’immagine è troppo complessa affinché l’effetto Marionetta generi una trama con il valore Triangolo corrente, appare il messaggio “Generazione trama non riuscita” nel pannello Info. Aumenta il valore Triangolo nel pannello Strumenti e riprova.

  3. Fai clic in una o più posizioni all’interno della struttura per aggiungere ulteriori perni di Deformazione.

    Utilizza il minor numero di perni possibile per raggiungere il risultato desiderato. La deformazione naturale fornita dall’effetto Marionetta può andare persa se sovraccarichi l’immagine. Aggiungi i perni alle parti dell’immagine che sai di voler controllare. Ad esempio, quando animi una persona che agita una mano, aggiungi un perno a ogni piede per tenerlo fisso a terra e aggiungi un perno alla mano in movimento.

  4. Passa a un’altra posizione temporale nella composizione e sposta la posizione di uno o più perni di Deformazione trascinandoli nei pannelli Composizione o Livello con lo strumento Perno marionetta. Ripeti questo passaggio finché non avrai completato l’animazione.

Puoi modificare i tracciati animati dei perni Deforma utilizzando le stesse tecniche che consentono di modificare qualsiasi altro tracciato animato.

Nota:

In After Effects non è più possibile tracciare il riempimento colorato nell’area del livello originale quando si posiziona il mouse mediante lo strumento Perno marionetta.

Registrazione delle animazioni eseguendo uno schizzo del movimento con lo strumento Perno marionetta

Puoi eseguire uno schizzo del tracciato animato di uno o più perni Deforma in tempo reale o alla velocità desiderata, esattamente come puoi eseguire uno schizzo del tracciato animato di un livello utilizzando Schizzo movimento.

Se la tua composizione contiene audio, puoi eseguire uno schizzo del movimento sincronizzato con l’audio.

Prima di cominciare a registrare il movimento, è opportuno configurare le impostazioni per la registrazione. Per aprire la finestra di dialogo Opzioni di registrazione marionetta, fai clic su Opzioni di registrazione nel pannello Strumenti.

Velocità

Il rapporto tra la velocità delle animazioni acquisite e la velocità di riproduzione. Se la velocità è pari al 100%, il movimento viene riprodotto alla stessa velocità a cui è stato registrato. Se la velocità è superiore al 100%, il movimento viene riprodotto a una velocità inferiore rispetto a quella a cui è stato registrato.

Arrotondamento

Imposta questa opzione su un valore superiore per rimuovere più fotogrammi chiave estranei dal tracciato animato mentre viene disegnato. Se si creano meno fotogrammi chiave, il movimento risulterà più uniforme.

Usa deformazione bozza

Il contorno distorto che viene mostrato durante la registrazione non prende in considerazione i perni Rigidità. Questa opzione consente di incrementare le prestazioni in caso di trame complesse.

Nota:

Questa procedura implica che si siano già posizionati i perni Deforma nell’oggetto da animare. Per informazione sul posizionamento dei perni Deforma, consulta Animazione manuale di un’immagine con gli strumenti marionetta.

  1. Seleziona uno o più perni Deforma.

  2. Vai alla posizione temporale in cui desideri iniziare la registrazione del movimento.
  3. Nel pannello Composizione o nel pannello Livello, tieni premuto il tasto Ctrl (Windows) o Comando (macOS) per attivare lo strumento Schizzo marionetta. Tieni premuto Ctrl (Windows) o Comando (macOS) e i perni per animare.

    La registrazione del movimento inizia quando fai clic per cominciare a trascinare. La registrazione termina quando rilasci il pulsante del mouse.

    Il colore del contorno della trama per cui si sta eseguendo lo schizzo del movimento è lo stesso del perno (giallo). Le strutture di riferimento, per altre trame sullo stesso livello, corrispondono al colore dell’etichetta del livello.

    L’indicatore del tempo corrente ritorna alla posizione temporale in cui è iniziata la registrazione per consentirti di ripetere l’operazione con più perni Deforma o con gli stessi perni.

Puoi modificare i tracciati animati dei perni di Deformazione utilizzando le stesse tecniche che consentono di modificare qualsiasi altro tracciato animato. Il tracciato animato per i perni viene visualizzato solo se è l’unico perno selezionato.

Nota:

Cerca di creare diverse trame duplicate e di eseguire uno schizzo del movimento per ogni trama. Quando hai trame multiple nella stessa istanza dell’effetto Marionetta, puoi eseguire uno schizzo del movimento per una trama mentre osservi le strutture di riferimento delle altre, il che ti consente di seguire i movimenti, in linea generale o nel dettaglio.

Creazione dei contorni da parte dell’effetto Marionetta

Quando si crea una trama Marionetta, i margini sono determinati da una struttura, che può essere definita da uno qualsiasi dei seguenti tipi di tracciati chiusi:

  • Un tracciato maschera sbloccato

  • Un tracciato forma su un livello forma

  • Un contorno carattere di testo

Se un livello non presenta maschere, forme o caratteri di testo sbloccati quando applichi l’effetto Marionetta, esso utilizza Traccia automatica per creare tracciati dal canale alfa. Questi tracciati vengono utilizzati esclusivamente dall’effetto Marionetta per determinare le strutture e non appaiono come maschere sul livello. Se il livello è di tipo raster senza canale alfa, il risultato è un singolo tracciato rettangolare attorno ai margini del livello. Per un’immagine complessa o se desideri configurare le impostazioni Traccia automatica, utilizza Traccia automatica prima degli strumenti Marionetta. Consultate Creare una maschera dai valori di canale con Traccia automatica.

Un carattere di testo che consiste in tracciati chiusi disuniti multipli (come la lettera i) viene trattato come tracciati distinti multipli.

Per determinare le strutture, non vengono utilizzate forme o tratti dei caratteri di testo, ma solo il tracciato. Per contenere un tratto all’interno di una trama creata da tali elementi, aumenta il valore di Espansione. Il valore predefinito pari a tre pixel per l’Espansione contiene un tratto che si estende di tre pixel o meno dal relativo tracciato.

Nota:

Applica i tratti di disegno a un livello utilizzando lo strumento Pennello con l’opzione Disegna su trasparente. Disegnando con questa opzione selezionata si crea un livello raster con solamente i tratti pennello, definiti da un canale alfa. Puoi quindi utilizzare gli strumenti Marionetta per animare i tratti del disegno. Non utilizzare una maschera sul livello.

Se maschere, forme o caratteri di testo multipli si sovrappongono sullo stesso livello, viene creata una struttura dall’unione delle forme, dei caratteri o delle maschere che si sovrappongono. Se una maschera si sovrappone a un carattere di testo o a una forma, vengono creati dei contorni per l’intero carattere o forma, per la porzione di carattere o forma che si trova all’interno della maschera e per la maschera stessa.

Nota:

Per applicare la distorsione a caratteri o forme disuniti multipli come fossero un oggetto, contorna i singoli oggetti con una maschera (con la modalità maschera impostata su Nessuna) e utilizza il tracciato maschera come contorno con cui creare la trama. Una volta creata la trama, puoi eliminare la maschera.

Se l’effetto Marionetta è già stato applicato a un livello, i contorni appaiono evidenziati in giallo quando sposti il puntatore di uno strumento Marionetta sopra di essi. Puoi scegliere il contorno in cui posizionare un perno iniziale per creare una trama. Viene creata una trama ogni volta che selezioni all’interno di un contorno con uno strumento Marionetta.

Se l’effetto Marionetta non è stato ancora applicato a un livello, i contorni per quel livello non sono ancora stati calcolati. Quando selezioni, l’effetto Marionetta calcola i contorni e determina se hai fatto clic all’interno di un contorno. In tal caso, crea una trama definita dal contorno in cui hai fatto clic. In caso contrario, puoi spostare il puntatore attorno al livello per selezionare il contorno in cui desideri posizionare un perno e creare una trama. Spostare il puntatore nel livello è utile per vedere i contorni dei vari oggetti e scegliere quali contorni usare per creare una trama.

Struttura per l’unione di due tracciati forma, evidenziati in giallo, visibile perché il puntatore di uno strumento Marionetta si trova all’interno dell’area definita dalla struttura
Struttura per l’unione di due tracciati forma, evidenziati in giallo, visibile perché il puntatore di uno strumento Marionetta si trova all’interno dell’area definita dal contorno.

Utilizzo dei perni Marionetta e della trama distorsione

  • Per visualizzare la trama per l’effetto Marionetta, seleziona Mostra nella sezione delle opzioni del pannello Strumenti.
  • Per selezionare o spostare un perno, fai clic o trascinalo con lo strumento Sposta . Per attivare lo strumento Sposta, posiziona il puntatore su un perno mentre lo strumento Selezione o il relativo strumento Marionetta sono attivi.
  • Per selezionare perni multipli, fai clic su di essi tenendo premuto il tasto Maiusc o utilizza lo strumento selezione scorrevoleper trascinare un riquadro di selezione attorno ai perni desiderati. Per attivare lo strumento di selezione scorrevole, posiziona il puntatore per uno strumento Marionetta fuori da tutte le trame e strutture o tieni premuto il tasto Alt (Windows) o Opzione (macOS).
  • Per selezionare tutti i perni di un tipo (deformazione, rigidità o sovrapposizione), seleziona un perno di quel tipo, quindi premi Ctrl+A (Windows) o Comando+A (macOS).
  • Per eliminare i perni selezionati, premi il tasto Canc. Se il perno ha fotogrammi chiave multipli ed è selezionato solamente il fotogramma chiave nel tempo corrente, se premi il tasto Canc viene eliminato solamente quel fotogramma chiave; premendo nuovamente Canc viene eliminato il perno.
  • Per ripristinare i perni di deformazione alle posizioni originali al tempo corrente, fai clic su Ripristina per l’effetto Marionetta nel pannello Timeline o Controlli effetti. Per rimuovere tutti i perni e tutte le trame da un’istanza dell’effetto Marionetta, fai clic nuovamente su Ripristina.
Nota:

A volte si desidera animare un’immagine da una posizione iniziale, passando per una posizione intermedia, per poi tornare a quella posizione iniziale. Anziché trascinare manualmente i perni alle posizioni iniziali al termine dell’animazione, posiziona l’indicatore del tempo corrente al tempo finale e fai clic su Ripristina. Solamente i fotogrammi chiave al tempo corrente verranno ripristinati.

  • Per aumentare o diminuire il numero di triangoli utilizzati in una trama, modifica il valore Triangolo nella sezione delle opzioni del pannello Strumenti o nel pannello Timeline. Modificando il valore Triangolo, viene impostato il valore per una trama selezionata o, se non hai selezionato alcuna trama, viene impostato il valore per le trame che verranno create in seguito.
  • Un numero maggiore di triangoli comporta risultati più uniformi ma il rendering richiede più tempo. Gli oggetti di piccole dimensioni, come i caratteri di testo, vengono generalmente distorti con 50 triangoli, mentre un’immagine più grande può richiederne anche 500. Il numero di triangoli utilizzati potrebbe non corrispondere esattamente al valore Triangolo; questo valore è solamente un target.
  • Per espandere la trama oltre la struttura originale, aumenta la proprietà Espansione nella sezione delle opzioni del pannello Strumenti o nel pannello Timeline. Modificando la proprietà Espansione, viene impostato il valore per una trama selezionata o, se non hai selezionato alcuna trama, viene impostato il valore per le trame che verranno create in seguito. L’espansione della trama è utile per includere un tratto.
  • Per duplicare un oggetto utilizzando lo strumento Perno marionetta, fai clic all’interno della struttura originale. Facendo clic all’interno della struttura originale viene creata una trama, con la relativa copia dei pixel della struttura originale. Puoi inoltre duplicare un gruppo di trame nel pannello Timeline per ottenere lo stesso risultato, il che a volte risulta più semplice anziché fare clic all’interno della struttura originale senza farlo sulla trama per creare un perno.

Controlli Sovrapposizione marionetta

Quando si applica una distorsione a una parte di un’immagine, potresti voler controllare quali parti di tale immagine vengono visualizzate in primo piano rispetto alle altre. Ad esempio, potresti voler mantenere il braccio in primo piano rispetto al volto durante l’animazione del braccio. Utilizza lo strumento Sovrapposizione marionetta per applicare i perni Sovrapposizione alle parti di un oggetto per le quali desideri controllare la profondità apparente.

Applica i perni Sovrapposizione marionetta alla struttura originale e non all’immagine deformata.

La distorsione dell’immagine non desiderata (in alto a sinistra) viene evitata con un perno Rigidità (in alto a destra e in basso a sinistra)
Perno Sovrapposizione con valore Davanti negativo (parte superiore) e positivo (parte inferiore)

Ogni perno Sovrapposizione presenta le seguenti proprietà:

Davanti

La prossimità apparente rispetto al visualizzatore. L’influenza dei perni Sovrapposizione è cumulativa, il che significa che i valori Davanti vengono uniti per le posizioni sulla trama che si sovrappongono. Puoi utilizzare valori Davanti negativi per annullare l’influenza di un altro perno Sovrapposizione in una posizione specifica.

Un’area della trama che non viene influenzata dai perni Sovrapposizione ha un valore implicito Davanti pari a zero. Il valore predefinito per un nuovo perno Sovrapposizione è pari a 50.

Nota:

Durante l’animazione del valore Davanti, di solito è opportuno usare i fotogrammi chiave Blocco. In genere non è consigliabile interpolare gradualmente da un elemento davanti a un elemento che si trova dietro.

Distanza

La distanza fin cui il perno Sovrapposizione estende la propria influenza. L’influenza termina all’improvviso; non diminuisce gradualmente con la distanza dal perno. La distanza è indicata visivamente da un riempimento nelle parti interessate della trama. Il riempimento è scuro se Davanti è negativo, mentre è chiaro se Davanti è positivo.

Controlli Rigidità marionetta

Quando stai applicando una distorsione a una parte di un’immagine, potresti voler evitare che altre parti vengano distorte. Ad esempio, potresti voler mantenere la rigidità del braccio mentre animi la mano per farla oscillare. Utilizza lo strumento Rigidità marionetta per applicare i perni Rigidità alla parte di un oggetto che desideri mantenere rigida.

Applica i perni Rigidità marionetta alla struttura originale e non all’immagine deformata.

La distorsione dell’immagine non desiderata (in alto a sinistra) viene evitata con un perno Rigidità (in alto a destra e in basso a sinistra)
La distorsione dell’immagine non desiderata (in alto a sinistra) viene evitata con un perno Rigidità (in alto a destra e in basso a sinistra)

Ogni perno Rigidità ha le seguenti proprietà:

Quantità

La forza dell’agente di rigidità. L’influenza dei perni Rigidità è cumulativa, il che significa che i valori Quantità vengono uniti per le posizioni sulla trama che si sovrappongono. Puoi utilizzare valori Quantità negativi per annullare l’influenza di un altro perno Rigidità in una posizione specifica.

Nota:

Se noti “strappi” nell’immagine accanto a un perno di Deformazione, utilizza un perno Rigidità con un valore Quantità molto basso (inferiore a 0,1) accanto al perno di Deformazione. Un valore Quantità basso è ottimo per mantenere l’integrità dell’immagine senza introdurre troppa rigidità.

Distanza

La distanza fin cui il perno Rigidità estende la propria influenza. L’influenza termina all’improvviso; non diminuisce gradualmente con la distanza dal perno. La distanza è indicata visivamente da un riempimento chiaro nelle parti interessate della trama.

Oltre all’animazione delle immagini fisse, è possibile utilizzare l’effetto Marionetta su un livello con metraggio animato come sorgente. Ad esempio, puoi applicare una distorsione ai contenuti dell’intero fotogramma della composizione affinché corrisponda all’animazione di un oggetto all’interno del fotogramma. In tal caso, puoi valutare la possibilità di creare una trama per l’intero livello, con i margini del livello come struttura, e utilizzare lo strumento Rigidità marionetta attorno ai lati per evitare che i lati del livello subiscano una distorsione.

Nozioni di base sullo strumento Marionetta avanzato

Gli strumenti Marionetta e l’effetto Marionetta in After Effects utilizzano un modulo Marionetta chiamato Strumento Marionetta avanzato, mentre quello delle versioni precedenti si chiama modulo marionetta precedente. In After Effects 15.1 e versioni successive, il modulo marionetta avanzato è il modulo predefinito per i nuovi progetti. I progetti salvati nelle versioni precedenti di After Effects utilizzano lo strumento Marionetta precedente per impostazione predefinita. Per accedere agli Strumenti marionetta avanzati, fai clic sull’icona Perno nella barra degli strumenti e il gruppo Marionetta verrà visualizzato nel pannello Timeline.

Fondamentalmente il modulo Marionetta avanzato utilizza un concetto simile a quello del modulo Marionetta precedente, con le seguenti differenze:

  • Nuovi tipi e comportamenti dei perni
  • Deformazioni più uniformi e personalizzabili
  • Densità migliorata

Differenza tra il modulo Marionetta precedente e quello avanzato

Modulo Marionetta precedente o avanzato

La tabella di seguito riassume le principali differenze tra i moduli Marionetta precedenti e avanzati:

Modulo Marionetta precedente

Modulo Marionetta avanzato

Controllo Triangolo: specifica il numero massimo di triangoli consentiti per una trama. Lo strumento Marionetta precedente utilizza il posizionamento intelligente dei triangoli nella trama con una densità elevata di triangoli per ottenere risultati migliori.

Il controllo Densità sostituisce il controllo Triangolo. e controlla la disposizione, le dimensioni e la quantità di triangoli calcolati automaticamente all’interno di una trama. Con una densità elevata, le dimensioni massime e minime dei triangoli si riducono, se aggiungi più triangoli tra i perni, il numero massimo di triangoli consentiti aumenta. Con una densità bassa, la dimensione dei triangoli aumenta e crea una trama meno fitta.

I perni Rigidità si trovano nel gruppo Rigidità.

Il perno Rigidità si trova nel gruppo Deforma mentre il gruppo Rigidità non viene più utilizzato.

I perni Rigidità dispongono del controllo Distanza che consente di manipolare la distanza a cui il perno influenza la marionetta.

I perni Rigidità non dispongono del controllo Distanza, ma possono influenzare la rigidità nell’area compresa tra i perni Rigidità e gli altri perni. Il modulo Marionetta avanzato interpreta i perni Rigidità come perni Posizione.

Non puoi convertire i perni Rigidità in altri tipi di perni.

Puoi convertire i perni Rigidità in perni Posizione con la proprietà Tipo perno.

Nessuna opzione di Miglioramento rotazione trama.

L’opzione Miglioramento rotazione trama specifica la rotazione massima consentita a una posizione o a un perno Rigidità per ridurre al minimo la deformazione. Più alto è il valore, più ampia è la rotazione (deformazione flessibile); più basso è il valore, meno ampia è la rotazione (deformazione rigida).

Miglioramenti apportati allo strumento Marionetta avanzato

Puoi utilizzare il controllo Modulo Marionetta per scegliere il modulo Marionetta avanzato o quello precedente. Per scegliere un modulo, nel pannello Timeline fai clic sull’elenco a discesa accanto a Modulo Marionetta e selezionalo. Puoi passare da un modulo all’altro, tuttavia After Effects ti suggerisce di evitare di cambiare modulo dopo avere posizionato o animato i perni per i seguenti motivi:

  • Poiché i due moduli interpretano i perni in modo diverso, il passaggio da un modulo all’altro può modificare la deformazione.
  • I perni di rigidità differiscono nel Modulo Marionetta avanzato, quindi il Modulo Marionetta precedente tratta i perni rigidità avanzati come normali perni posizione. Il Modulo Marionetta avanzato ignora i perni rigidità esistenti.

Tipi di perni nello strumento Marionetta avanzato

Lo strumento Marionetta avanzato offre i seguenti tipi di perni per animare le marionette. Per applicare questi perni, seleziona il tipo di perno nel menu dello Strumento marionetta nella barra degli strumenti.

  • Strumento Perno posizione marionetta: i perni inseriti con questo strumento possono controllare solo la posizione del perno. Nell’interfaccia utente questi perni si presentano come cerchi gialli.
  • Strumento Perno rigidità marionetta: nell’interfaccia utente questi perni si presentano come cerchi rossi.
  • Strumento Perno sovrapposizione marionetta: nell’interfaccia utente questi perni si presentano come cerchi blu.
  • Perni avanzati: consente di controllare la posizione, la scala e la rotazione del perno. Offre notevole controllo sul modo in cui la trama dell’effetto Marionetta si deforma attorno al perno. Se non si animano tutte tre le proprietà, la trama può risultare visibilmente inclinata. Ad esempio, puoi usare un perno avanzato per animare la testa di un personaggio in modo da spostarla di lato e guardare in basso. Tuttavia, se non animi manualmente la rotazione, la testa continua a essere orientata nella stessa direzione e avrà un aspetto dilatato. Nell’interfaccia utente questi perni si presentano come cerchi blu-verde.
  • Perni di piega: questi perni calcolano automaticamente la loro posizione rispetto ai perni circostanti, in modo analogo ai perni di rigidità, e consentono di controllare la scala e la rotazione del perno. Puoi usare i perni di piega per creare il movimento del torace di un personaggio che respira o di una coda che scodinzola. Sono utili anche se vuoi ridimensionare o ruotare una parte della trama mentre la posizione del perno si sposta automaticamente con il resto della marionetta. Nell’interfaccia utente questi perni si presentano come cerchi arancione-marrone.

Utilizzo dei perni avanzati e di piega

I perni avanzati e di piega dispongono di controlli che consentono di regolare la scala e la rotazione:

Quando selezioni i perni avanzati o di piega nel pannello Strumento Marionetta, viene visualizzato un controllo di rotazione e scala: un cerchio esterno più grande con una singola maniglia quadrata.

Per modificare i controlli di rotazione e scala, effettua le operazioni seguenti:

  1. Seleziona un punto qualsiasi del cerchio esterno per cambiare la rotazione e trascinare il cerchio.

  2. Tieni premuto il tasto Maiusc mentre trascini per vincolare la rotazione a incrementi di 15 gradi.

  3. Per cambiare la scala, fai clic sulla maniglia quadrata e trascinala verso l’interno o l’esterno rispetto al cerchio esterno.

  4. Tieni premuto il tasto Maiusc mentre trascini per vincolare la scala a incrementi del 5%.

Utilizzo del Perno marionetta avanzato
Utilizzo del Perno marionetta avanzato

Utilizzo del Perno marionetta di piega
Utilizzo del Perno marionetta di piega

Altri miglioramenti allo strumento Marionetta avanzato

  • Puoi cambiare il tipo di un perno esistente, da Posizione a Rigidità.
  • Lo strumento Rigidità marionetta ha un’icona diversa ed è il secondo nell’elenco degli strumenti Marionetta nel pannello Barra degli strumenti.
  • Le opzioni Punto tracciatoe Dimensioni maniglia in Preferenze > Generale modificano la dimensione del perno. Inoltre, le dimensioni dei perni aumentano quando passi il cursore del mouse su di essi.
  • L’effetto Marionetta ignora le maschere impostate su Nessuna o eventuali maschere utilizzate da un effetto come riferimento maschera (Proprietà degli effetti > Opzioni di composizione > Riferimento maschera) durante il calcolo del contorno della trama.

 Adobe

Ottieni supporto in modo più facile e veloce

Nuovo utente?

Adobe MAX 2024

Adobe MAX
La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX

La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX 2024

Adobe MAX
La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online

Adobe MAX

La conferenza sulla creatività

14-16 ottobre Miami Beach e online