Nota:

Per le versioni di Photoshop precedenti a Photoshop CC, alcune funzioni trattate in questo articolo potrebbero essere disponibili solo nella versione Photoshop Extended. Photoshop CC non dispone di una versione Extended a parte. Tutte le funzioni di Photoshop Extended sono ora incluse in Photoshop CC.  

Una volta creati i contenuti per il video o l’animazione in Photoshop, potete facilmente ottimizzarli, renderizzarli ed esportarli.

Formati per l’esportazione di video e animazioni

Potete salvare le animazioni come file GIF per la visualizzazione sul Web. Potete salvare i video e le animazioni come filmati di QuickTime o come file PSD file. Se non dovete realizzare un video, vi consigliamo di salvare il file nel formato PSD, che preserva le modifiche ed è supportato dalle applicazioni Adobe per il montaggio di video digitali e da molte applicazioni per il montaggio cinematografico.

Ottimizzare i fotogrammi di animazione

Dopo aver completato un’animazione, è necessario ottimizzarla per accelerarne il download in un browser Web. Potete ottimizzare l’animazione in due modi:

  • Ottimizzate i fotogrammi per includere solo le aree che cambiano da un fotogramma all’altro riducendo notevolmente la dimensione del file GIF con animazione.

  • Se salvate l’animazione come immagine GIF, ottimizzatela come fareste con qualsiasi immagine GIF. Alle animazioni viene applicata una speciale tecnica di dithering per garantire l’uniformità del dithering in tutti i fotogrammi ed evitare lo sfarfallio durante la riproduzione. Queste funzioni aggiuntive comportano tempi più lunghi per l’ottimizzazione di un file GIF con animazione rispetto a un file standard.

Nota:

Quando ottimizzate i colori dell’animazione, usate una palette Adattata, Percettiva o Selettiva. Questo garantisce l’uniformità dei colori all’interno dei fotogrammi.

  1. Assicuratevi che il pannello Timeline sia in modalità di animazione fotogrammi.

  2. Scegliete Ottimizza animazione dal menu del pannello.

  3. Impostate le seguenti opzioni:

    Rettangolo di selezione

    Ritaglia ogni fotogramma conservando solo le aree modificate rispetto al fotogramma precedente. I file di animazione risultanti hanno dimensioni inferiori ma non sono compatibili con gli editor di GIF che non supportano tale opzione. Questa opzione è selezionata per impostazione predefinita ed è consigliata.

    Rimozione pixel ridondanti

    Rende trasparenti tutti i pixel in un fotogramma che sono rimasti invariati rispetto al fotogramma precedente. Per il corretto funzionamento di questa opzione, accertatevi che l’opzione Trasparenza del pannello Ottimizza sia selezionata. Questa opzione è selezionata per impostazione predefinita ed è consigliata.

    Nota:

    Quando usate l’opzione Rimozione pixel ridondanti, impostate il metodo di eliminazione Automatico. Consultate Scegliere un metodo di eliminazione fotogramma.

  4. Fate clic su OK.

Unire i fotogrammi in singoli livelli

Quando unite i fotogrammi nei livelli, viene creato un singolo livello per ogni fotogramma in un livello video. Ciò è utile, ad esempio, se dovete esportare singoli fotogrammi video come file di immagini separate o se intendete usare il video di un oggetto statico in una serie di immagini.

  1. Nel pannello Timeline o Livelli, selezionate il livello video.

  2. Scegliete Fotogrammi unici in livelli dal menu del pannello Timeline.

Esportare file video o sequenze di immagini

  1. Scegliete File > Esporta > Rendering video.
  2. Nella finestra di dialogo Rendering video, immettete un nome per il video o per la sequenza di immagini.
  3. Fate clic sul pulsante Seleziona cartella e individuate il percorso in cui salvare i file esportati.

    Per creare una cartella che contenga il file esportato, selezionate l’opzione Crea nuova sottocartella e immettete un nome per la sottocartella.

  4. Scegliete Adobe Media Encoder o Sequenza di immagini Photoshop dal menu sotto la sezione Percorso della finestra di dialogo Rendering video. Quindi scegliete un formato di file dal menu a comparsa. Se avete scelto Adobe Media Encoder, i formati disponibili sono CPS, H.264 e QuickTime.

  5. (Facoltativo) Dai menu che si trovano sotto il menu del formato, specificate eventuali opzioni per il formato scelto.

  6. (Facoltativo) Se al punto 4 avete selezionato Sequenza immagini, specificate i valori Numero iniziale e Cifre per definire il sistema di numerazione dei file esportati. Se necessario, effettuate quindi una delle seguenti operazioni:

    • Dal menu a comparsa Dimensione specificate le dimensioni in pixel dei file esportati.
    • Fate clic sul pulsante Impostazioni e specificate le opzioni relative al formato scelto.
    • Scegliete una frequenza fotogrammi dal menu Frequenza fotogrammi documento.
  7. Per Intervallo selezionate una delle seguenti opzioni:

    Tutti i fotogrammi

    Esegue il rendering di tutti i fotogrammi contenuti nel documento di Photoshop.

    Fotogramma iniziale e Fotogramma finale

    Specificate la sequenza di fotogrammi di cui desiderate eseguire il rendering.

    Area di lavoro

    Esegue il rendering dei fotogrammi selezionati dalla barra dell’area di lavoro del pannello Timeline.

    Fotogramma iniziale e Fotogramma finale (Photoshop Extended)

    Specificate la sequenza di fotogrammi di cui desiderate eseguire il rendering.

    Fotogrammi attualmente selezionati (Photoshop Extended)

    Esegue il rendering dei fotogrammi selezionati dalla barra dell’area di lavoro del pannello Animazione.

    Nota:

    Le opzioni Intervallo disponibili dipendono dal formato di file scelto.

  8. (Facoltativo) Specificate le opzioni di rendering:

    Canale Alfa

    Specifica il tipo di rendering da eseguire sui canali alfa. Questa opzione è disponibile solo per i formati che supportano i canali alfa, ad esempio PSD o TIFF. Selezionate Nessuno per ignorare il canale alfa; Semplice - Senza aloni per includere il canale; oppure una delle opzioni Premoltiplicato - Alone per miscelare un colore alone con i canali colore.

    Qualità 3D

    Controlla il modo in cui viene effettuato il rendering delle superfici per progetti con oggetti 3D. Interattivo è adatto per videogiochi e altri utilizzi simili. Bozza ray tracing è di bassa qualità ma il rendering del video risulta veloce. Ray tracing finale è di alta qualità ma il rendering del video richiede del tempo.

    Frequenza immagini

    Consente di determinare quanti fotogrammi vengono creati per ogni secondo di video o di animazione. L’opzione Frequenza fotogrammi documento utilizza la frequenza impostata in Photoshop. Se effettuate l’esportazione per un diverso standard video (ad esempio, da NTSC a PAL), scegliete la frequenza fotogrammi appropriata dal menu a comparsa.

  9. Fate clic su Rendering.

Formati dei file per l’esportazione in QuickTime (Photoshop Extended)

3G

Formato di file sviluppato per dispositivi mobili di terza generazione.

FLC

Formato di animazione per la riproduzione di animazioni generate al computer su workstation e su computer Windows e Mac OS. Questo formato è anche conosciuto con la sigla FLI.

Flash Video (FLV)

Adobe Flash Video è il formato Adobe per lo streaming audio e video sul Web e in altre reti. Per usare questo formato, l’encoder FLV QuickTime deve essere installato nel sistema.

Filmato QuickTime

Architettura multimediale di Apple Computer, che include vari codec. Per esportare l’audio, dovete usare questo formato.

AVI

Il formato AVI (Audio Video Interleave) è un formato standard per dati audio e video su computer Windows.

DV Stream

Formato video con compressione tra i fotogrammi che usa l’interfaccia FireWire (IEEE 1394) per il trasferimento di video in sistemi di montaggio non lineari.

Sequenza immagini

Sequenza di immagini fisse che possono trovarsi all’interno di una cartella e usare lo stesso schema numerico o alfabetico per i nomi dei file (ad esempio Sequenza1, Sequenza2, Sequenza3 e così via).

MPEG-4

Standard multimediale per il trasferimento di streaming audio e video su una gamma di larghezze di banda.

Nota:

Photoshop supporta anche altri formati sviluppati da terze parti, come i codec Avid AVR; in questo caso è tuttavia necessario installare i codec QuickTime.

Fotogrammi chiave di riferimento QuickTime

Nella terminologia QuickTime, il termine fotogramma chiave di riferimento viene usato per un concetto diverso rispetto ai fotogrammi chiave di animazione usati in Photoshop. In QuickTime, i fotogrammi chiave di riferimento sono disposti a intervalli regolari nel filmato e sono registrati come fotogrammi completi. Ciascun fotogramma intermedio che li separa viene confrontato rispetto al fotogramma precedente e vengono memorizzati solo i dati modificati. L’uso dei fotogrammi chiave di riferimento riduce notevolmente le dimensioni del filmato, ma comporta un notevole incremento della memoria necessaria per modificare e sottoporre a rendering un filmato. Se gli intervalli tra i fotogrammi chiave di riferimento sono brevi, la ricerca e la riproduzione all’indietro risultano più veloci, ma le dimensioni del file potrebbero aumentare notevolmente.

Impostazioni di esportazione 3G (Photoshop Extended)

Per ulteriori informazioni sulle impostazioni 3G, cercate 3G nel sito Web di Apple Computer.

Formato file

I formati 3GPP e 3GPP2 sono gli standard per la creazione, il trasferimento e la riproduzione di materiale multimediale su reti wireless ad alta velocità di terza generazione. Il formato 3GPP è per le reti GSM e il formato 3GPP2 è per le reti CDMA 2000. I formati 3GPP (Mobile MP4), 3GPP2 (EZmovie) e AMC (EZmovie) sono destinati a reti specifiche. Il formato 3GPP (Mobile MP4) è per il servizio i-motion 3G di NTT DoCoMo. Il formato 3GPP2 (EZmovie) è per il servizio di rete 3G di KDDI. Il formato AMC (EZmovie) è per gli abbonati KDDI con telefonini abilitati per AMC.

Video

Scegliete Video dal menu a comparsa sotto il menu Formato file e specificate quanto segue:

Formato video

Consente di selezionare il codec per l’esportazione del video. Se il filmato sorgente ha una sola traccia video ed è già compresso, potete scegliere Invariata, per impedire che il video venga compresso di nuovo.

Velocità dati

Specifica i kilobit al secondo (kbps) durante la riproduzione. Più alta è la velocità kbps, migliore sarà la qualità della riproduzione del filmato. Attenzione però a non scegliere una velocità dati più alta della larghezza di banda disponibile.

Ottimizzato per

Consente di specificare il metodo di distribuzione se scegliete il formato video H.264, fate clic su Opzioni video e selezionate Qualità massima. Questa impostazione comunica al codec quanto può variare la velocità dati al di sopra e al di sotto del valore selezionato.

Dimensione immagine

Specifica uno standard per l’invio del file ai telefoni cellulari. L’opzione Attuale mantiene le dimensioni del materiale sorgente (il file ottenuto potrebbe non essere riproducibile su un telefono cellulare). Scegliete Personale per specificare una dimensione non elencata nel menu.

Mantieni proporzioni utilizzando

Specifica un’opzione quando modificate la dimensione dell’immagine e il filmato deve essere riproporzionato in base alle nuove dimensioni. L’opzione Letterbox ridimensiona la sorgente in modo proporzionale per adattarla all’apertura pulita, anche aggiungendo barre nere in alto e in basso o ai lati, se necessario. L’opzione Ritaglia centra, ridimensiona e rifila in base all’apertura pulita.

Frequenza immagini

Specifica i fotogrammi al secondo (fps) durante la riproduzione. Nella maggior parte dei casi, il video ha un aspetto migliore se scegliete un numero per il quale il valore fps sorgente è esattamente divisibile. Se ad esempio la sorgente è stata acquisita a 30 fps, scegliete una frequenza fotogrammi pari a 10 o 15. Non selezionate una frequenza più alta di quella del materiale sorgente.

Riferimento

Specifica la frequenza dei fotogrammi chiave di riferimento creati nel video esportato. Una maggiore frequenza (e un numero inferiore) di fotogrammi chiave di riferimento migliora la qualità del video, ma aumenta le dimensioni del file.

Opzioni video

Fate clic sull’eventuale pulsante Opzioni video per aprire la finestra di dialogo Impostazioni video avanzate 3G. A seconda del video, potete specificare se aggiungere marcatori di risincronizzazione all’interno dei fotogrammi per migliorare il recupero dei pacchetti persi durante lo streaming. Con i video H.264 potete anche accelerare il processo di compressione (ad esempio per eseguire le anteprime) scegliendo Codifica veloce (passaggio unico). L’opzione predefinita è Qualità massima (passaggi multipli) e consente al codec di determinare quanti passaggi sono necessari per comprimere i dati e ottenere la massima qualità.

Audio

Tutte le opzioni Audio sono disattivate perché Photoshop Extended non include l’audio nei file esportati in formato 3G.

Testo

Tutte le opzioni di testo sono disattivate perché Photoshop Extended non include tracce di testo nei file esportati in formato 3G.

Streaming

Scegliete Streaming dal menu a comparsa sotto il menu Formato file e specificate quanto segue:

Abilita streaming

Crea un file per lo streaming RTSP per QuickTime Player. Questa opzione crea una traccia hint (istruzioni necessarie per lo streaming di un file).

Ottimizza per il server

Consente al server di elaborare il file più velocemente, ma accresce le dimensioni del file.

Avanzata

Scegliete Avanzata dal menu a comparsa sotto il menu Formato file e specificate quanto segue:

Distribuzione limitata

Specifica quante volte il file può essere riprodotto sul dispositivo ricevente dopo essere stato scaricato. Consente inoltre di impostare la scadenza del file dopo un numero di giorni specificato o nella data indicata. Se il file è nel formato Mobile MP4 o EZmovie, potete limitarne la distribuzione e impedire che venga copiato o inoltrato dopo che è stato ricevuto.

Frammento di filmato

Consente di scaricare il file in piccole parti via HTTP, in modo da poterne avviare la riproduzione più rapidamente e da permettere la riproduzione di file di grandi dimensioni sui cellulari (che devono contenere solo il frammento, e non l’intero filmato).

Impostazioni di esportazione FLC (Photoshop Extended)

Le opzioni seguenti sono disponibili nella finestra di dialogo delle impostazioni di esporta FLC:

Tabella colore

Indica la tabella che usa i colori di sistema Windows o i colori di sistema Mac OS nel filmato esportato.

Movimento

Imposta la frequenza di riproduzione dei fotogrammi.

Specificare le impostazioni di esportazione AVI (Photoshop Extended)

  1. Nella finestra di dialogo Rendering video, selezionate Esportazione in formato QuickTime e scegliete AVI dal menu a comparsa.
  2. Fate clic su Imposta.
  3. Nella finestra di dialogo Impostazioni AVI, controllare che sia selezionato Video.

    Nota:

    Le opzioni audio sono disattivate perché Photoshop Extended non include l’audio nei file esportati in formato AVI.

  4. In Video, fate clic sul pulsante Imposta e impostate le seguenti opzioni:

    Tipo di compressione

    Consente di scegliere il compressore (codec) con cui comprimere il video.

    Fotogrammi al secondo

    Indica il numero delle singole immagini mostrate ogni secondo. Il formato video standard NTSC prevede 29,97 fps. Il formato video europeo PAL prevede 25 fps. Il formato standard per i film prevede 24 fps. I filmati QuickTime talvolta sono creati con una frequenza dei fotogrammi inferiore, in modo da richiedere meno risorse a livello di larghezza di banda e CPU.

    I filmati con una frequenza dei fotogrammi più elevata visualizzano meglio il movimento, ma hanno dimensioni superiori. Se scegliete una frequenza dei fotogrammi più bassa rispetto a quella usata per il filmato, alcuni fotogrammi vengono eliminati. Se scegliete una frequenza più alta di quella usata per il filmato, i fotogrammi esistenti vengono duplicati (scelta sconsigliata, in quanto le dimensioni del file aumenta senza un miglioramento della qualità). Nella maggior parte dei casi, il video ha un aspetto migliore se scegliete un numero per il quale il valore fps sorgente è esattamente divisibile. Se ad esempio la sorgente è stata acquisita a 30 fps, scegliete una frequenza fotogrammi pari a 10 o 15. Non selezionate una frequenza più alta di quella del materiale sorgente.

    Riferimento ogni

    Specifica la frequenza dei fotogrammi chiave di riferimento. Una maggiore frequenza (e un numero inferiore) di fotogrammi chiave di riferimento migliora la qualità del video, ma aumenta le dimensioni del file. Se tra un fotogramma chiave di riferimento e il successivo l’immagine cambia in modo consistente, con alcuni metodi di compressione viene inserito un fotogramma chiave di riferimento aggiuntivo. In genere è sufficiente un fotogramma chiave di riferimento ogni 5 secondi (moltiplicate i fotogrammi al secondo per 5). Se create un file per lo streaming RTSP e non siete certi dell’affidabilità della rete di distribuzione, potete aumentare la frequenza dei fotogrammi chiave di riferimento a un fotogramma ogni 1 o 2 secondi.

    Limita velocità a

    Specifica i kilobit al secondo (kbps) durante la riproduzione. Più alta è la velocità kbps, migliore sarà la qualità della riproduzione del filmato. Attenzione però a non scegliere una velocità dati più alta della larghezza di banda disponibile.

    Profondità

    Indica il numero di colori da includere nel video esportato. Questo menu non è disponibile se il codec selezionato supporta solo la profondità di un colore.

    Qualità

    Se l’opzione è disponibile, trascinate il cursore o digitate un valore per regolare la qualità delle immagini del video e quindi le dimensioni del file. Se usate lo stesso codec sia per acquisire che per esportare e avete eseguito il rendering delle anteprime di una sequenza, potete risparmiare tempo usando per l’esportazione un’impostazione di qualità uguale a quella usata per l’acquisizione. Se usate una qualità migliore di quella di acquisizione, la qualità non migliorerà ulteriormente mentre i tempi di rendering si allungheranno.

    Modalità scansione

    Indica se il filmato esportato deve avere campi (Interlacciato) oppure nessun campo (Progressivo).

    Proporzioni

    Specifica se le proporzioni del filmato esportato devono essere 4:3 o 16:9.

    Opzioni

    (Solo Intel Indeo® Video 4.4) Consente di impostare la opzioni di compressione, trasparenza e accesso al codec Intel Indeo® Video 4.4.

Impostazioni di esportazione DV Stream (Photoshop Extended)

Le seguenti opzioni sono disponibili nella finestra di dialogo delle impostazioni di esportazione DV:

Formato DV

Specifica se il video esportato deve essere esportato in formato DV o DVCPRO.

Formato video

Indica lo standard di trasmissione video: NTSC o PAL.

Modalità scansione

Indica se il video esportato deve avere campi oppure nessun campo (scansione progressiva).

Proporzioni

Specifica se le proporzioni devono essere 4:3 o 16:9.

Mantieni proporzioni utilizzando

Consente di specificare un’opzione quando le dimensioni in pixel del filmato vengono modificate. L’opzione Letterbox ridimensiona la sorgente in modo proporzionale per adattarla all’apertura pulita, anche aggiungendo barre nere in alto e in basso o ai lati, se necessario. L’opzione Ritaglia centra, ridimensiona e rifila in base all’apertura pulita.

Nota:

Sebbene nella finestra di dialogo delle impostazioni di esportazione DV siano disponibili le opzioni Formato audio, Photoshop Extended non esporta l’audio in file DV.

Impostazioni di esportazione QuickTime per sequenze di immagini (Photoshop Extended)

In genere, QuickTime viene usato per l’esportazione di file video. Tuttavia, nel menu di esportazione QuickTime è possibile scegliere l’opzione Sequenza immagini. Fate clic su Impostazioni per accedere alle seguenti opzioni:

Formato

Consente di scegliere un formato di file per le immagini esportate.

Fotogrammi al secondo

Imposta la frequenza dei fotogrammi per la sequenza di immagini.

Inserisci spazio prima di numero

Inserisce uno spazio tra il nome e il numero generato nel nome del file dell’immagine.

Opzioni

Se disponibile, fate clic sul pulsante Opzioni e impostate le opzioni specifiche del formato.

Per ulteriori informazioni su formati di file specifici e sulle relative opzioni, consultate anche Salvare ed esportare le immagini e Formati di file.

Specificare le impostazioni di esportazione MPEG4 (Photoshop Extended)

  1. Nella finestra di dialogo Rendering video, selezionate Esportazione in formato QuickTime e scegliete MPEG-4 dal menu a comparsa. Quindi fate clic su Impostazioni.
  2. Nella finestra di dialogo Impostazioni esportazione MPEG-4, scegliete MP4 o MP4 (ISMA) dal menu Formato file. Il formato MP4 (ISMA) garantisce la compatibilità con i dispositivi realizzati dai membri dell’ISMA.
  3. In Video, effettuate le seguenti impostazioni:

    Formato video

    Consente di scegliere il codec di compressione del video. Per ottenere la massima qualità alla velocità dati più bassa (ovvero un file di dimensioni minime), si consiglia di usare H.264. Se il file deve essere riprodotto su un dispositivo che supporta il formato MPEG-4, scegliete MPEG-4 base o MPEG-4 migliorato, a seconda del dispositivo di destinazione. Se la traccia video del filmato sorgente è già compressa, potete scegliere Invariata per evitare che il video venga nuovamente compresso.

    Velocità dati

    Specifica i kilobit al secondo (kbps) durante la riproduzione. Più alta è la velocità kbps, migliore sarà la qualità della riproduzione del filmato. Attenzione però a non scegliere una velocità dati più alta della larghezza di banda disponibile.

    Ottimizzato per

    Indica quanto può variare la velocità dati sopra o sotto il valore impostato. Questa opzione è disponibile se scegliete MP4 dal menu del formato file e H.264 come formato video, fate clic su Opzioni video e selezionate Qualità massima.

    Dimensione immagine

    Specifica le dimensioni in pixel del video esportato. L’opzione Attuale mantiene le dimensioni del materiale sorgente. Per usare un valore non presente nell’elenco Dimensione immagine, scegliete Personale.

    Mantieni proporzioni utilizzando

    Consente di specificare un’opzione quando le dimensioni in pixel del filmato devono essere modificate. L’opzione Letterbox ridimensiona la sorgente in modo proporzionale per adattarla all’apertura pulita, anche aggiungendo barre nere in alto e in basso o ai lati, se necessario. L’opzione Ritaglia centra, ridimensiona e rifila in base all’apertura pulita. L’opzione Adatta alle dim. esegue un adattamento in base alla dimensione di destinazione facendo riferimento al lato più lungo e ridimensionandolo, se necessario.

    Frequenza immagini

    Specifica la frequenza dei fotogrammi per la riproduzione del video esportato. Nella maggior parte dei casi, la resa del video sarà migliore scegliendo un numero perfettamente divisibile per i fotogrammi al secondo della sorgente. Se ad esempio la sorgente è stata acquisita a 30 fps, scegliete una frequenza fotogrammi pari a 10 o 15. Non selezionate una frequenza più elevata di quella del materiale sorgente.

    Riferimento

    Consente di specificare se i fotogrammi chiave di riferimento devono essere generati automaticamente nel video esportato o la frequenza con cui devono essere creati. Una maggiore frequenza (e un numero inferiore) di fotogrammi chiave di riferimento migliora la qualità del video, ma aumenta le dimensioni del file.

  4. (Solo formato file MP4) Fate clic sul pulsante Opzioni video e impostate le seguenti opzioni:

    Marcatori di risincronizzazione

    (Solo MPEG-4 base e MPEG-4 migliorato) Usa i marcatori di risincronizzazione nello streaming dei bit video. Questa impostazione consente di ripristinare la sincronizzazione dopo che si verificano errori di trasmissione.

    Limita profilo(i)

    (Solo H.264) Consente di selezionare i profili per riprodurre i file video su un dispositivo compatibile con uno o più profili di standard.

    Modalità codifica

    (Solo H.264) Consente di scegliere tra qualità migliore e compressione più rapida.

Specificare le impostazioni di video QuickTime (Photoshop Extended)

  1. Nella finestra di dialogo Rendering video, selezionate Esportazione in formato QuickTime e scegliete Filmato QuickTime dal menu a comparsa.
  2. Fate clic su Imposta.
  3. Nella finestra di dialogo Impostazioni filmato, controllate che sia selezionato Video.

    Nota:

    Sebbene nella finestra di dialogo delle impostazioni filmato siano disponibili le opzioni audio, non potete regolare le impostazioni audio correnti. Per includere l’audio nei file esportati, consultate Anteprima audio per i livelli video.

  4. In Video, fate clic sul pulsante appropriato per impostare le seguenti opzioni:

    Impostazioni

    Apre la finestra di dialogo Impostazioni compressione video standard che consente di impostare la compressione video e le relative opzioni.

    Filtro

    Apre la finestra di dialogo Seleziona Filtro Video, in cui è possibile applicare gli effetti video QuickTime.

    Dimensioni

    Apre la finestra di dialogo Impostazioni Esporta Dimensione in cui è possibile specificare le dimensioni in pixel del video esportato.

  5. (Facoltativo) Se il filmato deve essere distribuito su Internet, selezionate Prepara per Streaming Internet e scegliete una delle seguenti opzioni:

    Avvio rapido

    Imposta il filmato in modo che la riproduzione dal server Web possa iniziare prima che il filmato sia stato scaricato per intero sul disco rigido del computer dell’utente.

    Avvio rapido - Header Compresso

    Comprime l’intestazione del filmato senza perdita di dati e imposta il filmato in modo che la riproduzione dal server Web inizi prima che il filmato sia stato scaricato per intero sul disco rigido del computer dell’utente.

    Hinted Streaming

    Imposta il filmato in modo che possa essere riprodotto in streaming da un QuickTime Streaming Server.

Impostazioni di compressione standard per video QuickTime (Photoshop Extended)

Le seguenti opzioni sono disponibili nella finestra di dialogo Impostazioni compressione video standard:

Tipo di compressione

Consente di scegliere il codec da usare durante l’esportazione di un file.

Movimento

Specificate la frequenza dei fotogrammi per il video scegliendo il numero di fotogrammi al secondo (fps). Alcuni codec supportano set specifici di frequenze fotogrammi. Aumentando la frequenza dei fotogrammi i movimenti possono diventare più fluidi (a seconda delle frequenze dei fotogrammi d’origine delle clip sorgente), ma il file potrebbe occupare più spazio su disco. Se disponibile, specificate la frequenza con cui devono essere generati i fotogrammi chiave di riferimento. Consultate Fotogrammi chiave di riferimento di QuickTime.

Velocità dati

Selezionate l’opzione (se disponibile per il metodo di compressione selezionato) e specificate un valore per stabilire un limite superiore per la quantità di dati prodotti dal video quando viene esportato.

Metodo

Consente di impostare le opzioni di compressione specifiche del codec selezionato. Fate clic sul pulsante Opzioni (se disponibile) per specificare altre opzioni di compressione. Se è disponibile il menu Profondità, scegliete il numero di colori da includere nel video esportato. Questo menu non è disponibile se il codec selezionato supporta una sola profondità di colore.

Se nell’area Metodo è disponibile il cursore Qualità, trascinatelo o digitate un valore per regolare la qualità delle immagini e quindi le dimensioni del file. Se usate lo stesso codec sia per acquisire che per esportare e avete eseguito il rendering delle anteprime di una sequenza, potete risparmiare tempo usando per l’esportazione un’impostazione di qualità uguale a quella usata per l’acquisizione. Se usate una qualità migliore di quella di acquisizione, la qualità non migliorerà ulteriormente mentre i tempi di rendering si allungheranno.

Nota:

Le opzioni di compressione non sono disponibili per il codec Component Video.

Impostazioni per le dimensioni di video QuickTime (Photoshop Extended)

Le seguenti impostazioni sono disponibili nella finestra di dialogo Impostazioni Esporta Dimensione:

Dimensioni

Specifica le dimensioni dei fotogrammi per il filmato esportato. Per indicare una dimensione dei fotogrammi non inclusa nel menu Dimensioni, scegliete Personale e specificate i valori di larghezza e altezza.

Mantieni proporzioni utilizzando

Consente di specificare un’opzione quando le dimensioni dei fotogrammi del filmato vengono modificate. L’opzione Letterbox ridimensiona la sorgente in modo proporzionale per adattarla all’apertura pulita, anche aggiungendo barre nere in alto e in basso o ai lati, se necessario. L’opzione Ritaglia centra, ridimensiona e rifila in base all’apertura pulita. L’opzione Adatta alle dim. esegue un adattamento in base alla dimensione di destinazione facendo riferimento al lato più lungo e ridimensionandolo, se necessario.

Non interlacciare video sorgente

Deinterlaccia i due campi di ogni fotogramma video interlacciato.

Questo prodotto è concesso in licenza in base alla licenza di Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.  I post su Twitter™ e Facebook non sono coperti dai termini di Creative Commons.

Note legali   |   Informativa sulla privacy online