Guida utente Annulla

Attributi forma, operazioni di disegno e operazioni con i tracciati per i livelli forma

  1. Guida utente di After Effects
  2. Versioni beta
    1. Panoramica del programma beta
    2. After Effects Beta Home
    3. Funzioni in versione beta
      1. Pannello Proprietà (Beta)
  3. Guida introduttiva
    1. Introduzione ad After Effects
    2. Novità di After Effects 
    3. Note sulla versione | After Effects
    4. Requisiti di sistema di After Effects
    5. Scelte rapide da tastiera di After Effects
    6. Formati di file supportati | After Effects
    7. Consigli sull’hardware
    8. After Effects per Apple Silicon
    9. Pianificazione e impostazione
    10. Impostazione e installazione
  4. Spazi di lavoro
    1. Elementi generali dell’interfaccia utente
    2. Interfaccia di After Effects
    3. Flussi di lavoro
    4. Spazi di lavoro, pannelli e visualizzatori
  5. Progetti e composizioni
    1. Progetti
    2. Nozioni di base sulla composizione
    3. Effettuare la precomposizione, la nidificazione e il pre-rendering
    4. Visualizzare informazioni dettagliate sulle prestazioni con Profilo composizione
    5. Modulo di rendering per composizioni CINEMA 4D
  6. Importazione del metraggio
    1. Preparazione e importazione di immagini fisse
    2. Importazione da After Effects e Adobe Premiere Pro
    3. Importazione e interpretazione di video e audio
    4. Preparazione e importazione di file di immagine 3D
    5. Importazione e interpretazione degli elementi di metraggio
    6. Operazioni con gli elementi di metraggio
    7. Rilevare i punti di modifica utilizzando Rilevamento modifiche scena
    8. Metadati XMP
  7. Testo e grafica
    1. Testo
      1. Formattazione dei caratteri e pannello Carattere
      2. Effetti Testo
      3. Creazione e modificazione di livelli testo
      4. Formattazione paragrafi e pannello Paragrafo
      5. Estrusione di livelli di testo e forma
      6. Animazione del testo
      7. Esempi e risorse per l’animazione del testo
      8. Modelli di testo dinamico
    2. Grafica animata
      1. Utilizzare modelli di grafica animata in After Effects
      2. Utilizzare le espressioni per creare elenchi a discesa nei modelli di grafica animata
      3. Utilizzare Proprietà essenziali per creare modelli di grafica animata
      4. Sostituire immagini e video in modelli di grafica animata e in Proprietà essenziali
  8. Disegni, colori e tracciati
    1. Panoramica su livelli forma, tracciati e grafica vettoriale
    2. Strumenti di disegno: Pennello, Timbro clona e Gomma
    3. Come assottigliare i tratti forma
    4. Attributi forma, operazioni di disegno e operazioni con i tracciati per i livelli forma
    5. Usare l’effetto forma Sposta tracciati per modificare le forme
    6. Creazione delle forme
    7. Creare maschere
    8. Rimuovere oggetti dai video con Riempimento in base al contenuto
    9. Pennello a rotoscopio e Migliora mascherino
  9. Livelli, marcatori e fotocamera
    1. Selezione e disposizione di livelli
    2. Modalità di fusione e stili di livello
    3. Livelli 3D
    4. Proprietà dei livelli
    5. Creazione livelli
    6. Gestione livelli
    7. Marcatori livello e marcatori composizione
    8. Videocamere, luci e punti di interesse
  10. Animazione, fotogrammi chiave, tracciamento del movimento e tipo di trasparenza
    1. Animazione
      1. Fondamenti di animazione
      2. Animazione con gli strumenti Marionetta
      3. Gestione e animazione di tracciati forma e maschere
      4. Animazione di forme create con Sketch e Capture con After Effects
      5. Strumenti di animazione assortiti
      6. Utilizzare l’animazione basata sui dati
    2. Fotogramma chiave
      1. Interpolazione fotogrammi chiave
      2. Impostare, selezionare ed eliminare i fotogrammi chiave
      3. Modifica, spostamento e copia di fotogrammi chiave
    3. Tracciamento del movimento
      1. Tracciamento e stabilizzazione del movimento
      2. Tracciamento dei volti
      3. Tracciamento maschera
      4. Riferimento maschera
      5. Velocità
      6. Dilatazione e modifica del tempo
      7. Codice di tempo e unità per la visualizzazione del tempo
    4. Trasparenza
      1. Tipo di trasparenza
      2. Effetti Trasparenza
  11. Trasparenza e composizione
    1. Composizione e trasparenza: panoramica e risorse
    2. Canali alfa, maschere e mascherini
  12. Regolazione del colore
    1. Concetti di base sul colore
    2. Utilizzare l’estensione Temi di Adobe Color
    3. Gestione colore
    4. Effetti di correzione del colore
  13. Effetti e predefiniti di animazione
    1. Panoramica sugli effetti e sui predefiniti di animazione
    2. Elenco di effetti
    3. Effetti di simulazione
    4. Effetti di stilizzazione
    5. Effetti audio
    6. Effetti di distorsione
    7. Effetti di prospettiva
    8. Effetti canale
    9. Effetti di generazione
    10. Effetti di transizione
    11. Effetto di riparazione scansione lineare
    12. Effetti sfocatura e nitidezza
    13. Effetti canale 3D
    14. Effetti di utilità
    15. Effetti mascherino
    16. Effetti di disturbo e granulosità
    17. Effetto mantieni dettagli (ingrandimento)
    18. Effetti obsoleto
  14. Espressioni e automazione
    1. Espressione
      1. Concetti di base sull’espressione
      2. Informazioni sul linguaggio dell’espressione
      3. Utilizzo dei controlli di espressione
      4. Differenze di sintassi tra i motori di espressione JavaScript e Legacy ExtendScript
      5. Modifica di espressioni
      6. Errori nelle espressioni
      7. Utilizzo dell’editor espressioni
      8. Utilizzo delle espressioni per modificare e accedere alle proprietà di testo
      9. Riferimenti del linguaggio delle espressioni
      10. Esempi di espressione
    2. Automazione
      1. Automazione
      2. Script
  15. Video immersivo, VR e 3D
    1. Creare ambienti VR in After Effects
    2. Applicare effetti video immersivi
    3. Strumenti di composizione per i video VR/360
    4. Tracciamento del movimento della videocamera 3D
    5. Lavorare in Design Space 3D
    6. Gizmo Trasformazione 3D
    7. Ulteriori informazioni sull’animazione 3D
    8. Anteprima delle modifiche apportate ai progetti 3D con il modulo di rendering in tempo reale
    9. Aggiungere grafica reattiva agli elementi grafici 
  16. Visualizzazioni e anteprime
    1. Visualizzazione in anteprima
    2. Anteprima video con Mercury Transmit
    3. Modifica e utilizzo di visualizzazioni
  17. Rendering ed esportazione
    1. Nozioni di base su rendering ed esportazione
    2. Esportare un progetto After Effects come progetto Adobe Premiere Pro
    3. Convertire filmati
    4. Rendering di più fotogrammi
    5. Rendering automatico e rendering di rete
    6. Rendering ed esportazione di immagini fisse e sequenze di immagini fisse
    7. Utilizzo del codec GoPro CineForm in After Effects
  18. Lavorare con altre applicazioni
    1. Dynamic Link e After Effects
    2. Utilizzo di After Effects con altre applicazioni
    3. Impostazioni sincronizzazione in After Effects
    4. Creative Cloud Libraries in After Effects
    5. Plug-in
    6. CINEMA 4D e Cineware
  19. Collaborazione: Frame.io e Progetti team
    1. Collaborazione in Premiere Pro e After Effects
    2. Frame.io
      1. Installare e attivare Frame.io
      2. Utilizzare Frame.io con Premiere Pro e After Effects
      3. Domande frequenti
    3. Progetti team
      1. Introduzione ai Progetti team
      2. Creare un progetto team
      3. Collaborare con Progetti team
  20. Memoria, archiviazione, prestazioni
    1. Memoria e archiviazione
    2. Migliorare le prestazioni
    3. Preferenze
    4. Requisiti di GPU e driver GPU per After Effects

Aggiungere attributi ai livelli forma

Dopo la creazione di un livello forma, potete aggiungere alcuni attributi, quali tracciati, operazioni di disegno e sui tracciati, usando il menu Aggiungi nel pannello Strumenti o nel pannello Timeline.

Per impostazione predefinita, i nuovi attributi vengono inseriti nel gruppo o nei gruppi di forme selezionati in base alle seguenti regole:

  • I nuovi tracciati vengono aggiunti al di sotto dei tracciati e dei gruppi esistenti.

  • Le nuove operazioni sui tracciati, ad esempio Zig Zag e Deformazione tracciati, vengono aggiunte al di sotto delle operazioni già esistenti. Se non è presente alcuna operazione precedente, le nuove operazioni vengono aggiunte al di sotto dei tracciati già esistenti.

  • Le nuove operazioni di disegno, vale a dire tratti e riempimenti, vengono aggiunte al di sotto dei tracciati esistenti e al di sopra dei tratti e dei riempimenti esistenti.

Per ignorare queste regole e inserire un nuovo attributo al termine di un gruppo, quindi al di sotto di tutti gli altri attributi, tenete premuto Alt (Windows) o Opzione (Mac OS) e fate clic per scegliere un’opzione dal menu Aggiungi.

L’operazione del Ripetitore viene sempre aggiunta alla fine del gruppo.

Tratti e riempimenti per le forme

In questo video disponibile sul sito web Creative COW, Andrew Devis mostra come modificare i riempimenti e le tracce per i livelli forma e altre opzioni.

I tratti e i riempimenti relativi alle forme sono operazioni di disegno che aggiungono pixel colorati a un tracciato o all’area definita da un tracciato. Un tratto o un riempimento possono essere in tinta unita oppure utilizzare una sfumatura di colori. I tratti possono essere continui oppure consistere di una serie periodica di trattini e spazi. Ciascun tratto e riempimento ha il proprio metodo di fusione, che ne determina la modalità di interagire con altre operazioni di disegno nello stesso gruppo.

Per impostazione predefinita, le operazioni di disegno in un gruppo vengono effettuate dal basso verso l’alto nell’ordine di sovrapposizione del pannello Timeline. Ciò significa, ad esempio, che un tratto viene sottoposto a rendering sopra (davanti) un tratto che lo segue nel pannello Timeline. Per ignorare questo comportamento predefinito per uno specifico riempimento o tratto, scegliete Sopra a precedente in stesso gruppo per la proprietà Composito relativa al riempimento o al tratto nel pannello Timeline.

Nota:

quando aggiungete un tratto o un riempimento utilizzando il menu Aggiungi nel pannello Strumenti o nel pannello Timeline, l’operazione di disegno viene aggiunta al di sotto dei tracciati esistenti e al di sopra dei tratti e dei riempimenti esistenti. Per inserire un nuovo tratto alla fine del gruppo, tenete premuto Alt (Windows) o Opzione (Mac OS) e fate clic per scegliere un’opzione dal menu Aggiungi.

Vengono create nuove forme con le proprietà di riempimento e tratto rappresentate dai pulsanti campione accanto ai controlli testo sottolineati Riempimento e Tratto nel pannello Strumenti. Usando questi controlli, potete inoltre modificare sia i colori che il tipo di riempimento e tratto da applicare alle forme selezionate. I controlli Riempimento e Tratto sono visibili nel pannello Strumenti solo quando è selezionato un livello forma o è attivo uno strumento di disegno.

Se sono selezionate più forme, con proprietà di riempimento o tratto diverse, il pulsante campione accanto al controllo Riempimento o Tratto racchiude un punto interrogativo. Usando questi controlli, potete comunque modificare le proprietà del riempimento e del tratto; le proprietà corrispondenti per tutte le altre forme selezionate verranno impostate sullo stesso valore.

I riempimenti e i tratti possono essere di quattro tipi:

Nessuno

Non viene eseguita nessuna operazione di disegno.

Tinta unita

L’intero riempimento o tratto consiste in un unico colore.

Sfumatura lineare

Riempimenti e tratti sono costituiti da colori e valori di opacità definiti da una sfumatura lineare e successivamente mappati sulla composizione lungo un singolo asse, dal punto iniziale al punto finale.

Sfumatura radiale

Riempimenti e tratti sono costituiti da colori e valori di opacità definiti da una sfumatura lineare, che vengono mappati sulla composizione lungo un raggio che si estende verso l’esterno partendo dal punto iniziale al centro fino al punto finale sulla circonferenza di un cerchio. Potete spostare il punto iniziale modificando i valori di Lunghezza luce e Angolo luce.

Nota:

Potete animare e interpolare le sfumature aggiungendo fotogrammi chiave alla proprietà Colori e usando il Selettore colore nella modalità Editore sfumatura per aggiungere, modificare e rimuovere le interruzioni di colore e di opacità. Potete inoltre salvare le sfumature come predefiniti dell’animazione. Consultate Salvare un predefinito dell’animazione.

I colori di tratti e riempimenti per i livelli forma non sono sottoposti a rendering come i colori a intervallo dinamico elevato. I valori colore al di sotto di 0,0 o al di sopra di 1,0 vengono arrotondati in modo che rientrino nell’intervallo da 0,0 a 1,0.

Scegliere il tipo di tratto o di riempimento e le opzioni di fusione

  • Per scegliere un tipo di riempimento o tratto per le nuove forme o per impostare il metodo di fusione o l’opacità per un riempimento o tratto di nuove forme, fate clic sul controllo di testo Riempimento o Tratto nel pannello Strumenti. Per scorrere i diversi tipi riempimento o tratto per le forme esistenti, selezionate le forme prima di usare questi controlli.
  • Per scorrere i diversi tipi riempimento o tratto per le nuove forme, tenete premuto Alt (Windows) o Opzione (Mac OS) e fate clic sul pulsante campione accanto al controllo testo sottolineato Riempimento o Tratto nel pannello Strumenti. Per scegliere un tipo riempimento o tratto per le forme esistenti, selezionate le forme prima di usare questi controlli.

Scegliere una tinta unita o modificare una sfumatura relativa al tratto o al riempimento

  • Per scegliere una tinta unita o una sfumatura per i riempimenti o i tratti di nuove forme, fate clic sul pulsante campione accanto al controllo testo sottolineato Riempimento o Tratto nel pannello Strumenti. Per scegliere una tinta unita o una sfumatura per i riempimenti o i tratti delle forme esistenti, selezionate le forme prima di usare i controlli.

Modificare il mapping dei colori per una sfumatura

Una sfumatura è un intervallo di colori e valori di opacità che potete personalizzare nella finestra di dialogo Editore sfumatura. Potete inoltre personalizzare il modo in cui questi colori vengono applicati a un tratto o a un riempimento modificando il punto iniziale e il punto finale, che determinano la direzione e la scala della sfumatura. Ad esempio, potete modificare questi punti per espandere i colori di una sfumatura su un’area più grande, oppure orientare una sfumatura lineare in modo tale che i colori sfumino dall’alto in basso invece che da sinistra a destra. Per una sfumatura radiale, definite il centro della sfumatura, il raggio e lo scostamento di una luce.

Per impostazione predefinita, quando create un tracciato forma disegnando con lo strumento Penna, i punti di controllo per la sfumatura si trovano al centro del livello. Potete regolare questi punti dopo aver finito di disegnare.

Potete modificare le proprietà relative a Punto iniziale, Punto finale, Angolo luce e Lunghezza luce nel pannello Timeline. Potete inoltre modificare queste proprietà direttamente nel pannello Composizione.

Controlli per mappare i colori della sfumatura
Controlli per mappare i colori della sfumatura nel pannello Composizione

A. Punto di controllo luce B. Punto iniziale C. Punto finale 

  1. Selezionate il gruppo che contiene la sfumatura.
  2. Con lo strumento Selezione attivo, trascinate i controlli Punto iniziale, Punto finale e Luce nel pannello Composizione.

    Se viene posizionato sopra un controllo di sfumatura, lo strumento Selezione si trasforma in un puntatore di controllo della sfumatura o .

Impostare la larghezza del tratto

  • Per impostare la larghezza del tratto per le nuove forme espressa in pixel (px), trascinate il controllo Larghezza tratto sottolineato (posizionato a destra dei controlli Tratto nel pannello Strumenti) oppure fate clic sul controllo e immettete un valore nella casella. Per impostare la larghezza del tratto per le forme esistenti, selezionatele prima di utilizzare il controllo Larghezza tratto.

Creare un tratto tratteggiato

Per creare un tratto tratteggiato, aggiungete un qualsiasi numero di trattini e spazi al gruppo di proprietà Trattini relativo al tratto. I trattini e gli spazi presenti in questo gruppo di proprietà vengono ripetuti il numero di volte necessario per coprire l’intero tracciato. La proprietà Scostamento determina in quale punto del tracciato inizia il tratto.

Nota:

animate la proprietà Scostamento per creare una scia di trattini in movimento, come per le insegne pubblicitarie.

  1. Espandete il gruppo di proprietà relative a un tratto nel pannello Timeline.
  2. Fate clic sul pulsante Aggiungi un trattino o uno spazio per aggiungere un trattino e uno spazio a un ciclo del pattern a linea tratteggiata. Potete aggiungere fino a tre trattini per ciascun pattern di tratto.
  3. Modificate le proprietà Trattino e Spazio per assegnare ai trattini e agli spazi le lunghezze desiderate.

Opzioni di Estremità linea per i tratti

La proprietà Estremità linea per un tratto tratteggiato determina l’aspetto delle estremità dei segmenti tratto (trattini).

Estremo troncato

Il tratto termina alla fine di un tracciato.

Estremità arrotondata

Il tratto si estende oltre la fine del tracciato in base a un numero di pixel corrispondente alla larghezza del tratto espresso in pixel. L’estremo è un semicerchio.

Proiezione

Il tratto si estende oltre la fine del tracciato in base a un numero di pixel corrispondente alla larghezza del tratto espresso in pixel. L’estremità è squadrata.

Opzioni di Spigoli per i tratti

La proprietà Spigoli di un tratto determina l’aspetto del tratto in cui il tracciato cambia improvvisamente direzione (determinando un angolo).

Angoli vivi

Una connessione a punta. Il valore Limite angolo determina le condizioni in cui viene usato un angolo smussato al posto di un angolo vivo. Se il valore di limite angolo è pari a 4, quando la lunghezza del punto raggiunge quattro volte lo spessore del tratto verrà invece utilizzato un angolo smussato. Un limite angolo pari a 1 crea un angolo smussato.

Arrotondati

Una connessione arrotondata.

Smussati

Una connessione squadrata.

Regole di riempimento per le forme

Un’operazione di riempimento consiste nell’applicare colore nell’area definita come l’interno di un tracciato. Determinare ciò che può essere considerato interno a un tracciato è facile quando il tracciato è una forma semplice come un cerchio. Tuttavia quando un tracciato interseca se stesso o quando un tracciato composto consiste in tracciati a loro volta racchiusi in altri, è più difficile definire ciò che è considerato interno.

Al fine di creare i riempimenti, After Effects utilizza una delle due regole disponibili per determinare ciò che è considerato interno a un tracciato. Entrambe le regole contano il numero di volte che una linea retta disegnata da un punto interseca il tracciato lungo il percorso di uscita dall’area delimitata da un tracciato. La regola di riempimento non-zero considera la direzione del tracciato, non considerata invece dalla regola di riempimento pari-dispari.

Per impostazione predefinita, After Effects e Illustrator utilizzano la regola di riempimento non-zero.

Regola di riempimento non-zero (a sinistra) rispetto a Regola di riempimento pari-dispari (a destra)
Tracciato che interseca se stesso con Regola riempimento impostata su Regola di riempimento non-zero (a sinistra) rispetto a Regola di riempimento pari-dispari (a destra)

Regola di riempimento pari-dispari

Se una linea disegnata da un punto in qualsiasi direzione attraversa il tracciato un numero di volte dispari, il punto è all’interno; in caso contrario il punto è all’esterno.

Regola di riempimento non-zero

Il numero di attraversamenti di una linea è il numero totale di volte che la linea attraversa una porzione da sinistra a destra del tracciato, meno il numero totale di volte che la linea attraversa la porzione da destra a sinistra del tracciato. Se una linea disegnata in qualsiasi direzione dal punto ha un numero di attraversamenti pari a zero, il punto si trova all’esterno; in caso contrario, il punto si trova all’interno.

Nota:

Un modo più intuitivo di immaginare la regola di riempimento non-zero consiste nell’immagine un tracciato come un giro di stringa. Un punto viene considerato all’esterno del tracciato se potete mettere un dito in corrispondenza del punto e quindi tirare la stringa senza che il dito resti impigliato.

Poiché la regola di riempimento non-zero tiene conto della direzione del tracciato, usare questa regola di riempimento e invertire la direzione di uno o più tracciati in un tracciato composto è utile per creare fori nei tracciati composti.

Nota:

Per invertire la direzione di un tracciato, fate clic sul pulsante Inverti direzione tracciato attivato relativo a tale tracciato nel pannello Timeline.

Tratti forma assottigliati

Potete anche assottigliare i punti iniziale e finale e le dimensioni della conicità dei tratti forma per conferire alle animazioni un aspetto più fluido. Per ulteriori informazioni, consultate Come assottigliare i tratti forma.

Alterare le forme con le operazioni sui tracciati

Le operazioni sui tracciati sono simili agli effetti. Queste operazioni dinamiche agiscono in modo non distruttivo sul tracciato di una forma per creare un tracciato modificato, al quale si possono applicare le operazioni sulle forme (come ad esempio riempimenti e tratti). Il tracciato originale non viene modificato. Poiché le operazioni sui tracciati sono dinamiche, potete modificarle o rimuoverle in qualsiasi momento. Le operazioni sui tracciati si applicano a tutti i tracciati in posizione superiore nello stesso gruppo; come con tutti gli attributi forma, potete riordinare le operazioni sui tracciati trascinando, tagliando, copiando e incollando nel pannello Timeline.

  1. Nel pannello Composizione o Timeline, selezionate il gruppo di forme in cui aggiungere l’operazione sul tracciato.
  2. Scegliete un’operazione sul tracciato dal menu Aggiungi nel pannello Strumenti o Timeline:

    Unisci tracciati

    Unisce i tracciati in un tracciato composto. Consultate Opzioni Unisci tracciati.

    Sposta tracciati

    Espande o contrae una forma spostando il tracciato dal tracciato originale. Per un tracciato chiuso, un valore positivo espande la forma, mentre un valore negativo la contrae. Potete anche creare copie di una forma o di una traccia, quindi spostarle insieme.

     

    Piega e Rigonfiamento

    Trascina verso l’esterno i vertici di un tracciato mentre curva i segmenti verso l’interno (Piega) oppure trascina i vertici verso l’interno mentre curva i segmenti all’esterno (Rigonfiamento).

    Ripetitore

    Crea più copie di una forma, applicando una specifica trasformazione a ciascuna copia. Consultate Usare il Ripetitore per replicare le forme.

    Angoli arrotondati

    Arrotonda gli angoli dei tracciati. I valori più elevati di Raggio determinano un arrotondamento maggiore.

    Taglia tracciati

    Animate le proprietà Inizio, Fine e Offset per tagliare un tracciato in modo da creare risultati simili a quelli ottenuti con l’effetto Scrivi sopra e l’impostazione Scrivi sopra per i tratti pennello. Se l’operazione Taglia tracciati si trova al di sotto di più tracciati in un gruppo, potete decidere di tagliare simultaneamente i tracciati o trattarli come un tracciato composto e tagliato individualmente.

    Nel sito Web Creative COW, potete trovare un’esercitazione video di Aharon Rabinowitz che illustra come utilizzare l’operazione Taglia tracciati per animare una linea tratteggiata che segua un percorso su una cartina.

    Torsione

    Ruota un tracciato in modo più accentuato al centro rispetto ai contorni. L'immissione di un valore positivo crea una torsione in senso orario; un valore negativo crea una torsione in senso antiorario.

    Deformazione tracciati

    Modifica casualmente (deforma) un tracciato convertendolo in una serie di creste e avvallamenti frastagliati di varie dimensioni. La distorsione è animata automaticamente, nel senso che cambia nel tempo senza che sia necessario impostare alcun fotogramma chiave o aggiungere espressioni.

    Alcune proprietà relative all’operazione su questo tracciato si comportano allo stesso modo delle proprietà con lo stesso nome per il selettore Deformazioni relativo all’animazione di testo. Consultate Proprietà del selettore Deformazioni in movimento. La proprietà Correlazione specifica l’entità della somiglianza tra il movimento di un vertice e quello dei vertici vicini; i valori più piccoli creano risultati più frastagliati, mentre la posizione di un vertice dipende in misura minore dalla posizione dei vertici vicini. La proprietà Correlazione è simile a Correlazione per il selettore Deformazioni, con la differenza che la versione Deformazione tracciati specifica la correlazione tra i vertici vicini, invece che tra i caratteri vicini. Impostate la lunghezza massima dei segmenti usando dimensioni assolute o relative. Impostate la densità dei bordi frastagliati (Dettagli) e scegliete tra bordi arrotondati (Arrotondati) o angolati (Angolati).

    Nota:

    Animate la proprietà Dimensioni per sfumare la deformazione in movimento verso l’alto o verso il basso. Per far accelerare o decelerare gradualmente la deformazione in movimento, impostate Deformazioni/secondo su un valore costante pari a 0 e animate la proprietà Fase temporale.

    Deformazione in movimento

    Genera casualmente (deforma) qualsiasi combinazione delle trasformazioni di posizione, punto di ancoraggio, scala e posizione per un tracciato. Indicate l’intensità della deformazione per ciascuna di queste trasformazioni impostando un valore nel gruppo di proprietà Trasformazione contenuto nel gruppo di proprietà Deformazione in movimento. Le deformazioni in movimento sono animate automaticamente, nel senso che cambiano nel tempo senza che sia necessario impostare alcun fotogramma chiave o aggiungere espressioni. L’operazione Deformazione in movimento risulta particolarmente utile dopo un’operazione Ripetitore, in quanto consente di generare casualmente le trasformazioni di ciascuna forma ripetuta separatamente. Consultate Usare il Ripetitore per replicare le forme.

    Alcune proprietà relative all’operazione su questo tracciato si comportano allo stesso modo delle proprietà con lo stesso nome per il selettore Deformazioni relativo all’animazione di testo. Consultate Proprietà del selettore Deformazioni in movimento. La proprietà Correlazione specifica l’entità della somiglianza tra le deformazioni in movimento di una forma ripetuta e la forma ad essa vicina, all’interno di un insieme di forme ripetute. La correlazione è rilevante solo se un’operazione Ripetitore precede l’operazione Deformazione in movimento. Quando Correlazione è pari al 100%, tutti gli elementi ripetuti vengono trasformati allo stesso modo; quando Correlazione è pari allo 0%, tutti gli elementi ripetuti vengono trasformati in modo indipendente.

    Nota:

    Quando eseguite la generazione casuale di forme ripetute, tenere presente quanto segue: se l’operazione con il tracciato Deformazione in movimento precede (si trova al di sopra) dell’operazione con il tracciato Ripetitore, tutte le forme ripetute verranno deformate (generate a caso) allo stesso modo. Se l’operazione con il tracciato Ripetitore precede (si trova al di sopra) dell’operazione con il tracciato Trasformazione, ciascuna delle forme ripetute verrà deformata (generata a caso) in modo indipendente.

    Nel sito Web ProVideo Coalition è disponibile un’esercitazione video di Chris Meyer che mostra come usare l’operazione con il tracciato Deformazione in movimento. Questa esercitazione spiega perché dovete usare più istanze dell’operazione con il tracciato Deformazione in movimento se desiderate deformare più proprietà in modo indipendente.

    Andrew Devis mostra come usare l’operazione tracciato Deformazione in movimento in un video disponibile nel sito Web Creative COW.

    Zig zag

    Converte un tracciato in una serie di picchi e valli dentellate di dimensione uniforme. Impostate la distanza tra picchi e valli utilizzando dimensioni assolute o relative. Impostate il numero di rilievi per segmento di tracciato e scegliete tra bordi ondulati (arrotondati) o dentellati (angolati).

Opzioni Unisci tracciati

L’operazione Unisci tracciati prende i dati di tutti i tracciati al di sopra del tracciato nelle stesso gruppo. Il risultato è un singolo tracciato che combina i dati dei tracciati di input. I tracciati di input sono ancora visibili nel pannello Timeline, ma vengono essenzialmente rimossi dal rendering del livello forma in modo che non appiano nel pannello Composizione. Un riempimento e un tratto vengono aggiunti dopo il gruppo di proprietà Unisci tracciati nel pannello Timeline nel caso in cui un riempimento e un tratto non siano già presenti; in caso contrario, il tracciato di output non sarebbe visibile.

Opzioni Unisci tracciati
Opzioni Unisci tracciati

A. Aggiungi per tutte le forme B. Sottrai per i quadrati C. Interseca per i quadrati D. Escludi intersezioni per i quadrati 

L’operazione sui tracciati Unisci tracciati ha le seguenti opzioni, ciascuna delle quali effettua calcoli diversi per determinare il percorso di output:

Unisci

Unisce tutti i tracciati di input in un singolo tracciato composto. Questa opzione è quella predefinita usata per le forme create dai caratteri di testo composti da più tracciati, come la lettera e, quando usate il comando Crea forme dal testo.

Aggiungi

Crea un tracciato che racchiude l’unione delle aree dei tracciati di input.

Sottrai

Crea un tracciato che racchiude solo le aree definite dal tracciato più in alto, sottraendo l’area definita dai tracciati sottostanti.

Interseca

Crea un tracciato che racchiude solo le aree definite dalle intersezioni tra tutti i tracciati di input.

Escludi intersezioni

Crea un tracciato che è l’unione delle aree definite da tutti i tracciati di input, meno le aree definite dalle intersezioni di tali tracciati.

Utilizzo del Ripetitore per replicare le forme

L’operazione sul tracciato del Ripetitore crea copie virtuali di tutti i tracciati, i tratti e i riempimenti sovrastanti nello stesso gruppo. Le copie virtuali non sono rappresentate da voci separate nel pannello Timeline, ma vengono sottoposte a rendering nel pannello Composizione. Ciascuna copia viene trasformata in base al suo ordine nell’insieme di copie e i valori delle proprietà riportati nel gruppo proprietà Trasformazione per la specifica istanza del Ripetitore.

Replica di forme con l’operazione Ripetitore
Forma originale (in alto a sinistra), applicazione di un’istanza dell’operazione del Ripetitore (in alto a destra) e applicazione di due istanze dell’operazione del Ripetitore (in basso a destra)

Se alla forma originale è applicato il numero 0, alla copia successiva è applicato il numero 1 e così via, quindi il risultato del Ripetitore consiste nell’applicare ciascuna trasformazione nel gruppo di proprietà Trasformazione n volte per copiare il numero n.

Considerate l’esempio del Ripetitore applicato alla forma con il valore Copie impostato su 10 e la proprietà Posizione nel gruppo di proprietà Trasformazione per Ripetitore impostata su (0,0, 8,0). La forma originale rimane nella sua posizione originale, (0,0, 0,0). La prima copia appare nella posizione (0,0, 8,0), la seconda copia nella posizione (0,0, 16,0), la terza copia nella posizione (0,0, 24,0) e così via fino alla nona copia (0,0, 72,0), per un totale di dieci forme.

Potete applicare più istanze del Ripetitore all’interno dello stesso gruppo. In altre parole, potete ripetere il Ripetitore. L’uso di più istanze consente di creare con facilità una griglia di copie virtuali di una singola forma: impostate semplicemente la proprietà Posizione per un’istanza del Ripetitore per modificare i valori orizzontali e un’altra istanza per modificare i valori verticali.

Il valore della proprietà Offset viene usato per spostare le trasformazioni in base a un numero di copie specifico. Ad esempio, se il valore Copie è 10 e il valore Offset è 3, la forma originale viene trasformata di 3 volte la quantità specificata nel gruppo di proprietà Trasformazione e l’ultima copia viene trasformata di 12 volte la quantità specificata nel gruppo di proprietà Trasformazione.

Nota:

Animare la proprietà Offset è un buon metodo per creare facilmente risultati interessanti.

L’opzione Composito determina se le copie vengono sottoposte a rendering al di sopra (davanti) o al di sotto (dietro) delle copie che le precedono.

Usate il valore Opacità iniziale per impostare l’opacità della forma originale e il valore Opacità finale per impostare l’opacità dell’ultima copia. I valori di opacità per le copie intermedie vengono interpolati.

Se inserite il Ripetitore dopo un tracciato, al di sopra dei gruppi di proprietà di riempimento e tratto per una forma, l’insieme di copie virtuali viene riempito o riceve un tratto come tracciato composto. Se lasciate il Ripetitore al di sotto del riempimento e del tratto, ciascuna copia viene riempita o riceve un tratto individualmente. La differenza risulta più evidente con riempimenti e tratti sfumati.

Nota:

Aggiungete un’operazione sui tracciati Deformazione in movimento dopo un’operazione Ripetitore per calcolare casualmente (deformare) la posizione, la scala, il punto di ancoraggio o la rotazione delle copie ripetute all’interno di un’istanza del ripetitore. Se l’operazione sul tracciato Deformazione in movimento precede (si trova al di sopra) l’operazione sul tracciato Ripetitore, tutte le forme ripetute verranno deformate (generate casualmente) allo stesso modo. Se l’operazione sul tracciato Ripetitore precede (si trova al di sopra) dell’operazione sul tracciato Trasformazione, ciascuna delle forme ripetute verrà deformata (generata casualmente) in modo indipendente.

Nel sito web Creative COW, potete trovare un’esercitazione di Eran Stern che illustra come utilizzare l’operazione Ripetitore.

Nel suo sito web Chris Zwar mette a disposizione un progetto di esempio che utilizza l’effetto Danza di carte e un livello forma con l’operazione Ripetitore per simulare una separazione di colori di mezzetinte per tutte le immagini o i video.

Logo Adobe

Accedi al tuo account