Note sulla versione di Adobe Sign: 2021

Nota:

Questo documento evidenzia le nuove funzioni, le modifiche a livello di esperienza e i problemi risolti nella versione corrente.

Non si garantisce la possibilità di abilitare tutte le funzioni o le modifiche alla data di rilascio.

Se desideri ricevere una notifica delle note sulla versione tramite e-mail, abbonati qui >

Adobe Sign: gennaio 2022

Funzionalità migliorate

  •  Miglioramenti di utilizzo della pagina Gestisci: la pagina Gestisci è stata aggiornata per migliorare la visibilità dei dati “a colpo d’occhio”:

Sono state aggiunte icone per indicare quando una nota o un promemoria sono allegati alla transazione. Passa il cursore sull’icona per visualizzare rapidamente i metadati importanti associati a ciascun accordo. Fai clic sull’icona per eseguire un’azione.

Alla funzionalità di ricerca è stato aggiunto un filtro avanzato per limitare il set di dati restituito dall’oggetto ricercato (ad esempio: Note).

  • Migliore sicurezza degli URL degli accordi: gli URL inviati tramite e-mail e che puntano ad accordi o file PDF hanno ora una durata configurabile per definire la scadenza del collegamento (la durata predefinita è di sette giorni). I destinatari che tentano di accedere a un collegamento scaduto possono richiederne uno nuovo che verrà inviato per e-mail. Questa impostazione si applica solo alla scadenza dell’URL e non influisce sulla durata e sulla validità dell’accordo stesso.

Per informazioni dettagliate sulla scadenza dell’URL del documento, fai clic qui >

Controlli per la scadenza dei link dei documenti

  • Maggiore sicurezza nella condivisione degli accordi: la condivisione degli accordi comporta controlli aggiuntivi per limitare la condivisione da e verso parti esterne all’account:
    • Controlla il numero di volte in cui un accordo può essere condiviso con una parte esterna.
      • Livello gratuito: 2
      • Livelli di prova: 5
      • Livello individuale: 10
      • Livello Small Business: 10
      • Livello Business: 20
      • Livello Enterprise: 20
    • Controlla la capacità di una parte esterna di condividere l’accordo.

Ulteriori informazioni sulla condivisione di singoli accordi si trovano qui >

  • Nuovi fornitori Trust Service Provider: SPID (Italia) e MitID (Danimarca) sono i nuovi fornitori Trust Service Provider del Cloud Signature Consortium che forniscono certificati per applicare firme digitali sicure che soddisfano i più elevati standard e requisiti di conformità.

Modifiche a livello di esperienza

  • Nuova pagina Home e Gestisci diventa l’interfaccia standard: Adobe Sign ha ritirato le esperienze classiche per le pagine Home e Gestisci, e per tutti gli account è stata attivata la nuova esperienza.

L’opzione per tornare all’interfaccia classica è stata rimossa e in futuro sarà supportata solo la nuova interfaccia utente.

  • I pulsanti di azione di accesso rapido nella pagina Gestisci sono stati aggiornati: come parte dell’aggiornamento di usabilità per aggiungere le icone Note e Promemoria alla pagina Gestisci, anche le azioni rapide sono state ridisegnate per avere un aspetto simile.
Aggiornamento del passaggio del mouse sulle icone

  • Protezione per accordi HIPAA: negli account in cui sono abilitate le impostazioni HIPAA, tutti i destinatari di accordi vengono trattati come utenti non registrati e senza alcuna affiliazione all’account. In pratica, i destinatari che dispongono di un account utente Adobe Sign non visualizzeranno questi accordi nella propria pagina Gestisci.
    • Fanno eccezione gli utenti appartenenti allo stesso account del mittente. Tutti gli accordi inviati a destinatari appartenenti allo stesso account sono implicitamente attendibili e gli accordi vengono elencati nella pagina Gestisci, da dove possono essere visualizzati e condivisi.
  • Campo Firma con contrasto migliore: il font azzurro sotto la riga della firma è ora più scuro, in conformità allo standard di accessibilità AA (4.5:1) per il contrasto.
Campo Firma precedente e nuovo a confronto in Chrome

Problemi risolti

Problema 
Descrizione
4283949 Riepilogo - I PDF creati con campi compatibili con ADA non vengono convertiti in campi compatibili con ADA quando vengono elaborati da Adobe Sign.
Correzione - È stata introdotta una nuova impostazione che mantiene le funzioni di accessibilità dei PDF caricati utilizzando una nuova struttura di tag che include un tipo di campo appropriato (ad es. span o link), un titolo derivato dal contenuto del campo e un testo alternativo che corrisponde al titolo. Le stringhe dei tag vengono localizzate in base alla lingua dell’accordo. Per i PDF che non hanno funzioni di accessibilità quando vengono caricati, tali funzioni non saranno aggiunte dal processo di Adobe Sign.
4295359/4323894 Riepilogo - Alcuni caratteri dell’alfabeto lituano e tedesco (č, ė e ß) non sono gestiti correttamente da una delle librerie dipendenti e vengono omessi nella stringa di firma stampata.
Correzione - La libreria è stata aggiornata per gestire correttamente i caratteri identificati e riprodurli correttamente nella stringa di firma.
4304412 Riepilogo - Un provider CSC privato non disattivava correttamente il pulsante Autorizza dopo che il popup di autorizzazione OAuth veniva chiuso, consentendo agli utenti di fare nuovamente clic su Autorizza e creando un ciclo di caricamento che non si interrompeva nonostante la firma venisee acquisita.
Correzione - È stato aggiornato il codice in modo da disattivare l’azione Autorizza se la schermata di sfondo diventa disponibile e rimane non disponibile per un periodo di tempo significativo durante il reindirizzamento.
4308773 Riepilogo - La firma nell’applicazione per dispositivi mobili iOS potrebbe generare un errore “AUTO_CANCELLED_CONVERSION_PROBLEM” dopo che la firma del destinatario è stata completata, a causa di eventi di sincronizzazione offline che provocano l’invio ripetuto delle richieste in coda.
Correzione - È stato aggiunto un codice lato server per valutare se un processo di conversione riuscito è stato completato per lo stesso ID di partecipazione al termine di una conversione, agevolando la risoluzione di conflitti.
4311477 Riepilogo - I documenti completati non presentano informazioni sul campo agli screen reader in modo utilizzabile.
Correzione - È stata introdotta una nuova impostazione che mantiene le funzioni di accessibilità dei PDF caricati utilizzando una nuova struttura di tag che include annotazioni di campo convertite in XObject leggibili nell’elaborazione finale.
4316462 Riepilogo - Per alcuni accordi inviati con impostazioni BioPharma, non venica richiesta la riautenticazione se l’autenticazione era gestita da Active Directory Federation Service. Questo dipendeva dalla configurazione di ADFS, e dalla configurazione di Autorizzazione forzata per ignorare l'indicazione.
Correzione - È stato aggiunto il codice necessario per richiedere ACR in combinazione con l’attributo ForceAuthn, forzando l’applicazione del processo di riautenticazione.
4317635 Riepilogo - Nei documenti con più campi firma/iniziali si vericava il rollback dello schermo con ritorno al campo precedente se si faceva clic su un campo firma/iniziale successivo.
Correzione - È stato aggiornato il codice affinché diventi attivo il campo successivo dopo aver applicato un contenuto a un determinato campo.
4319974 Riepilogo - Il selettore delle lingua nella pagina di firma era ancora visibile se l’URL di firma veniva recuperato utilizzando l’API REST v6 GET /signingurl, poiché la chiamata API tornava al valore dell’applicazione anziché al valore della sessione.
Correzione - La chiamata API è stata aggiornata per recuperare il valore dell’impostazione dalla sessione (utente API) anziché dall’applicazione.
4320942 Riepilogo - Gli accordi creati con firme digitali e campi clonati potevano produrre un documento firmato in cui i campi principali (dell’array di campi clonati) potevano essere modificabili.
Correzione - I campi principali negli array di campi clonati sono stati impostati su sola lettura.
4321067 Riepilogo - Per gli account in cui è stato configurato un valore Display_Email, nelle e-mail degli accordi veniva visualizzato l’indirizzo e-mail dell’autore (anziché il valore E-mail da visualizzare).
Correzione - L’ID utente viene ora confrontato tra l’ID utente partecipante e l’ID utente corrente per restituire il valore Display_Email dell’account nelle e-mail in uscita (quando il valore è impostato su un valore diverso da quello predefinito).
4321335 Riepilogo - Alcuni accordi non consentivano le firme digitali CSC se l’accordo era stato delegato più volte.
Correzione - Al processo di firma è stato aggiunto il codice necessario per scorrere i destinatari e garantire che la fase di firma sia appropriata per la partecipazione delegata.
4322749/4329156
Riepilogo - I moduli web trasferiti non attivano i webhook per il nuovo proprietario a causa del mancato aggiornamento dell’ApiUserID.
Correzione - Il codice per il trasferimento di moduli web è stato aggiornato per garantire che l’ID utente del modulo web venga aggiornato quando l’oggetto viene trasferito.
4323013 Riepilogo - Quando si crea un modulo web tramite API e si tenta di visualizzarlo dalla pagina Gestisci, gli account con visibilità limitata per i moduli web potrebbero riscontrare un errore che indica che il documento non è ancora disponibile.
Correzione - Per rimuovere il conflitto, è stato regolato il codice di un paio di impostazioni relative ai moduli web e alla visibilità limitata dei documenti.
4323749
Riepilogo - Quando si modifica un accordo il cui mittente è un firmatario che richiede l’autenticazione, il sistema potrebbe non riconoscere la sessione del mittente come autenticata, provocando un errore del server.
Correzione - Iil codice Modifica accordo è stato aggiornato affinché il flusso di lavoro controlli le proprietà della transazione per comprendere e applicare correttamente i requisiti di autenticazione del mittente.
4324497 Riepilogo - Gli utenti di account in cui è abilitata la funzionalità “Utenti in più gruppi” potrebbero non visualizzare tutti i modelli di libreria condivisa esistenti da un gruppo (non primario) a cui sono stati aggiunti durante la creazione di flussi di lavoro personalizzati.
Correzione - È stato migliorato il codice utilizzato per identificare tutti gli ID gruppo attivi e le relative risorse quando si creano i flussi di lavoro.
4325294
Riepilogo - Gli account che gestiscono i propri utenti in Adobe Admin Console potevano vedere l’opzione per impostare un promemoria nella pagina Composizione se il promemoria predefinito era stato impostato da un amministratore.
Correzione - Il codice è stato aggiornato e ora l’opzione promemoria non è visibile se il valore predefinito è stato definito nell’interfaccia utente di amministrazione.
4325826
Riepilogo - Per le lingue non inglesi, i dati restituiti per i report non venivano filtrati correttamente.
Correzione - Il codice è stato aggiornato: ora per il filtraggio non viene più usato il parametro statico Inglese, ma la lingua dell’ambiente.
4326335
Riepilogo - I report sul consumo delle transazioni includevano anche gli accordi non fatturabili.
Correzione - La query di reporting è stata migliorata e ora consente di filtrare le transazioni non fatturabili.
4326406
Riepilogo - Le informazioni di autenticazione non persistevano nei report per i destinatari nei flussi di lavoro di firma ibridi.
Correzione - Il codice alla base dei flussi di lavoro ibridi è stato aggiornato: ora le informazioni di autenticazione vengono acquisite e mantenute, e i report restituiscono i valori corretti.
4326725
Riepilogo - Il numero di destinatari incluso nei (tramite la scheda Report) poteva risultare ridotto di una unità se il mittente è uno dei destinatari e viene sostituito nella transazione. Questo avveniva perché il codice non rappresentava correttamente il firmatario sostituito come “Sostituto”.
Correzione - Il codice della funzione Sostituisci firmatario è stato aggiornato: ora i destinatari sostitutivi vengono identificati correttamente con il ruolo Frimatario.
4327494
Riepilogo - Gli amministratori a livello di gruppo possono visualizzare i dati del report per gli utenti nel gruppo Predefinito quando è attivata l’impostazione “Solo dati dal proprio gruppo di utenti”.
Correzione - Il codice per la enerazione di rapporti CSV è stato aggiornato: ora vengono acquisiti correttamente solo i dati relativi all’amministratore richiedente.
4327780
Riepilogo - Gli eventi e il riepilogo eventi non includevano i moduli web non verificati (ma firmati) come accordi completati (firmati).
Correzione - Il codice che valuta gli accordi completati è stato aggiornato: ora vengono inclusi i moduli web firmati e completati (ma non verificati).
4328045
Riepilogo - Quando si invia un accordo in cui il mittente è anche uno dei destinatari e l’impostazione Visualizza e-mail è impostata su un valore non predefinito, l’accordo può non essere inviato se il mittente tenta di tornare alla pagina Composizione dalla pagina di creazione.
Correzione - Il flusso di lavoro che consente di tornare alla pagina Composizione è stato aggiornato per gestire correttamente il mittente quando il suo valore e-mail è mascherato dal valore Visualizza e-mail.
4328110
Riepilogo - Se un destinatario è incluso più volte nel ciclo di firma, potrebbe ricevere più volte il messaggio e-mail con oggetto “Firmato e archivato”.
Correzione - Il processo di distribuzione delle e-mail è stato migliorato: ora vengono rilevati eventuali valori duplicati per l’e-mail dei destinatari e viene inviata una sola copia dell’e-mail finale per ogni transazione.
4328313
Riepilogo - Se si aggiungeva un collegamento HTML completo al campo Messaggio di un accordo, in alcuni client e-mail tale stringa veniva convertita in un collegamento cliccabile. Questa funzionalità non era stata progettata e successivamente è stato aggiunto un codice per impedire questo effetto, ma il risultato poteva sembrare un bug nel campo del messaggio dell’accordo.
Correzione - È stata aggiunta un’impostazione che consente di riprodurre correttamente un collegamento ipertestuale nel messaggio e-mail. Questa impostazione non è accessibile ai clienti e deve essere modificata dall’assistenza o dal Success Manager dell’account. L’impostazione è attivata per impostazione predefinita per i livelli di servizio Enterprise e Business. 
4328950
Riepilogo - Il nuovo codice aggiunto lo scorso giugno ha fatto sì che alcuni utenti che si trovavano nello stato CREATO fossero convertiti in un indirizzo e-mail non valido, ma nella directory globale di indirizzi e-mail venuva mantenuto il collegamento corretto all’utente. Di conseguanza, gli accordi inviati all’utente venivano associati a un tipo di utente che ne impediva la visualizzazione nella pagina Gestisci.
Correzione - Sono state installate più modifiche al codice per evitare che il problema si ripeta, nonché per rilevare e segnalare eventuali condizioni che possono causare questo tipo di problema. Per includere il rilevamento dell’indirizzo e-mail utilizzato per gli utenti single-use in sospeso e l’utilizzo automatico dell’indirizzo e-mail corretto, impedendo la creazione di nuovi utenti non validi in caso di esito negativo degli altri controlli.
4329688
Riepilogo - Alcuni processi di creazione dei documenti consentivano di caricare in Adobe Sign un file con più campi di firma digitale. Questi campi venivano riprodotti come campi vuoti sul PDF finale.
Correzione - È stata aggiornata una libreria interna per annotare meglio i documenti convertiti, affinché venga applicato un solo campo di firma digitale e venga generato l’errore appropriato se vengono rilevati più campi (comportamento previsto).
4329804
Riepilogo - Come parte di un processo di pulizia degli utenti, gli utenti in uno stato In sospeso che si trovavano in un account con un dominio registrato potevano venire convertiti nello stato Creato, contribuendo al consumo di licenze utente.
Correzione - Gli utenti convertiti dalla procedura di pulizia sono stati riportati allo stato In sospeso. È stato aggiunto del codice per impedire che gli utenti In sospeso nei domini registrati vengano convertiti nello stato Creato.
4331649
Riepilogo - La firma di un modulo web con un solo nome (una stringa contigua) genera un errore server. 
Correzione - Ai moduli web è stata applicata la gestione degli errori, per gestire il caso di utilizzo e fornire un messaggio di errore appropriato.
Logo Adobe

Accedi al tuo account