Scadenza del link del documento

Panoramica

Per salvaguardare la privacy dei destinatari e facilitare la sicurezza dei contenuti dei documenti, la scadenza degli URL accessibili pubblicamente (forniti ai destinatari tramite e-mail) deve essere limitata. 

Tuttavia, i processi di lavoro possono avere margini di scadenza molto diversi.

Per questo motivo, gli amministratori di Adobe Acrobat Sign possono configurare, a livello di account, la validità (in giorni) degli URL pubblici generati.

I destinatari che attivano un URL scaduto potranno richiedere l’invio di un nuovo URL all’indirizzo e-mail del destinatario attuale. Con questa azione non è consentito il reindirizzamento verso un nuovo indirizzo e-mail.

Messaggi di collegamento scaduti

Nota:

Le nuove richieste di collegamento vengono limitate a dieci richieste (per destinatario) in una finestra di rotazione di 60 minuti.

Un tentativo di richiedere nuovi collegamenti dopo che sono stati richiesti dieci collegamenti nella finestra di 60 minuti genera un errore. Il destinatario deve quindi attendere 60 minuti dopo la prima richiesta per riprovare.

La limitazione viene applicata per destinatario. In un flusso di firma parallelo, ogni destinatario ha l’autorità di richiedere fino a dieci nuovi collegamenti all’interno delle rispettive finestre di 60 minuti.

Opzioni di configurazione

La durata della scadenza per impostazione predefinita è di sette giorni.

Gli account di livello Enterprise e Business hanno la possibilità di adattare il tempo di scadenza a qualsiasi valore compreso tra uno e 90 giorni.

I controlli per regolare la scadenza si trovano nella scheda Impostazioni di sicurezza a livello di account.  Le scadenze dei collegamenti non possono essere modificate a livello di gruppo.

Controlli per configurare la scadenza degli URL pubblici

Nota:

Questa impostazione si applica solo all’URL fornito nella notifica e-mail di Acrobat Sign.

L’accordo stesso non è influenzato in alcun modo.

Voci del report di audit

Ogni volta che un destinatario richiede un nuovo documento dopo la scadenza di un collegamento, nel Report di audit viene inserito un record della richiesta:

Nuova richiesta di collegamento per collegamento scaduto

Aspetti da considerare:

Questa impostazione controlla quanti giorni il destinatario ha accesso al collegamento all’accordo dopo la consegna dell’e-mail.

La scadenza del contratto si riferisce alla durata dell’accordo.

Nell’esempio precedente, l’accordo è valido per 11 giorni e qualsiasi collegamento e-mail inviato all’utente è valido per tre giorni dopo la consegna.

Supponiamo che il destinatario tenti di accedere all’URL e-mail il quarto giorno. In tal caso, il collegamento attiverà un messaggio di errore che indica che il collegamento è scaduto e permetterà di fornire un nuovo collegamento all’indirizzo e-mail originale. Il secondo (e qualsiasi successivo) collegamento e-mail ha la stessa durata di tre giorni.

Se il destinatario attende 12 giorni, l’accordo scade. Quando si richiede un nuovo collegamento, viene visualizzato un messaggio che indica che l’accordo è scaduto e non può più essere firmato.

Gli URL Web generati tramite chiamate API impostano un periodo di scadenza per tutti gli accordi; l’impostazione predefinita è di 14 giorni. Se necessario, il parametro URL di firma/Scadenza può essere utilizzato per modificare la durata predefinita.  

Quando il destinatario richiede un nuovo collegamento, viene attivato un evento accordo: URL_REAUTHENTICATION_REQUESTED

Sì.

Un nuovo URL di firma per un destinatario specifico può essere richiesto solo dieci volte ogni ora. Se un destinatario richiede più di dieci nuovi URL di firma in un’ora, viene generato un errore.

No.

Se si richiede un nuovo URL per visualizzare un accordo esistente, non viene utilizzata una transazione.

No.

Questa funzione si applica solo alla fattibilità del collegamento per raggiungere il documento e non ha alcun impatto sulle informazioni di input precedenti.

No.

Il destinatario ha già accettato le Condizioni d’uso e tale accettazione è registrata sulla transazione. Nessuna ulteriore accettazione è garantita.

Endpoint URL che applicano il controllo in scadenza: 

  • /public/esign
  • /public/resend/ (collegamenti per la delega)
  • /public/viewAgreement/ 
  • /public/view/agreements/

No.

Non ci sono trigger per webhook legati alla scadenza di un URL pubblico.

Sì.

Tutti i collegamenti rivolti al pubblico distribuiti tramite e-mail sono ugualmente interessati.

Logo Adobe

Accedi al tuo account